Lesotho

A gennaio pre-qualifica per seconda fase lavori progetto idrico

LESOTHO – Sarà lanciata a gennaio la gara per la pre-qualificazione alla seconda fase di lavori per la costruzione delProgetto idrico delle Highlands del Lesotho (LHWP), che prevede la costruzione di una nuova diga e di un tunnel per il trasporto dell’acqua.

(143 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Zambia Free

    Al lavoro per più grande impianto fusione manganese

    ZAMBIA - Lo Zambia costruirà il più grande impianto di fusione di manganese nel Paese con un investimento di 15 milioni di dollari. Il progetto sarà sviluppato dai cinesi della Hu-Cheng Mining LTD e l’impianto sarà realizzato nel distretto di Kapiri Mposhi, nella Provincia Centrale. L’impianto di fusione avrà la capacità di trattare 40.000 tonnellate di manganese e produrrà piastre in lega d'acciaio da utilizzare nella produzione di prodotti correlati al ferro come lamiere e macchinari in ferro. “Questo stabilimento sarà il più grande in Zambia, abbiamo un impianto simile in Cina dove lavoriamo il manganese crudo in lega di acciaio semilavorato, e quello che realizzeremo qui riprende proprio quel modello”, ha detto Yan Li, direttore di produzione della Hu-Cheng Mining LTD. La costruzione dell’impianto dovrebbe essere completata per la consegna a luglio 2019 e porterà alla creazione di alcune centinaia di posti di lavoro Obiettivo è anche quello di fornire strumenti ai minatori locali per consentire di migliorare la produzione. Una sfida da vincere sarà invece quella di alimentare un fabbisogno energetico importante cui dovrebbe provvedere la Zesco. [MS]
  • Africa Australe Free

    Economic Outlook 2019 (5): crescita moderata in Africa...

    AFR AUSTRALE - La crescita nella regione meridionale dell'Africa risente ancora delle deboli prestazioni dell'economia sudafricana, che si riflette sui Paesi vicini. Secondo i dati dell'African Economic Oultook diffuso dalla Banca africana di sviluppo (AfDB), dopo il tasso di crescita dell'1,6% registrato in Africa australe nel 2017, lo scorso anno il ritmo è rallentato nuovamente all'1,2%. Le proiezioni per quest'anno vedono un'accelerazione al 2,2%, con la previsione di raggiungere il 2,8% nel 2020. A pesare sono soprattutto i bassi livelli degli investimenti pubblici e privati, nonché la percezione di un aumento del rischio sui crediti sovrani. La crescita del Sudafrica ha subito nell'ultimo anno fiscale un rallentamento allo 0,7%, dopo la crescita dell'1,7% registrata in quello precedente, a causa degli scarsi raccolti agricoli e della contrazione della produzione manufatturiera. Le stime per il Sudafrica prevedono però una progressione del ritmo all'1,7% quest'anno e la possibilità di arrivare al 2% nel prossimo biennio grazie alle previsioni sul miglioramento dei raccolti agricoli.
  • Sudafrica Free

    Ramaphosa a Davos a caccia di investitori

    SUDAFRICA - Una grande delegazione politico-imprenditoriale sarà guidata dal presidente sudafricano Cyril Ramaphosa all’incontro al World Economic Forum che si terrà la prossima settimana a Davos, in Svizzera. Secondo la stampa sudafricana, obiettivo di Ramaphosa è quello di approfittare dell’occasione per rafforzare partnership e collaborazioni utili a rilanciare l’economia del suo Paese. Un occhio particolare sarà per questo motivo rivolto a quegli attori in grado di garantire investimenti. Il Forum comincerà lunedì e per cinque giorni riunirà 3000 leader di tutto il mondo, tra cui alcune decine di capi di Stato. “Andiamo a Davos per interagire con potenziali investitori - ha detto lo stesso Ramaphosa - siamo in competizione con altri mercati emergenti in una piazza in cui possono maturare opportunità di investimento da parte di investitori globali”. Obiettivo dichiarato del governo di ramaphosa è quello di raccogliere investimenti per 100 miliardi di dollari nell’arco dei prossimi cinque anni. Un target ambizioso che deve essere letto con prudenza anche alla luce della campagna elettorale già in corso per le prossime elezioni. [MS]
  • Angola Free

    Raddoppiato nel 2018 il ‘fatturato petrolifero’

    ANGOLA - E’ raddoppiato nel 2018 il fatturato delle esportazioni di petrolio dell’Angola. Lo ha annunciato in queste ore la stampa locale citando i dati  dell'Amministrazione generale delle entrate rilasciati dal ministero delle Finanze, secondo cui il fatturato petrolifero è raddoppiato nel 2018 arrivando a 3,33 miliardi di kwanzas, ovvero 10 miliardi di dollari. La duplicazione delle entrate è stata possibile a causa dell'aumento del prezzo medio di un barile di petrolio passato dai 52,03 dollari USA medi nel 2017 a 70,34 nel 2018. L'Angola ha esportato 595,60 milioni di barili nel 2017, una cifra che è scesa di oltre 58 milioni di barili a 536,83 milioni di barili nel 2018. Le entrate totali possono essere suddivise in 776,87 miliardi di kwanzas in Imposta sul reddito del petrolio, 261,56 miliardi di kwanzas in Imposta sulla produzione di petrolio, 125,15 miliardi di kwanzas in Imposta sulle transazioni di Petrolio e 2,16 miliardi di kwanzas come entrate dal concessionario. I dati contenuti nei documenti rilasciati dal Ministero delle Finanze sono il risultato delle dichiarazioni fiscali presentate all'ufficio tributario nazionale dalle compagnie petrolifere, tra cui il concessionario nazionale angolano, la società pubblica Sonangol.
  • Zimbabwe Free

    Proteste, ripristinata Internet ma social network...

    ZIMBABWE - Il governo di Harare ha ordinato il ripristino della rete internet ma mantenuto offline i siti di social network come misura precauzionale a fronte di un clima che resta tuttora teso dopo giornate di proteste. Per diversi giorni le strade delle principali città dello Zimbabwe sono state teatro di dimostrazioni antigovernative innescate dalla decisione dell’esecutivo di raddoppiare i prezzi del carburante. Una misura estremamente impopolare che è stata bocciata da opposizione e società civile. Le dimostrazioni hanno incontrato la dura reazione delle forze di sicurezza con centinaia di arresti e violenze che hanno anche causato alcuni morti e diversi feriti. Secondo varie fonti, le dimostrazioni dei giorni scorsi sono state le più intense da quelle del 1998. [MS]
  • Mozambico Free

    Ossufo Momade eletto presidente della Renamo

    MOZAMBICO - Il Congresso dei delegati del Movimento di resistenza del Mozambico (RENAMO), la principale formazione politica d'opposizione del Paese, ha eletto Ossufo Momade alla presidenza del partito. A darne notizia sono i media locali, ricordando che Momade ricopriva l'incarico di presidente del partito a interim dopo il decesso a maggio dello scorso anno di Afonso Dhlakama, fondatore e leader storico del movimento. In base a quel che viene reso noto, Momade ha ottenuto in tutto 410 voti sui 700 delegati partecipanti al congresso; 238 voti sono stati invece ottenuti da Elias Dhlakama, fratello minore dell'ex leader, e solo sette da Manuel Bissopo che attualmente ricopre l'incarico di segretario generale del partito. L'elezione del nuovo segretario della RENAMO è avvenuta nel primo giorno di riunione del congresso, che proseguirà fino a sabato per discutere la strategia del partito in vista delle prossime elezioni generali previste per ottobre.