Algeria

ENEA firma contratto di assistenza tecnica su efficienza e rinnovabili con Algeria

ALGERIA – L’ENEAha firmato insieme ad altri tre partner un contratto per la fornitura di servizi di assistenza tecnica nei settori delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica in Algeria.

A renderlo noto è stata la stessa agenzia italiana, precisando che i partner del progetto sono il Centro nazionale per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica della Grecia (CRES), la società di consulenza austriaca Allplan specializzata sui temi dell’efficienza energetica e la società belga IBF International Consulting NV.

In base a quel che è stato reso noto, le attività si svilupperanno nell’arco di un triennio per un controvalore di 8,2 milioni di euro.

“Il contributo ENEA sarà incentrato sul trasferimento di know how e di competenze anche in termini di legislazione e normativa di settore, per favorire lo sviluppo di una produzione distribuita di energia elettrica da fonti rinnovabili di piccola potenza sul territorio algerino – ha detto Dario Chello, responsabile del servizio ENEA incaricato dei rapporti con l’Unione Europea e gli organismi internazionali – Altro settore prioritario sarà l’efficienza energetica, sia in riferimento ai nuovi edifici e ai criteri per l’isolamento termico, sia al recupero energetico degli edifici esistenti”.

Tra le attività è previsto anche uno schema di etichettatura energetica degli elettrodomestici e la certificazione energetica di edifici e di materiali ad alte caratteristiche energetiche.

I beneficiari diretti delle attività di assistenza saranno le amministrazioni della Repubblica algerina e i soggetti istituzionali e non del sistema energetico, compresi l’Agenzia per l’efficienza energetica (APRUE), i centri di ricerca e sviluppo e le società del gruppo e l’azienda statale cui fanno capo la produzione, il trasporto e la distribuzione di energia elettrica e gas. In particolare, saranno coinvolti cinque ministeri – Energia, Ambiente ed energie rinnovabili, Habitat, urbanistica e città, Industria, Commercio – nonché la Commissione di regolazione dell’elettricità e del gas (CREG), il Centro nazionale di studi e di ricerche integrate dell’edilizia (CNERIB) e il Centro di sviluppo delle energie rinnovabili (CDER).

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Aumenta disavanzo bilancia commerciale

    TUNISIA - La bilancia commerciale alimentare tunisina ha registrato, nel mese di aprile, un disavanzo di 269,5 milioni di dollari contro un disavanzo di 188,05 milioni nello stesso periodo dell’anno scorso, ovvero un peggioramento di 81,45 milioni di dollari ovvero, pari al 43,3%. La Tunisia registra quindi un tasso di copertura del 73,0% nel 2022, contro il 75,3% nel 2021, secondo il bollettino pubblicato dall’Istituto nazionale tunisino di statistica (Ins). In termini di valore, le esportazioni alimentari sono aumentate del 26,9% mentre le importazioni sono aumentate del 30,9%. Il deficit registrato è essenzialmente il risultato dell’aumento del tasso di importazione di cereali (+25,1%), zucchero (+234,8%) e oli vegetali (+67,5%) e questo nonostante l’aumento delle esportazioni di olio d’oliva (+42,9%) . Il prezzo del grano duro ha registrato un aumento del 93,4% rispetto allo scorso anno. II prezzi degli altri prodotti cerealicoli (grano tenero, orzo e mais) hanno registrato un aumento che varia dal 27 al 58%, legato principalmente alle ripercussioni della guerra tra Russia e Ucraina. [ASB]
  • Egitto Free

    Alte aspettative di investimento nel settore energetico

    EGITTO - Il valore degli investimenti nel settore energetico in Egitto oscillerà tra i 7 e gli 8 miliardi di dollari durante l’anno fiscale in corso, secondo una dichiarazione rilasciata ad al-Arabiya dal ministro del Petrolio e delle risorse minerarie egiziano, Tarek El-Molla. El-Molla ha detto che i dati sono in fase di revisione e che i cambiamenti nei prezzi globali del petrolio richiederanno maggiori piani di investimento. Secondo il ministro egiziano il governo del Cairo si sta attualmente concentrando sulla massimizzazione dell’uso delle risorse naturali, con l’obiettivo di tornare ai livelli di produzione di petrolio di 5 anni fa. [ASB]
  • AlgeriaSenegal Free

    Firmati accordi settore farmaceutico

    ALGERIA / SENEGAL - I governi di Algeri e Dakar hanno firmato nella capitale senegalese diversi accordi di cooperazione nel settore dell’industria farmaceutica. Lo riporta l’agenzia stampa algerina Aps, che specifica che lo scopo di tali accordi è favorire la cooperazione bilaterale e lo scambio di esperienze e competenze nel settore farmaceutico tra i due Paesi, ma anche facilitare le procedure per l’avvio di partnership e la creazione di joint venture tra gli operatori dei due Paesi in questo settore. L’Algeria ha inoltre concesso al Senegal aiuti consistenti in prodotti farmaceutici e forniture mediche. Questi accordi sono stati firmati ieri alla presenza del ministro dell’Industria farmaceutica algerino Abderrahmane Lotfi Djamel Benbahmed e del ministro senegalese della Salute Abdoulaye Diouf Sarr, a margine della prima edizione della mostra El Djazaïr Healthcare nella capitale senegalese. [ASB]
  • Marocco Free

    Turismo, lanciato marchio Marocco Terra di luce

    MAROCCO - L’Ufficio nazionale del Turismo del Marocco ha lanciato il suo nuovo marchio internazionale “Maroc-Terre de lumière”, Marocco, terra di luce. Secondo i media del Paese il marchio mira a posizionare il Marocco tra le destinazioni turistiche più ambite al mondo, a rafforzare la sua notorietà e la sua attrattiva presso il pubblico internazionale e a rafforzare la sua immagine alla moda, soprattutto tra le nuove generazioni di viaggiatori.
    Il marchio si compone di tre componenti: un’identità visiva del marchio marocchino, un importante film promozionale e diverse campagne pubblicitarie.
    “La campagna ‘Maroc-Terre de lumière’ è una svolta nella comunicazione della destinazione. Gli dà nuova vita, in particolare rivolgendosi a un gruppo target più giovane, più dinamico, più connesso e alla costante richiesta di sorprese e scoperte’” precisa Adel El Fakir, direttore dell’Ufficio nazionale del Turismo.
    Il lancio della campagna è previsto contemporaneamente in 19 mercati di cui 5 strategici (Francia, Spagna, Germania, Regno Unito, Usa) e in Medio e Vicino Oriente, Israele e Africa. La campagna si rivolge a turisti internazionali di età compresa tra i 25 e i 59 anni interessati all’arte, alle esperienze culturali, alla natura, al patrimonio rurale, alle spiagge e alle attività ricreative.
    Poiché la campagna ha una vocazione multicanale  la sua diffusione prevede l’uso innovativo di un sistema digital con grandi formati, in 3D su mezzi di trasporto come sui taxi londinesi, francesi autobus o anche tram italiani. [GT]
  • Egitto Free

    A Sharm gli incontri annuali della Banca islamica di...

    EGITTO - La Banca islamica di sviluppo terrà i suoi incontri annuali del 2022 a Sharm El-Sheikh, dal 1° al 4 giugno. L’appuntamento egiziano si svolgerà attorno al tema "Oltre la ripresa: Resilienza e sostenibilità". La notizia è stata confermata ieri dal ministero della Pianificazione egiziano; prima d'ora l’Egitto aveva ospitato l’incontro annuale della Banca negli anni Novanta.  Agli incontri sono attesi i ministri dell'Economia, della Pianificazione e delle Finanze dei 57 Paesi membri della Banca, nonché i rappresentanti delle istituzioni finanziarie internazionali e regionali e delle banche islamiche, delle istituzioni nazionali di finanziamento allo sviluppo, delle associazioni degli imprenditori. [MS]
  • Algeria Free

    Ankara intende raddoppiare gli investimenti in Algeria

    ALGERIA - Algeri e Ankara hanno concordato di portare gli investimenti turchi in Algeria a oltre dieci miliardi di dollari: è quanto emerso dall’incontro che il presidente algerino, Abdelmadjid Tebboune, e il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, ad Ankara in occasione della visita del capo di Stato algerino in Turchia. “Il summit – è scritto in un dispaccio dell’Algérie Presse service – è stato ricco e approfondito”, nel corso del quale “sono stati consolidati i risultati” raggiunti nelle discussioni tra i due Paesi di due anni fa in Algeria”. “Una delle decisioni più importanti prese all’epoca dal presidente Erdogan è stata quella di aumentare gli investimenti turchi in Algeria a 5 miliardi di dollari”, è scritto nella nota. I due Paesi hanno però deciso di portare il volume degli investimenti turchi a oltre 10 miliardi. Secondo Tebboune, sono importanti “i passi compiuti insieme dai due Paesi” e ha aggiunto che “arricchiscono i nostri rapporti storici privilegiati e rafforzano il processo di partenariato strategico. Stiamo lavorando per stabilire basi politiche, economiche e culturali e in tutti i settori”. Prima della conferenza stampa, i presidenti Tebboune ed Erdogan hanno firmato diversi accordi di cooperazione e protocolli d’intesa in vari campi. Il presidente Tebboune ha ricordato la cooperazione bilaterale nel settore tessile a Relizane e nel settore siderurgico a Orano dove l’azienda Tosyali ha esportato quasi un miliardo di dollari. A una domanda sull’estensione del partenariato economico algerino-turco ad aree più strategiche, secondo quanto riporta l’Algérie Presse Service, il presidente Tebboune ha affermato che “gli accordi firmati non sono limitati né in termini di quantità né di tempo”. E ha aggiunto: “Ci stiamo muovendo verso accordi strategici e intendiamo anche, nell’ambito dello sviluppo dell’industria e degli scambi industriali tra i due Paesi, muoverci rapidamente verso l’industria navale, civile o militare, e altre industrie di interesse. per i due Paesi e la loro sovranità”. Dal canto suo, il presidente Erdogan ha ritenuto che la visita del presidente Tebboune in Turchia “rispecchi la nuova dinamica delle relazioni bilaterali tra i due Paesi”. Il presidente turco ha colto l’occasione per congratularsi con il presidente Tebboune per l’imminente celebrazione del 60° anniversario dell’indipendenza dell’Algeria e del 60° anniversario dell’instaurazione delle relazioni tra i due Paesi. Ricordando che le relazioni algerino-turche risalgono a 500 anni fa, il presidente Erdogan ha sottolineato che Algeria e Turchia sono “Paesi amici e fratelli”. Durante questa prima riunione, Erdogan ha detto che “è stata riaffermata la nostra volontà di elevare la cooperazione a livelli più alti e grazie a Dio i nostri scambi economici e commerciali sono aumentati del 35%, salendo a 4,2 miliardi di dollari nel 2021, nonostante la situazione sanitaria del 2020”. Erdogan ha anche sottolineato che il suo Paese continuerà a sostenere gli investimenti in Algeria delle 1.400 società turche presenti in loco, indicando che il business forum che si terrà oggi a Istanbul potrebbe contribuire ad aumentare gli investimenti e il commercio tra i due Paesi. Durante i colloqui bilaterali, i due capi di Stato si sono concentrati sui settori militare, agricolo, risorse naturali, agrobusiness, turismo e cultura delineando una la cooperazione basata sul principio “win-win”. Il presidente turco ha anche ricordato la firma di un accordo per l’apertura di una scuola internazionale turca ad Algeri e di un consolato turco ad Orano. [EC]