Sudafrica

Natale al buio? Continuano i black out imposti per mancanza di produzione

SUDAFRICA – Nuovi importanti tagli alla fornitura di energia elettrica in tutto il paese interesseranno anche oggi il Sudafrica, che da due settimane sta facendo i conti con black out programmati dall’azienda elettrica nazionale Eskom che non riesce a garantire la produzione del fabbisogno energetico nazionale.

(308 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Zimbabwe Free

    Governo vuole vendere ai privati TelOne e NetOne

    ZIMBABWE – Il governo dello Zimbabwe ha annunciato l’intenzione di privatizzare lo storico operatore delle telecomunicazioni TelOne e la sua sezione dedicata alla telefonia mobile, NetOne.   Dando la notizia alla stampa nei giorni scorsi, il ministro delle Finanze, Mthuli Ncube, ha detto di aver già avviato la procedura per la vendita della maggior parte delle quote dello Stato nelle due società. L’offerta sarà unica per TelOne e NetOne per facilitare e velocizzare la transazione.   L’intenzione del governo sarebbe di mantenere solo il 26% di partecipazione, il minimo per poter intervenire nelle decisioni, e di guadagnare almeno 300 milioni di dollari grazie alla vendita. L’obiettivo della manovra è anche quello di rendere gli operatori più competitivi. [CC]
  • Namibia Free

    Mini-grid solari nelle zone rurali con partner tedeschi

    NAMIBIA – L’installazione di mini-grid solari nelle zone rurali della Namibia è oggetto di un piano  sviluppato da un’azienda tedesca, la IBC Solar, insieme a tre università di Baviera.   Battezzato “Proceed”, il progetto svilupperà soluzioni per l’accesso all’elettricità fuori dalla rete nazionale grazie allo sfruttamento dell’energia solare. IBC Solar è il partner tecnico del progetto, incaricato del montaggio delle installazioni, del monitoraggio, e dei sistemi si stoccaggio dell’elettricità. Nell’iniziativa è previsto anche il coinvolgimento di partner locali. Le università impegnate nel progetto sono invece quelle di  Bayreuth, Ingolstadt e Neu-Ulm.   Circa il 49% della popolazione della Namibia non ha accesso all’elettricità, e per la maggior parte di tratta di abitanti delle aree rurali. A causa della dispersione delle abitazioni, l’allaccio delle famiglie alla rete elettrica nazionale non è tecnicamente né finanziariamente realizzabile, secondo le valutazioni di IBC Solar.   Il 60% dell’elettricità nazionale viene inoltre comprata dall’estero (Sudafrica, Zimbabwe, Zambia, Mozambico) poiché il Paese non è autosufficiente. [CC]    
  • Zambia Free

    Rimossa la ministra delle Finanze

    ZAMBIA - Il presidente zambiano Edgar Lungu ha rimosso dal suo incarico la titolare del ministero delle Finanze, Margaret Mwnakatwe, senza però specificare le regioni alla base di tale decisione.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l’incarico è stato assunto dal vice-governatore della Banca centrale, Bwalya Ng’andu.

    Diversi media legano la decisione del presidente Lungu all’incapacità di controllare il livello del debito estero, più che raddoppiato dal 2014, e all’aumento del tasso di inflazione che ha portato il mese scorso l'agenzia Moody's ha tagliato ulteriormente il rating del debito dello Zambia declassandolo a “spazzatura” e paventando il rischio di default.

    Ng’andu ha ricoperto in precedenza numerosi incarichi, essendo stato già direttore esecutivo della Banca di sviluppo dello Zambia, direttore esecutivo della Banca nazionale per il credito e il risparmio e direttore generale del Centro per gli investimenti dello Zambia. [MV]

  • Angola Free

    Annunciata estensione della Ferrovia di Benguela fino a...

    ANGOLA – E’ sul tavolo il progetto d’estensione della ferrovia di Benguela  - che attraversa l’Angola dal porto di Lobito fino al confine orientale a Luau – dallo scalo marittimo fino alla punta di Baia Farta, meta di intensa attività legata alla pesca e al sale.   Il progetto d’estensione della ferrovia è stata presentata come “priorità” da parte del presidente del consiglio direttivo delle ferrovie nazionali, il Caminho de Ferro de Benguela (CFB), Luís Teixeira.   “Vogliamo che questo progetto diventi realtà” ha detto Teixeira, dando ulteriori informazioni sulla futura aggiunta di 62 km attraverso Catumbela e Benguela, diverse fermate fino al capolinea alla futura  Cidade do Sal (città del sale) nel comune di Chamume.   Secondo l’agenzia Angop, una volta approvato il progetto, la preferenza per la costruzione potrebbe andare ad un’azienda cinese, considerato i precedenti lavori già realizzati sulla ferrovia. [CC]
  • Sudafrica Free

    Progetto di legge sui cambiamenti climatici

    SUDAFRICA - Un progetto di legge sui cambiamenti climatici è attualmente in discussione al Consiglio nazionale per lo sviluppo economico e il lavoro (Nedlac) del Sudafrica. Dandone notizia, il ministro dell'Ambiente, delle foreste e della pesca, Barbara Creecy ha riferito che il progetto di legge “mira a creare un quadro per attuare la Vision 2030 per una transizione equa a un’economia e una società resilienti al clima e a basse emissioni di carbonio”.  Creecy ha detto che una volta che la seconda bozza del disegno di legge lascerà il Nedlac, ci sarà una terza e ultima bozza del disegno di legge che quindi sarà inoltrata al governo per approvazione prima di approdare in Parlamento. Gli obiettivi del disegno di legge sono di fornire una risposta coordinata e integrata ai cambiamenti climatici, una gestione efficace degli inevitabili impatti dei cambiamenti climatici e di dare un contributo equo allo sforzo globale per stabilizzare le concentrazioni di gas serra. [MS]
  • AngolaNamibia Free

    Nasce una commissione binazionale per più cooperazione...

    NAMIBIA / ANGOLA – La firma di un accordo che istituisce una Commissione binazionale ha segnato la V sessione della Commissione di cooperazione bilaterale tra la Namibia e l’Angola, tenutasi ieri a Windhoek.   La commissione sarà presieduta congiuntamente dai presidenti angolano e namibano, assistiti da alti funzionari dei due governi.   L’istituzione, che si riunirà in sessioni ordinarie due volte all’anno, ha il compito di promuovere la cooperazione fra i due vicini in vari settori. Quattro comitati settoriali saranno istituiti: quello diplomatico e giudiziario, quello economico e per le infrastrutture, quello sociale e culturale, quello per la difesa e la sicurezza.   In occasione della firma per la creazione della commissione, il ministro degli Esteri angolano, Manuel Augusto, ha deplorato i bassi livelli degli indicatori di cooperazione economici fra i due Paesi. Ha auspicato un maggiore livello di pragmatismo e obiettivi concreti da raggiungere. Ha invitat ad una maggiore vicinanza tra le autorità delle provincie frontaliere.   L’ultima sessione della Commissione mista si era tenuta nel 2014 a Luanda. [CC]