Nigeria

Impegno dell’AfDB a ridurre il gap infrastrutturale

NIGERIA – La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha manifestato la volontà di collaborare con istituzioni multilaterali e operatori del settore privato per aiutare la Nigeria a colmare il divario infrastrutturale nel paese.

(141 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Niger Free

    Opposizione in piazza contro codice elettorale

    NIGER - Proteste di piazza a Niamey contro un articolo del codice elettorale hanno visto l’opposizione tornare a contestazioni aperte del governo. Nel mirino dei manifestanti c’era in particolare l’articolo 8 del codice che prevede l’impossibilità a candidarsi alla presidenza per persone che abbiano scontato almeno un anno di detenzione. Con diversi esponenti della società civile e dell’opposizione ancora in carcere, l’articolo rappresenta di fatto una ipoteca sulla possibilità che l’opposizione possa presentarsi con i suoi esponenti più in vista alla prossima tornata elettorale. L’opposizione aveva provato a dialogare con le forze governative per rivedere il codice ma adesso denuncia il tentativo di fatto di vietare la candidatura al suo leader Hama Amadou. [MS]
  • Ghana Free

    Nuovo spazio per il business, inaugurata la SU Tower di...

    GHANA – Circa 12mila m2 di spazio dedicato al mondo degli affari compongono la SU Tower, il nuovo immobile inaugurato in un punto strategico di Accra, capitale del Ghana. Il target di clientela  per questo moderno edificio è la clientela d’affari, le grandi aziende e gruppi industriali. La SU Tower – Scripture Union Tower, dal nome del movimento cristiano evangelico -  è ubicata all’intersezione tra la Kanda Highway e la  Castle Road ed è facilmente collegata alla Bank of Ghana, alla Borsa nazionale, alle più grandi istituzioni finanziarie, al Rigger Hospital. L’immobile appartiene al gruppo Eris Properties, filiale della MMI Holdings Limited, una società sudafricana. Nell’ultimo rapporto “Doing Business” della Banca Mondiale, il Ghana ha migliorato il suo posizionamento e si colloca al 114° posto su 190 nazioni. Gli autori del rapporto hanno evidenziato progressi nel clima degli affari per le aziende domestiche e straniere. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Prestito dall’AfDB per migliorare accesso a...

    COSTA D’AVORIO - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha concesso un prestito di 42,3 milioni di euro a favore del governo della Costa d’Avorio per finanziare un piano destinato a elettrificare tutte le località del Paese con più di 500 abitanti. A renderlo noto è stata la stessa AfDB, specificando che i fondi serviranno per finanziare il Programma nazionale di elettrificazione rurale (PRONER) promosso dal governo ivoriano nel 2013. In particolare il prestito servirà per finanziare l'estensione delle reti elettriche a media tensione e il completamento delle connessioni in tre regioni settentrionali, dove il tasso di accesso all'elettricità è inferiore alla media nazionale, attualmente stimata al 59,5%. Le tre regioni sono quella delle Savane (dove sono situate 247 località da elettrificare), di Woroba (con 85 località) e Zanzan (94 località) per una popolazione beneficiaria diretta stimata in più di 250.000 abitanti. [MV]
  • Togo Free

    In discussione nuovo codice fiscale

    TOGO - E’ in discussione al Parlamento di Lomé un progetto di legge per riformare il codice generale delle imposte e le procedure fiscali in modo da conformarli a quelle dell’Unione economica e monetaria ovest-africana (UEMOA). A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che la riforma si basa su principi guida come la razionalizzazione della struttura del sistema fiscale attraverso la fusione o l'abolizione di alcune imposte e tasse fisiche per le quali sono state semplificate le regole come per esempio la riduzione dell’aliquota dell’imposta sulle società dal 27% al 25%. Se approvato, il nuovo codice è previsto entrerà in vigore il prossimo 1° gennaio consentendo una profonda riforma del sistema fiscale togolese.
  • Niger Free

    Operazione militare nel Parco della W

    NIGER - E’ ancora in corso un’operazione militare condotta dall’esercito nigerino in una remota zona di foreste del Niger al confine con Benin e Burkina Faso nota anche come il Parco della W. L’obiettivo dell’operazione approvata dal governo è quello di colpire gruppi armati che vi hanno trovato rifugio e che negli ultimi mesi hanno seminato il panico tra la popolazione civile prendendo in ostaggio alcune persone, bruciando diverse scuole e macchiandosi di omicidi. Fonti locali sentite da InfoAfrica riferiscono di civili in fuga dall’area delle operazioni. Il Parco della W  è noto oltre che per essere di difficile accesso anche per essere stato nel recente passato zona di passaggio di gruppi criminali dediti a vari traffici. Parlando con InfoAfrica, l’inviato speciale dell’Onu per il Sahel, Ibrahim Thiaw, ha sottolineato come le zone di frontiera dei Paesi saheliani siano di fatto quelle che presentano le condizioni ideali per il fiorire di gruppi di matrice jihadista: “Si tratta di zone abbandonate dai governi centrali, dove all’assenza dello Stato corrisponde un attivismo jihadista in grado in alcuni casi di fornire anche ‘servizi sociali’ e di dare risposte alle esigenze dei più giovani”. [MS]
  • Mali Free

    Avviato il programma di disarmo e reinserimento, ma...

    MALI – Il processo di disarmo, smobilitazione e disarmo dei gruppi armati è stato lanciato questa settimana a Gao, nel Nord, dalle autorità maliane, ma all’appello mancavano proprio i gruppi armati. Il processo di disarmo e reinserimento è contenuto negli accordi di pace del 2015, e nonostante i tre anni trascorsi, sembrano persistere riserve e punti non chiariti. Sulla carta, aderendo a questo programma, gli ex combattenti dei gruppi filo governativi o ribelli possono scegliere di tornare alla vita civile, seguendo programmi di formazione professionale, o possono scegliere di integrare i ranghi di un esercito riformato, con un maggiore spazio alle popolazioni del Nord. In tal caso, uno dei dubbi esposti dagli ex ribelli è quello di sapere se una volta integrati alle forze armate, manterranno lo stesso grado, o se ci saranno garanzie per coloro che sono invalidi o ammalati. L’unico gruppo rappresentato alla cerimonia di apertura del processo è stato il Coordinamento dei movimenti dell'Azawad (CMA). I combattenti, circa 1600, sono attesi entro il 30 novembre nei vari siti di raccolta per aderire al programma. [CC]