Angola

Figlio dell’ex presidente Dos Santos in detenzione per corruzione

ANGOLA  – José Filomeno dos Santos, figlio dell’ex presidente della Repubblica, nonché ex presidente del Consiglio d’amministrazione del Fondo sovrano d’Angola, è stato arrestato e posto in detenzione cautelare per accuse di corruzione, insieme al suo collaboratore Jean Claude Bastos de Morais.

(208 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • NigeriaSudafrica Free

    Mtn non torna indietro, in programma cessioni di quote...

    SUDAFRICA / NIGERIA - Mtn Group andrà avanti con la vendita di quote della sua affiliata nigeriana ma il piano andrà avanti per step. In dichiarazioni rilasciate a Bloomberg, l’amministratore delegato della società, Ralph Mupita, ha detto che l’emergenza globale legata alla diffusione di covid-19 non ha modificato i piani iniziali e che una parte del 79% del capitale ora in mano di Mtn Group sarà immessa nel mercato.  Agli inizi di marzo Mtn aveva annunciato un piano di dismissioni con l’obiettivo di garantirsi 1,4 miliardi di dollari. Il piano dovrebbe essere implementato nell’arco di tre-cinque anni. Sul mercato dovrebbero andare tra le altre cose il 18,9% di quote di Jumia (l’Amazon africano), alcuni immobili di pregio nelle Mauritius, quote delle filiali in Uganda e Zambia. [MS]
  • Mozambico Free

    Civili in fuga verso Pemba, flusso limitato ma continuo

    MOZAMBICO - Almeno un migliaio di persone hanno trovato rifugio a Pemba, capoluogo della provincia di Cabo Delgado, in seguito ad attacchi condotti contro le città di Mocimboa da Praia e Quissanga. Le azioni, rivendicate da un gruppo armato apparentemente affiliato a Isis, hanno mostrato da una parte la capacità offensiva degli aggressori e dall’altra parte l’incapacità delle forze di sicurezza locali a controllare il territorio.  Secondo fonti locali, una parte dei civili in fuga ha raggiunto Pemba via terra, la maggior parte si è mossa invece attraverso l’uso di imbarcazioni. Secondo stime correnti stilate dalle autorità locali, sono almeno una decina al giorno le imbarcazioni che stanno arrivando a Pemba cariche soprattutto di donne, minori e anziani. [MS]
  • Mozambico Free

    Crisi nel nord: agenzia per creare lavoro mentre...

    MOZAMBICO - Un diplomatico d’esperienza è stato nominato alla guida della neonata Agenzia per lo sviluppo integrato del nord (Adin). Si tratta del 77enne Armando Panguene cui spetterà il compito di implementare misure per creare posti di lavoro a Cabo Delgado, Niassa e Nampula e contrastare anche in questo modo l’avanzata di insorti che stanno prendendo sempre più piede sotto la bandiera dell’Isis.  Un compito non facile ma considerato critico per Panguene già ambasciatore in Portogallo, Gran Bretagna e Stati Uniti, vice ministro degli Esteri e della Difesa, ma anche governatore delle province di Cabo Delgado e Nampula.  La notizia giunge in un momento in cui i gruppi armati attivi nel nord sembrano avere una libertà di movimento e una capacità offensiva mai riscontrata prima. Ancora adesso la città di Quissanga risulta occupata e nelle ultime ore è stato diffuso un video che mostra due uomini armati con la bandiera dell’Isis; nel video, visibile qui, uno dei due pronuncia parole contro il Frelimo, il partito da sempre al potere, sostenendo di lottare “non per i ricchi del mondo, ma per la salvezza”. [MS]
  • Mozambico Free

    Covid-19, da domani stato d’emergenza

    MOZAMBICO - Il presidente Filipe Nyusi ha dichiarato lo stato d’emergenza su tutto il territorio nazionale in relazione al covid-19. La misura, annunciata attraverso una dichiarazione letta in televisione, entrerà in vigore l’1 aprile e durerà 30 giorni.  Lo stato d’emergenza comporterà restrizioni nei movimenti; i dettagli su cosa sarà possibile fare e cosa invece sarà vietato verranno dati dal Consiglio dei ministri.  In base alla Costituzione mozambicana lo stato d’emergenza può essere prorogato due volte, per un massimo di 90 giorni.  “Guidati dal supremo interesse per la tutela della salute pubblica, per tutti i mozambicani e gli stranieri residenti nel nostro Paese, abbiamo deciso di richiedere la quarantena obbligatoria per tutti i cittadini che sono recentemente tornati nel Paese o hanno avuto contatti con i casi confermati di covid-19” ha aggiunto il capo dello Stato. Tutti i tipi di incontri pubblici e privati, come cerimonie religiose, attività culturali e sportive, saranno vietati e saranno inoltre adottate misure di politica fiscale e monetaria per sostenere le imprese, ha affermato il presidente. [MS]
  • Angola Free

    Allo studio creazione zone extra-doganali

    ANGOLA -  Il governo di Luanda sta la vorando alla creazione di zone esentasse dove attirare l’installazione di società e investitori per stimolare l’economia angolana.

    A dirlo è stato il ministro dell’Economia e della Pianificazione, Sérgio Santos, precisando che le società che opereranno all’interno di queste zone esentasse beneficeranno di incentivi per un periodo rinnovabile di 25 anni.

    E’ prevista la possibilità di introdurre incentivi fiscali, finanziari, sul cambio di valuta, sull’applicazione dei contratti di lavoro e di migrazione.

    Il progetto di legge, che è stato discusso durante una riunione di governo prima di essere presentato al Parlamento, stabilisce gli obiettivi, i principi generali, gli incentivi e le strutture che lo Stato dovrebbe concedere agli investitori e alle società.

    Il documento include anche la possibilità di creare aree simili in determinate regioni, oltre che su decreto dello Stato, anche su richiesta di un'impresa privata. [MV]

  • Namibia Free

    Inaugurata la diga di Neckartal, un’opera realizzata...

    NAMIBIA - Un’opera fondamentale per dare acqua al deserto della Namibia, ed irrigare 5.000 ettari di terreno, stimolando l’agricoltura e creando occupazione. E’ Neckartal Dam, la più grande diga del Paese dell’Africa meridionale, realizzata da Salini Impregilo e inaugurata in questo mese di marzo. “Un’infrastruttura che diventa simbolo di una Namibia che vuole voltare pagina dopo le emergenze degli ultimi anni dovute alla forte siccità e punta alla sostenibilità ambientale con opere finalizzate a garantire la sicurezza idrica e l'autosufficienza alimentare del paese” scrive Salini Impregilo nel suo comunicato. Salini Impregilo ha realizzato la diga a circa 40 km a ovest di Keetmanshoop nella regione di Karas, nel sud della Namibia. L’opera costituisce la prima fase del Neckartal Irrigation Scheme (NIS), che prevede l'irrigazione per lo sviluppo agricolo dell'area, in particolare per la coltivazione di erba medica, uva e datteri. L'acqua sarà rilasciata dalla diga e lasciata scorrere a valle per 13 km fino a un pozzo di estrazione. Da lì, il sistema di approvvigionamento idrico del NIS la trasporterà nelle aree irrigate e, successivamente, alle singole zone agricole. La diga, realizzata utilizzando la tecnica Roller Compacted Concrete (RCC - calcestruzzo rullato compattato), è alta circa 78,5 metri e lunga 518 metri, e sfruttando le acque del fiume crea un bacino dalla capacità di 857 milioni di metri cubi e 39 km2 di superficie. Nella fase di costruzione della diga, che ha segnato un record in tema di safety per la regione dell'Africa meridionale, con oltre 1,1 milioni di ore lavorate senza incidenti dal luglio 2018, sono stati creati a Keetmanshoop e nell'area circostante in totale 5.500 posti di lavoro, di cui 3.000 diretti e circa 2.500 indiretti, il 65% dei quali provenienti dalla regione di Karas. Quando sarà a regime l’irrigazione delle aree circostanti, verrà creata occupazione per 4.000 persone, tra diretti ed indiretti, e la diga, oltre a contribuire alla produzione di risorse alimentari per gli allevamenti della regione, avrà un impatto positivo sul turismo e in generale sull’economia di Keetmanshoop e delle aree circostanti. Salini Impregilo è presente in Africa da quasi 70 anni con progetti che hanno contribuito allo sviluppo economico e infrastrutturale del continente e al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDG) delle Nazioni Unite. Il Gruppo è riconosciuto leader mondiale delle infrastrutture nel settore Acqua secondo la classifica ENR, attivo nell’intero ciclo idrico, dall’approvvigionamento a fini potabili e irrigui al trattamento finale delle acque reflue. Oltre 20 milioni di persone sono servite ogni giorno nel mondo dai soli impianti realizzati dalla controllata Fisia Italimpianti, mentre ulteriori 14 milioni di persone circa beneficeranno delle infrastrutture idrauliche attualmente in costruzione da parte del Gruppo, a cui si aggiungono 7 mila ettari di nuove terre irrigabili grazie alle dighe ad uso irrigo in costruzione. [CC]