Marocco

Enel Green Power firma contratti di finanziamento per parco eolico in Marocco

MAROCCO – Enel Green Power ha reso noto di aver firmato tutti i contratti di finanziamento per avviare la costruzione a Midelt, nell’omonima provincia marocchina situata 200 chilometri a sud di Fes, del primo degli impianti eolici inclusi nel Progetto eolico integrato da 850 megawatt.

A firmare i contratti, che costituiscono il passaggio finale necessario per avviare i lavori di costruzione, sono state anche la società Nareva, considerata la principale azienda elettrica indipendente marocchina che insieme a Enel Green Power e all’agenzia marocchina per l’energia sostenibile MASEN costituisce il consorzio Midelt Wind Farm responsabile del progetto e la compagnia marocchina Ufficio nazionale dell’elettricità e dell’acqua potabile (ONEE).

L’investimento totale nel parco eolico di Midelt è pari a circa 230 milioni di euro ed è finanziato dagli azionisti tramite equity e da ONEE tramite debito, utilizzando una innovativa struttura finanziaria pubblico/privata. In particolare, ONEE ha avuto accesso a finanziamenti da parte della Banca tedesca per lo sviluppo (KfW), la Banca europea per gli investimenti (BEI) e dalla Commissione Europea.

In base a quel che viene reso noto, i lavori di costruzione del nuovo parco, che avrà una capacità di 180 MW, dovrebbero terminare in 24 mesi.

“Con questo primo, importante passo che muoviamo oggi, Enel Green Power contribuisce al soddisfacimento della domanda di energia in Marocco, aiutando il Paese alla realizzazione dei suoi obiettivi di aumento della generazione da fonti rinnovabili, come annunciato nella strategia energetica nazionale – ha detto il responsabile di Enel Green Power, Antonio Cammisecra – Portiamo in Marocco le nostre competenze da leader di settore e, attraverso la realizzazione di questi progetti, prevediamo di consolidare la nostra presenza nel Paese”.

Una parte significativa delle principali componenti del parco, soprattutto pale e torri, sarà fabbricata in Marocco con il supporto di Siemens Gamesa, fornitore esclusivo di turbine eoliche per il progetto. 

Una volta entrato in esercizio il parco eolico, l’energia elettrica prodotta sarà venduta ad ONEE in base ad un accordo di acquisto e fornitura di energia di 20 anni. Si prevede che Midelt produca energia in misura equivalente ai consumi di una città come Agadir, che conta 500.000 abitanti, e che eviti l’emissione di circa 400.000 tonnellate di CO2 l’anno in atmosfera. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Libia Free

    Dal 14 al 16 aprile in Libia la conferenza nazionale

    LIBIA - La Conferenza nazionale della Libia, il primo passo stabilito dalla road map Onu per arrivare a elezioni nel tormentato paese nordafricano, si terrà dal 14 al 16 aprile “sul suolo libico”. Ad annunciarlo è stato l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia, Ghassan Salamé. Non ci sarà “alcuna eccezione negli inviti a partecipare alla conferenza nazionale in aprile”, ha sottolineato Salamé augurandosi che questa conferenza sia il risultato chiaro di tutti i processi di concertazione e di intesa fra le parti libiche”. Secondo l’inviato speciale, i lavori preparatori sono già in corso. Lo svolgimento della conferenza era stato previsto da Salamé per gennaio o comunque per le prime settimane dell’anno al fine di consentire lo svolgimento di elezioni già a giugno. Le divisioni tra le varie fazioni libiche, soprattutto quelle che appoggiano il premier Fayez al-Sarraj e il generale Khalifa Haftar, hanno però ritardato i tempi. Alla conferenza di aprile, come sottolinea il sito Onu Italia, “nessuno sarà escluso a meno che qualche controparte decida di non partecipare”. A prendere parte alla “Multaqa Watani” potrebbero essere tra 120 e 150 rappresentanti ma non ci saranno parti straniere, ha precisato l’inviato Onu affermando che la conferenza affronterà tutte le questioni controverse affinché i libici possano decidere quale sarà il prossimo passo. [CC]
  • Egitto Free

    Una metropolitana per Mansoura con i francesi di Systra

    EGITTO - Il governatore di Daqahliya nel delta del Nilo, Kamal Sharobim, ha discusso con esperti della società francese di ingegneria dei trasporti pubblici Systra, proposte per istituire un sistema di metropolitana nella capitale del governatorato, Mansoura. A darne notizia è stata l’agenzia di stampa egiziana Mena. Ai colloqui hanno partecipato anche rappresentanti dell'Ente nazionale egiziano per i tunnel ( National Authority for Tunnels). Le due parti hanno discusso le proposte per affrontare il problema del traffico di Mansoura, tra cui la creazione di un sistema metropolitano che coprirebbe una distanza totale di 27 chilometri, una rete di tram e un sistema di monorotaia. I funzionari hanno discusso del processo di preparazione degli studi tecnici necessari per costruire il sistema metropolitano. Il progetto sarebbe finanziato dal governo francese. Daqahliya è uno dei governatorati più popolati d'Egitto e ospita oltre 6,5 milioni di persone, secondo i dati pubblicati dall’agenzia statale di statistica Capmas. La popolazione dell’area metropolitana di Mansura è stimata a circa un milione. Sharobim ha esaminato i risultati degli studi condotti dal gruppo francese, compreso il costo totale del progetto, prima di sottoporli all’esame del presidente Abdel-Fattah El-Sisi. Se approvata, questa sarà la seconda rete metropolitana egiziana dopo la metropolitana del Cairo, che ha iniziato a funzionare alla fine del 1987 e attualmente serve oltre 3,5 milioni di passeggeri al giorno. [MS]
  • KenyaMarocco Free

    Accordo tra Kcb Bank e Attijariwafa

    KENYA / MAROCCO - Kcb Bank Kenya Limited ha firmato un accordo con il gigante del credito del Marocco, il gruppo bancario Attijariwafa, per promuovere il commercio transfrontaliero e approfondire l’inclusione finanziaria. L’accordo firmato a Casablanca dovrebbe contribuire a promuovere la condivisione delle migliori pratiche nel settore bancario, finanziario e commerciale nell’Africa orientale e settentrionale. Lo Chief operating officer del Gruppo Kcb, Samuel Makome, ha detto che la collaborazione tra le due banche sarà legata all’ormai cruciale banking digitale e mobile. “Questo accordo contribuirà anche a sostenere i settori dell’edilizia abitativa e delle infrastrutture, intraprendendo progetti, fornendo supporto tecnico e condividendo le migliori pratiche. Mentre intraprendiamo la cooperazione in ciascuna area, entrambe le banche concorderanno sugli investimenti necessari per ogni iniziativa specifica” ha affermato Makome a margine dell’International Africa Development Forum. Avvicinare le due istituzioni finanziarie dovrebbe consentire di aprire nuove opportunità di mercato per i clienti che entrambe le banche servono in particolare imprese locali e Pmi. Le banche istituiranno inoltre un meccanismo di cooperazione nel campo delle risorse umane e della formazione. [MS]
  • Algeria Free

    Il segretario generale del Fln sostiene la...

    ALGERIA – Mouad Bouchareb, segretario generale ad interim del Fronte di liberazione nazionale (Fln), partito di governo e formazione del presidente della Repubblica Abdelaziz Bouteflika, sta dalla parte della contestazione popolare: lo ha annunciato ieri lo stesso Bouchareb durante una riunione del partito ad Algeri. Secondo alcune fonti di stampa, la riunione è stata molto tesa e ha portato persino allo scontro diversi membri dello storico partito. All’interno del Fln diversi elementi si sono già espressi contro la decisione dei vertici di candidare un’ennesima volta Bouteflika alla presidenza, decisione che ha scatenato un movimento popolare di contestazione senza precedenti. “E’ venuta l’occasione di ricostruire il partito” ha lanciato Bouchareb, deplorando che da anni non si riesce a trovare un vero consenso sulla gestione politica della formazione. Ad abbandonare il sostegno a Bouteflika è stato anche, in questi giorni, il portavoce del Rnd, secondo partito rappresentato in Parlamento. Seddik Chihab, durante un programma televisivo, ha affermato che la candidatura di Bouteflika è stata un “errore grave” e che sono “forze anticostituzionali” ad aver guidato il Paese negli ultimi 5, 6 o 7 anni. [CC]
  • Egitto Free

    Intesa con Nissan per produrre localmente più veicoli

    EGITTO – L’Egitto vuole aumentare il volume di autoveicoli prodotti all’anno e far crescere la parte egiziana nella componente automotive del settore. Per questo, è stato firmato un accordo tra la ditta locale statale El Nasr Automotive Manufacturing e il gruppo giapponese Nissan, che dal canto suo vuole far crescere il suo volume d’affari sul mercato egiziano. Si prevede che con questo nuovo ritmo, la Nissan possa far passare le proprie quote di mercato dal 15% al 20% in tre anni. L’accordo prevede un aumento di produzione fino a 100.000 veicoli prodotti ogni anno a livello locale. L’intesa è stata annunciata attraverso un comunicato del ministero incaricato delle aziende pubbliche. Il contratto finale dovrebbe essere ultimato entro tre mesi. El Nasr Automotive Manufacturing aveva cessato le proprie attività per un periodo a partire dal 2009, prima di ripartire con la produzione. E’ protagonista di diversi accordi con produttori automobilitici internazionali, tra cui l’italiano Fiat. Con i suoi 97 milioni di consumatori, l’Egitto è considerato un mercato di grande valore per l’industria automobilistica. [CC]
  • Egitto Free

    Allo studio nuovi progetti ferrovie metropolitane

    EGITTO - Il governo del Cairo sta studiando la possibilità di costruire nuove linee ferroviarie metropolitane per decongestionare il traffico nella capitale. A dirlo è stato il ministro dei Trasporti Kamel El Wazir, precisando che al momento è allo studio l’estensione di una ferrovia esistente per 8,7 chilometri verso il governatorato di Qalyubia, nel delta del Nilo, a breve distanza a nord della capitale Il Cairo.  Secondo El Wazir, per questa iniziativa i cui lavori di realizzazione dovrebbero durare circa un anno l’investimento previsto sarebbe pari a poco più di 400 milioni di euro. Altri due progetti riguardano invece la costruzione di ferrovie metropolitane nel governatorato di Dakahlia, situato a nord-est della capitale, e nel governatorato di Assiut, sulla riva sinistra del fiume Nilo a sud della capitale. Per questi altri due progetti non sono stati invece specificati i termini economici né i tempi previsti di realizzazione. [MV]