Egitto

Eni firma accordo per stabilire stazioni di servizio

EGITTO – Il gruppo italiano Eni ha siglato un accordo con l’egiziana Gastec con l’obiettivo di realizzare stazioni di servizio per il rifornimento delle auto a gas e a carburante nel Paese nord-africano, in particolare nella regione del’Alto Egitto.

A renderlo noto è stata la stessa Gastec, in una nota in cui viene specificato che l’intesa è stata firmata dal presidente della società egiziana Abdel Fatah Farhat e dal direttore degli affari tecnici di Eni, Stefano Chesi, insieme a Giuseppe Ricci, capo del settore della commercializzazione dei prodotti di Eni. 

Secondo il ministro del Petrolio egiziano, Tarek el Molla, che ha assistito alla firma dell’accordo, “l’apertura di stazioni di servizio integrate riunisce per la prima volta la fornitura di servizi di rifornimento di combustibile e gas naturale”.

Il ministero, si legge ancora nel comunicato, si sta dirigendo verso l’espansione dei punti vendita e stazioni di servizio automobilistico della fornitura di gas naturale a livello nazionale in settori vitali, in particolare in Egitto, per soddisfare le esigenze dei cittadini e dei possessori di vetture che utilizzano il gas naturale come combustibile. 

In base a quel che viene reso noto, sono circa 248 mila le auto che sono state convertite a gas in Egitto fino ad agosto. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Aumento significativo degli scambi commerciali con l...

    ALGERIA – Un forte aumento degli scambi commerciali con l’Asia è stato registrato in Algeria nel corso del primo quadrimestre del 2019.   Sebbene i principali partner del Paese del Maghreb rimangano i mercati europei, la Direzione generale delle Dogane ha fatto sapere che durante i primi quattro mesi dell’anno, le esportazioni verso l’Asia hanno rappresentato il 16,37% delle esportazioni globali mentre le importazioni hanno raggiunto il 30% dell’insieme delle importazioni verso l’Algeria.     La Cina, l’India e la Corea del Sud sono i primi nella lista dei Paesi asiatici con i quali la nazione nord-africana intrattiene rapporti di commercio. Rispetto al 2018, la vendita di prodotti algerini in Asia è cresciuta del 40%, mentre le importazioni sono aumentate dell’11%.   Dopo l’Europa, che rappresenta il 59% degli scambi commerciali, arriva il continente americano, nel quale i principali partner commerciali sono gli Stati Uniti, l’Argentina, il Brasile e Cuba. Con l’Africa, gli scambi sono leggermente aumentati ma rimangono bassi, pari al 5,42% del valore totale delle esportazioni e al 2,86% del valore delle importazioni.   Durante i primi mesi del 2019, i principali clienti dell’Algeria sono stati l’Italia, la Francia, la Spagna, gli Stati Uniti e la Turchia. I principali fornitori sono stati invece la Cina, la Francia, la Spagna, la Germania e l’Italia. [CC]  
  • Egitto Free

    Approvato regime assicurativo per veicoli ibridi ed...

    EGITTO - L'Autorità egiziana per la regolamentazione finanziaria (FRA) ha annunciato l’approvazione di nuove tariffe assicurative da applicare ai veicoli ibridi ed elettrici.

    A darne notizia sono i media locali, sottolineando come l’approvazione delle nuove tariffe rappresenti un ulteriore sviluppo della normativa relativa alla circolazione delle automobili ibride ed elettriche, in precedenza non esistenti in Egitto.

    Soltanto lo scorso maggio, infatti, il ministero dell’Interno ha cominciato a concedere ai proprietari di veicoli elettrici i primi libretti di circolazione sulla base delle disposizioni doganali.

    La diffusione di forme di mobilità sostenibile rientra nella strategia del governo del Cairo per incrementare l’uso delle energie rinnovabili. [MV]

  • Algeria Free

    Corruzione, custodia preventiva per banchiere e...

    ALGERIA – Non si ferma la campagna anticorruzione condotta in Algeria sin dalle dimissioni dell’ex presidente Abdelaziz Bouteflika il 2 aprile scorso: per Achour Aboud, amministratore delegato della Banca nazionale d’Algeria (Bna) e per Hassen Arbaoui, numero uno dell’azienda di assemblaggio automobilistico Global Group, è scattata la carcerazione preventiva per sospetti di corruzione.   I due esponenti del mondo degli affari sono imputati per riciclaggio di denaro, appropriazione indebita, abuso d’ufficio e concessione illecita di privilegi. Nell’ambito della stessa indagine, per la quale Aboud e Arbaoui sono stati sentiti dal giudice del tribunale di Sidi M'hamed ad Algeri, altri cinque alti dipendenti dell’amministrazione pubblica sono finiti in custodia cautelare.     Hassen Arbaoui è il terzo esponente del settore automobilistico algerino in detenzione preventiva dopo Mahieddine Tahkout e Mourad Oulmi, entrambi protagonisti del settore dell’assemblaggio in Algeria. [CC]
  • Egitto Free

    Allo studio intesa su libero scambio con Unione...

    EGITTO - Il ministro dell’Industria e del commercio russo, Denis Manturov, ha dichiarato che l’Egitto è pronto a firmare entro la fine del prossimo anno un accordo di libero scambio con l’Unione economica eurasiatica (UEE).

    A darne notizia sono i media egiziani, ricordando che l’UEE riunisce cinque Paesi in passato parte dell’Unione Sovietica: Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan.

    Secondo quel che ha dichiarato Manturov, i governi di Mosca e del Cairo stanno finalizzando i termini dell’intesa in modo da trovare l’opportunità per firmare l’accordo nel corso del 2020 a margine del Forum economico internazionale previsto a San Pietroburgo a maggio del prossimo anno. [MV]

  • Marocco Free

    Inaugurato impianto produzione automobilistica gruppo...

    MAROCCO - E’ cominciata la produzione di automobili presso il nuovo stabilimento inaugurato dal gruppo francese PSA alla presenza del re Mohammed VI a Kenitra.

    A riportarlo con ampia evidenza sono i media locali, ricordando che l’impianto avrà inizialmente una capacità produttiva di 100mila veicoli fino a raggiungere i 200mila a partire da metà del 2023.

    La realizzazione dell’impianto ha visto un investimento pari a 555 milioni di euro.

    Il gruppo PSA è l’unico costruttore automobilistico a coprire tutta la catena del valore in Marocco con un’ecosistema integrato di 62 fornitori locali e 27 nuovi siti fornitori che sono stati creati appositamente per alimentare il sito di Kenitra. [MV]

  • Egitto Free

    Fondi Usa per progetto eolico Lekela

    EGITTO - Il governo degli Stati Uniti ha approvato un finanziamento da 87 milioni di dollari per lo sviluppo e la costruzione del progetto eolico di Lekela, in Egitto. Il progetto - denominato Lekela Egypt Wind Power BOO S.a.e. Project - espanderà la capacità produttiva del Paese e contribuirà a creare posti di lavoro. Il progetto è localizzato a 30 chilometri da Ras Ghareb, vicino al Golfo di Suez e contribuirà a raggiungree uno degli obiettivi del governo ovvero quello di ottenere il 20% del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili entro il 2022. [MS]