Camerun

Agevolazioni fiscali ad investitori in alberghiero, agroalimentare e agroforestale

CAMERUN – Investitori nel comparto alberghiero, nell’agro-alimentale e nel settore agro-forestale hanno ottenuto  agevolazioni fiscali che faciliteranno i loro investimenti in Camerun.

(103 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Africa Centrale Free

    Economic Outlook 2019 (4): ancora sotto la media la...

    AFR CENTRALE - Ripresa graduale, ma ancora sotto la media rispetto al resto del continente: è questo il quadro economico per i Paesi dell'Africa centrale secondo i dati dell'African Economic Outlook della Banca africana di sviluppo (AfDB). Pur se il tasso di crescita è di fatto raddoppiato lo scorso anno rispetto all'1,1% del 2017, registrando pertanto una stima del 2,2% e previsioni del 3,6% per quest'anno, sulle economie della regione centrale del continente pesa la riduzione della spesa pubblica per gli investimenti che i governi dell'area stanno portando avanti al fine di migliorare la sostenibilità del debito. Il tasso di crescita è pari infatti a solo un terzo della media registrata all'inizio dell'decennio. La Banca africana di sviluppo segnala tuttavia la ripresa della produzione agricola e dell'industria estrattiva, legata anche all'aumento dei prezzi sui mercati internazionali. Positiva è la prestazione registrata dal Camerun, che è la maggiore economia della regione, dove la crescita ha raggiunto lo scorso anno un tasso del 3,8% in aumento rispetto al 3,5% del 2017 e proiezioni di poter raggiungere il 4,4% quest'anno e il 4,7% nel 2020.
  • Ciad Free

    “Visita storica” di primo ministro israeliano a N...

    CIAD - E’ già stata definita dai media dei due paesi una “visita storica” quella che Domenica vedrà atterrare a N’Djamena il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu. Secondo i media israeliani, Netanyahu dovrebbe annunciare la ripresa delle relazioni diplomatiche con il paese dell'Africa centrale. Il premier israeliano sarà accolto dal presidente ciadiano Idriss Déby, che lo scorso novembre si era recato in visita a Gerusalemme. I due leader hanno discusso in questa occasione di lotta contro il terrorismo e  cooperazione bilaterale nei campi dell'agricoltura, dell'energia solare e dell'acqua. Netanyahu aveva anche annunciato la sua visita in Ciad, dove, aveva anticipato, avrebbe "annunciato la ripresa delle relazioni diplomatiche” tra i due paesi. Il Ciad, un paese a maggioranza musulmana, aveva interrotto le relazioni diplomatiche con lo stato ebraico nel 1972. La maggior parte dei paesi musulmani o arabi non ha relazioni ufficiali con Israele. Netanyahu ha accolto con favore il riscaldamento dei rapporti con il Ciad come esempio di come Israele possa stabilire relazioni con i paesi dell'Africa e del Medio Oriente, anche se il conflitto israelo-palestinese permane.
  • Camerun Free

    Liberate le persone rapite nel sud-ovest

    CAMERUN - Sono state liberate il giorno dopo il loro rapimento le 36 persone sequestrate da uomini armati non identificati mentre si trovavano a bordo di un autobus che percorreva l'autostrada Buea-Kumba nel sud-ovest del Camerun, una delle due regioni di lingua inglese del paese. A riportarlo sono i media locali, dai quali si apprende che la liberazione è avvenuta dopo che le persone sequestrate sono state derubate dei loro averi, tra cui telefoni e denaro. "Ci hanno portato con loro nella foresta - ha detto uno dei passeggeri vittima del sequestro - hanno preso i nostri soldi, i telefoni e altri beni di nostra proprietà prima di liberarci.Anzi, ci hanno chiesto di arrivare a piedi dov'eravamo diretti". I casi di rapimento sono in forte aumento in Camerun, dove è in corso un conflitto crescente nelle turbolenti regioni anglofone del paese, in gran parte francofono. La maggior parte dei casi segnalati nelle ultime settimane si sono verificati infatti proprio nelle regioni anglofone del sud-ovest e del nord-ovest e hanno avuto alla loro origine la rapina o la richiesta di riscatti per la liberazione degli ostaggi.
  • R.D. Congo Free

    Violenze e centinaia di morti a Yumbi, il rapporto dell...

    RD CONGO - Violenze in quattro villaggi nella parte occidentale della Repubblica Democratica del Congo hanno causato almeno 890 morti in soli tre giorni il mese scorso, tra il 16 e il 18 dicembre. A sostenerlo è un rapporto dell’Onu che cita “fonti credibili”. Secondo queste fonti, le violenze hanno coinvolto le comunità di Banunu e Batende e si sono verificate nel territorio di Yumbi. In seguito agli scontri, la maggior parte della popolazione dell’area è stata sfollata. Le votazioni alle elezioni presidenziali del 30 dicembre scorso erano state rinviate a Yumbi proprio a causa della violenza. Nella zona centinaia di abitazioni sono state date alle fiamme e circa 16.000 persone hanno trovato rifugio nel vicino Congo Brazzaville. [MS]
  • Ciad Free

    Conte a N’Djamena: l’Italia può dare un grande...

    CIAD - “L'Italia può dare un grande contributo” ha “grande capacità sul piano dell'innovazione tecnologica, grandi competenze professionali nel campo dell'agricoltura, dell'agroalimentare, delle infrastrutture, dell energie rinnovabili”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ieri in visita ufficiale in Ciad, seconda e ultima tappa di un tour africano di due giorni che lo aveva visto recarsi prima in Niger. Conte - che ha anche incontrato la locale comunità italiana - ha affrontato la questione dei flussi migratori irregolari e affermato che l’Europa sta sottovalutando tale problematica. “Ci stiamo dividendo, stiamo denunciando la nostra incapacità di affrontare questi problemi e l'Europa rischia di dover pagare il conto" ha aggiunto, sottolineando la necessità di un approccio strutturale al fenomeno per prevenirlo e parlando nel corso di una conferenza stampa congiunta con il capo di Stato ciadiano Idriss Deby. Il presidente del Consiglio ha ricordato il problema legato al prosciugamento delle acque del lago Ciad e le questione di sicurezza legate al depauperamento delle risorse regionali. “Abbiamo esplorato la possibilità di incrementare l'apporto italiano in termini di capacity building - ha detto - i nostri contingenti possono contribuire ad addestrare le forze armate locali per rafforzare il perimetro di sicurezza di questo Paese e dei Paesi limitrofi in modo da poter contrastare ancor più efficacemente le minacce terroristiche e i trafficanti di esseri umani, droga e armi”.
  • Camerun Free

    Decine di persone rapite nel sud-ovest, governo accusa...

    CAMERUN - Trentasei persone che si trovavano a bordo di un autobus  sono state rapite da uomini armati non identificati lungo l'autostrada Buea-Kumba nel sud-ovest del Camerun, una delle due regioni di lingua inglese del paese. Lo riferiscono media locali e internazionali, precisando che l’autobus è stato fermato da un gruppo di uomini armati nei pressi del villaggio di Ediki. Secondo una testimonianza riportata dall’agenzia di stampa cinese Xinhua a tutti i passeggeri è stato poi ordinato di scendere e consegnare i loro documenti identificativi, prima di essere portati nella boscaglia verso una destinazione sconosciuta. Le autorità locali hanno fatto sapere che il movimento lungo l'autostrada è stato fermato e la ricerca degli ostaggi è stata avviata. I casi di rapimento sono in aumento in Camerun, dove è in corso un conflitto crescente nelle turbolenti regioni anglofone del paese, in gran parte francofono. Il governo camerunense ha accusato i separatisti armati di essere dietro l’ondata di rapimenti, ma i separatisti insistono sul fatto di essere impegnati in una  "lotta per l'indipendenza". Le Nazioni Unite stimano che oltre 430.000 persone siano state sfollate internamente da quando le forze governative hanno iniziato a scontrarsi con i separatisti armati nel novembre 2017. I separatisti stanno combattendo per separarsi dal Camerun e creare una nazione chiamata "Ambazonia" nelle due regioni anglofone del nord-ovest e sud-ovest.