Ghana

A Palermo e Mazara un forum su opportunità in Ghana

GHANA – Si svolgerà dal 3 al 7 ottobre prossimi a Palermo e Mazara del Vallo un forum dedicato ad approfondire le opportunità di affari tra Sicilia e Ghana.

Intitolata ‘Ghana Sicily Business Forum’, l’iniziativa è dedicata in particolare ai settori dell’agribusiness, delle infrastrutture, delle energie rinnovabili, del turismo, dell’industria estrattiva e della manifattura tessile.

In base a quel che viene reso noto, l’evento è organizzato dal Consolato onorario del Ghana in Sicilia in collaborazione con Sicindustria, l’associazione degli industriali siciliani, Confcooperative Sicilia e l’Associazione reti di imprese pmi e gode del patrocinio del comune di Palermo.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.ghanabusinessforum.net. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Rimossa la statua di Ghandi: “Era razzista”

    GHANA - Una statua di Mahatma Gandhi, il famoso leader dell’indipendenza indiana, è stata rimossa da un campus universitario di Accra, la capitale del Ghana. Nel 2016, i docenti dell’ateneo avevano dato vita a una petizione per la rimozione della statua poco dopo che questa era stata inaugurata dall’ex presidente indiano Pranab Mukherjee. Nella petizione si diceva che Gandhi era “razzista” e che gli eroi africani avrebbero dovuto essere messi al primo posto in una capitale africana. Per placare le tensioni il governo del Ghana accettò che la statua fosse trasferita. Mercoledì, docenti e studenti hanno dichiarato alla Bbc che la statua, originariamente situata nella zona ricreativa dell’università, è stata rimossa. L’università lo ha confermato, affermando che l’operazione è stata avallata dal ministero degli Affari esteri. Il Mahatma Gandhi è stata una delle figure più celebri del XX secolo per aver guidato la resistenza non violenta al dominio coloniale britannico in India. Quando però da giovane aveva vissuto e lavorato in Sudafrica pronunciò commenti poco lusinghieri sugli africani neri. Nei suoi primi scritti si riferiva ai neri come “kaffir”, insulto razzista altamente offensivo. Disse anche che gli indiani erano “infinitamente superiori” ai neri. [Africa Rivista]
  • Mali Free

    Fondi per la seconda fase dell’autostrada trans...

    MALI - Sono pari a 56 milioni di dollari i fondi stanziati dalla Banca africana di sviluppo (AfDB) per l'attuazione della seconda fase del programma stradale internazionale trans-sahariano (RTS). A darne notizia è la stessa AfDB, precisando che il finanziamento riguarda la costruzione della tratta in Mali lunga circa 300 chilometri chilometri compresa tra Bourem e Kidal. Il contributo della Banca rappresenta il 35,72% del costo totale di questa seconda fase del progetto, che avrà una durata di sei anni. Ulteriori 83milioni di euro sono stati stanziati dall’Unione europea, mentre il governo maliano sta contribuendo con 18 milioni. Complessivamente il progetto prevede la costruzione di 2461 chilometri di strada, collegando il Niger con l’Algeria. “La sua realizzazione risolverà i principali problemi di pace, sicurezza, sviluppo economico e sociale e fragilità. Tutte le parti interessate, compresi i movimenti armati in Mali, hanno aderito al progetto”, ha dichiarato Serge N'Guessan, vicedirettore generale per l'Africa occidentale presso la Banca. "Sosteniamo che la Banca è disposta a lavorare in aree fragili - ha detto a sua volta il presidente dell’AfDB, Akinwumi Adesina - Sarebbe irresponsabile non finanziare il progetto, che è viene portato avanti in una zona particolarmente trascurata”. Oltre a un aumento del traffico e lo sviluppo del potenziale economico della regione, i risultati attesi sono la riduzione dei costi di trasporto, il miglioramento dell’accessibilità e delle condizioni per l'attuazione delle attività socio-economiche dei gruppi più vulnerabili (donne e giovani), nonché la riduzione dei fattori di fragilità sociale delle popolazioni. [MV]
  • Africa Occidentale Free

    Holding Bolloré SA indagata per corruzione

    A OCCIDENTALE - La holding francese Bolloré SA è stata inserita nel registro degli indagati ieri a Parigi nell’ambito dell’inchiesta in corso sull’ottenimento di concessioni portuali in Africa Occidentale. Lo annuncia la stessa azienda in un comunicato, precisando che l’incriminazione della società segue quella di due dei suoi dirigenti lo scorso 25 aprile. “Bolloré SA non si sente minimamente coinvolta nei fatti oggetti dell’inchiesta e ha l’intenzione di fare ricorso” si difende la Bolloré nel comunicato aziendale. Il presidente del gruppo Vincent Bolloré è uno dei dirigenti presenti sul registro degli indagati per corruzione di operatore straniero, complicità in abuso di fiducia e falso. Bolloré SA è sospettata dal polo finanziario del tribunale di Parigi di aver utilizzato le attività in consiglio politico della sua filiale, Havas, per ottenere in maniera illegale la gestione dei porti di Lomé e Conakry. [CC]
  • Senegal Free

    Cassazione il 20 dicembre per Khalifa Sall, l...

    SENEGAL – Cruciale per il futuro politico del politico, il processo in cassazione dell’ex sindaco di Dakar Khalifa Sall è stato programmato per il 20 dicembre prossimo. Rivale dichiarato del presidente Macky Sall da quando aveva annunciato la sua intenzione di candidarsi alle elezioni del 2019, Khalifa Sall è in carcere da marzo 2017, accusato di aver usato in maniera illecita un fondo d’emergenza tra il 2011 e il 2015 quando era alla guida di Dakar. Lo scorso aprile, l’ex sindaco è stato condannato a cinque anni di detenzione. Il verdetto, tuttavia, non ha fatto perdere a Khalifa Sall l’ambizione di potersi candidare, o candidare il suo partito, alle elezioni del 2019. Dopo aver versato il deposito in denaro richiesto per i candidati alle presidenziali, Khalifa Sall ha fatto registrare presso il Consiglio Costituzionale la propria coalizione, “Taxawu Senegaal ak Khalifa Sall”, nell’intenzione di entrare in lizza nella corsa alle elezioni. Il presidente in carica, Macky Sall, sarà candidato alla propria successione alle elezioni del 24 febbraio 2019. [CC]
  • Ghana Free

    Qui l’Italia avrebbe le porte aperte / Intervista - 2

    Torniamo alle potenzialità di questo Paese. Altri settori trainanti? Nell’agroindustria, ci sono delle ottime opportunità. E l’Italia i potrebbe fare delle cose meravigliose perché ha una struttura fondata sulle piccole e medie imprese che è esattamente il modello scelto dal Ghana per creare un clima di benessere generale. L’Italia questo modello ce l’ha nel Dna. Nel manifatturiero, nell’industria dell’arredamento, nella trasformazione delle materie prime, le industrie italiane potrebbero fare tanto, dare tanto e godere di grossi incentivi da parte del governo. Se avessero investito il 10% di quanto hanno investito nell’Europa dell’est avrebbero raggiunto risultati eccezionali.   Il turismo? È un settore trainante, in Ghana in embrione. Ci sono catene importanti come Hilton e Accor, ci sono progetti alle fasi iniziali. Mi sento di dire che entro 15 anni il Ghana diventerà una destinazione turistica di primo livello per le bellezze naturali e l’organizzazione. Di recente è stato inaugurato il terminal 3 dell’aeroporto Kotoka, invito a digitare il nome ‘Kotoka’ su un motore di ricerca per vedere le immagini. È un aeroporto che non ha nulla da invidiare agli scali europei.   Andare in Ghana significa solo Ghana? Gli stessi ghanesi dicono che il Ghana è l’Africa per i principianti. Perché stai in Africa, ma ci sono poche di quelle problematiche presenti magari in altri Paesi. Ha la forma di una porta squadrata ed effettivamente è una porta per tutto il mercato dell’Africa occidentale, dell’Ecowas. Tanti guardano alla Nigeria per peso demografico ed economico, ma la Nigeria non ti dà una solidità che invece il Ghana ti offre da subito. Entro un’ora di volo da Accra si abbracciano 350 milioni di persone: il Ghana è un hub per seguire anche la Nigeria e tutti gli altri Paesi della regione e bisogna tener conto che non ci sono dazi e dogane tra i Paesi Ecowas.
  • Ghana Free

    Qui l’Italia avrebbe le porte aperte / Intervista

    GHANA - “I numeri macroeconomici del Ghana sono buoni, il Paese sta crescendo e su questo sono concordanti i dati delle istituzioni internazionali. Però questi numeri non si stanno ancora riflettendo nella quotidianità e i motivi sono molteplici”: a dirlo è Massimiliano Colasuonno Taricone, console del Ghana in Italia e chief executive officer di Casa Trasacco limited, una delle principali realtà imprenditoriali ghanesi che ancora oggi, con oltre 50 anni di storia alle spalle, ha un cuore italiano.   Cosa è successo in questi ultimi anni in Ghana? A fronte di una contrazione dei consumi che c’è stata negli ultimi anni, si è imposta la tendenza a una maggiore apertura ad attività imprenditoriali: è aumentata quindi la competizione, ma il mercato si è ristretto e chi è sul posto ne ha accusato ancora di più il calo. Guardando al settore immobiliare, fino a 3-5 anni fa i leader assoluti erano locali, non di origine ghanese ma integrati nella realtà ghanese da più di 50 anni, e i profitti erano reinvestiti nel posto. Adesso si è creata una situazione strana: chi viene da fuori - turchi, cinesi, brasiliani - investe, fa profitto ma i profitti li riporta a casa. È vero che c’è un miglioramento perché c’è molta più offerta immobiliare, però questo ha fatto sì che ci sia stato un deprezzamento a fronte, appunto, di una domanda non sufficiente.   Dopo l’ubriacatura da petrolio, la cui estrazione in Ghana è cominciata solo intorno al 2011, e il successivo calo dei prezzi del greggio sui mercati internazionali, diversi Paesi produttori hanno puntato alla diversificazione dell’economia. È successa la stessa cosa in Ghana, soprattutto con gli incentivi del governo come quello legato alla politica di ‘one district, one factory’, benché in realtà il Paese avesse già un’economia abbastanza diversificata. L’agricoltura adesso la sta facendo da protagonista. Chi non sta seguendo il passo del Ghana sono purtroppo i partner esteri: i Paesi che avrebbero la possibilità di essere partner importanti non si stanno muovendo. Da questo punto di vista l’Italia è tra gli assenti: l’Italia vuole esportare, vuole vendere, ma non vuole produrre sul posto. Gli investimenti italiani non sono bassi, sono inesistenti. Ad eccezione di Eni che fa storia a sé, non c’è altro. Vedo in questo momento un’Italia che pensa solo a difendersi dall’emigrazione africana e non pensa ad aprirsi all’Africa: c’è solo chiusura, quando ci dovrebbe essere apertura, per cogliere grandi opportunità economiche con reciproco vantaggio.   Eppure il Ghana sembra un Paese con le carte in regola per attrarre le imprese italiane. È un Paese stabile, le leggi funzionano, ci sono incentivi chiari, molto trasparenti e importanti. Il Ghana potrebbe rappresentare un punto di svolta per moltissime imprese italiane. Potrebbe essere una fonte di rilancio e offrire la soluzione di tante questioni a partire dal fenomeno dell’emigrazione economica. Creare opportunità in Ghana darebbe soluzioni e genererebbe un profitto economico. Ma non mi sembra ci siano orecchie per questi argomenti.   A me risulta però che ci sono grandi realtà italiane, come la vostra, nel settore delle costruzioni. Sono considerate italiane per il lustro che danno all’Italia. Le più grandi in assoluto in Ghana sono Trasacco, De Simone, Consar e Barbisotti. Sono tutte collegate al settore delle costruzioni, hanno tutte più di 50 anni e qualcuna di loro ha quasi 100 anni. E vengono considerate italiane perché le origini dei proprietari sono italiane ma ormai stando in Ghana da così tanto tempo sono locali. Le altre imprese italiane presenti sono piccole e poco significative dal punto di vista dei volumi. Eni esclusa.   E in Ghana si parla di Italia? I rapporti tra gli Stati sono eccezionali, stabili, antichi. È chiaro che nonostante i rapporti siano buoni, in Ghana l’Italia avrebbe delle autostrade davanti che però non vuole utilizzare. Forse dipende anche dall’informazione che circola: di Ghana si parla poco e si parla a tratti. [SEGUE]