Rwanda

Migliora raccolta sangue, ora servono più strutture

RWANDA – Il Centro nazionale per le trasfusioni (Ncbt) conta di raccogliere nel corso del 2018 almeno 75.000 sacche di sangue, in aumento rispetto alle 68.000 raccolte lo scorso anno. A riferirlo è stato la responsabile di Ncbt, Alexia Mukamazimpaka, a margine di una campagna di sensibilizzazione condotta nel distretto di Gakenke.

(140 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Necessario correggere legge su energia a causa degli...

    KENYA - Il ministero keniano dell’Energia si è trovato costretto a correggere la nuova legge sul settore approvata solo il mese scorso dal Parlamento a causa dell’aumento eccessivo dei costi delle tariffe elettriche. A dirlo è stato il ministro dell’Energia, Charles Keter, secondo il quale a fronte di una serie di oneri variabili che costituiscono la componente più importante delle bollette elettriche è necessario adottare misure che producano un impatto più graduale rispetto a quanto previsto in un primo momento. In particolare, tra le misure da osservare con maggiore attenzione figurano i costi da sostenere per ridurre la generazione di elettricità da fonti combustibili fossili, la costruzione di nuove linee di trasmissione e l’immissione di energia prodotta da fonti rinnovabili nella rete. Sono inoltre emerse maggiori complicazioni rispetto a quanto atteso in un primo tempo dal provvedimento licenziato a inizio luglio dal Parlamento nelle procedure per modificare la durata degli accordi di acquisto di energia (PPA) con i produttori indipendenti. Secondo Keter, infatti, sarà soprattutto la riduzione dell’uso di centrali termiche ad avere un impatto sull’importo delle bollette elettriche; tuttavia secondo le più recenti stime realizzate dal ministero dell’Energia, gli impianti termici sono ancora necessari soprattutto nelle ore di picco dei consumi energetici e il governo ritiene inoltre di non dover scoraggiare gli investitori nel settore a forzare il termine di contratti già firmati. [MV]
  • Etiopia Free

    Introdotto nuovo sistema doganale elettronico

    ETIOPIA - L’Autorità fiscale e doganale etiope (ERCA) ha introdotto un nuovo sistema di gestione doganale (Customs Management System-CMS), che in base alle intenzioni contribuirà al rispetto degli standard internazionali. A dirlo è stato il responsabile del progetto, Ababu Emiru, specificando che il nuovo sistema è stato sviluppato in collaborazione con l’Unione Europea e sarà progressivamente utilizzato presso tutte le stazioni operative dell’ERCA presso i porti d’ingresso in Etiopia. Il nuovo sistema, che sostituisce l’esistente Sistema automatizzato per le dogane e i dati (ASYCUDA) è pienamente operativo presso i punti di sdoganamento a Gibuti, Galaffi, Mile, Adama, Mojo, al parco industriale orientale, Gelan, Addis Ababa-Kality e al parco industriale di Bole-Lemi. In base a quel che viene reso noto, il nuovo CMS sarà introdotto parzialmente anche presso le stazioni di Moyale e Metema Yohannes. Obiettivo del sistema è garantire maggiore trasparenza nelle transazioni commerciali con l’estero riducendo i tempi di attesa e migliorando la funzionalità e l’efficienza dell’ERCA. Secondo quel che viene comunicato dalla stessa ERCA, il sistema dovrebbe essere pienamente operativo presso tutte le stazioni di sdoganamento in Etiopia a partire dal mese di ottobre. [MV]
  • Kenya Free

    Si concretizza il progetto di teleferica sopra il fiume...

    KENYA - Una teleferica per il trasporto delle persone sarà costruita a Mombasa, crocevia del turismo regionale e seconda città del Kenya, dopo la capitale Nairobi. La funivia sarà un mezzo aggiuntivo di collegamento tra la città vecchia, ubicata sull’isola di Mvita, e la terra ferma dove si è sviluppato il resto della città di circa un milione di abitanti. Sarà un’impresa indiana, la C&C Construction Company, a realizzare l’impalcatura questa nuova infrastruttura di trasporti, retta da due piloni da 90 metri, mentre la società austriaca di tecnologia Doppelmayr Group curerà gli altri aspetti tecnici della teleferica, fornendo anche cavi e cabine. Il costo dell’infrastruttura è stimato in 35,5 milioni di euro. La gestione delle attività sarà affidata per i primi 25 anni alla Likoni Cable Cars Express Ltd, che prende il suo nome dal fiume Likoni, quello che sarà attraversato dalla funivia. La promozione e il finanziamento di questo progetto sono garantiti dalla Trapos Africa, società di consulenza sulle soluzioni di trasporto per via sopraelevata, fondata nel 2012 da un ingegnere elettrico, insieme alla Kenya Ferry Services. Il tempo di traversata per i passeggeri sarà di 3 o 4 minuti e il costo del biglietto non è ancora stato stabilito con precisione. Viaggeranno sui cavi 22 cabine in grado di accogliere ciascuna 38 passeggeri. A nord Mombasa è collegata alla terraferma dal ponte Nyali Bridge, a sud dal servizio di traghetti Likoni Ferry, e a ovest dalla Makupa Causeway che la congiunge alla ferrovia dell'Uganda. Il porto serve sia il Kenya che le nazioni dell'entroterra, consentendo il traffico da e verso l'Oceano Indiano. [CC]
  • Seychelles Free

    Pechino cancella parte del debito delle Seychelles

    SEYCHELLES - Il governo cinese ha cancellato parte del proprio debito esterno con le Seychelles per un valore pari a 5,5 milioni di dollari, annunciando un accordo mirato a sostenere l’economia dell’arcipelago nell’oceano Indiano. A darne notizia sono i media locali, ricordando che le Seychelles e la Cina hanno istituito le loro relazioni diplomatiche nel giugno 1976, fornendo da allora aiuti e assistenza di ogni tipo. Secondo quel che viene reso noto, il debito cancellato rappresenta circa il 10% del debito totale delle Seychelles nei confronti della Cina e riguardava in particolare la fornitura di cooperazione tecnica ed economica. L’interscambio commerciale tra i due Paesi si aggira in media intorno ai quattro milioni di dollari all’anno. [MV]
  • EtiopiaSomalia Free

    Ripresa dei voli commerciali tra Somalia ed Etiopia...

    SOMALIA / ETIOPIA - I voli diretti tra Mogadiscio e Addis Abeba riprenderanno a breve, dopo oltre 40 anni d’interruzione causata dalla guerra tra la Somalia e l’Etiopia per il controllo della regione frontaliera dell’Ogaden, conflitto durato un paio d’anni a partire dal 1977. Sarà la compagnia etiope National Airways (ex (ex-Air Ethiopia), basata ad Addis Abeba, a riaprire quel tratto di collegamento aereo diretto. I voli saranno proposti tre volte a settimana, a bordo di un Embraer E145. La notizia viene confortare una nuova era nella pacificazione della regione del Corno d’Africa, dopo la pace tra l’Etiopia e l’Eritrea e la ripresa delle relazioni fra i due Paesi a 360 gradi. A fine luglio, il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed “Farmajo” il suo omologo eritreo Issaias Afeworki avevano firmato un accordo sul ripristino delle relazioni diplomatiche dopo un decennio di tensioni. [CC]
  • Etiopia Free

    Allerta per possibili allagamenti in diverse parti del...

    ETIOPIA - La Commissione nazionale etiope per la gestione del rischio disastri (NDRMC) ha diffuso un’allerta per possibili allagamenti in diverse parti del Paese a causa delle piogge torrenziali attese nei prossimi giorni. A renderlo noto sono i media ufficiali, specificando che l’allerta riguarda parti delle regioni di Amhara, Oromia, delle Nazioni, nazionalità e popoli del sud (SNNP) e del Tigray, così come anche gran parte della regione di Gambella. Secondo il vice-commissario Damene Darota, anche le aree situate nei pressi dei bacini fluviali dell’Awash, del Baro-Akobo e del Nilo e dei loro affluenti sono esposte al rischio di allagamenti. La Commissione sta lavorando con gli enti e le amministrazioni regionali interessati per gestire il rischio, delineando le priorità che dovrebbero essere attuate per prevenire i danni. Tra queste, il monitoraggio dei fiumi e degli affluenti creando maggiore consapevolezza e offrendo informazioni aggiornate alle comunità locali, nonché la riparazione e il rafforzamento delle dighe esistenti per prevenire il verificarsi delle alluvioni, la manutenzione dei canali di irrigazione e la costruzione di barriere straordinarie di protezione. [MV]