Mozambico

Ortofrutta e cooperazione win-win, Macfrut si presenta a Maputo

MOZAMBICO – Sarà presentata oggi a Maputo l’edizione 2019 di Macfrut, uno tra i principali appuntamenti fieristici internazionali dedicati all’agribusiness e in programma a Rimini dall’8 al 10 maggio. Quella del 2019 sarà un’edizione con un focus speciale sull’Africa sub-sahariana e il Mozambico sarà uno dei Paesi presenti.

All’iniziativa di oggi saranno presenti il ministro dell’Agricoltura mozambicano, Higino Francisco de Marrule, e il presidente di Macfrut, Renzo Piraccini. Un messaggio di benvenuto sarà dato dall’ambasciatore italiano a Maputo, Marco Conticelli; interverranno anche Gil Bires, dell’Agenzia per la promozione degli investimenti e delle esportazioni del Mozambico (Apiex), e Andrea Carapellese, in rappresentanza di Unido Itpo Italia.

Proprio Unido ha dato sostegno all’iniziativa nell’ambito delle sue attività a sostegno degli operatori privati e istituzionali locali operanti nel settore agricolo e agro-industriale.

“Dal nostro punto di vista, l’organizzazione di questa missione – sottolinea Unido – e l’inclusione del Mozambico tra i paesi focus del Macfrut per l’edizione 2019, rappresenta un’interessante opportunità per il Paese, e al tempo stesso, il coronamento di un lavoro di avvicinamento tra le realtà imprenditoriali dei due Paesi al quale abbiamo lavorato nelle ultime tre edizioni della fiera in Italia”.

Il programma della missione – della delegazione italiana fa parte anche Alessandra Ravaioli, presidente dell’Associazione nazionale donne dell’ortofrutta – include visite di campo con coltivatori e produttori commerciali, incontri con importatori e distributori, visite a campi prova, mercati grossisti e incontri d’affari.

Per il Mozambico il potenziamento del settore agricolo e quindi anche di quello ortofrutticolo rappresenta una priorità di sviluppo economico e sociale. Secondo stime correnti, il comparto agricolo contribuisce a un quarto del Pil e impiega il 75% della forza lavoro. Nonostante la ricchezza di risorse, il Paese risente dell’incidenza dei cambiamenti climatici e di una generale bassa produttività che lo rendono di fatto un importatore netto di cibo. Con una popolazione in forte crescita è quindi indispensabile per il Mozambico avviare collaborazioni per rafforzare le produzioni agricole e Macfrut, da questo punto di vista, può rappresentare una piazza ideale. In generale, secondo i promotori della missione, Macfrut può trovare nel Mozambico un Paese complementare all’Italia sotto il punto di vista dei prodotti, delle dimensioni medie aziendali e della vicinanza culturale; per il Mozambico Macfrut può essere a sua volta una corsia preferenziale per identificare tecnologie e best practices che meglio rispondono alle sue esigenze.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Approvato finanziamento diga in Angola, nel consorzio...

    ANGOLA - Un consorzio di banche europee, tra cui figura anche l’italiana Unicredit, finanzierà lo Stato angolano con 1.060 milioni di euro, per assicurare la costruzione della nuova centrale idroelettrica di Caculo Cabaça, che sarà la maggiore diga dell'Angola. A segnalarlo è l’Ufficio di Luanda dell’Agenzia ICE, precisando che del consorzio oltre all’italiana Unicredit fa parte anche la tedesca Commerzbank. Secondo l'ordine firmato dal presidente angolano, João Lourenço, attraverso il quale è stato approvato il finanziamento, vi è "la necessità di garantire il finanziamento per la fornitura e l'installazione di apparecchiature elettromeccaniche per la centrale idroelettrica di Caculo Cabaça, inclusa nel Programma di investimenti pubblici, nell'ambito della politica di investimenti per lo sviluppo economico e sociale del Paese". La centrale idroelettrica di Caculo Cabaça, nel comune del municipio di Banga, provincia di Cuanza Norte, sarà, entro cinque anni, la maggiore diga dell'Angola, generando 2.172 megawatt (MW) di elettricità. Con 103 metri di altezza massima, la diga immagazzinerà 440 milioni di metri cubi di acqua e integrerà una centrale e un circuito idraulico previsti per un flusso di 1.100 metri cubi di acqua da caricare al secondo, tra quattro gruppi elettrogeni. Secondo il ministro dell'Energia e dell'Acqua, João Baptista Borges, è un "grande progetto" nazionale perché l'Angola raggiunga l'obiettivo di 9.000 MW di capacità installata in tutto il Paese entro il 2025. A portare avanti i lavori di costruzione è a società China Ghezouba Group Company (CGGC).
  • Lesotho Free

    A gennaio pre-qualifica per seconda fase lavori...

    LESOTHO - Sarà lanciata a gennaio la gara per la pre-qualificazione alla seconda fase di lavori per la costruzione delProgetto idrico delle Highlands del Lesotho (LHWP), che prevede la costruzione di una nuova diga e di un tunnel per il trasporto dell’acqua. A segnalarlo sono i media specializzati, ricordando che il progetto mira ad un duplice obiettivo: garantire acqua alla principale regione del Gautengiin Sudafrica e generare sufficiente energia elettrica per il regno del Lesotho. Secondo quel che ha dichiarato il responsabile del progetto, Tente Tente, la seconda fase dei lavori prevede la costruzione di una diga alta 165 metri a Polihali e di un tunnel lungo 38 chilometri per trasportare l’acqua da questa nuova diga a quella di Katse, costruita nella prima fase del progetto. I documenti di pre-qualificazione includeranno requisiti per la partecipazione di appaltatori locali del Lesotho e Sudafrica. [MV]
  • Sudafrica Free

    Sostegno dalla Francia per migliorare trasmissione...

    SUDAFRICA - L’azienda elettrica statale sudafricana Eskom ha reso noto di aver ottenuto un prestito dall’Agenzia francese per lo sviluppo (AFD) per migliorare la capacità di trasmissione dell’energia. In base a quel che viene riportato, il prestito concesso dall’agenzia francese per la cooperazione allo sviluppo è pari a 92,6 milioni di euro. A renderlo noto è stata la stessa Eskom, precisando che la linea di credito fornita dall’AFD si propone di sostenere la politica di investimento della compagnia sudafricana per rafforzare la sua rete elettrica ad alta tensione e garantire l'integrazione delle fonti di energia rinnovabile pianificate o in costruzione. In base a quel che viene riportato, il piano di sviluppo della rete di trasmissione di Eskom per il periodo 2019-2028 prevede investimenti per un valore complessivo pari a 5,6 miliardi di euro da destinare alla costruzione di 6535 chilometri di linee ad alta tensione e all’installazione di trasformatori per una capacità aggiuntiva di 45.900 MVA. [MV]
  • Angola Free

    Bando di gara per l’acquisto di medicinali

    ANGOLA – L’Angola ha bisogno di medicinali e sta per aprire un bando per l’acquisto di 28,6 milioni di prodotti farmaceutici. Lo riferisce la stampa locale, che cita una nota ufficiale in cui il presidente della Repubblica, Joao Lourenço, autorizza l’apertura della pratica di appalto pubblico. Il bando sarà inserito nel sistema nazionale di contrattazione pubblica elettronica. Il provvedimento si spiega da una certa “urgenza” di forniture da parte delle strutture ospedaliere. Il processo sarà sotto la supervisione della ministra della Salute, Silvia Paula Lutucuta. [CC]
  • Angola Free

    Relazioni commerciali tra Italia e Angola vicine a 1,2...

    ANGOLA - Le relazioni commerciali tra Angola e Italia sono attualmente valutate in una cifra pari a un miliardo e 180 milioni di euro. A segnalarlo è l’Ufficio di Luanda dell’Agenzia ICE, precisando che i dati sono stati forniti dall'amministratore dell'Agenzia di Investimento Privato e Promozione delle Esportazioni (Aipex), Lello Francisco. In base a quel che viene reso noto, 968 milioni di euro corrispondono alle esportazioni dell'Angola verso l'Italia, principalmente prodotti petroliferi, mentre circa 300 milioni sono le importazioni dell'Angola dall'Italia, basate in particolare su macchinari e attrezzature. A margine del forum su “Agribusiness Angola-Italia”, Francisco ha dichiarato che, negli ultimi quattro mesi dalla creazione dell'Aipex, non hanno ancora ricevuto proposte di investimenti privati dall'Italia, pur elogiando la realtà del gruppo Inalca, da anni operativo in Angola nel settore della produzione e distribuzione di generi alimentari. Se dipendesse dall'Aipex indicare i segmenti di investimento privato per gli Italiani, secondo Lello Francisco, quelli in cui gli italiani avrebbero vantaggi competitivi e comparativi molto grandi sono la produzione alimentare, di frutta, il tessile e le calzature. Il forum sull’agro-business Angola-Italia è stato promosso dall'Agenzia di Investimento Privato e Promozione delle Esportazioni (Aipex) in collaborazione con l'ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane (ITA), nell'ambito della presentazione della fiera MACFRUT 2019 in Angola. All'evento hanno partecipato diverse imprese angolane e sette aziende italiane legate al settore agricolo.
  • Angola Free

    Chiude in Angola il tour di presentazione di Macfrut...

    ANGOLA - Si è conclusa con un incontro a Luanda la missione di presentazione in Africa sub-sahariana dell’edizione 2019 di Macfrut, fiera internazionale dedicata al settore dell’ortofrutta che avrà luogo a Rimini dall’8 al 10 maggio prossimi. A segnalarlo è l’ufficio stampa dell’evento fieristico, rendendo noto che all’incontro di Luanda erano presenti più di 200 operatori del settore ortofrutticolo, insieme all’Ambasciatore italiano in Angola Claudio Miscia, al direttore di ICE Milena del Grosso, e al Segretario di Stato per l’economia Sergio de Sousa Mendes dos Santos. L’evento, a cui hanno partecipato anche sei imprese italiane della filiera che si sono presentate al mercato angolano - Apofruit, Canova, Novafruit, RK Growers, Sativa, Vivai Battistini - è stato l’opportunità per esaminare le opportunità di collaborazione tra Angola e Italia nel settore ortofrutticolo. “La grande partecipazione di operatori è il segno più evidente del grande interesse che riscuote il settore ortofrutticolo in Angola - ha detto Renzo Piraccini, presidente di Macfrut - Esistono quindi ottime opportunità per le imprese italiane, soprattutto del pre-raccolta, che possono trovare qui un importante mercato. Ma l’Angola può essere un interessante compratore di mele, kiwi e uva da tavola. A Macfrut 2019, all’interno del Padiglione Africa, ci sarà una presenza molto numerosa di operatori dall’Angola che hanno bisogno di crescere e migliorare la loro filiera”.