Angola

Keneguerere libera dalle mine antiuomo grazie ad un progetto sostenuto da Eni

ANGOLA – Oltre 45.000 m2 di terreno nella zona di Keneguerere, nella provincia di Benguela, in Angola, sono liberi dalle mine antiuomo grazie ad un team di donne sminatrici che hanno partecipato al progetto “100 Women in Demining” realizzato da Halo Trust con il supporto di Eni e dei partner della Joint Venture del Blocco 15/06, Sonangol P&P e SSI. Il progetto mira a restituire la terra ad un uso produttivo, a ridurre il numero di incidenti legati all’esplosione di mine, e a promuovere l’emancipazione delle donne in Angola attraverso l’impiego di squadre interamente femminili di sminatrici.

Durante il progetto sono state selezionate e formate donne provenienti dai distretti rurali di Balombo e Bocoio e dalle città di Lobito e Benguela. Le donne hanno avuto l’opportunità di acquisire nuove competenze: sminamento, meccanica e manutenzione dei veicoli, pronto soccorso e infermeria. Tutte le donne provengono da comunità a basso reddito, e il loro impiego regolare ha un impatto positivo sulle loro famiglie e sulle persone a loro carico.

“Le aziende hanno una responsabilità sociale e devono avere un impatto positivo nei paesi in cui operano”, ha commentato Andrea Giaccardo, Managing Director di Eni Angola. “Abbiamo scelto di sostenere il progetto 100 Women in Demining di Halo Trust perché affronta diverse questioni urgenti: l’eliminazione delle mine antipersona e l’accesso alla terra, così come l’emancipazione delle donne, l’occupazione e l’acquisizione di competenze. Con il loro lavoro, queste coraggiose e qualificate donne angolane stanno contribuendo allo sviluppo sostenibile del loro paese”.

Eni è un’impresa dell’energia che lavora per costruire un futuro in cui tutti possano accedere alle risorse energetiche in modo efficiente e sostenibile. Eni opera in 71 paesi nel mondo, e impiega circa 33.000 persone. La società è attiva nell’esplorazione, produzione, raffinazione e marketing di petrolio e gas, generazione di energia elettrica anche da fonti rinnovabili e petrolchimica. Eni è presente in Angola dal 1980, dove opera il Blocco 15/06 attraverso una Joint Venture formata da Eni (36,84%, Operatore), Sonangol P&P (36,84%) e SSI Fifteen Limited (26,32%).

HALO Trust è la più grande organizzazione umanitaria al mondo dedicata all’eliminazione delle mine terrestri. La sua missione è proteggere vite umane e ripristinare mezzi di sussistenza per coloro che sono minacciati da conflitto. Fondata nel 1988, impiega più di 8.400 persone in oltre 20 paesi e territori. HALO ha iniziato a bonificare le mine in Angola nel 1994, nella provincia di Bié. Attualmente lavora nelle province di Benguela, Bié, Huambo, Kuando Kubango e Kuanza Sul, e ha mappato i campi minati nelle provincie di Bengo, Cunene, Huila, Luanda e Namibe. [Fonte: Eni]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Sap sotto inchiesta per "contratti illeciti"

    SUDAFRICA - Gli investigatori sudafricani stanno cercando di recuperare più di 400 milioni di rand (23 milioni di dollari) dalla società di software tedesca Sap. Secondo le autorità di Pretoria, i proventi sarebbero frutto di contratti governativi stipulati illegalmente. Sebbene la quantità di denaro richiesta sia ridotta per un'azienda, come la Sap, che ha un valore di mercato di 162 miliardi di euro, le indagini stanno mettono in difficoltà la società che, già nel 2018, aveva ufficialmente riconosciuto di aver condotto affari illeciti con aziende statali sudafricane. Sap, che è una delle maggiori società di software a livello mondiale, non ha commentato le accuse. In una dichiarazione rilasciata alle agenzie stampa, i dirigenti hanno dichiarato: "Sap continua a collaborare con le autorità e con le forze dell'ordine sudafricane e rimane impegnata a rispettare i più elevati standard di etica aziendale [...] La nostra politica è e sarà sempre quella di svolgere tutte le attività aziendali in conformità con la lettera e lo spirito delle leggi locali". L'Unità investigativa speciale (Siu), che sta indagando sui contratti, ha riferito che le prove che indicano la violazione delle norme da parte dei funzionari del ministero dell'acqua sono già state rinviate ai pubblici ministeri. La Siu ha esaminato il lavoro di Sap per il ministero dell'Acqua negli ultimi due anni, dopo che il presidente Cyril Ramaphosa ha autorizzato indagini su possibili irregolarità negli appalti e corruzione. Gli investigatori affermano che i contratti soggetti alle nuove indagini dovrebbero essere dichiarati non validi perché sarebbero stati violati i regolamenti governativi. [EC]
  • Sudafrica Free

    Mtn si concentra sull’Africa e lascia il Medio...

    SUDAFRICA – C’è più Africa nella strategia di sviluppo del gruppo di telecomunicazioni sudafricano Mtn. Già presente in 14 Paesi e forte di ottimi risultati finanziari nell’anno appena trascorso, la società sta preparando la sua uscita dal Medio Oriente per concentrarsi maggiormente sul mercato del continente africano. «Dall’esame del nostro portafoglio, riteniamo che il gruppo sia meglio posizionato per concentrarsi sulla sua strategia panafricana (…) uscendo dalla regione del Medio Oriente in maniera ordinata» ha dichiarato l’amministratore delegato Robert Shuter, durante una conferenza stampa online ieri mattina. Oltre all’Africa, Mtn è presente in Siria, in Afghanistan, in Yemen e in Iran. Il primo e più importante mercato che il gruppo sudafricano intende lasciare è quello della Siria. A questo riguardo, sono in corso trattative con la società saudita TeleInvest, interessato ad acquisire la filiale. Il Medio Oriente ha contribuito solo a meno del 4% del fatturato del primo semestre della compagnia. Da gennaio a giugno, la società ha registrato un beneficio net per azione del 140% in più rispetto allo stesso periodo del 2019. [CC]
  • Angola Free

    Obbligo conto bancario locale per lavoratori stranieri

    ANGOLA - I lavoratori dipendenti stranieri in Angola dovranno aprire un conto bancario in un istituto finanziario bancario con sede nel Paese per ricevere i loro stipendi.

    E’ una delle nuove regole contenute nell’ultimo avviso pubblicato dalla Banca nazionale d’Angola (BNA) per l’effettuazione di operazione in valuta estera applicabili ai singoli individui, l’Avviso n. 17/20 del 3 agosto.

    La misura tuttavia stabilisce che i dipendenti stranieri possono comunque acquistare valuta estera e trasferire in qualsiasi momento all'estero i loro redditi da lavoro legalmente guadagnati in base a un formale contratto di lavoro, a condizione che la frequenza di tali trasferimenti non sia superiore alla frequenza dei versamenti dei redditi da lavoro.

    In base a quel che si apprende, le nuove regole entreranno in vigore a partire dal 2 settembre prossimo, trenta giorni dopo la pubblicazione dell’Avviso n. 17/20 del 3 agosto il cui testo integrale è disponibile qui.

  • Sudafrica Free

    Microsoft investe nel settore agricolo

    SUDAFRICA - La sussidiaria sudafricana del colosso dell’informatica statunitense Microsoft intende investire una cifra pari a due milioni di euro per diffondere l'uso delle nuove tecnologie in agricoltura in Sudafrica.

    A riportarlo sono i media locali, precisando che l’investimento mira a promuovere la sostenibilità nel settore agricolo per i piccoli agricoltori sudafricani, che hanno maggiore potenziale per promuovere nuove opportunità di crescita e occupazione.

    Secondo quel che viene reso noto, i fondi consentiranno di identificare società tecnologiche capaci di sfruttare il potere della tecnologia per contribuire a migliorare la partecipazione e il contributo economico, l'efficienza, la fattibilità e la sostenibilità dei piccoli agricoltori sudafricani.

    Microsoft, in collaborazione con le società tecnologiche identificate, svilupperà e realizzerà le varie soluzioni ad alto impatto necessarie ad affrontare le sfide che gli agricoltori devono affrontare, contribuendo in questo modo al raggiungimento degli obiettivi fissati dal Piano di sviluppo nazionale del Sudafrica. [MV]

  • Mozambico Free

    Covid19: prorogato Stato d’emergenza, misure a...

    MOZAMBICO - Sarà rinnovato per altri 30 giorni lo stato d’emergenza in Mozambico.

    Lo ha annunciato in un discorso alla nazione tenuto ieri sera, il presidente mozambicano, Filipe Nyusi, il quale parallelamente ha precisato che il governo sta lavorando per cercare di allentare alcune misure restrittive nel prossimo futuro.

    "Riteniamo che i nostri prossimi passi siano basati su due linee d'azione fondamentali: la prima è mantenere misure per la prevenzione e il controllo di COVID-19. La seconda è garantire che la vita sociale ed economica segua il suo corso normale” ha detto Nyusi.

    Il presidente del Mozambico ha indicato che il governo ha definito tre fasi di ripresa delle attività sociali ed economiche in base al grado di rischio per la salute pubblica.

    La prima fase inizierà dal 18 agosto, con la ripresa di corsi faccia a faccia in istituti di istruzione superiore, accademie militari, istituti di formazione degli insegnanti e istituti tecnico-professionali e sanitari.

    Dal 18 agosto saranno consentite anche riunioni religiose di non più di 50 persone.

    In una seconda fase, da settembre riapriranno cinema, casinò, palestre e scuole guida.

    La terza fase riguarda le attività considerate ad alto rischio. Dal 30 ottobre riprenderanno le lezioni per le scuole superiori, mentre le altre classi riprenderanno non appena le condizioni sanitarie saranno soddisfacenti.

    Nyusi ha aggiunto che molte attività che non sono state menzionate saranno soggette a regolamenti che saranno definiti dal Consiglio dei Ministri.

    "Sappiamo che la situazione è grave. La pandemia sembra essere tutt'altro che finita, quindi dobbiamo difenderci per un periodo indefinito", ha detto il capo di Stato.

    Parallelamente da ieri il governo ha avviato una serie di misure economiche a sostegno delle piccole e medie imprese mozambicane, attivando finanziamenti e linee di credito presso la Banca nazionale degli investimenti. Come nel resto del mondo anche in Mozambico i settori più colpiti sono quelli turistici, della ristorazione e del commercio al dettaglio.

    Secondo l’aggiornamento di ieri pomeriggio, il Mozambico conta poco più di 2000 casi di contagio da Covid e 15 decessi certificati. La vicinanza con il Sudafrica, vero epicentro della pandemia nel continente africano, spinge le autorità tenere molto alta la guardia.

  • Sudafrica Free

    Mascherine chirurgiche, si indaga per corruzione

    SUDAFRICA - La Commissione sulla concorrenza indagherà su imprese e funzionari statali che hanno «gonfiato il prezzo dei dispositivi di protezione individuale» nel corso dell'epidemia di Covid-19 in corso. Le indagini fanno seguito all'aggiudicazione sospetta di dispositivi di protezione individuale da parte di una società della quale, tra l'altro, fa parte il marito del portavoce della presidenza, Khusela Diko. Un rapporto ha rivelato che la società Royal Bacha di Thandisizwe Diko ha addebitato al Dipartimento della salute di Gauteng, 3 euro per una mascherina chirurgica che, normalmente, ha un prezzo di mercato di 70 centesimi. Il commissario responsabile della concorrenza, Tembinkosi Bonakele, ha dichiarato alla televisione nazionale: “Ci siamo confrontati con il Ministero del Tesoro [nazionale] ottenendo informazioni preziose. Inoltre alcuni dipartimenti governativi si sono rivolti a noi denunciando condotte sospette. Nelle prossime ore firmerò i documenti per l'avvio di almeno 10 indagini. Spesso esiste un legame tra i funzionari pubblici e queste società. Quindi, non vanno indagate solo le aziende, ma anche i funzionari corrotti”. Nel frattempo, la portavoce della presidenza, Khusela Diko, e suo marito, Madzikane Thandisizwe Diko, dopo aver chiesto un periodo di aspettativa, hanno dichiarato: «Ci rammarichiamo profondamente che gli sforzi per guadagnarsi da vivere onestamente e migliorare il benessere della nostra gente siano ora impantanati in questioni giudiziarie”. [EC]