Etiopia

Azienda messinese fornisce impianti irrigazione per formazione agricola in Etiopia

ETIOPIA – Sarà l’azienda messinese Irritec a progettare e fornire materiali e assistenza per gli impianti d’irrigazione a goccia realizzati nell’ambito del progetto Employ destinato alla formazione in campo agricolo promosso da diverse organizzazioni non governative italiane in 100 villaggi rurali nella zona di Wolaita nella regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud (SNNP).

A renderlo noto è stata la stessa azienda specializzata nella realizzazione di prodotti per l’irrigazione a goccia, ricordando che il progetto Employ viene portata avanti dall’organizzazione non governativa Comitato europeo per la formazione e l’agricoltura (CEFA) insieme al Comitato di collegamento di cattolici per una Civiltà dell’Amore ed è stato finanziato dal ministero dell’Interno italiano nell’ottica di un nuovo modo di fare cooperazione internazionale per il lavoro e la formazione in Africa.

In base a quel che viene reso noto, il sistema fornito da Irritec funzionerà grazie all’energia fotovoltaica garantita da pannelli solari volti ad azionare una pompa ad asse orizzontale che aspirerà da un fiume e invierà l’acqua alle aziende agricole. L’impianto è stato progettato per lavorare a bassa pressione, riducendo il consumo di energia, e razionalizzare al massimo la risorsa idrica e l’uso dei fertilizzanti, usando una tecnologia semplice ma efficace, per facilitarne l’impiego da parte di persone ancora alle prime esperienze con l’irrigazione tecnificata. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • AfricaEtiopia Free

    A febbraio ad Addis Abeba forum sul settore sanitario

    AFRICA - Si terrà ad Addis Abeba in Etiopia il prossimo 12 febbraio la prima edizione di ‘Africa Business: Healh Forum’, un evento che si propone di rafforzare la cooperazione tra settore pubblico e privato in ambito sanitario in Africa. A segnalarlo sono i promotori dell’iniziativa tra cui spiccano la Fondazione Aliko Dangote, la coalizione GBCHealth e la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa (UNECA). Obiettivo dell’evento è in particolare aumentare la partecipazione del settore privato allo scopo di migliorare la fornitura di servizi sanitari nel continente. Allo stato attuale non sono disponibili maggiori informazioni sull’evento, ma è possibile segnalare il proprio interesse registrandosi qui.
  • Etiopia Free

    Un nuovo sistema di monitoraggio per realizzare le...

    ETIOPIA – Passerà presto al vaglio del Parlamento di Addis Ababa un nuovo progetto di legge che prevede un nuovo meccanismo standardizzato per verificare e gestire i grandi progetti infrastrutturali ed energetici nazionali dell’Etiopia. Lo riferisce l’agenzia di stampa ufficiale etiopica, Ena, precisando che il progetto di legge è stato realizzato e licenziato dalla Commissione di pianificazione e sviluppo e prevede modalità con cui monitorare e amministrare sistematicamente la realizzazione delle grandi opere a livello nazionale. Il disegno di legge istituirà un sistema attraverso il quale si potrà chiaramente impostare il ciclo operativo e di pianificazione per la pubblicazione dei megaprogetti. Avrà sei linee guida e strumenti che aiuteranno a gestire la costruzione e l'implementazione dei progetti in corso o futuri. "Il disegno di legge prevede sei linee guida, tra cui l'individuazione della posizione migliore per i progetti, la preparazione di un piano di attività di pre-costruzione, la valutazione preliminare dell'attuazione dei progetti, la valutazione intermedia della costruzione di progetti, valutazione finale e seguito dell'attuazione dei progetti dopo il completamento" ha spiegato il direttore della Commissione per lo sviluppo dei progetti, Bereket Tesfatsion.
  • Kenya Free

    Il mercato cinese si apre ai prodotti agricoli del...

    KENYA – Diversi prodotti agricoli keniani hanno trovato un nuovo sbocco commerciale con l’apertura del mercato cinese, consecutivo alla firma di accordi fitosanitari tra i governi di Nairobi e di Pechino. Gli accordi prevedono protocolli per determinare la qualità dei prodotti che potranno essere esportati e venduti dai produttori keniani in Cina. Uno di questi prodotti è l’avocado, di cui il Kenya è stato il maggiore esportatore africano nel 2017, davanti al Sudafrica, con un valore di quasi 80 milioni di dollari. I ministero keniano del Commercio e dell’Industria ha fatto sapere che è in corso la creazione di una lista di prodotti prioritari, con all’interno la noce di macadamia, gli arachidi, certi tipi di frutta come il mango, prodotti di origine animale come la carne e il pellame, ma anche i fiori, per i quali il Kenya è un punto di riferimento mondiale. Inoltre, una squadra speciale è stata istituita per lavorare su modalità di facilitazione d’ingresso per i commercianti keniani e per la riduzione del peso dei dazi doganali. La bilancia commerciale tra Kenya e Cina è nettamente in favore del gigante asiatico, che ha venduto l’anno scorso alla nazione africana beni per 3,78 miliardi di dollari, contro 167 milioni di dollari di esportazioni keniane verso la Cina. [CC]
  • Tanzania Free

    BM e Danimarca sospendono finanziamenti per violazione...

    TANZANIA – La Banca Mondiale (BM) ha sospeso un prestito alla Tanzania del valore di 300 milioni di dollari, che corrisponde ad una parte consistente di un finanziamento da 500 milioni concesso nel 2018. Il gesto della BM è una repressione contro il provvedimento, voluto dal presidente John Magufuli, di bloccare l’accesso a scuola alle adolescenti rimaste incinte. “La BM sostiene politiche che incoraggiano l’istruzione delle ragazze e consentono di frequentare la scuola fino al raggiungimento del pieno potenziale. Il ritorno economico e sociale dell’istruzione delle ragazze è molto elevato in tutte le società per le generazioni attuali e future. Insieme ai nostri partner, la BM continuerà a sostenere l’accesso all’istruzione per le ragazze attraverso il dialogo con il governo tanzaniano” ha detto un portavoce dell’istituzione finanziaria. Nella scia della BM, anche la Danimarca, secondo donatore per il Paese dell’Africa orientale, ha annunciato il ritiro di progetti per quasi 10 milioni di dollari, in segno di protesta contro “commenti omofobi inaccettabili” rilasciati da un ufficiale del governo. Paul Makonda, capo amministrativo di Dar es Salaam, ha infatti annunciato “retate” contro omosessuali, sostenendo di avere già una lunga lista di nomi di persone da arrestare. [CC]
  • Tanzania Free

    Guerra degli anacardi, Magufuli manda l'esercito a...

    TANZANIA – Il presidente John Magufuli è passato dalle minacce all’azione, ordinando alle forze armate nazionali di andare a ritirare l’intera produzione nazionale di anacardi per la stagione in corso. Si tratta della seconda puntata della “guerra degli anacardi” già costata il licenziamento dei ministri dell’Agricoltura, Charles Tizeba, e del Commercio e degli investimenti, Charles Mwijage. Sarà la Banca per lo sviluppo dell’Agricoltura della Tanzania a farsi carico della spesa dell’acquisto, al prezzo deciso dal governo, a 3.300 scellini (1,27 euro) al chilo. Nei giorni scorsi, Magufuli si è schierato con i coltivatori, che accusano i grossisti di tenere bassi i prezzi e contravvenire a precedenti accordi, con una proposta di acquisto di soli 1.500 scellini al chilo. In questa vera e propria campagna, Magufuli ha preso di mira la Cashewnut Board of Tanzania (CBT) revocando l’incarico del presidente della stessa CBT, Anna Abdallah. La presa di posizione del presidente ha suscitato critiche  tra deputati del suo stesso partito Chama Cha Mapinduzi  e dell’opposizione, che ritengono sia più giusto lasciare la legge del mercato fissare i prezzi. Magufuli ha invece ricevuto il plauso di uno dei più ricco uomini d’affari del Paese, Rostam Aziz, già tesoriere del suo partito, che ha commentato: “Quando la legge del mercato purtroppo non funziona come dovrebbe, il governo non ha altra scelta che intervenire”. In questa stagione, la produzione attesa è di 210.000 tonnellate di anacardi.  [CC]
  • Sudan Free

    Unione Europea e Italia impegnate per promuovere salute...

    SUDAN - Hanno un valore pari a 14 milioni di euro le due iniziative promosse dalla delegazione dell’Unione Europea in Sudan e l’Ambasciata Italiana a Khartoum insieme all’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) nel campo della sanità e dell’acceso all’acqua potabile. A darne notizia è la stessa Ambasciata italiana, specificando che i due programmi sono rivolti alla popolazione più vulnerabile dei tre Stati di Kassala, Gedaref e Red Sea. Entrambe le iniziative si concentrano sul capacity building e nell’incoraggiare il coinvolgimento e la sensibilizzazione delle comunità sui rischi e sui comportamenti appropriati nell’ambito della salute, promuovendo nel contempo buone pratiche igienico sanitarie. Le attività vengono svolte in partenariato con il ministero sudanese della Salute, dell’Irrigazione e Acqua e dell’Istruzione con l’obiettivo di promuovere la salute primaria e riproduttiva, la nutrizione e l’accesso all’acqua potabile. “L’accesso all'acqua e ai servizi igienico-sanitari nei tre Stati è estremamente limitato - ha detto l’ambasciatore italiano Fabrizio Lobasso - inoltre, tali aree sono interessate da un importante flusso migratorio che contribuisce a ridurre la capacità delle comunità a far fronte ai bisogni della popolazione con un conseguente ulteriore degrado della situazione. Il nostro obiettivo principale è garantire l'efficienza e l'efficacia dei nostri interventi”.