Lesotho

A gennaio pre-qualifica per seconda fase lavori progetto idrico

LESOTHO – Sarà lanciata a gennaio la gara per la pre-qualificazione alla seconda fase di lavori per la costruzione delProgetto idrico delle Highlands del Lesotho (LHWP), che prevede la costruzione di una nuova diga e di un tunnel per il trasporto dell’acqua.

(143 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Permessi concessi per una nuova miniera di manganese

    SUDAFRICA – Potrà iniziare a breve la realizzazione di una nuova miniera per l’estrazione di manganese, nella provincia del Northern Cape. Le autorità sudafricane hanno infatti acconsentito al rilascio della licenza e di tutte le autorizzazioni necessarie alla compagnia Sitatunga Resources, con sede in Sudafrica. Filiale del gruppo Menar, la Sitatunga Resources è proprietaria della miniera nell’ambito del progetto denominato East Manganese, ma al momento dell’acquisto l’anno scorso, mancavano le autorizzazioni. Il progetto è ubicato a Hotazel, in un’area nota per la sua ricchezza in manganese. Il Sudafrica è il primo produttore mondiale di manganese e ne possiede le più grandi riserve note. Sitatunga Resources opera già nella filiera del carbone in Sudafrica. [CC]
  • Sudafrica Free

    Agenzia ICE organizza collettiva a fiera su ambiente in...

    SUDAFRICA - L'Agenzia ICE per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, sta organizzando una partecipazione collettiva italiana alla prossima edizione della fiera IFAT AFRICA che si svolgerà a Johannesburg, dal 9 all'11 luglio 2019. Obiettivo dell’iniziativa è promuovere i settori di gestione acqua, trattamento e riciclaggio rifiuti, waste-to-energy e materie prime secondarie. La manifestazione biennale organizzata da Messe München per la prima volta a Johannesburg nel 2015 declinata all’ambiente, energia e riciclo, può considerarsi secondo ICE-Agenzia un appuntamento di particolare interesse e le aziende italiane potranno trovare un mercato fertile e ricettivo per la loro tecnologia. Il termine fissato per manifestare l’interesse a partecipare alla collettiva italiana è il 3 aprile. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina dedicata sul sito di ICE-Agenzia.
  • Angola Free

    Annunciata costruzione nuovo parco industriale nel...

    ANGOLA - Il governo di Luanda ha annunciato l’intenzione di costruire un nuovo parco industriale rurale nella municipalità di Andulo, nella provincia centrale di Bié. A renderlo noto è stato il segretario di Stato per l’Industria, Ivan do Prado, precisando che il governo angolano ha stanziato a questo scopo una cifra pari a due milioni di dollari. In base a quel che è stato riportato dai media che ne danno notizia, obiettivo è avviare nel corso del prossimo anno le attività del nuovo parco industriale. Il progetto prevede nella sua fase iniziale la costruzione di un parco industriale esteso su una superficie di 10 ettari dove realizzare impianti per la trasformazione di prodotti agricoli come cassava e mais, così come una fabbrica per l’assemblaggio di motoveicoli. Nelle intenzioni del governo angolano, il parco industriale rurale di Andulo dovrebbe essere i primo di una serie di infrastrutture destinate a sostenere la creazione di valore aggiunto e promuovere la diversificazione dell’economia nazionale. [MV]
  • Zambia Free

    Lusaka commissiona nuovo progetto fotovoltaico

    ZAMBIA - Lo Zambia ha commissionato il suo più grande progetto di impianto solare e anche la prima fattoria solare fotovoltaica (PV) del paese. Lo riferisce la stampa locale e di settore, precisando che il progetto, che ha ottenuto l’avallo del presidente Edgar Lungu, avrà un costo di 60 milioni di dollari USA. L'impianto solare è stato sviluppato da una joint venture di Industrial Development Corporation (IDC) (braccio operativo di Banca Mondiale) e Neoen , una società con sede in Francia. Il Presidente ha riconosciuto l'IDC per aver raccolto la sfida di creare un mix energetico in grado di portare l'energia solare nella rete elettrica nazionale in risposta al deficit di elettricità che ha colpito il paese nel 2015, quando, a causa della gravissima siccità, i grandi impianti idroelettrici del paese sono stati costretti a fermarsi. Il Presidente ha ringraziato la Banca Mondiale per il supporto tecnico e finanziario per il progetto. Definendo l'urgente necessità di aumentare la produzione di elettricità, il Capo dello Stato ha affermato che l'aumento della produzione di energia utilizzando fonti di energia alternative attirerà investimenti in tutte le parti del paese. Neoen, che detiene la maggioranza delle quote dell'impianto, venderà elettricità alla  Zambia Electricity Supply Corporation (ZESCO) per i prossimi 25 anni a un tasso di 60,15 dollari USA per mega watt all'ora (MWh). Si prevede che la centrale solare genererà circa 54 MW di elettricità. Edgar Lungu ha detto che le tariffe record-basse raggiunte per il progetto sono una chiara dimostrazione degli sforzi volti a migliorare i tassi di elettrificazione a prezzi accessibili, uno degli ostacoli alla crescita del settore energetico.
  • Angola Free

    Oil e Gas: nel 2019 all’asta 55 nuovi blocchi

    ANGOLA – L’agenzia angolana per la produzione di gas e petrolio (ANPG) dell'Angola dovrebbe mettere all'asta 55 blocchi sia a terra che in mare aperto quest'anno. Lo ha detto il ministro delle risorse minerarie e del petrolio, Diamantino Azevedo, nel fine settimana, intervenendo ad una serie di conferenze organizzate dal consulente Ernst Young e sottolineando che ANPG sta proseguendo gli studi sui bacini interni e definendo le modalità per la vendita all'asta dei nuovi blocchi. L'annuncio, riportato dall’agenzia di stampa nazionale Angop,  è stato fatto dopo che il Ministero delle risorse minerarie e del petrolio ha presentato all'approvazione del Consiglio dei ministri nel 2018 un piano strategico per l'esplorazione e l'offerta di nuovi blocchi petroliferi per il periodo 2019/2022, in vista della scoperta di nuove riserve al fine di aumentare la produzione. D'altra parte, il ministro ha annunciato che la privatizzazione parziale della Sociedade Nacional de Combustíveis de Angola (Sonangol) in borsa dovrebbe avvenire dopo la conclusione del programma di ristrutturazione del gruppo, nel quadro dell'adeguamento dell'organizzazione del settore. Il processo di ristrutturazione approvato dal Presidente della Repubblica, João Lourenço, nel settembre 2018, mira a trovare soluzioni in grado di contribuire alla sostenibilità e alla crescita dell'industria petrolifera in Angola. Diamantino Azevedo ha assicurato l'impegno a rivedere e approvare la legislazione sui contenuti locali, "un aspetto importante dell'attività petrolifera", che dovrebbe essere tenuta pubblicamente a maggio o giugno.
  • MalawiMozambicoZimbabwe Free

    Tempesta tropicale, centinaia di vittime e danni...

    MOZAMBICO / ZIMBABWE / MALAWI - La tempesta tropicale ‘Idai’ sta avendo conseguenze devastanti Mozambico, Zimbabwe e Malawi. Ci sono centinaia di vittime e danni ingenti a causa delle alluvioni e dei venti forti. Nelle aree rurali più povere in decine di migliaia sono isolati a causa delle strade fuori uso e del black-out telefonico. Sono in complesso più di un milione e mezzo le persone colpite dal ciclone nei tre Paesi dell’Africa australe, secondo dati Onu e fonti governative ufficiali. Sono stati distrutti scuole, ospedali, infrastrutture e attività di sussistenza, spazzate vie da acqua e vento. In Mozambico il ciclone ha toccato terra nella città portuale di Beira, il secondo centro urbano più importante del Paese, con piogge e venti fino a 170 chilometri orari. I suoi 500.000 residenti sono ora senza elettricità e, considerando che anche le comunicazioni sono state danneggiate, la città è isolata, come riporta l’Istituto Nazionale della Gestione dei Disatri (INGC). “Case ed alberi sono distrutti e i tralicci sono abbattuti”, hanno dichiarato diverse fonti sul posto, e le poche immagini che arrivano ai media testimoniano la devastazione, con tetti rimossi dalle abitazioni e alberi sradicati. Secondo quanto riportato da Africanews, si contano già 19 vittime in città. Fonti delle Nazioni Unite avevano già confermato nei giorni scorsi più di cento vittime fra Malawi e Mozambico per le forti piogge e inondazioni che interessano da settimane i due Paesi, e hanno annunciato l’invio di alimenti a sostegno degli abitanti. Il peggio della tempesta in Mozambico era atteso per ieri, ma ora si muove verso l’entroterra e sta perdendo il suo stato di ciclone molto lentamente. Ha già iniziato a spostarsi verso ovest in direzione del Malawi e dello Zimbabwe. Qui, infatti, come riportato dalla Reuters, ha già causato più di 24 vittime e almeno 40 dispersi nel Sud-est delPpaese nella sola giornata di ieri. Diverse Ong parlano di disastro biblico, che ha spazzato via case e ponti. Il Mozambico, Paese più colpito fino ad ora, è considerato il 3° Paese più a rischio in Africa per quanto riguarda gli eventi meteo estremi, con la siccità al Sud e le alluvioni al Centro e al Nord. È stato colpito da forti cicloni in passato, incluso Eline, che nel 2000 ha provocato la morte di 350 persone e lasciato altre 650.000 sfollate. In tutte le zone colpite sono a rischio i raccolti, già danneggiati dalla siccità dei mesi precedenti, ed è alta la probabilità che possano propagarsi patologie idriche come il colera, che l’anno scorso ha già mietuto numerose vittime in diversi focolai nella regione. Tutto fa temere l’inizio di una crisi umanitaria nelle zone alluvionate. [Africa Rivista]