Zimbabwe

Banca IDBZ acquisisce terra per progetti infrastrutturali

ZIMBABWE – La Banca per lo sviluppo delle infrastrutture dello Zimbabwe (IDBZ) ha riferito di aver acquisito estensioni di terra e proprietà per un investimento complessivo di 7,3 milioni di dollari. La stessa ha sostenuto che le acquisizioni serviranno allo sviluppo di futuri progetti infrastrutturali.

(155 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Namibia Free

    Un centro fiere per la città di Nkurenkuru

    NAMIBIA - Un centro fieristico per ospitare in particolare la Nkurenkuru Expo, la principale iniziativa della città namibiana di Nkurenkuru, sarà realizzato grazie a uno stanziamento di 3 milioni di dollari namibiani (circa 150.000 euro).  La struttura sarà realizzata su un’area di 1114 metri quadrati nell’area utilizzata finora per allestire padiglioni temporanei.  La struttura sarà realizzata oltre che per ospitare la fiera anche per l’organizzazione di altri eventi nel corso dell’anno. [MS]
  • Malawi Free

    Annunciata ripresa costruzione ospedale pubblico

    MALAWI – Interrotta dal 2015, riprenderà a giugno la costruzione dell’ospedale di Kanyenga a Mangochi, località affacciata sulla sponda meridionale del Lago Malawi. Lo assicurano le autorità del ministero della Salute, precisando che in cantiere riprenderà a giugno.   Iniziata nel 2011, la realizzazione dell’ospedale era stata interrotta quattro anni dopo a causa di problemi con l’azienda incaricata dei lavori, rimossa dall’opera da parte del ministero.   Nel corso di una recente visita sul sito, il ministro della Sanità Japie Mhango ha ricordato che il progetto fa parte degli sforzi del governo per garantire un’assistenza medica di base e una copertura  sanitaria universale entro il 2030.   Il sistema sanitario del Malawi è attualmente uno dei più deboli al mondo, e regge principalmente su un sistema pubblico dotato di pochi mezzi. Un terzo sei servizi sono garantiti da strutture caritative, mentre esiste un settore privato di dimensioni molto ridotte. Per 18 milioni di abitanti, il sistema comprende alcuni ospedali nazionali pubblici dotati di servizi specializzati, e qualche decina di ospedali distrettuali con capacità di circa 300 letti. Il primo livello è costituito d dispensari e ambulatori presso le comunità.[CC]  
  • Sudafrica Free

    Istituita commissione economica per sostenere sviluppo

    SUDAFRICA - Il governo della provincia sudafricana del Capo Orientale ha istituito una nuova Commissione economica, che avrà il compito di sostenere lo sviluppo del settore privato.

    Ad annunciarlo è stato il primo ministro della provincia del Capo Orientale, Oscar Mabuyane, precisando che la Commissione offrirà soluzioni a breve, medio e lungo termine a cominciare da quando terminerà il periodo di confinamento della popolazione decretato in Sudafrica per far fronte alla diffusione dell’epidemia di coronavirus.

    “Dobbiamo ripensare la struttura della nostra base produttiva, perché l’economia provinciale è ancorata intorno all’industria automobilistica - ha detto Mabuyane - E’ fondamentale avere una comprensione comune sullo stato della situazione e un approccio comune a quello che dovremo andare a fare: compito del governo è creare le condizioni per consentire al settore privato di prosperare”. [MV]

  • Mozambico Free

    Al via gara per progetto linea di trasmissione...

    MOZAMBICO - Il gruppo Electricidade de Mozambique (EDM) ha avviato il procedimento per selezione le aziende responsabili della progettazione e della costruzione delle sottostazioni elettriche incluse nel progetto della linea di trasmissione Temane-Maputo.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che il bando di gara finanziato dalla Banca Mondiale è suddiviso in tre lotti distinti, che riguardano rispettivamente la progettazione e la realizzazione delle sottostazioni di Vilanculos nella provincia di Inhambane, di Cibuto nella provincia di Gaza e di Matalane in quella di Maputo, oltre all’espansione di un’altra sottostazione nel distretto di Bone.

    Secondo quel che si apprende, tutte le sottostazioni previste avranno capacità di alta tensione fino a 400 kilovolts e media tensione fino a 110 kilovolts.

    Le aziende interessate avranno tempo fino al 25 maggio per inviare le proprie proposte. Maggiori informazioni sono disponibili consultando gli avvisi di gara presenti sul sito dell’EDM.

    Questi lavori seguono l’avvio della gara per l’assegnazione dei lotti relativi alla costruzione di una linea di trasmissione di energia ad alta tensione tra Temane, nella provincia meridionale di Inhambane, e la città di Maputo, la capitale del paese, per una lunghezza complessiva di 340 chilometri. [MV]

  • Mozambico Free

    Cabo Delgado, escalation jihadista e uno Stato...

    MOZAMBICO - Se sul fronte economico ancora si devono vedere risultati degni di nota, sul piano militare dal 2017 in poi c’è stato solo un momento in cui le forze governative hanno avuto la sensazione di poter riprendere il pallino in mano, ed è stato nel periodo immediatamente precedente le elezioni presidenziali dello scorso ottobre. Prima però, il 4 giugno 2019, c’era stato il primo attacco rivendicato dalle neonata filiale dello Stato islamico nella Provincia dell’Africa Centrale (Iscap): in ritirata in Siria e in Iraq, l’Isis compare per la prima volta in Mozambico firmando un attacco a Mocimboa da Praia che reclama la vita di diversi militari; la stessa sigla, Iscap, era comparsa un paio di mesi prima nella Repubblica democratica del Congo, in collegamento a un gruppo originariamente ugandese e da anni attivo in Kivu, l'Alleanza delle forze democratiche (Adf). All'episodio del 4 giugno seguiranno nei mesi successivi una trentina di attacchi (fino a marzo 2020) oltre che l’occupazione di Quissanga e più brevemente della stessa Mocimboa da Praia. È a questo punto che il governo prova a rialzare la testa, con il presidente Filipe Nyusi che firma un accordo a Mosca (agosto 2019) e accoglie contractors russi a supporto delle unità mozambicane. Il fatto che di lì a poco le elezioni possano svolgersi in relativa sicurezza è considerato dal governo un successo, pubblicizzato con bollettini periodici sulle azioni messe in campo contro gli insorti. Ma è un fuoco di paglia: il 27 ottobre in un’imboscata perdono la vita almeno cinque contractors russi. L’incidente cambia le modalità di azione dell’alleato russo, anche sulla base di sospetti sull’affidabilità dei militari mozambicani che mettono a loro volta fine alle azioni di contrasto ritirandosi nelle caserme e lasciando libero movimento a gruppi armati sempre meglio organizzati, e in grado ora di provare ad occupare dei centri abitati. Pesante intanto il prezzo pagato dai civili: secondo una nota risalente a febbraio dell’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati almeno 100.000 persone sono state costrette alla fuga con migliaia che hanno trovato rifugio a Pemba. [GB]
  • Mozambico Free

    Cabo Delgado, escalation jihadista e uno Stato...

    MOZAMBICO - C’è dunque un filo che unisce più o meno direttamente le vicende ora in atto in Mozambico a sviluppi regionali più ampi. In Mozambico, gli insorti hanno trovato però una serie di elementi che ne stanno favorendo l’azione. Cabo Delgado (il cui capoluogo è Pemba) è la provincia che ospita le principali risorse naturali a disposizione del Mozambico, in particolare il gas (bacino di Rovuma), che vede diversi attori internazionali attivi come l’italiana Eni e gli statunitensi di Anadarko. Questo territorio è poi ricco in termini di altre risorse come rubini e legname e avrebbe anche un potenziale turistico non indifferente. Tuttavia Cabo Delgado è anche fra le province più povere del Mozambico, insieme alle altre regioni settentrionali (Zambezia, Nampula, Niassa). Secondo statistiche della Banca Mondiale, se nel periodo 1996-2015, i tassi di povertà a Maputo città e nella provincia di Maputo si sono ridotti del 70%, nel nord questa riduzione è stata del 20%; la popolazione di Cabo Delgado ha poi il più alto tasso di analfabetismo del Paese (60%) con circa il 35% dei bambini che non frequentano alcuna scuola. Altissimo è anche il tasso di disoccupazione giovanile (alcune stime riferiscono il dato dell’88%, benché occorrerebbe tener conto delle occupazioni informali).  A fronte di queste ricchezze di risorse naturali, la popolazione di Cabo Delgado non ha quindi beneficiato finora di effetti positivi tangibili. In questo contesto, in cui le autorità centrali vengono percepite lontane se non ostili (si potrebbe fare un parallelo con il Sahel), i gruppi armati jihadisti hanno trovato spazio di azione e reclutamento, complice anche l’incapacità di governo e forze di sicurezza di mettere in atto azioni di contrasto sia sul piano militare che su quello sociale ed economico. Solo di recente, Maputo ha deciso la creazione di una Agenzia per lo sviluppo integrato del nord (Adin), affidandola ad Armando Panguene, un diplomatico di lungo corso, con il mandato di creare posti di lavoro a Cabo Delgado, Niassa e Nampula. [SEGUE]