Costa Avorio

Elezioni locali il 13 ottobre

COSTA D’AVORIO – Si voterà il 13 ottobre prossimo per il rinnovo dei consiglieri regionali e dei consiglieri municipali ivoriani, secondo un comunicato del governo che funge da convocazione del corpo elettorale.

(135 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Africa Occidentale Free

    Banca Mondiale, 200 min per finanziare energia da...

    AFRICA OCCIDENTALE - La Banca Mondiale ha approvato di fornire un finanziamento di 200 milioni di dollari per finanziare il Progetto di elettrificazione off-grid regionale (ROGEP), finalizzato ad aumentare l'accesso all'energia elettrica attraverso impianti non collegati alla rete elettrica nazionale in 19 paesi dell'Africa occidentale e nel Sahel. Lo si apprende da una nota della stessa Banca Mondiale, nella quale si precisa che i 19 paesi dell'Africa occidentale e del Sahel che beneficeranno di questo progetto sono: Benin, Burkina Faso, Capo Verde, Camerun, Costa d'Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Liberia , Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Senegal, Sierra Leone, Ciad e Togo. Il progetto, si legge nella nota, “mira a migliorare l'accesso all'elettricità per le famiglie, le imprese e le istituzioni pubbliche attraverso un approccio regionale armonizzato per l'implementazione di sistemi solari autonomi moderni”. Si prevede che beneficeranno del programma circa 1,7 milioni di individui attualmente privi di connessione elettrica, ma anche  imprese e istituzioni pubbliche, migliorando così gli standard di vita e le prestazioni economiche. "Ad oggi, solo il 3% delle famiglie nell'Africa occidentale e nel Sahel è collegato a un sistema solare domestico autonomo e 208 milioni di persone nella sottoregione non hanno accesso all'elettricità. Il progetto aiuterà i policy maker della regione a creare un mercato regionale per sistemi solari autonomi, vitale per combattere la povertà, e consentirà agli imprenditori di cogliere le opportunità di questo nuovo mercato sviluppando soluzioni aziendali scalabili “  spiega nella nota, Rachid Benmessaoud, direttore del coordinamento dell'integrazione regionale in Africa occidentale. "Questo nuovo progetto promuoverà l'adozione di standard e regolamenti che contribuiranno all'armonizzazione delle politiche in tutta la regione e quindi renderanno questo settore attraente per i principali attori del mercato, a beneficio di tutti i paesi partecipanti” ha poi aggiunto Benmessaoud. Nella nota si precisa che il finanziamento al Regional Off-Grid Electrification Project (ROGEP), includerà 150 milioni di dollari sotto forma di credito e sovvenzione dalla International Development Association (IDA)  e 74,7 milioni di sovvenzioni a fondo perduto del Fondo per le tecnologie pulite per aiutare la Banca di sviluppo dell'Africa occidentale e il Centro per l'energia rinnovabile e l'efficienza energetica dell'ECOWAS a estendere l'accesso alla rete elettrica per le popolazioni dei 19 paesi identificati.
  • Ghana Free

    Al via programma per promuovere esportazioni e sviluppo...

    GHANA - E’ stato lanciato dal presidente Nana Addo Dankwa Akufo-Addo un nuovo programma per la piantumazione di specie arboree per promuovere lo sviluppo delle zone rurali del Ghana e sostenere l’esportazione di prodotti agricoli.

    Denominato ‘Planting for Export and Rural Development’ (PERD), il programma si propone di sviluppare in particolare la coltura di specie arboree selezionate come anacardi, caffè, palma da olio, cocco, mango e albero da gomma.

    “Il PERD offre un'opportunità storica per affrontare i fondamentali economici espandendo la capacità di guadagnare valuta estera attraverso l’aumento delle esportazioni agricole e generando nuovi posti di lavoro nelle zone rurali”, ha detto Akufo-Addo.

    Obiettivo del programma è favorire inoltre lo sviluppo dell’industria attraverso la fornitura di materie prime, sostenendo così le economie rurali e promuovendo la trasformazione strutturale dell’economia nazionale.

    Ribadendo l'impegno del suo governo nel sostegno all’agricoltura, il presidente Akufo-Addo ha aggiunto di star valutando la creazione di un’istituzione specificatamente dedicata a regolamentare il settore delle colture arboree in Ghana.

    Sulla base del programma PERD, riportano i media locali, il governo intende piantare 32.591 ettari di terreni con nuove colture arboree entro i prossimi cinque anni.

  • Guinea Free

    La Presidenza assume la tutela della Società del...

    GUINEA  - E’ ormai sotto tutela esclusiva della Presidenza della Repubblica la Società guineana del patrimonio minerario (Soguipami), compagnia pubblica che finora era sotto l’egida del ministero delle Miniere e della geologia.   Lo ha annunciato lo stesso presidente della Repubblica Alpha Condé leggendo un decreto alla televisione nazionale.   Il settore minerario è il pilastro dell’economia guineana e la mossa del presidente, in carica fino al 2020, dimostra quanto sia strategico questo settore.   La Soguipami possiede il 49% del capitale della Compagnia di bauxite di Guinea, il 10% della società mineraria di Boké e il 15% di AngloGold Ashanti.   Secondo le stime, la Guinea possiede metà delle riserve mondiali di bauxite, di cui è diventata il primo fornitore per la Cina, superando l’Australia. In questa filiera, gli investimenti e l’ingresso di società internazionali si sono moltiplicati negli ultimi anni.   Diverse sfide di grande rilievo circondano lo sviluppo della filiera: l’impatto ambientale, l’impatto sulla vita e la salute delle popolazioni, la trasformazione in logo della materia prima che serve a fabbricare l’alluminio. [CC]  
  • Nigeria Free

    Olam vuole acquisire Dangote Flour Mills

    NIGERIA - Il gruppo Olam, grande azienda del comparto agro-industriale già ben impiantato in Africa, è interessato all’acquisto della Dangote Flour Mills, filiale del gruppo nigeriano Dangote specializzata nella produzione di farine e di pasta.   Olam è pronto a sborsare 319 milioni di euro per acquisire la ditta del miliardario africano Dangote ed impossessarsi dei cinque impianti produttivi della Flour Mills e dei suoi asset logistici, come gli accessi ai porti di Apapa e di Calabar.   In Nigeria, il gruppo singaporiano è già proprietario della Crown Flour Mills e di Amber Foods Ltd, ed occupa la seconda posizione sul mercato per quanto riguarda la lavorazione della farina.   La compravendita deve essere proposta agli azionisti, alla commissione regolamentare e a un parere dell’Alta Corte federale. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Artisti ivoriani contemporanei in mostra alla Biennale...

    COSTA D’AVORIO - Si intitola ‘Le ombre aperte della memoria’ ed è l’esposizione di opere d’arte che la Costa d’Avorio porterà alla 58ma edizione dell’Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia. A essere esposte, su iniziativa dell’Ambasciata ivoriana a Roma, saranno le opere di Ernest Dükü, Ananias Léki Dago, Valérie Oka, Tong Yanrunan che, sottolineano i promotori, “con le loro opere confluiscono in una linea comune, una visione intima del mondo, dando un prezioso e significativo contributo all’arte contemporanea”. Il commissario del Padiglione è Henri Nkoumo, critico d’arte e Direttore delle arti plastiche e visuali al Ministero della Cultura e della Francofonia della Costa d’Avorio, il curatore è Massimo Scaringella, curatore indipendente noto per il suo intenso interscambio con paesi extraeuropei. Il Padiglione ivoriano è situato nella Castello Gallery (Castello 1636/A – Via Garibaldi e Riva dei Sette Martiri), di fronte al Bacino di San Marco, strategicamente nel crocevia tra Giardini e Arsenale.
  • Ghana Free

    Allo studio impianto di assemblaggio per droni

    GHANA - La società ghanese Qualitrace, specializzata nella fornitura di servizi tecnologici per l’agricoltura, sta studiando la fattibilità di realizzare un impianto dove assemblare droni da poter utilizzare nell’agricoltura in Ghana.

    A riportarlo sono i media locali, dai quali si apprende che il progetto sarà presentato nel corso della prossima edizione del Forum per la rivoluzione verde africana (AGRF) che si terrò ad Accra tra il 3 e il 6 settembre (per maggiori informazioni clicca qui).

    In base a quel che viene reso noto, intenzione di Qualitrace è assemblare droni da utilizzare per le attività di irrorazione e per la diagnostica e la difesa sanitaria delle colture.

    In particolare, è allo studio la possibilità di assemblare droni con capacità di trasportare tra 15 e 25 litri di input per l’agricoltura (come pesticidi, fitofagi o nutrienti) al fine di irrorare fino a 100 acri di terreni in un giorno.

    Non sono stati tuttavia resi ancora noti né i tempi né l’investimento previsti per la realizzazione dell’impianto. [MV]