Repubblica Congo

Da Niamey a Brazzaville, l’ambasciatore Paula  presenza le sue credenziali

REP CONGO – Ha terminato il suo mandato in Niger ed è stato nominato in Congo Brazzaville l’ambasciatore dell’Unione Europea Raul Mateus Paula.

Il diplomatico portoghese ha presentato le sue credenziali al ministro degli Esteri, della Cooperazione e dei congolesi all’estero del paese africano, Jean-Claude Gakosso, con il quale si è parlato di questioni di cooperazione da considerare prioritarie e di relazioni economiche tra la Repubblica del Congo e l’UE.

Intervistato da Infoafrica lo sorso febbraio nel deserto del Ténéré, durante il festival tuareg di Iferouane, Paula aveva espresso autentico apprezzamento per il popolo nigerino e la qualità delle relazioni, lasciando trasparire un vero affetto per questo Paese dove ha lavorato cinque anni. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R. Centrafricana Free

    ONU rinnova mandato MINUSCA

    CENTRAFRICA - Il Consiglio di sicurezza ha adottato durante la notte una risoluzione per rinnovare di un anno (fino al 15 novembre 2019) il mandato della missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana (CAR). La risoluzione 2448 decide anche che la missione di mantenimento della pace, nota con il suo acronimo francese MINUSCA, manterrà il suo attuale livello di personale: 11.650 soldati e 2.080 agenti di polizia. Il Consiglio ha ribadito che l'obiettivo strategico di MlNUSCA è quello di sostenere la creazione delle condizioni politiche, di sicurezza e istituzionali che favoriscono la riduzione sostenibile della presenza e della minaccia rappresentata da gruppi armati attraverso un approccio globale e una posizione proattiva e solida. La risoluzione stabilisce come compiti prioritari di MINUSCA la protezione dei civili; buoni uffici e sostegno al processo di pace del CAR, compresa la riconciliazione nazionale, la coesione sociale e la giustizia di transizione; agevolazione della creazione di un ambiente sicuro per la consegna immediata, piena, sicura e senza ostacoli dell'assistenza umanitaria; e la protezione del personale, dei siti e delle attrezzature delle Nazioni Unite. Una prima  bozza della risoluzione, presentata dalla Francia a Novembre, non era passata a causa del veto di Russia e Stati Uniti. La risoluzione 2448 ha ottenuto l'approvazione di 13 membri del Consiglio di sicurezza. Russia e Cina - i restanti membri del consiglio - si sono astenuti.
  • Camerun Free

    RIlasciati centinaia di separatisti delle regioni...

    CAMERUN - Su ordine del presidente Paul Biya, le autorità giudiziarie del Camerun sospenderanno i procedimenti in corso contro 289 persone detenute in relazione alla crisi delle regioni anglofone dove da circa due anni si è assistito a un’escalation separatista. La notizia è stata data attraverso la lettura di un comunicato della presidenza alla radio di stato. Nel comunicato non si precisano i nomi dei beneficiari del provvedimento. “Giungendo dopo la creazione di un Comitato nazionale per il disarmo, la smobilitazione e la reintegrazione (Cnddr) questa decisione del capo dello Stato - ha detto Ferdinand Ngoh Ngoh, segretario generale della presidenza - è una conseguenza della sua volontà di permettere a noi giovani compatrioti di queste due regioni di rinunciare alla violenza e di tornare lungo una strada di legalità”. La crisi delle regioni anglofone è stata affrontata dal governo con l’uso della forza. Negli ultimi mesi l’esecutivo sembra però aver cambiato passo. Secondo alcuni osservatori anche la recente perdita della Coppa d’Africa di calcio - che sarebbe dovuta essere ospitata dal Camerun nel 2019 - potrebbe aver influito sulle aperture da parte del governo. [MS]
  • R.D. Congo Free

    Incendio in un deposito della commissione elettorale

    RD CONGO – A 10 giorni dalle elezioni generali tanto attese, un incendio ha causato danni ingenti in uno dei depositi centrali della Commissione elettorale nazionale indipendente (Ceni), nella capital Kinshasa. Il fuoco è divampato stanotte verso le 02:00, distruggendo una buona parte del materiale che si trovava all’interno, tra cui computer per votare, urne, cabine elettorali. Il ministro dell’Interno, Henri Mova, si è già recato sul posto per valutare la situazione. La Ceni, in un comunicato, fa sapere che è stata aperta un’inchiesta per determinare l’origine dell’incendio, ma rassicura gli elettori sul proseguimento del processo elettorale. A Kinshasa in pochi pensano che l’incendio sia stato di natura incidentale. La tesi di un’azione dolosa, nel tentativo di sabotare il processo elettorale, è quella che prevale. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Nuovo attacco nel territorio di Beni, cresce la paura...

    RD CONGO – Continuano a colpire nella regione di Beni i ribelli delle Allied democratic forces (Adf), che da anni occupano zone del Nord-Kivu: nel comune di Oicha, un gruppo di miliziani ha attaccato un quartiere nella notte del 10 dicembre, uccidendo 10 persone. Lo denuncia la presidente della società civile di Beni, Noella Muliwavyo, citata dall’emittente Radio Okapi. A meno di due settimane dalle elezioni presidenziali, l’esponente della società civile esprime vive preoccupazioni sulla possibilità di un voto regolare nella regione. “Siamo molto preoccupati di sapere che forse, ad Oicha, non ci saranno elezioni a causa dell’insicurezza. Persino l’ufficio della Commissione elettorale si è trasferito nella città di Beni”. La popolazione di questa area della provincia del Nord-Kivu è sempre più rassegnata e sfiduciata nei confronti delle forze armate e dell’autorità dello Stato. Alcuni pensano che le forze congolesi siano in realtà coinvolte nell’alimentare il clima di violenza e di non-diritto. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Consegnato il Nobel per la Pace al medico congolese...

    RD CONGO - Un vibrante appello alla lotta all’impunità è stato lanciato ieri dal ginecologo congolese Denis Mukwege durante la cerimonia di consegna del Premio Nobel per la Pace che il medico ha ricevuto, insieme all’irachena Yazidie Nadia Murad, ex prigioniera dell’Isis. Di fama mondiale, il dottor Mukwege è noto per essere il medico che “ripara le donne”, donne vittime di stupri come arma di guerra nel conflitto nell’Est della Repubblica Democratica del Congo. “Gli stupri, i massacri, le torture, l’insicurezza diffusa, la mancanza di educazione, di istruzione, creano una spirale di violenza senza precedenti. Soltanto la lotta all’impunità è in grado di rompere la spirale delle violenze sessuali – ha detto il ginecologo – E abbiamo tutti il potere di cambiare il corso della storia quando le convinzioni per le quali lottiamo sono giuste”. Davanti alla platea ad Oslo, Mukwege ha chiesto uno sforzo maggiore per porre fine all’uso dello stupro come arma di guerra, e dedicato il Premio Nobel a tutte le vittime delle violenze sessuali nel mondo. Specializzato in ginecologia e ostetricia, il dottor Mukwege ha fondato nel 1998 a Bukavu il Panzi Hospital, ospedale in cui è diventato il massimo esperto mondiale nella cura di danni fisici interni causati da stupro. Nel 2014 viene insignito dal Parlamento europeo con il Premio Sakharov per la libertà di pensiero. [CC]
  • Ciad Free

    Da Parigi i soldi per stipendi e pensioni dipendenti...

    CIAD - La Francia ha messo a disposizione del Ciad 50 milioni di euro (in forma di prestito e di dono) per pagare i salari e le pensioni dei funzionari pubblici. In particolare, 30 milioni serviranno a pagare gli stipendi di dicembre di 90.000 impiegati pubblici, mentre la quota restante servirà coprire le spese per le pensioni per i prossimi tre mesi. I fondi messi a disposizione serviranno anche a coprire gli stipendi per i militari. A questa cifra Parigi ha aggiunto 10 milioni di euro che andranno al settore sanitario. Il Ciad non sta passando un momento positivo e la sua economia ha risentito negli ultimi anni del calo dei prezzi del petrolio. Ciò ha comportato l’adozione di misure di austerità tra cui la riduzione dei salari dei dipendenti pubblici. Ciò ha portato anche a contestazioni e manifestazioni di piazza. [MS]