Costa Avorio

Verso riduzione partecipazione statale in aziende pubbliche

COSTA D’AVORIO – La Stato ivoriano ha deciso di ridurre la propria partecipazione in 82 imprese pubbliche, tra cui figurano aziende del settore energetico e finanziario.

(162 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Presidenziali, in 72 per una poltrona ma i candidati ...

    NIGERIA - Saranno 72 i candidati alle elezioni presidenziali che si terranno in Nigeria il 16 febbraio. Ad annunciarlo, la Commissione elettorale indipendente che ha pubblicato una lista di tutti i candidati e dei loro candidati per la vicepresidenza. Con i suoi 200 milioni di abitanti, la Nigeria è la nazione più popolosa dell’Africa. L’Inec ha riferito che circa 82 milioni di persone si sono registrate per partecipare alle elezioni. Dal 1999 nel Paese vige un sistema multipartitico. Nonostante i tanti candidati, i candidati favoriti rimangono l’attuale presidente Muhammadu Buhari e Atiku Abubakar. Atiku era un alleato di Buhari nel 2015 quando l’All Progressives Congress è diventato il primo partito di opposizione. Ha poi lasciato la formazione di governo per passare al Partito democratico del popolo all’opposizione. Atiku ha lavorato per otto anni insieme all’ex presidente Olusegun Obasanjo. [Africa Rivista]
  • Burkina Faso Free

    Sicurezza, una conta di rapiti e dispersi

    BURKINA FASO - È di un cittadino canadese il corpo dell’uomo trovato morto in Burkina Faso la scorsa settimana. Lo ha riferito alla stampa internazionale il ministero della Sicurezza del Paese africano. Si tratta di Kirk Woodman, dipendente di una società mineraria, sequestrato martedì scorso da terroristi nel sito di Tiabangou. Il commando era poi fuggito in Niger senza passare da Soum. Da un mese non si hanno notizie del trentenne italiano Luca Tacchetto e della sua compagna canadese, la 34enne Edith Blais, spariti tra Bobo-Dioulasso e Ouagadougou. A settembre del 2018 un indiano e un sudafricano che lavoravano nel settore minerario erano stati rapiti nella miniera d’oro di Inata, nel nordovest del Paese. A gennaio del 2016 una coppia australiana fu sequestrata a Djibo: si trattava del dottor Kenneth Elliot, che dirigeva una clinica da diversi anni, e della moglie Jocelyn; lui fu liberato dopo un anno, mentre la moglie resta prigioniera. Un romeno, Iulian Ghergut, che lavorava per l’enorme miniera di manganese di Tambao, nel nord, è ancora in mano ai jihadisti da quando è stato rapito ad aprile del 2015. [Africa Rivista]
  • Africa Occidentale Free

    Economic Outlook 2019 (3): graduale ripresa nell'Ovest

    AFR OCCIDENTALE - La regione occidentale del continente si sta riprendendo economicamente dopo la frenata registrata nel 2016 a causa del crollo dei prezzi delle materie prime e della crisi legata all'epidemia di ebola, segnando nel 2018 una crescita del 3,3% con la proiezione di raggiungere il 3,6% nel corso di quest'anno. A sostenerlo è l'edizione di quest'anno dell'African Economic Outlook pubblicato dalla Banca africana di sviluppo (AfDB), da cui emerge che la Costa d'Avorio è il terzo Paese con il tasso di crescita più alto di tutto il continente, dopo Libia ed Etiopia, con un più 7,4% lo scorso anno e una previsione del 7% per il 2019. La Nigeria, maggiore economia continentale e principale esportatore petrolifero africano, ha ripreso a crescere dopo la recessione del 2016 registrando lo scorso anno un tasso di espansione dell'economia nazionale dell'1,9% che dovrebbe salire al 2,3% quest'anno e al 2,4% nel 2020. Oltre alla Costa d'Avorio, altri otto Paesi hanno registrato nel 2018 una crescita superiore al 5%: nell'ordine Senegal, Burkina Faso, Ghana, Benin, Guinea, Gambia, Guinea Bissau e Niger con la previsione di mantenere lo stesso ritmo anche nel corso del prossimo biennio.
  • São Tomé e Príncipe Free

    Nominato nuovo Direttore dell’Agenzia del Petrolio

    SAO TOME E PRINCIPE – Il governo di São Tomé e Príncipe ha nominato un nuovo Direttore Esecutivo della Agência Nacional de Petróleo. Lo riferiscono i media locali, precisando che il nuovo Direttore, l’avvocato Olegário Tiny, ha sostituito la posizione Orlando Pontes, che è stato licenziato pochi giorni fa. La decisione del Consiglio dei ministri firmata dal ministro della Presidenza, Wuando Castro, informa che questa decisione è stata presa dopo una valutazione del profilo di tre candidati in seguito a una proposta di nomina presentata dal Ministro delle risorse naturali, Osvaldo d'Abreu. "Il Consiglio dei ministri ha esaminato la nomina del direttore esecutivo della agenzia petrolifera nazionale e ha valutato il profilo dei candidati Olegario Tiny, Cristina Dias e Marian Masini, scegliendo infine Olegário Tiny", si legge nel documento. Ex ministro della Giustizia, Olegário Tiny ricopre già la posizione di direttore esecutivo della zona di esplorazione petrolifera congiunta di São Tomé e Príncipe / Nigeria ed è stato anche membro della Società petrolifera nazionale di São Tomé e Príncipe. Creata nel 2014, la Agência Nacional de Petróleo ha la competenza per regolamentare, supervisionare, controllare e promuovere le attività dell'industria petrolifera e del gas godendo di piena autonomia tecnica, amministrativa e finanziaria ed esercitando le proprie funzioni sotto la responsabilità del Ministero responsabile per l’area di idrocarburi ed energia. Oltre a una zona economica esclusiva istituita nel 2009 con una stima dell'esistenza di 19 blocchi petroliferi in un'area di 125 891 chilometri quadrati, São Tomé e Principe ha anche un'altra zona di esplorazione congiunta con la Nigeria creata nel 2001 e regolata da un trattato che prevede il 60% delle entrate per lo Stato nigeriano e il 40% per l'arcipelago. Una possibile terza zona petrolifera di condivisione è allo studio con la Guinea Equatoriale. Proprio nei giorni scorsi un consorzio formato dalle società britanniche BP Exploration Operating e Kosmos Energy, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato un'indagine sismica tridimensionale nel blocco 10 del mare di São Tomé e Príncipe alla fine di marzo del 2019.
  • AfricaGuinea Free

    La Banca islamica di sviluppo guarda al ‘Waqf’ per...

    GUINEA/AFRICA - E’ stata aperta mercoledì dai presidenti della Guinea Alpha Condé e del Mali Ibrahima Boubacar Keita la conferenza regionale della Islamic Development Bank (IDB o BDI) che raccoglie nella capitale della Guinea Conakry delegazioni provenienti da 56 paesi membri della Banca. La Conferenza è dedicata in particolare al concetto di waqf, lo ‘strumento’ che consente nella legge islamica una donazione fatta in perpetuo a un'opera di pubblica utilità per uno o più individui. Il tema al centro della conferenza di Conakry ha proprio, spiegano gli organizzatori in una nota, “la liberazione del potenziale di sviluppo del waqf e il ruolo che può svolgere nel processo di sviluppo attraverso la finanza sociale islamica”. Pensato in particolare per contrastare la povertà estrema negli stati membri, il waqf è uno strumento per finanziare azioni sociali e umanitarie dirette ai gruppi più vulnerabili, come i bambini. Nei paesi membri dell'IDB, finanzia organizzazioni caritative che sostengono l'istruzione, finanziano gli orfanotrofi e le case coraniche per l'educazione islamica dei bambini. In realtà, secondo alcuni osservatori, al centro della Conferenza vi è lo studio e l’analisi della possibilità (consentita dalla religione islamica) di utilizzare il Waqf anche oltre le opere di carità e in particolare nel finanziamento di sviluppo nei settori delle Infrastrutture e dell’Energia. Da un punto di vista religioso, il waqf, infatti, può essere utilizzato anche per la realizzazione di “opere di pubblica utilità”.
  • Ghana Free

    Ucciso noto giornalista di inchiesta

    GHANA - Hanno ucciso Ahmed Hussein Divela. È stato assassinato mercoledì sera a Madina, sobborgo della capitale del Ghana, Accra. Due uomini a bordo di una motocicletta lo hanno colpito con tre colpi d’arma da fuoco mentre era alla guida della sua auto: due al petto e uno al collo. Al pubblico italiano forse questo nome dirà poco. In realtà, Ahmed Hussein Divel è uno dei giornalisti più famosi dell’Africa e del Ghana in particolare. Ahmed aveva 34 anni ed era uno dei professionisti di punta del team investigativo dei giornalisti guidati da Anas Aremayaw Anas, il reporter africano più temuto nel continente. Anas, al quale la rivista «Africa» dedica la copertina e un lungo servizio all’interno, è anche chiamato “l’uomo con le perline” perché, per proteggere la sua identità e poter portare a termine lunghe inchieste giornalistiche, si è sempre presentato con il volto nascosto da una maschera di perline. Come Anas ha rivelato nella sua intervista ad «Africa», il team ha condotto servizi giornalistici partiti da lunghe inchieste sotto copertura. Articoli che hanno svelato la corruzione nel calcio, nella magistratura, nella polizia, lo sfruttamento nel mondo del lavoro. Un lavoro certosino che ha esposto sia Anas sia i suoi colleghi a rischi sempre maggiori. Negli anni è stato il bersaglio di minacce e molti criminali che ha incastrato sono a piede libero e gli hanno giurato vendetta. La paura del team di giornalisti è così grande che, negli ultimi mesi, il gruppo ha iniziato a collaborare con magistrati e poliziotti. Ma ciò non è bastato. Ahmed Hussein Divela è stato ucciso. È stato lo stesso Anas ad averne dato l’annuncio sul social: “Una notizia triste, ma noi non staremo in silenzio. Riposa in pace, Ahmed”. Il giornalista assassinato aveva recentemente presentato una denuncia dopo che un deputato del partito al governo aveva trasmesso la sua foto alla televisione nazionale, promettendo una ricompensa a chiunque lo avesse picchiato. Il video della minaccia del parlamentare è stato postato da Anas insieme alla notizia della morte del collega. Un’allusione probabilmente non casuale. Oltre a denunciare la corruzione delle più alte cariche governative, Ahmed aveva anche contribuito a smascherare il marcio del calcio africano e ghanese. Indagine, condotta con Anas, che portò alle dimissioni del presidente della Federazione ghanese, Kwesi Nyantakyi, filmato con potenziali “investitori” (giornalisti infiltrati) ai quali venivano offerti lucrosi contratti con il governo del Ghana, in cambio di diversi milioni di dollari. In seguito allo scandalo, più di 50 arbitri africani sono stati sospesi dalla Confederazione del calcio africano. [Africa Rivista]