Libia

Ambasciatore Perrone resta in Italia per motivi di sicurezza

LIBIA – Dopo le indiscrezioni circolate nelle ultime settimane, ieri è arrivata la conferma che l’ambasciatore d’Italia in Libia, Giuseppe Perrone, non farà ritorno a Tripoli. A riferirlo ieri in Senato è stato il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi adducendo “preoccupazioni sulla sua sicurezza e incolumità personale e di quelli che lavorano con lui”.

Su Perrone, che parla fluentemente arabo e che anche per questo motivo è stato in grado di tessere più facilmente una serie di relazioni con interlocutori libici, si erano addensate una serie di critiche interne alla Libia stessa per un’intervista in arabo rilasciata a una tv locale lo scorso agosto.

In particolare, le sue dichiarazioni non erano piaciute al governo che fa capo al generale Khalifa Haftar, che le aveva considerate una intrusione negli ‘affari interni’ della Libia, leggendole come un modo per annunciare un possibile rinvio delle elezioni. Queste ultime, secondo un vertice tenuto a maggio a Parigi, si dovrebbero tenere il 10 dicembre, ma in considerazione del clima di insicurezza e dei negoziati in corso è difficile poter affermare oggi che esse si terranno effettivamente come programmato in Francia.

Secondo alcuni osservatori, gli sviluppi legati a Perrone devono essere letti tenendo conto degli sforzi che la diplomazia italiana sta intanto conducendo: ad agosto Moavero Milanesi si è recato in Egitto per parlare di Libia, e nei giorni scorsi lo stesso è volato a Bengasi da Haftar, che proprio nell’Egitto ha uno dei suoi migliori alleati. Perché, per tornare a una Libia stabile, non si può prescindere dall’uomo forte della Cirenaica. E l’Italia – pur restando fedele alla politica di vicinanza al governo di Tripoli di Hafez al-Serraj – sta lavorando per ospitare a novembre una conferenza sulla Libia – che si terrà probabilmente in Sicilia – il cui successo è legato anche alla presenza degli altri reali attori in campo. [MS]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Approvato regime assicurativo per veicoli ibridi ed...

    EGITTO - L'Autorità egiziana per la regolamentazione finanziaria (FRA) ha annunciato l’approvazione di nuove tariffe assicurative da applicare ai veicoli ibridi ed elettrici.

    A darne notizia sono i media locali, sottolineando come l’approvazione delle nuove tariffe rappresenti un ulteriore sviluppo della normativa relativa alla circolazione delle automobili ibride ed elettriche, in precedenza non esistenti in Egitto.

    Soltanto lo scorso maggio, infatti, il ministero dell’Interno ha cominciato a concedere ai proprietari di veicoli elettrici i primi libretti di circolazione sulla base delle disposizioni doganali.

    La diffusione di forme di mobilità sostenibile rientra nella strategia del governo del Cairo per incrementare l’uso delle energie rinnovabili. [MV]

  • Algeria Free

    Corruzione, custodia preventiva per banchiere e...

    ALGERIA – Non si ferma la campagna anticorruzione condotta in Algeria sin dalle dimissioni dell’ex presidente Abdelaziz Bouteflika il 2 aprile scorso: per Achour Aboud, amministratore delegato della Banca nazionale d’Algeria (Bna) e per Hassen Arbaoui, numero uno dell’azienda di assemblaggio automobilistico Global Group, è scattata la carcerazione preventiva per sospetti di corruzione.   I due esponenti del mondo degli affari sono imputati per riciclaggio di denaro, appropriazione indebita, abuso d’ufficio e concessione illecita di privilegi. Nell’ambito della stessa indagine, per la quale Aboud e Arbaoui sono stati sentiti dal giudice del tribunale di Sidi M'hamed ad Algeri, altri cinque alti dipendenti dell’amministrazione pubblica sono finiti in custodia cautelare.     Hassen Arbaoui è il terzo esponente del settore automobilistico algerino in detenzione preventiva dopo Mahieddine Tahkout e Mourad Oulmi, entrambi protagonisti del settore dell’assemblaggio in Algeria. [CC]
  • Egitto Free

    Allo studio intesa su libero scambio con Unione...

    EGITTO - Il ministro dell’Industria e del commercio russo, Denis Manturov, ha dichiarato che l’Egitto è pronto a firmare entro la fine del prossimo anno un accordo di libero scambio con l’Unione economica eurasiatica (UEE).

    A darne notizia sono i media egiziani, ricordando che l’UEE riunisce cinque Paesi in passato parte dell’Unione Sovietica: Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan.

    Secondo quel che ha dichiarato Manturov, i governi di Mosca e del Cairo stanno finalizzando i termini dell’intesa in modo da trovare l’opportunità per firmare l’accordo nel corso del 2020 a margine del Forum economico internazionale previsto a San Pietroburgo a maggio del prossimo anno. [MV]

  • Marocco Free

    Inaugurato impianto produzione automobilistica gruppo...

    MAROCCO - E’ cominciata la produzione di automobili presso il nuovo stabilimento inaugurato dal gruppo francese PSA alla presenza del re Mohammed VI a Kenitra.

    A riportarlo con ampia evidenza sono i media locali, ricordando che l’impianto avrà inizialmente una capacità produttiva di 100mila veicoli fino a raggiungere i 200mila a partire da metà del 2023.

    La realizzazione dell’impianto ha visto un investimento pari a 555 milioni di euro.

    Il gruppo PSA è l’unico costruttore automobilistico a coprire tutta la catena del valore in Marocco con un’ecosistema integrato di 62 fornitori locali e 27 nuovi siti fornitori che sono stati creati appositamente per alimentare il sito di Kenitra. [MV]

  • Egitto Free

    Fondi Usa per progetto eolico Lekela

    EGITTO - Il governo degli Stati Uniti ha approvato un finanziamento da 87 milioni di dollari per lo sviluppo e la costruzione del progetto eolico di Lekela, in Egitto. Il progetto - denominato Lekela Egypt Wind Power BOO S.a.e. Project - espanderà la capacità produttiva del Paese e contribuirà a creare posti di lavoro. Il progetto è localizzato a 30 chilometri da Ras Ghareb, vicino al Golfo di Suez e contribuirà a raggiungree uno degli obiettivi del governo ovvero quello di ottenere il 20% del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili entro il 2022. [MS]
  • Marocco Free

    Fondo Arabo, prestito da 240 Mln per due progetti...

    MAROCCO - Il Fondo arabo per lo sviluppo economico e sociale (AFESD dall’acronimo in inglese) presterà al Marocco 240 milioni di dollari per sostenere due progetti infrastrutturali. Lo riferisce la stampa locale e internazionale, precisando che il ministro marocchino dell'economia e delle finanze Mohamed Benchaaboun e l'amministratore delegato del fondo Abdullatif Yusuf Al-Hamad, hanno firmato mercoledì a Rabat due accordi di finanziamento per un totale di 72 milioni di dinari del Kuwait (240 milioni di dollari). Il prestito contribuirà al finanziamento del progetto per la costruzione di una diga nel Marocco orientale e alla costruzione della tangenziale di Laayoune nel sud del paese. Il progetto della diga migliorerà la regolazione delle acque nel distretto orientale mentre l'autostrada rafforzerà i collegamenti tra il Marocco e i paesi dell'Africa sub-sahariana, recita una nota del ministero delle Finanze marocchino. Dal 1975, il Fondo arabo ha investito oltre 4,4 miliardi di dollari in 72 settori strategici dell'economia marocchina, si legge nel comunicato.