Kenya

Vice presidente Ruto a Roma: invito a investire in Kenya

KENYA – Investire in Kenya per farsi largo in una zona di libero scambio commerciale che, a breve, conterà 165 milioni di consumatori e un Pil complessivo di 1,3 triliardi di dollari. È l’invito che William Ruto, vice-presidente della Repubblica del Kenya, ha rivolto alla platea radunatasi ieri alla Società Geografica Italiana in occasione della sua visita in Italia, a Roma.

Alla conferenza, organizzata dall’Associazione per il Commercio Italo Keniana con il sostegno del CRA – Centro Relazioni con l’Africa, Africa e Affari, Confindustria Assafrica&Mediterraneo, Società Geografica Italiana, oltre al vice-presidente Ruto hanno partecipato come relatori il Presidente del CRA Paolo Sannella, il Presidente di Confindustria Assafrica&Mediterraneo Giovanni Ottati, Mario Pedretti dell’Associazione per il Commercio Italo-Keniana, l’avvocato Dario Bognolo e il direttore di Africa e Affari Massimo Zaurrini, alla presenza della delegazione proveniente dal Kenya e di un pubblico numeroso e attento.

Partendo dalla vicinanza anche linguistica tra Kenya e Italia, lo swahili fu traslitterato per la prima volta dai padri comboniani, Ruto ha presentato un Kenya in cui le opportunità di investimento per le imprese italiane sono tantissime e in ogni settore: il Paese africano ha un Pil che vale 90 miliardi di dollari, spinto soprattutto dall’esportazione del caffè, dalla manifattura del pellame, dalla tecnologia e dalle infrastrutture pubbliche, fino alle nuove scommesse governative sul social housing. Ruto ha rivendicato lo spirito pionieristico dell’economia keniota, che punta a rilanciare piuttosto che a godersi i fasti dei numeri record degli ultimi anni: “Abbiamo lavorato, anche questa mattina con esponenti del governo italiano, a un passo avanti necessario nei nostri rapporti” ha sottolineato Ruto durante il suo discorso.

Solo negli ultimi tre anni sono ben 1,5 i miliardi di dollari investiti dalle aziende italiane nel paese africano, 90.000 i turisti italiani che ogni anno visitano il Paese tanto che “in città come Malindi sono forse più i cittadini italiani che i kenioti residenti”.

Un rapporto privilegiato di conoscenza e rispettosa curiosità che Ruto ha speso  per illustrare i benefici che l’AfCFTA – African Continental Free Trade Area, l’area di libero scambio economico cui il Kenya ha aderito, rappresenta per gli investitori italiani: passare da 45 milioni di consumatori e un Pil di 9 miliardi a una platea ben più ampia fa del Kenya non solo un attore entusiasta all’interno di quest’area economica tutta africana ma anche la porta principale attraverso cui le imprese italiane possono avere accesso alle nuove opportunità offerte dal continente. [SEGUE]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Africa Orientale Free

    Economic Outlook 2019 (2): Africa orientale continua a...

    AFR ORIENTALE - I Paesi dell'Africa orientale si confermano per il quarto anno consecutivo quelli che sono cresciuti anche nel 2018 al ritmo più sostenuto in tutto il continente, con la tendenza a mantenere questo primato anche nel prossimo biennio. Secondo le stime ontenute nell'edizione di quest'anno dell'African Economic Outlook della Banca africana di sviluppo (AfDB), le economie regionali hanno infatti registrato un tasso di crescita del 5,7% lo scorso anno con proiezioni di un'ulteriore espansione al 5,9% per questo 2019 e del 6,1% nel 2020. Etiopia, Rwanda, Tanzania, Kenya e Gibuti sono nell'ordine i Paesi che trainano la crescita regionale con tassi superiori alla media, anche se il quadro deve tenere conto della debolezza legata all'instabilità politica in Burundi e nelle Comore mentre il conflitto in corso in Sud Sudan contribuisce a far registrare in questo Paese una contrazione che nel 2018 ha segnato un calo del prodotto interno lordo del 3,8% con una tendenza a mantenere questo ritmo anche nel prossimo biennio. In Etiopia, dopo il parziale rallentantamento registrato nell'anno fiscale 2017/18 legato alle incertezze politiche e allo stato d'emergenza che aveva portato l'economia a segnare una crescita economica del 7,7%, è attesa una nuova espansione fino all'8,2% nel corso degli prossimi due anni fiscali grazie allo sviluppo della produzione industriale e al programma di privatizzazioni annunciato dal governo. Molto significativa la traiettoria di crescita del piccolo Rwanda, che ha registrato un tasso del 6,1% nel 2017 ed è stimato abbia segnato un più 7,2% nel corso del 2018 con una proiezione del 7,8% per quest'anno e dell'8% nel prossimo, grazie al sostegno governativo alle esportazioni e agli investimenti pubblici per lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto. Discorso simile per il Kenya che, dopo aver registrato un tasso di crescita del 4,9% nel 2017, è cresciuto del 5,9% nel 2018 con proiezioni del 6% e del 6,1% per quest'anno e il prossimo.
  • Etiopia Free

    La Commercial Bank of Ethiopia lancia primo sistema...

    ETIOPIA - La Banca Commerciale dell'Etiopia (CBE) ha lanciato ieri il suo primo sistema di trasferimento di denaro mobile internazionale in collaborazione con l’azienda specializzata  WorldRemit. Ad annunciarlo è stata la stessa Banca in una nota, nella quale si evidenzia che l’accordo “consentirà a chi invia denaro in Etiopia da oltre 50 paesi, la diaspora etiopica, di effettuare trasferimenti a oltre 1,2 milioni di ‘borsellini CBE’. E saranno inoltre in grado di inviare denaro a qualsiasi numero di cellulare in tutta l'Etiopia”. Utilizzando questo nuovo schema di trasferimento di denaro, CBE ha detto che i clienti potranno trasferire denaro istantaneamente e in modo sicuro a oltre 20 milioni di account CBE e a oltre 1.300 chioschi per il ritiro in contanti. Bacha Gina, presidente della Banca, commentando il nuovo servizio, ha dichiarato: "Siamo orgogliosi di essere una banca pioneristica nella modernizzazione dei sistemi di pagamento dell'Etiopia. Le varie strutture di pagamento elettronico implementate ci hanno permesso di diventare il fornitore numero uno di servizi bancari basati sulla tecnologia. " Sharon Kinyanjui, responsabile dell'Africa centrale e orientale per WorldRemit, da parte sua, ha dichiarato: "Siamo lieti di collaborare con CBE, la banca leader in Etiopia, per lanciare il nostro primo servizio di denaro mobile nel paese ed espandere la nostra rete di conti bancari e luoghi di ritiro contanti. Ha inoltre aggiunto: "La nostra nuova partnership strategica estenderà i servizi finanziari alla popolazione non bancarizzata, consentendo ai gruppi attualmente sottoserviti, comprese le comunità rurali e le famiglie a basso reddito, di ricevere denaro direttamente sui loro telefoni cellulari". La Banca commerciale dell'Etiopia, fondata nell'agosto del 1942, è la più grande banca in Etiopia e una delle banche leader in Africa, con oltre un migliaio di filiali. WorldRemit è un fornitore di servizi di trasferimento di denaro digitale di fama mondiale. A novembre 2018 proprio la Commercial Bank of Ethiopia (Cbe) ha fatto sapere che le rimesse dei migranti hanno rappresentato lo scorso anno la principale fonte di ingresso di valuta estera nel Paese. Secondo i dati diffusi dalla Cbe, lo scorso anno l’85% della valuta estera entrata in Etiopia proveniva dalle rimesse degli etiopi emigrati all’estero. Dei 2,2 miliardi di dollari di ingressi in valuta forte registrati nei primi sei mesi dello scorso anno, 1,9 miliardi di dollari provenivano da rimesse mentre il resto da parte degli esportatori.
  • Uganda Free

    Chiesto prestito per completare parco industriale di...

    UGANDA - Il governo di Kampala ha chiesto un prestito di 246 milioni di dollari al Regno Unito per lo sviluppo dell’Industrial and Business Park di Namanve. Il prestito dovrebbe consentire di chiudere un capitolo lungo un decennio sulla necessità di sviluppare pienamente il parco industriale di Namanve. In un'intervista al Daily Monitor, Basil Ajer, direttore esecutivo dell'Uganda Investment Authority (UIA), ha dichiarato che la richiesta è stata autorizzata da un voto del Parlamento lo scorso 18 dicembre e che i fondi dovrebbero essere disponibili in poche settimane. Con i nuovi fondi si potrà provvedere ad affrontare opere infrastrutturali di rilievo all’interno del parco, come strade, infrastrutture di comunicazione, sistemi di gestione delle acque di scarico, rete elettrica. Secondo una stima della stessa Authority, almeno 500 piccole imprese trarranno vantaggio dalla realizzazione del Parco. [MS]
  • Etiopia Free

    La Grande diga GERD inizierà a produrre energia entro...

    ETIOPIA - L’Etiopia inizierà a produrre energia dalla Grande Diga del Rinascimento Etiopico (GERD), costruita dal gruppo Salini, già a partire dall’anno prossimo. Lo ha detto Seleshi Bekele, ministro delle acque e dei servizi igienico-sanitar, le cui parole sono state riportate da media locali e specializzati nel settore delle Infrastrutture. "Ci aspettiamo che la diga sia pienamente operativa entro la fine del 2022. Ma 750 MW di potenza sono la prevista produzione iniziale con due turbine che dovrebbero essere accese entro dicembre del prossimo anno", ha affermato il ministro. Il grande progetto Renaissance Dam ha l'obiettivo di far diventare l’Etiopia il più grande produttore ed esportatore di energia in Africa e dovrebbe produrre, una volta a regime, 6.000 MW. La diga è stata anche una fonte di costante attrito tra l'Egitto e gli interessi energetici e idrici in competizione con l'Etiopia. Il ministro Bekele ha detto che la diga, dal costo di 4 miliardi di dollari USA, è ormai completa all'80% e le prestazioni del lavoro idro-meccanico hanno raggiunto il 25%. Ha aggiunto che il ministero ha acquistato nove turbine e un generatore di energia, di cui alcune sono nel porto ancora da consegnare. La costruzione della diga formalmente conosciuta con il nome di Millennium Dam, è iniziata nell'aprile del 2011 e avrebbe dovuto essere completata entro il 2017. Tuttavia ha subito dei rinvii dovuti a ritardi nella parte elettromeccanica della costruzione curata dall’azienda pubblica etiopica METEC, oltre a cambiamenti nel design per ospitare turbine di più elevate capacità. In sostituzione del gruppo METEC, il governo ha firmato un accordo con GE Hydro France, una unità di GE Renewables, per accelerare il completamento della diga. L'azienda riceverà circa 61 milioni di dollari USA per fabbricare, riparare e testare i generatori di turbine.
  • Sudan Free

    Proteste e gas lacrimogeni, stretta del governo su...

    SUDAN - Anche ieri la polizia sudanese ha fatto ricorso ai gas lacrimogeni per disperdere una marcia di manifestanti diretti al palazzo presidenziale di Khartoum per chiedere le dimissioni del capo dello Stato Omar Hassan al-Bashir. Cantando lo slogan che dal 19 dicembre è un segno costante degli umori della piazza - “libertà, pace, giustizia” - i manifestanti hanno sfidato i cordoni di sicurezza e urlato la loro rabbia per il caro vita e per un’economia che nonostante la fine delle sanzioni statunitensi stenta a ripartire. Fonti dell’opposizione hanno intanto riferito che i servizi di sicurezza hanno prelevato due giorni fa il braccio destro del leader del Movimento Riforma Adesso (Reform Now Movement, Rnm). Il movimento era uno dei partiti di opposizione che avevano aderito al processo di dialogo nazionale aiutando a formare un governo di unità nazionale da dove adesso minacciano di ritirarsi. Secondo una nota di Rnm, Mahmoud al-Jamel è stato prelevato mentre era diretto a una riunione politica. Tra i pochi leader dell’opposizione ancora a piede libero è Sadiq al-Mahdi che può contare però anche su un peso rilevante sul piano religioso. [MS]
  • Etiopia Free

    Centinaia di arresti tra miliziani dell'Oromo...

    ETIOPIA - Sono almeno 835 i membri dell’Oromo Liberation Front (Olf) arrestati in Etiopia. Le loro armi e le loro strutture logistiche sono state sequestrate in una complessa operazione che ha portato al fermo dei responsabili di numerosi atti criminali nell’Oromia occidentale. L’intervento è stato organizzato per prevenire il ripetersi di incidenti e scontri tra l’Oromia e il Benishangul Gumuz che hanno causato morti e sfollati. Sarebbero le recenti rapine delle banche dell’Oromia occidentale da parte di uomini armati che si ritiene provenissero dalla milizia ad aver scatenato i raid aerei segnalati lo scorso fine settimana nella zona. Anche se il governo dell’Oromia ha negato categoricamente qualsiasi operazione aerea. Secondo il governo, le forze sul campo sarebbero sufficienti per contenere le violenze senza quindi la necessità di organizzare raid aerei. L’Olf è un gruppo armato che disponeva di basi in Eritrea fino allo scorso anno; la pace tra Addis Abeba e Asmara ha però costretto il gruppo a ripiegare in territorio etiopico. L’Oromia è anche la regione natale dell’attuale primo ministro Abiy Ahmed Ali che dal suo insediamento ha aperto canali di dialogo con diversi gruppi di opposizione.