Camerun

Attacco a carcere in regione anglofona, 163 detenuti evasi

CAMERUN – Almeno 163 persone sono evase dalla prigione di Ndop nella regione anglofona del Nord ovest in Camerun, approfittando di un attacco portato a termine da un gruppo di uomini armati, nella notte tra sabato e domenica. Lo hanno riferito fonti ufficiali locali.

Stando alle ricostruzioni delle fonti, il gruppo armato, costituito da circa una cinquantina di individui, avrebbe incendiato il penitenziario con del carburante e sparato all’impazzata creando scompiglio fra le guardie in modo da poter poi aprire le celle. Non ci sarebbero state vittime mentre due guardiani della prigione sarebbero rimasti feriti durante gli scontri.

Le forze di sicurezza camerunesi hanno già annunciato di aver già iniziato le ricerche per catturare i fuggiaschi, tra i quali, stando alle loro dichiarazioni, ci sarebbero numerosi separatisti anglofoni.

Le evasioni dalle prigioni camerunesi avvengono piuttosto frequentemente, ma questa è la seconda grande evasione da quando è iniziata la crisi nelle regioni anglofone del paese che si è aggravata a partire dalla fine del 2017. Gli scontri armati tra le forze regolari congolesi e i separatisti anglofoni, che vorrebbero l’indipendenza dell’Ambazonia, avvengono ormai regolarmente.

L’attuale presidente del Camerun Paul Biya, 85 anni e da 35 al potere, ha annunciato che si presenterà come candidato alle prossime elezioni presidenziali che si terranno il 7 ottobre per ottenere un settimo mandato. L’opposizione lo accusa di essere responsabile della crisi delle regioni anglofone. [Con Africa Rivista]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Camerun Free

    In crescita produzione di banane

    CAMERUN – Nel mese di giugno scorso, i tre maggiori produttori di banane operanti in Camerun hanno esportato un volume totale di 17.816 tonnellate. Ciò corrisponde a un aumento di 2.659 tonnellate (+17,54%) rispetto allo stesso periodo del 2021 (15.157 tonnellate). Sono questi i dati pubblicati dall’Associazione dei produttori di banane del Camerun Assobacam. Su base mensile, questo aumento delle esportazioni camerunesi è di 1.311 tonnellate (+8%), ciò considerato che il Paese ha spedito 16.505 tonnellate di banane al mercato internazionale nel maggio 2022. Questo buon andamento delle esportazioni è il risultato di una rinnovata attività tra i produttori. In effetti, le esportazioni sono aumentate a giugno 2022. Nel dettaglio, la PHP, filiale della francese Compagnie fruitière e leader di mercato, ha esportato 14.159 tonnellate di banane nel periodo. Contro le sole 12.651 tonnellate di giugno 2021, che corrispondono a un aumento di 1.508 tonnellate (+11,9%). [GT]
  • Camerun Free

    Torna a gennaio la Fiera del commercio di Douala

    CAMERUN – Si  svolgerà dal 25 gennaio al 5 febbraio 2023 la seconda edizione della Fiera internazionale del Commercio di Douala, organizzata dal governo camerunese attraverso la Fondazione Inter-progress. Questa edizione verrà ospitata al Parcours Vita nel quartiere Bonamoussadi. Inizialmente previsto dal 4 al 19 aprile 2020 , poi dal 17 ottobre al 1 novembre 2020, l’incontro d’affari nella capitale economica camerunense alla fine è stato più volte rinviato a causa della pandemia di coronavirus. [GT]
  • R.D. CongoRwanda Free

    Crisi est, Tshisekedi incontrerà Kagame a Luanda

    RD CONGO – Il presidente della Repubblica democratica del Congo (Rdc), Félix Tshisekedi, incontrerà questa settimana il suo omologo ruandese Paul Kagame per avviare colloqui nella capitale dell’Angola, Luanda, al fine di cercare di risolvere la crisi nell’est della Rdc. Lo si apprende dalle agenzie internazionali. In una nota, l’ufficio del presidente angolano afferma che i colloqui si terranno domani, mercoledì. Nell’est della Rdc è in atto una recrudescenza molto violenta dell’attività di numerosi gruppi ribelli, accresciuta dalle tensioni tra la Repubblica democratica del Congo e il Ruanda: Kinshasa accusa il Ruanda di sostenere i ribelli dell’M23 mentre Kigali accusa il governo congolese di bombardare il suo territorio. [ASB]
  • Ciad Free

    Un prestito a sostegno delle piccole e medie imprese

    CIAD – La Banca di sviluppo degli stati dell’Africa centrale Bdeac e la Banca commerciale del Ciad hanno firmato un prestito di 15 miliardi di franchi cfa, quasi 23 milioni di euro a sostegno delle piccole e medie imprese del Ciad. La firma del contratto di prestito è avvenuta ieri alla presenza del vicepresidente della Bdeac e del direttore generale di Banca commerciale. [GT]
  • R.D. CongoUganda Free

    Completato posto di frontiera Mpondwe per facilitare...

    UGANDA/REP DEM CONGO - È terminata la costruzione del posto di frontiera unico per le esportazioni a Mpondwe, al confine tra Uganda e Repubblica Democratica del Congo. Lo ha sancito negli scorsi giorni una visita di accertamento della commissione parlamentare per gli affari della Comunità dell’Africa orientale (Eac) sul sito volto a migliorare la competitività e a rimuovere le barriere commerciali nella regione. "Il progetto del posto di frontiera unico combina due scali in uno, alleggerisce la congestione e riduce i ritardi, facilitando notevolmente il commercio nella regione", si sono rallegrati funzionari del governo ugandese, affermando che il posto di Mpondwe promuoverà gli investimenti attraverso partenariati pubblico-privati. Le esportazioni attraverso Mpondwe comprendono principalmente prodotti agricoli (fagioli, mais, miglio, zucchero, pesce e banane) e industriali. Anche il capo di Stato ugandese Yowery Museveni e il suo omologo congolese Felix Tshisekedi si sono incontrati lo scorso anno al punto di confine a Mpondwe e hanno commissionato la costruzione di 223 km di strade per collegare i due Paesi. [CN]
  • Camerun Free

    Prestito Banca mondiale per autobus a Douala

    CAMERUN – Il Consiglio di amministrazione della Banca Mondiale ha approvato a favore del Camerun un prestito per il progetto Bus Rapid Transit (Brt) di Douala, la capitale economica del Camerun, L’importo finanziato copre il 78 percento del costo del progetto, ovvero quasi 400 milioni di euro.  L’iniziativa includerà la costruzione di 28 km di corsie dedicate agli autobus completamente separate con svincoli, 44 stazioni, quattro terminal, fognature, un sistema di approvvigionamento idrico, illuminazione pubblica; acquistare autobus o impostare un sistema di gestione del traffico. A Douala, per spostarsi la maggior parte degli abitanti utilizza moto o auto taxi. [CC]