Libia

Moavero Milanesi tesse la tela per la conferenza di novembre

LIBIA – Dopo la sua missione a Bengasi, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, ha avuto alcuni colloqui telefonici con il Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite per la Libia, Ghassan Salameh (due giorni fa) e, ieri, con il Presidente del Consiglio Presidenziale libico, Faez Al Serraj, con il Vice Presidente del Consiglio Presidenziale Ahmed Maitig e con il Ministro degli Esteri del Governo di Accordo Nazionale, Mohamed Taher Syala. A riferire la notizia è la Farnesina attraverso una nota.

Moavero Milanesi – si legge – ha condiviso con i suoi interlocutori un aggiornamento sulla situazione in Libia e sui vari contatti in corso. Inoltre, ha ribadito l’impegno del governo italiano a facilitare il rilancio e lo svolgimento del processo di stabilizzazione della Libia, riscontrando una convergenza di intenti.

Il ministro ha confermato la posizione italiana a sostegno del Piano d’Azione delle Nazioni Unite, quale base per un ordinato processo politico in Libia, che prevede anche, nei modi e nei tempi che deciderà il popolo libico, lo svolgimento di elezioni generali in un corretto quadro legislativo e in condizioni di sicurezza, trasparenza e affidabilità.

Ha poi sottolineato la volontà italiana di mantenere “un dialogo intenso e aperto” con tutti coloro che hanno a cuore l’evoluzione positiva della situazione in Libia. Il Ministro degli Esteri ha infine espresso a tutti i suoi interlocutori la ferma condanna dell’Italia per l’attentato terroristico che ha colpito la sede della National Oil Corporation.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Caso Saipem: condanne per ex dirigenti Saipem

    ALGERIA / ITALIA - Nel processo in cui sono stati assolti Eni e il suo ex ad Paolo Scaroni, i giudici del Tribunale di Milano hanno inflitto sei condanne a persone fisiche e una alla società Saipem. Quella più alta a 5 anni e 5 mesi è toccata al presunto intermediario delle tangenti, Farid Nourredine Bedjaoui. A 4 anni e nove mesi sono stati condannati Pietro Varone, all'epoca dei fatti direttore delle attività operative di Saipem e l'ex presidente di Saipem, Pietro Tali. Infine, 4 anni e un mese sono stati inflitti all'ex direttore delle attività operative di Saipem, Alessandro Bernini, a Samyr Ouraied, fiduciario di Bedjaoui, e a al presunto riciclatore delle mazzette, Omar Habour. Disposta inoltre nei confronti di Saipem la confisca di 197 milioni considerato il "prezzo del reato", ossia la presunta tangente pagata in più tranche al ministro algerino dell'energia, Khelil Chiekib, e al suo entourage per sfruttare i giacimenti in Algeria. In particolare, la tangente, secondo il capo d'imputazione in parte non riconosciuto dai giudici, sarebbe stata pagata dagli imputati per far ottenere a Saipem sette contratti dell'importo complessivo di oltre 8 miliardi di euro "secondo criteri di mero favoritismo, in violazione delle procedure di assegnazione e dei criteri di economicitaà" e ad Eni "l'autorizzazione del Ministro ad acquistare la società First Calgary Petroleoums, titolare dei diritti per lo sfruttamento del giacimento petrolifero MLE (Medgaz Ledjmet East). Saipem è stata anche condannata per la violazione della legge 231 del 2001 a una sanzione di 400 mila euro. Scaroni e Vella sono stati assolti in parte 'perché il fatto non sussiste' e in parte 'per non avere commesso il reato'. [AGI / InfoAfrica]
  • Algeria Free

    Caso Saipem: assolti Eni e Scaroni

    ALGERIA / ITALIA - Il Tribunale di Milano ha assolto l'Eni e l'ex ad, Paolo Scaroni, nel processo su presunte tangenti pagate in Algeria per lo sfruttamento di giacimenti petroliferi. Paolo Scaroni era accusato di corruzione internazionale aggravata dalla transnazionalità, mentre la società Eni rispondeva per la violazione della legge 231 del 2001 sulla responsabilità delle società per i reati commessi dai propri dipendenti. Assolto anche l'ex responsabile di Eni per il nord Africa, Antonio Vella. I giudici della quarta sezione penale di Milano (presidente Giulia Turri) hanno, in sostanza, confermato la pronuncia del gup Alessandra Clemente che, nell'ottobre del 2015, aveva prosciolto Scaroni, Vella ed Eni. "L'assenza di ogni prova circa l'egemonia di Scaroni su Saipem - scriveva il gup nelle motivazioni - mina fin dall'inizio la teoria accusatoria dell'accordo corruttivo unico". Quella sentenza era stata poi annullata dalla Suprema Corte nel febbraio del 2016 e Scaroni, Vella ed Eni erano di nuovo passati dal giudizio di un gup che li aveva mandati a processo. Al centro del processo, una presunta tangente da quasi 198 milioni pagata in più tranche al ministro algerino dell'energia Khelil Chiekib e al suo entourage per sfruttare i giacimenti in Algeria.  [AGI / InfoAfrica]
  • EgittoSudan Free

    Progetto di rete elettrica, si parte con i lavori dal...

    EGITTO /SUDAN - L’Egitto è pronto ad avviare un progetto pilota per la realizzazione di una rete elettrica con il Sudan della capacità di 300 MW. Secondo fonti del ministero dell’Energia egiziano, l’operazione sarà avviata a novembre e i tempi di realizzazione del collegamento saranno relativamente brevi. Ad occuparsi dei lavori sul versante egiziano sarà la Larson & Turbo per un costo preventivato di circa 25 milioni di dollari. Il punto di partenza della linea sarà la stazione di Toshka 2 da cui si arriverà alla sottostazione di Arqin, in Sudan. Il progetto è tra i temi in agenda a Khartoum dove il prossimo mese è in programma un vertice che vedrà la presenza dei capi di Stato dei due Paesi. Egitto e Sudan condividono una lunga frontiera ma hanno preso posizioni differenti su una serie di questioni regionali e Khartoum accusa inoltre il vicino di occupare illegalmente parte del suo territorio, lungo la costa nord. [MS]
  • Egitto Free

    Firmato accordo per gasdotto tra Egitto e Cipro

    EGITTO - Il ministro del Petrolio egiziano Tarek el Molla e il ministro dell’Energia cipriota Yiorgos Lakkotrypis hanno firmato un accordo relativo alla costruzione di un gasdotto sottomarino per esportare il gas naturale dall’Egitto verso i mercati europei. A darne notizia sono i media ciprioti, specificando che l’intesa è destinata ad assicurare lo sviluppo sostenibile e condiviso dell’infrastruttura di trasporto del gas naturale, la sua costruzione e la sua gestione. Secondo quel che viene riportato, entro i prossimi 30 giorni sarà costituito un comitato congiunto per supervisionare il progetto. In particolare, il progetto si propone di creare un corridoio  basato su differenti infrastrutture per rifornire l'Unione Europea dal Mediterraneo orientale. [MV]
  • Marocco Free

    A novembre a Marrakech il Forum africano sulle...

    MAROCCO - L’undicesima edizione del Forum africano delle infrastrutture (FAI) avrà luogo il 15 e 16 novembre prossimi a Marrakech, in Marocco. A segnalarlo sono i media specializzati, ricordando come l’evento sia dedicato in particolare al settore delle infrastrutture dei trasporti e alle opportunità esistenti in Nord Africa, Africa occidentale e centrale. In base a quel che viene comunicato dagli organizzatori, alla precedente edizione hanno partecipato 100 aziende provenienti da 30 Paesi diversi in qualità di espositori e più di 300 visitatori professionali. Per ottenere maggiori informazioni è possibile consultare la pagina internet dedicata. [MV]
  • Egitto Free

    Eni firma accordo per stabilire stazioni di servizio

    EGITTO - Il gruppo italiano Eni ha siglato un accordo con l’egiziana Gastec con l’obiettivo di realizzare stazioni di servizio per il rifornimento delle auto a gas e a carburante nel Paese nord-africano, in particolare nella regione del’Alto Egitto. A renderlo noto è stata la stessa Gastec, in una nota in cui viene specificato che l’intesa è stata firmata dal presidente della società egiziana Abdel Fatah Farhat e dal direttore degli affari tecnici di Eni, Stefano Chesi, insieme a Giuseppe Ricci, capo del settore della commercializzazione dei prodotti di Eni.  Secondo il ministro del Petrolio egiziano, Tarek el Molla, che ha assistito alla firma dell’accordo, “l’apertura di stazioni di servizio integrate riunisce per la prima volta la fornitura di servizi di rifornimento di combustibile e gas naturale”. Il ministero, si legge ancora nel comunicato, si sta dirigendo verso l'espansione dei punti vendita e stazioni di servizio automobilistico della fornitura di gas naturale a livello nazionale in settori vitali, in particolare in Egitto, per soddisfare le esigenze dei cittadini e dei possessori di vetture che utilizzano il gas naturale come combustibile.  In base a quel che viene reso noto, sono circa 248 mila le auto che sono state convertite a gas in Egitto fino ad agosto. [MV]