CiadNiger

Londra annuncia prossima apertura ambasciate a N’Djamena e Niamey

CIAD / NIGER – Il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato la prossima apertura a N’djamena e a Niamey di due nuove ambasciate del Regno Unito a dimostrazione del maggiore interesse nei confronti del continente africano e in particolare del sostegno ai Paesi del Sahel.

(203 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R.D. CongoUganda Free

    Completato posto di frontiera Mpondwe per facilitare...

    UGANDA/REP. DEM. CONGO - È terminata la costruzione del posto di frontiera unico per le esportazioni a Mpondwe, al confine tra Uganda e Repubblica Democratica del Congo. Lo ha sancito negli scorsi giorni una visita di accertamento della commissione parlamentare per gli affari della Comunità dell’Africa orientale (Eac) sul sito volto a migliorare la competitività e a rimuovere le barriere commerciali nella regione. "Il progetto del posto di frontiera unico combina due scali in uno, alleggerisce la congestione e riduce i ritardi, facilitando notevolmente il commercio nella regione", si sono rallegrati funzionari del governo ugandese, affermando che il posto di Mpondwe promuoverà gli investimenti attraverso partenariati pubblico-privati. Le esportazioni attraverso Mpondwe comprendono principalmente prodotti agricoli (fagioli, mais, miglio, zucchero, pesce e banane) e industriali. Anche il capo di Stato ugandese Yowery Museveni e il suo omologo congolese Felix Tshisekedi si sono incontrati lo scorso anno al punto di confine a Mpondwe e hanno commissionato la costruzione di 223 km di strade per collegare i due Paesi. [CN]
  • Camerun Free

    Prestito Banca mondiale per autobus a Douala

    CAMERUN – Il Consiglio di amministrazione della Banca Mondiale ha approvato a favore del Camerun un prestito per il progetto Bus Rapid Transit (Brt) di Douala, la capitale economica del Camerun, L’importo finanziato copre il 78 percento del costo del progetto, ovvero quasi 400 milioni di euro.  L’iniziativa includerà la costruzione di 28 km di corsie dedicate agli autobus completamente separate con svincoli, 44 stazioni, quattro terminal, fognature, un sistema di approvvigionamento idrico, illuminazione pubblica; acquistare autobus o impostare un sistema di gestione del traffico. A Douala, per spostarsi la maggior parte degli abitanti utilizza moto o auto taxi. [CC]
  • Camerun Free

    Riso, finanziamento da Banca sviluppo islamica

    CAMERUN - Nel corso della 47esima riunione annuale del board della Banca di sviluppo islamica Idb Group, svoltasi a Sharm El Sheikh in Egitto, l’istituzione finanziaria araba ha approvato un finanziamento a favore del Camerun, per un importo complessivo di 79,44 milioni di euro. Secondo le informazioni rese note dal ministero dell’Economia, il cui capo Alamine Ousmane Mey ha rappresentato il Camerun ai lavori di Sharm El Sheikh, questo finanziamento è destinato al programma di sviluppo della catena del valore del riso. L’obiettivo di questo programma governativo è quello di rilanciare la produzione locale del cereale, e quindi di ridurre le massicce importazioni che gravano sulle riserve valutarie, contribuendo così ad ampliare il deficit della bilancia commerciale del Paese. Riso e pesce congelato, infatti, sono i principali prodotti alimentari importati in Camerun. Secondo l’Istituto nazionale di statistica (INS), solo per la prima metà del 2021, il riso da solo ha rappresentato il 5% della dotazione complessiva di importazione del Camerun per 5,07 milioni di tonnellate di merci. [GT]  
  • R. Centrafricana Free

    Lanciato Sango, l’hub di criptovaluta del governo

    CENTRAFRICA – La Repubblica Centrafricana (Rca) ieri ha lanciato in via ufficiale Sango, il suo hub di criptovaluta sostenuto dal governo: lo ha annunciato in un tweet il presidente Faustin Archange Touadéra dal vivo sui social network. “Sango significa la lingua del denaro e della ricchezza. La criptovaluta aiuta i poveri ad avere il controllo sui loro investimenti” si legge nel tweet, in cui paragona il progetto all’”oro digitale”. A maggio il Centrafrica ha adottato il Bitcoin come moneta, secondo paese al mondo dopo El Salvador a farlo. Le specifiche di Sango, riporta la Bbc, non sono ancora chiare ma il progetto, secondo una dichiarazione del ministro delle Miniere Rufin Benam Beltoungou, tokenizzerà le significative risorse minerarie del paese, trasformandole in risorse digitali per consentire alle persone di investire nel settore minerario utilizzando Bitcoin. Permangono molte preoccupazioni sull’adozione della criptovaluta nel Paese, soprattutto dopo il crollo di Bitcoin di oltre il 20% il mese scorso. Inoltre, circa il 90% della popolazione centrafricana non ha accesso a Internet, anche se il Paese ha firmato un accordo con il vicino Camerun per condividere la sua rete in fibra ottica a partire dal 2023. Il governo di Bangui stima che le risorse naturali della Repubblica Centrafricana valgano più di 3 trilioni di dollari. [ASB]  
  • Gabon Free

    Dalle foreste milioni di crediti di carbonio

    GABON - Le foreste del Gabon potrebbero trasformarsi a breve in un grande forziere di crediti di carbonio che il governo di Libreville punta a vendere. Forte della sua ricchezza forestale, il Gabon, secondo le parole del suo ministro dell’Ambiente, Lee White, mira a creare 187 milioni di crediti, metà dei quali da vendere sui mercati internazionali.  I crediti di carbonio "saranno probabilmente immessi sul mercato poco prima della COP27", ha detto White riferendosi alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in programma a novembre in Egitto. Novanta milioni saranno venduti e per il resto si ricorrerà a meccanismi "non di mercato". Il Gabon, coperto per l'88% da foreste pluviali tropicali, sta cercando di trovare un modo per preservare la sua natura selvaggia che assorbe carbonio, diversificando al contempo la sua economia dal petrolio, la cui domanda è destinata a crollare nei prossimi decenni. [MS]
  • Camerun Free

    Sovvenzioni carburanti non piacciono a Fmi

    CAMERUN - Le sovvenzioni statali per contrastare l’aumento del prezzo del carburante in Camerun sembrano non piacere al Fondo monetario internazionale. Lo scrive il sito ActuCameroun, citando gli analisti dell’Fmi secondo i quali “se la curva dei sussidi degli ultimi quattro mesi continua, il conto potrebbe essere più insostenibile a fine anno”. L’istituto finanziario, secondo le medesime fonti, ritiene che le sovvenzioni pregiudichino il raggiungimento degli obiettivi che il Camerun si è prefissato, in particolare la serena evoluzione del programma economico e finanziario che ha concluso nel luglio 2021 per ottenere un significativo sostegno di bilancio. Un team del Fondo monetario internazionale si trova attualmente in Camerun nell’ambito della revisione degli accordi nell’ambito dell’Extended Credit Facility Ha avuto incontri con le autorità, tra cui il primo ministro, il segretario generale della Presidenza della Repubblica, il ministro dell’Economia e il ministro delle Finanze. [CC]