Tanzania

Prestito AfDB a sostegno progetti riforma macroeconomica

TANZANIA – Il programma di riforma macroeconomica della Tanzania potrà contare su 40 milioni di dollari grazie a un prestito accordato dalla Banca Africana di sviluppo (AfDB). Secondo una nota dell’istituto finanziario panafricano, i fondi serviranno a sviluppare i progetti messi a punto per migliorare il clima economico e favorire in questo modo le attività imprenditoriali.

(136 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • R.D. CongoRwanda Free

    Crisi est, Tshisekedi incontrerà Kagame a Luanda

    RD CONGO – Il presidente della Repubblica democratica del Congo (Rdc), Félix Tshisekedi, incontrerà questa settimana il suo omologo ruandese Paul Kagame per avviare colloqui nella capitale dell’Angola, Luanda, al fine di cercare di risolvere la crisi nell’est della Rdc. Lo si apprende dalle agenzie internazionali. In una nota, l’ufficio del presidente angolano afferma che i colloqui si terranno domani, mercoledì. Nell’est della Rdc è in atto una recrudescenza molto violenta dell’attività di numerosi gruppi ribelli, accresciuta dalle tensioni tra la Repubblica democratica del Congo e il Ruanda: Kinshasa accusa il Ruanda di sostenere i ribelli dell’M23 mentre Kigali accusa il governo congolese di bombardare il suo territorio. [ASB]
  • Uganda Free

    Obbligatorio insegnamento lingua kiswahili

    UGANDA – L’insegnamento del kiswahili nelle scuole primarie e secondarie è ora obbligatorio nella Comunità dell’Africa orientale (Eac). Le informazioni sono state rese pubbliche dal governo ugandese oggi tramite un post su Twitter.  “Il governo ha approvato l’attuazione della direttiva del 21° vertice dell’Eac in Uganda di adottare il kiswahili come lingua ufficiale della comunità. Il gabinetto ha anche raccomandato di rendere obbligatorio l’insegnamento della lingua nelle scuole primarie e secondarie”, si legge. [MS]  
  • Sudan Free

    Al-Burhan, governo scelto da civili e consiglio sciolto

    SUDAN – Il capo dell’esercito sudanese, il generale Abdel Fattah al-Burhan, ha detto che il Consiglio sovrano al potere sarà sciolto dopo la formazione di un nuovo governo. Al-Burhan ha dichiarato in un discorso televisivo che l’esercito si ritirerà dai colloqui politici in corso e consentirà ai gruppi politici e rivoluzionari di riunirsi per concordare la formazione di un governo civile. Il consiglio “sarà sciolto una volta che i partiti politici si saranno accordati sulla formazione di un governo civile”, ha affermato, aggiungendo che dopo lo scioglimento del consiglio sovrano sarà istituito un consiglio superiore dell’esercito e le Forze di supporto rapido (Rsf). I colloqui per risolvere la crisi politica in Sudan sono iniziati il ​​mese scorso ma hanno subito il boicottaggio della coalizione delle Forze di Libertà e Cambiamento (Ffc), che ha guidato le proteste che hanno portato alla cacciata del presidente Omar al-Bashir nel 2019. Le Ffc vogliono che i militari lascino il potere e la formazione di un governo completamente civile nel Paese dopo il colpo di Stato dello scorso ottobre. [TM]
  • Sud Sudan Free

    Vaticano, al via visita segretario di Stato Parolin

    SUD SUDAN – Il segretario di Stato vaticano Pietro Parolin è giunto ieri mattina a Juba. Il cardinale Parolin è stato ricevuto dal consigliere presidenziale senior Kuol Manyang Juuk e dal ministro della Difesa Angelina Teny all’aeroporto internazionale di Juba. Il rappresentante del papa ha poi incontrato il presidente Salva Kiir e il primo vicepresidente Riek Machar. Oggi, riferiscono fonti vaticane, visiterà il campo per sfollati interni di Bentiu e giovedì celebrerà una messa al Mausoleo John Garang mentre venerdì presiederà una funzione al Seminario di St. Paul. Venerdì prima della sua partenza dovrebbe anche visitare l’Università Cattolica e Usratuna.  “Papa Francesco non è potuto venire a causa delle sue condizioni di salute, ma la sua volontà è di arrivare un giorno in Sud Sudan e fare la visita che ha promesso di fare”, ha detto il segretario di stato vaticano incontrando i giornalisti a Juba. [GT]
  • Kenya Free

    Vietate importazioni di camion e autobus usati per...

    KENYA - Il governo del Kenya ha intensificato gli sforzi per sviluppare una solida industria automobilistica locale, vietando l'importazione di autobus e camion di seconda mano. Il divieto è entrato in vigore venerdì scorso e si prevede che svolgerà un ruolo chiave nella crescita dell'industria locale di assemblaggio e di produzione di componenti di autoveicoli. In un comunicato della scorsa settimana, l’Alleanza del Settore Privato del Kenya (Kepsa) ha osservato che il divieto potrebbe anche vedere un maggior numero di investimenti esteri nell'industria automobilistica locale. "L'industria automobilistica ha una lunga catena del valore che crea legami sia a valle che a monte, dalla progettazione e dalla produzione di carrozzerie e altri componenti, al consumo di acciaio, ferro, alluminio, plastica, vetro, moquette, tessuti, chip per computer, gomma e molto altro, senza dimenticare legami a catena attraverso i concessionari di veicoli, le officine, le società di leasing, le compagnie di assicurazione e le istituzioni finanziarie, tra gli altri", si legge nel documento. "L'approvazione del divieto è un importante incentivo per aumentare il volume dei veicoli prodotti localmente, attirando così gli investimenti nel settore”, aggiunge il comunicato della Kepsa.  Oltre agli autobus e agli autocarri, il Kenya Bureau of Standards (Kebs) intende anche vietare l'importazione di trattori e motrici di seconda mano a partire dal prossimo anno. [CN]
  • Etiopia Free

    Dalla Cina impianti di purificazione dell’acqua

    ETIOPIA – Organizzazioni cinesi hanno distribuito materiale tecnologico per garantire acqua pulita alle scuole primarie nell’Etiopia meridionale. Secondo quanto riporta l’agenzia stampa cinese Xinhua, le apparecchiature sono state donate dal Tsinghua University China-Africa Leadership Development Institute, dal team HurRain NanoTech e dalla China Foundation for Rural Development, l’ex China Foundation for Poverty Alleviation. Le strutture, che sono state distribuite in scuole primarie selezionate nella regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud dell’Etiopia (Snnp), vale a dire le scuole primarie Key-Afer, Tulungo, Sitimba, Turmi e Demeka, forniranno a circa 2.106 giovani studenti etiopi un ambiente pulito e acqua sanitaria. Le strutture sono state ufficialmente distribuite mentre l’Etiopia e i Paesi del Corno d’Africa stanno affrontando la peggiore siccità degli ultimi decenni, in cui le conseguenze della mancanza di pioggia in molte stagioni delle piogge sono esacerbate da conflitti, cambiamenti climatici, infestazioni di locuste e le ricadute economiche della pandemia di Covid-19. Oltre a una serie di purificatori dell’acqua che utilizzano il grafene, sono stati distribuiti generatori aria-acqua che assorbono l’umidità dall’aria e producono acqua pulita. La tecnologia porta benefici tangibili alla popolazione locale, secondo la dichiarazione. Tali attrezzature “sono molto adatte alle condizioni climatiche nella regione Snnp e i bambini possono bere in sicurezza”, ha affermato Roman Tesfaye, l’ex first lady dell’Etiopia, durante una cerimonia tenutasi in occasione della distribuzione delle ultime tecnologie. “L’Etiopia soffre di siccità e carenza d’acqua, questa soluzione di purificazione dell’acqua high-tech, zero rifiuti, senza bottiglie di plastica, aiuterà direttamente le scuole e le comunità”. Muda Wacho, l’amministratore del distretto di Key Afer, ha invitato gli studenti a proteggere l’acqua, sottolineando l’importanza cruciale delle nuove strutture per soddisfare le esigenze di acqua pulita della comunità. [EC]