Ghana

Afreximbank a sostegno del programma di industrializzazione

GHANA – L’African Export-Import Bank (Afreximbank) ha cominciato una serie di incontri con i principali istituti bancari ghanesi al fine di stabilire partenariati per finanziare il programma di industrializzazione promosso dal governo di Accra.

(169 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Niger Free

    Attacco di Kouré rivendicato dall’Isis

    NIGER - È stato rivendicato dallo Stato Islamico (Isis) l’attacco del parco delle giraffe di Kouré, in Niger, in cui sei francesi e i loro due accompagnatori nigerini sono stati assassinati lo scorso 9 agosto. La rivendicazione è riferita dalla stampa francese, che cita come fonte un comunicato diffuso dall’organo di propaganda dell’Isis, Al-Naba, autentificato dal Site Intelligence Group Entrerprise, un’azienda basata negli Stati Uniti specializzata nell’analisi delle comunicazioni dei gruppi terroristi. Il comunicato fa riferimento ad un attacco lampo contro un gruppo di «crociati» francesi e due «apostati» nigerini. Giunta oltre cinque settimane dopo la strage, secondo un esperto consultato dall’Afp, non è chiaro dal comunicato se l’operazione era stata preparata in anticipo né se la rivendicazione è puramente opportunista. Sette delle otto vittime lavoravano per l’Ong francese Acted. L’ultima vittima era il presidente dell’associazione delle guide delle giraffe di Kouré, a un’ora di strada dalla capitale, Niamey. [CC]
  • Nigeria Free

    Più stazioni di gas per ridurre dipendenza da benzina

    NIGERIA - A seguito della deregolamentazione del settore a valle dell'industria petrolifera e del gas con conseguente aumento dei prezzi alla pompa dei prodotti petroliferi, la Nigerian National Petroleum Corporation (Nnpc), ha riferito che le fonti di energia alternative, in particolare le stazioni di gas naturale compresso (CNG) saranno costruite in tutto il Paese. L’amministratore delegato del gruppo Nnpc, Mele Kyari, ha dichiarato in un'intervista che il suo gruppo ha già inserito in agenda operazioni per una migliore presenza commerciale. Essendo una compagnia energetica focalizzata su fonti di carburante più pulite ed economiche, Kyari ha detto che l'azienda petrolifera nazionale continuerà a lavorare con altre parti interessate del settore per fornire valide alternative alla benzina, cosa che alla fine porterebbe a una riduzione della domanda per il prodotto e l'eventuale riduzione del prezzo.
  • Ghana Free

    Fondi statali per società lavorazione legno

    GHANA - Il governo ghanese ha stanziato fondi a favore di una società attiva nel settore del legno. In totale alla Ayum Forest Product Limited andrà una cifra vicino al milione di euro (6,6 milioni di cedi, la valuta ghanese).  La Ayum Forest gestisce un impianto di lavorazione del legno a Mim, nell’Asunafo North District. I fondi dovrebbero consentire alla società di rilanciare le proprie attività.  Inaugurando il nuovo consiglio di amministrazione della società a Mim, il ministro del Commercio e dell’Industria, Alan Kwadwo Kyerematen, ha affermato che il sostegno è in linea con l’impegno del governo a decentralizzare il processo di industrializzazione assistendo vecchie e nuove aziende nelle aree rurali. Il ministro ha detto che il sostegno finanziario consentirà alla società di pagare gli arretrati salariali del personale, riorganizzare gli impianti e i macchinari della fabbrica, pagare una parte dei debiti dovuti ai fornitori di servizi essenziali e avere un capitale circolante per finanziare operazioni critiche. [MS]
  • Guinea Free

    Il fronte anti-Condé vuole tornare in piazza ma c’è...

    GUINEA – Vogliono ripartire dal 29 settembre le manifestazioni di protesta contro la candidatura del presidente Alpha Condé a un terzo mandato consecutivo. Lo ha annunciato ieri Fronte nazionale per la difesa della democrazia (Fndc), la piattaforma di movimenti politici, della società civile e di cittadini che militano contro il disegno del presidente, reso possibile da una modifica alla Costituzione adottata a marzo scorso tramite un controverso referendum. Abdourahamane Sano, coordinatore nazionale del Fndc, ha precisato l’intento di dare luogo a manifestazioni pacifiche. La storia guineana insegna però che raramente le proteste di piazza non sono sfociate nella violenza contro le forze dell’ordine. Nel contesto della pandemia di covid-19, il presidente Condé ha prorogato di un mese lo stato d’emergenza a partire dal 16 settembre. Il provvedimento pone limiti ai raduni pubblici, impedendo de facto lo svolgimento di manifestazioni di massa. [CC]
  • Ghana Free

    Entro prossimo anno via ai lavori del porto di Keta

    GHANA - Il governo di Accra intende avviare i lavori di costruzione del nuovo porto di Keta, nella regione del Volta nei pressi del confine con il Togo, entro il prossimo anno.

    A dirlo è stato nel corso di un’audizione parlamentare il ministro dei Traporti ghanese, Kwaku Ofori Asiamah, ricordando che entro il primo trimestre del 2021 sarà consegnato lo studio di fattibilità del progetto assegnato a giugno a un consorzio di imprese guidato dalla tedesca Sellhorn Ingenieurgesellschaft e di cui fanno parte anche altre due aziende tedesche, la ProTeln Service GmbH e la PSP Architekten Ingenieure e la ghanese Yogarib Engineering Services.

    Il futuro porto di Keta dovrebbe diventare la terza piattaforma portuale del Ghana dopo quelle di Tema (Accra) e Takoradi, offrendo una porta d’ingresso privilegiata per quei Paesi privi di sbocco al mare situati al confine settentrionale del Ghana. [MV]

  • Costa Avorio Free

    Cresce il consumo di butano, aumenta la capacità di...

    COSTA D’AVORIO - In risposta a una domanda crescente di gas butano, il ministro ivoriano del Petrolio e dell’Energia ha dato il via ufficiale ai lavori di costruzione di un nuovo serbatoio di stoccaggio nel terminal petrolifero di Abidjan-Vidri. «Prevediamo un aumento medio del consumo del 10% all’anno per il decennio 2020-2030. Entro il 2030, ben 930.000 tonnellate di butano saranno consumate in Costa d’Avorio» ha detto il ministro Abdourahmane Cissé. La cisterna è una sfera A22 con capacità di 2.000 tonnellate, che si aggiungono alle 4.000 già esistenti. Per la sua realizzazione, la società pubblica Gestoci ha investito 4 miliardi di franchi Cfa, pari a 6 milioni di euro. Il programma di rafforzamento delle capacità di stoccaggio del butano non riguarda solo Abidjan, ma anche altre zone all’interno del Paese. [CC]