R.D. Congo

L’oppositore Felix Tshisekedi dichiarato vincitore delle presidenziali

RD CONGO – E’ Felix Tshisekedi, figlio del defunto storico oppositore politico Etienne Tshisekedi, il vincitore proclamato delle elezioni presidenziali del 30 dicembre in Repubblica Democratica del Congo.

(259 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R.D. Congo Free

    La coalizione di Kabila vince le elezioni senatoriali,...

    RD CONGO - Ha stravinto le elezioni senatoriali il Fronte Comune per il Congo (FCC), coalizione vicina all’ex presidente Joseph Kabila, già maggioritaria all’Assemblea nazionale e nelle assemblee delle province. Secondo i risultati pubblicati dalla Commissione elettorale nazionale indipendente (Ceni) il 15 marzo, l’FCC ha vinto i due terzi dei seggi alla Camera Alta , allorché il partito del nuovo presidente Félix Tshisekedi, l’Udps, ha vinto solo un seggio. Diversi candidati si erano ritirati prima del voto, denunciando episodi di corruzione nei confronti dei grandi elettori per farli votare a favore del FCC. Si parla di tangenti da 20.000 a 40.000 dollari nella capitale, Kinshasa. Il procuratore della Repubblica aveva chiesto il rinvio del voto per poter procedere ad indagini sulle accuse di corruzione ed evitare episodi di violenza. Il Senato è composto da 108 senatori eletti dalle Assemblee provinciali. Gli ex presidenti sono senatori a vita. I risultati hanno scatenato la rabbia dei sostenitori del partito di Tshisekedi, che hanno preso d’assalto gli uffici del partito di Kabila, il Pprd, a Kinshasa e a Goma, e attaccato alcune residenze e beni di deputati provinciali. A Mbuji Mayi, un agente di sicurezza per la protezione di una deputata è rimasto ucciso. Anche il Palazzo del Popolo, sede del Senato, è stato invaso dai manifestanti. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Fondi europei per il porto autonomo di Pointe-Noire

    REP CONGO - Il rappresentante dell’Unione Europea a Brazzaville, Raul Mateus Paula, ha annunciato la concessione da parte dell’UE di 30 milioni di euro sotto forma di dono per finanziare lavori presso il porto autonomo di Pointe-Noire in Repubblica del Congo. A riportarlo sono i media locali, dai quali si apprende che i fondi saranno utilizzati per aumentare la capacità del porto dedicato alla pesca industriale e artigianale. "Il programma di estensione e riqualificazione ambientale delle infrastrutture, parzialmente finanziato dall'UE, consentirà di rispondere alla significativa crescita del traffico portuale, nel rispetto delle norme ambientali internazionali e del miglioramento delle infrastrutture per la pesca industriale e artigianale, assicurando la gestione sostenibile delle risorse ittiche”, ha detto Paula. In base a quel che viene reso noto, il programma rientra in un progetto attuato dall’Agenzia francese per lo sviluppo (AFD) con un bilancio complessivo pari a 133 milioni di euro e durata prevista di quattro anni per migliorare la gestione ambientale del porto, costruire infrastrutture efficienti per la pesca industriale e artigianale e rafforzare i servizi di ispezione, ispezione e monitoraggio statistico dei pescatori. [MV]
  • Ciad Free

    Telefonia mobile, compagnia marocchina acquisisce...

    CIAD - La compagnia Maroc Telecom ha reso noto di aver acquisito dal gruppo Millicom la sussidiaria locale Tigo Tchad, primo operatore di telefonia mobile in Ciad. A darne notizia sono i media marocchini, specificando che l’acquisizione rientra nel quadro della strategia di sviluppo internazionale di Maroc Telecom, il cui obiettivo è consolidare la propria presenza nella regione. In base a quel che è stato reso noto, l’operazione, della quale non sono stati specificati i termini economici, è soggetta all’approvazione delle autorità ciadiane. [MV]
  • R.D. Congo Free

    Licenziato un ministro e sospesi due alti funzionari, ...

    RD CONGO – E’ stato rimosso dal suo incarico per “insubordinazione” il ministro Lumeya Dhu Maleghi, incaricato della gestione fondiaria del grande territorio nazionale. Il licenziamento del ministro del governo uscente è stato annunciato da Vital Kamerhe, direttore di gabinetto presidenziale, alla televisione nazionale, dopo l’annuncio di alcune grazie presidenziali . Contro Maleghi verrà aperta una procedura giudiziaria. L’ex ministro è accusato di aver preso decisioni in materia fondiaria in violazione della legge e di non aver fornito spiegazioni quando sollecitato. A questo licenziamento si aggiungono altre sanzioni: accusati di cattiva gestione, sono stati sospesi il presidente dell’Authority per le Poste e le Telecomunicazioni e il Direttore generale della Società congolese dei trasporti e dei porti, insieme al suo vice. “I responsabili della pubblica amministrazione devono capire che è finita la pacchia” ha annunciato Vital Kamerhe. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Via alla grazia presidenziale per alcuni prigionieri...

    RD CONGO - E’ all’ordine del giorno la promessa di liberazione dei prigionieri politici fatta da Felix Tshisekedi appena dopo l’investitura. Allorché circolano voci secondo le quali l’ex presidente Kabila e il suo potente partito stanno mettendo bastoni fra le ruote a neo presidente per impedire grazie o liberazioni di avversari ‘personali’, ieri sera è stata annunciata la grazia presidenziale per diversi detenuti. E’ stato Vital Kamerhe, direttore del gabinetto presidenziale, ad annunciare alla radiotelevisione nazionale l’inizio del processo di grazia o liberazione. Sarebbero in realtà circa 700 i prigionieri d’opinione o politici fini in cella per contrasti con l’ex governo. L’oppositore Eugène Diomi Ndongala, capo della Democrazia Cristiana, ottiene una liberazione in data odierna, a condizione che sia tornato a Kinshasa il ministro della Giustizia Alexis Ntambwe Mwamba. L’oppositore a Joseph Kabila era stato condannato dalla Corte Suprema a 10 anni di carcere nel 2014 per stupro su minorenni. Sono graziati anche Firmin Yangambi, condannato nel 2010 alla pena capitale per possesso di armi e tentativo di organizzare un’insurrezione, e Franck Diongo, condannato nel 2016 per sequestro e pestaggio di militari della guardia presidenziale. Non fanno parte della lista, almeno per il momento, i prigionieri in cella per il caso dell’assassinio del defunto presidente Laurent Désiré Kabila, padre di Joseph. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Un consiglio dei ministri tutto dedicato alle Ict,...

    REP CONGO – La promozione dell’economia digitale e la cyber-sicurezza sono i temi di cinque disegni di legge e due bozze di decreti adottati dal governo di Brazzaville. Nel corso del Consiglio dei ministri esclusivamente dedicato alla sfera dell’economia digitale, il capo di governo Clément Mouamba ha sottolineato che la rivoluzione digitale è all’origine di importanti cambiamenti a tutti i livelli nelle società, ma che allo stesso tempo ha aggravato la vulnerabilità degli Stati, delle organizzazioni, delle persone, a causa dell’interdipendenza crescente di prodotti e di servizi vitali. Motivo per il quale, ha ricordato il primo ministro, anche a livello internazionale esistono ormai vari strumenti giuridico-legali. Il disegno di legge sulla cyber-sicurezza è stato presentato dal ministro delle Telecomunicazioni Leon Juste Ibombo. Il testo identifica i rischi legati all’uso delle nuove tecnologie e stabilisce un quadro di prevenzione, protezione, di discussione, provvedimenti tecnici, giuridici, umani, finanziari e altro, per raggiungere obiettivi di sicurezza legati all’iso di sistemi di telecomunicazione digitale. Il disegno di legge per la lotta alla cyber-criminalità prende in considerazione i nuovi pericoli e le minacce del mondo delle Ict, come i furti online, i brogli, la pedo-pornografia, la pirateria, l’usurpazione di identità, il trattamento illecito di dati personali e altro ancora. Il testo proposto trae ispirazione dai testi internazionali in vigore e risolve così il nodo della trasposizione delle normative comunitarie nella legislazione nazionale. Il terzo disegno di legge riguarda le transazioni elettroniche e mira a creare un ambiente favorevole allo sviluppo dell’e-business, dell’e-governo e degli scambi globali tramite la rete. Vuole, tra l’altro, stabilire regole sulla validità dei documenti elettronici e della firma elettronica, ma anche colmare il vuoto relativo alla de materializzazione delle formalità amministrative. Il quarto, invece, riguarda la protezione dei dati personali. Un quinto testo legislativo approvato dai ministri congolesi crea l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei servizi d’informazione, il cui compito principale sarà quello di vigilare all’applicazione delle leggi. Quanto ai decreti legislativi, il primo è sono dedicato all’accesso universale alle comunicazioni elettroniche, definito necessario a tutti i cittadini. La legge obbliga gli operatori a contribuire alla missione di sviluppo del servizio per tutti e giustifica la creazione di un apposito fondo. Alla gestione di questo fondo è dedicata la seconda bozza di decreto. [CC]