Algeria

In calo le importazioni italiane di gas dall’Algeria

ALGERIA – Le importazioni di gas naturale dall’Algeria verso l’Italia sono calate del 13,5% nel primo semestre del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

A segnalarlo è l’Ufficio di Algeri dell’Agenzia ICE riportando i dati contenuti nel bilancio finanziario della compagnia ENI, da cui emerge che i volumi di gas naturale esportati sono ammontati a 6,48 miliardi di metri cubi nel primo semestre di quest’anno rispetto ai 7,49 miliardi di metri cubi nello stesso periodo del 2017, con un calo di 1,01 miliardi di m3.

Nonostante questa diminuzione, l’Algeria rimane il secondo fornitore di gas dell’Italia, dopo la Russia, mentre la Libia occupa il terzo posto.

I contratti di compravendita di gas naturale dell’ENI in Algeria scadono nel 2019, tuttavia l’impresa italiana ed il gruppo algerino Sonatrach hanno già avviato il processo di rinegoziazione di un nuovo accordo di fornitura di gas.

Presente in Algeria dal 1981, l’ENI detiene 32 licenze minerarie. Lo scorso aprile, il gruppo Sonatrach ed ENI hanno firmato una serie di accordi volti ad estendere il loro partenariato in Algeria. Uno degli accordi riguarda la realizzazione di un gasdotto che collega due impianti di produzione: Lajmat Bir Roud (BRL) e Menzel Lejmat Est (MLE), ubicati nel bacino di Berkine (Sud del Paese).

I due partner intendono proseguire inoltre la loro collaborazione nella ricerca e lo sviluppo a seguito degli accordi firmati a novembre 2016. La produzione dell’ENI in Algeria rappresenta attualmente più di 100 000 barili di equivalenti petrolio al giorno. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Azienda egiziana annuncia piano d’investimenti nel...

    EGITTO - La società Infinity Solar ha reso noto di aver pianificato investimenti per un valore pari a 400 milioni di dollari nel periodo compreso tra il 2019 e il 2021 per realizzare una serie di progetti in Egitto legati alla generazione di energia tramite il fotovoltaico e l’eolico. A dirlo ai media economici egiziani è stato il direttore delle risorse amministrative e finanziarie della società, Hisham El Gamal, specificando che obiettivo di Infinity Solar è riuscire a realizzare impianti capaci di generare fino a 400 megawatt. In base a quel che viene riportato, la società ha già avviato le trattative con il ministero dell'Elettricità per determinare i siti disponibili più adatti per l'attuazione degli impianti. Secondo El Gamal, tutti i progetti saranno realizzati attraverso il modello del produttore indipendente di energia (IPP) che prevede la progettazione, il finanziamento e la realizzazione dei progetti da parte dell’investitore e la vendita diretta dell’energia prodotta ai consumatori finali. El Gamal ha inoltre aggiunto che i progetti - che saranno realizzati nei governatorati del Cairo, del Mar Rosso e di Assuan - saranno finanziati tramite banche straniere. [MV]
  • Tunisia Free

    Moody’s abbassa la prospettiva di nota sovrana,...

    TUNISIA – L’agenzia di rating Moody’s ha abbassato la prospettiva di nota sovrana della Tunisia da “stabile” a “negativa”, mantenendo il punteggio “B2”. Secondo l’agenzia statunitense, il degrado è dovuto all’aumento della vulnerabilità del Paese in un contesto di indurimento delle condizioni di finanziamento a livello mondiale. Le riserve in valute sono diminuite  a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio, e del rallentamento del ritmo di entrate nette di capitali, rispetto allo scorso anno. “La Tunisia deve far fronte ad un’intensificazione delle pressioni, in un ambiente esterno sempre più sfavorevole” ha spiegato la Moody’s in un comunicato. Per il 2018, il deficit di bilancio è stimato al 9,7% del Pil, mentre la moneta locale, il dinaro, si è svalutato rispetto al dollaro  e all’euro, rispettivamente dell’11 e del 9,2%. [CC]
  • Africa NordEgitto Free

    In Egitto a febbraio il primo vertice tra Paesi europei...

    EGITTO - Si terrà in Egitto i prossimi 24 e 25 febbraio il primo vertice tra Unione Europea e Paesi arabi. Il vertice, secondo l’Unione Europea, è considerato un appuntamento per rafforzare le relazioni tra Europa e Paesi arabi, forgiando allo stesso tempo un’alleanza in grado di fare fronte comune rispetto a una serie di questioni. Al centro delle discussioni ci saranno tra le altre cose le relazioni con l’Africa nel suo insieme e l’urgenza europea di costruire una “nuova alleanza” capace di creare milioni di posti di lavoro e di portare a un accordo di libero scambio. Tra gli argomenti il capitolo del controllo dei flussi migratori resterà in alto nell’agenda. [MS]
  • Marocco Free

    Ceramiche, gruppo modenese sigla accordo per...

    MAROCCO - Il gruppo modenese ABK ha concluso un accordo di collaborazione esclusiva con la società marocchina Facemag che riguarda la commercializzazione di grandi lastre in gres porcellanato in Marocco. A segnalarlo è stato l’Ufficio di Casablanca dell’Agenzia ICE, specificando che l’accordo è stato siglato nel corso del Salone internazionale della ceramica per l’architettura e l’arredo bagno (Cersaie) svoltosi a Bologna. La partnership, considerata strategica,  include anche la formazione per gli installatori marocchini di piastrelle che sarà fornita da maestri dell’Associazione italiana di posatori (Assoposa), conosciuta in tutto il mondo per il suo know-how e la sua professionalità, su macchine prodotte da un’altra società modenese, la Raimondi, specializzata nella movimentazione e installazione delle più grandi lastre di ceramica del mondo. In base a quel che viene reso noto, l’accordo con ABK garantisce a Facemag un supporto tecnico-industriale nel settore dell'industria ceramica marocchina che consentirà la produzione negli stabilimenti Facemag di nuovi grandi formati fino a 3.20 m, considerati un prodotto importante nella fascia alta del design ceramico. 
  • Libia Free

    Creato comitato per ricostruzione della città di Sirte

    LIBIA - Il primo ministro libico Fayez al-Serraj ha annunciato la creazione di un comitato per la ricostruzione e lo sviluppo della città di Sirte, importante città portuale e capoluogo dell’omonima municipalità al centro del golfo della Sirte. A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l’annuncio è stato fatto dallo stesso al-Serraj nel corso di una sua visita a Sirte per verificare di persona le necessità urgenti della città. "Serraj ha sottolineato che il governo ha una visione strategica per la ricostruzione, che non è ancora stata in grado di tradurre nella realtà, considerando gli aspetti finanziari ed economici della crisi libica", si legge in una nota diffusa dal governo. "Oggi abbiamo un disperato bisogno di unità nazionale per combattere insieme una battaglia importante quanto la battaglia contro il terrorismo: la battaglia per la ricostruzione delle città e delle aree colpite da conflitti bellici e armati", ha detto Serraj ricordando il ruolo della città di Sirte come collegamento tra l’est e l’ovest e tra il nord e il sud del Paese. La città è stata una roccaforte dei lealisti dell’ex presidente Muammar Gheddafi all’inizio del conflitto in Libia nel 2011 ed è stato proprio a Sirte che Gheddafi è stato ucciso il 20 ottobre 2011. Tra febbraio e giugno 2015, la città è stata conquistata dalle milizie dell’autoproclamato Stato Islamico che l’hanno controllata per circa un anno fino a giugno 2016.
  • Algeria Free

    Nuova legge sugli idrocarburi, annunciato riesame dei...

    ALGERIA – C’è da aspettarsi una rinegoziazione dei contratti a lungo termine di commercializzazione di gas firmati con l’Algeria. Lo ha annunciato il ministro dell’Energia, Mustapha Guitouni, in occasione dell’inaugurazione della nuova sede dell’Agenzia nazionale per la valorizzazione delle risorse in idrocarburi (ALNAFT). I contratti    - che coinvolgono clienti europei come l’Eni – saranno forgiati sulla base della rivisitazione della legge sugli idrocarburi  giunta a conclusione. “ Ora, abbiamo introdotto la possibilità di sfruttare giacimenti offshore e non convenzionali. Attualmente siamo prossimi alla conclusione della revisione della legge sugli idrocarburi”, ha dichiarato Guitouni. Il ministro algerino ha osservato che dall'inizio di giugno 2014 a causa del calo dei prezzi del petrolio diversi paesi produttori di petrolio hanno già rivisto le rispettive leggi sul settore degli idrocarburi. E che anche  ha avviato una serie di misure per adeguarsi ai cambiamenti del mercato e per attrarre maggiori investitori. L nuova legge, a parere del governo, introduce “maggiore flessibilità”, per attirare più investitori stranieri. [CC]