Marocco

Opportunità in Marocco (2), Italia partner importante

MAROCCO – (segue) E’ il Marocco stesso a rappresentare una grande opportunità: questa è, in conclusione, la sintesi degli interventi che si sono succeduti nel corso del seminario “Le opportunità di investimento in Marocco e il suo ruolo nel continente africano” tenutosi ieri nell’ambito di Connext, evento nazionale di partenariato industriale organizzato da Confindustria a Milano.

A moderare il seminario è stato il direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, Pier Luigi d’Agata.

Da anni ormai le autorità stanno creando le condizioni più adatte agli investimenti stranieri: hanno riformato il codice commerciale, hanno firmato intese per evitare le doppie imposizioni, hanno creato infrastrutture modernissime (porti, aeroporti, ferrovie, autostrade), hanno creato zone industriali all’avanguardia, hanno garantito un clima di sicurezza. I risultati iniziano a vedersi.

Solo nell’industria sono stati creati 110mila posti di lavoro (ma l’obiettivo è arrivare ad almeno 500mila nei prossimi anni). Un’industria non si è concentrata solo su lavorazioni a basso valore aggiunto, ma vanta eccellenze nei settori automobilistico e dell’aerospazio. Perni di questo sviluppo sono la regione di Casablanca (punto di riferimento per i commerci atlantici) e quella di Tangeri (con il suo porto internazionale).

In questo contesto, l’Italia può diventare un partner importante.

“Le relazioni tra i due Paesi sono antichissime, risalgono al 1889 – ha sottolineato Khalid Benjelloun della Cgem, la Confindustria marocchina – Credo però che possano essere potenziate su basi nuove, sperimentando le potenzialità offerte dalla digitalizzazione. I nostri sistemi produttivi sono simili e si fondano su una rete di piccole e medie aziende. Il know-how italiano è molto apprezzato da noi e non fa alcuna fatica a abbinarsi allo stile imprenditoriale marocchino che, negli ultimi anni, si è conquistato in tutto il mondo una fama di intraprendenza e affidabilità”.

Fama confermata da Emilio Gallocchio della Intrasystem, un consorzio che opera nei settori infrastrutturale, ferroviario, delle energie rinnovabili.

“Il Marocco – ha sottolineato – può vantare una continuità di investimento che è una garanzia per il futuro e per chi vuole lavorare nel Paese. Ma anche una serietà e una competenza molto apprezzate dagli imprenditori europei. Il Marocco poi lavora bene anche sul piano culturale. Le sue università sono piene di studenti africani. Questo garantisce ottime relazioni con i leader politici ed economici del futuro”. [di Enrico Casale]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    In costruzione grande impianto di trattamento acque

    EGITTO - Il consulente per l’irrigazione del ministro egiziano per l’Espansione orizzontale, Naim Moselhy, ha dichiarato mercoledì che l’implementazione dell’infrastruttura della rete di irrigazione nel Nuovo Delta è iniziata. Lo riferisce Egypt Today. Moselhy ha detto che è in costruzione un gigantesco impianto di trattamento delle acque reflue con una capacità giornaliera di 7,5 milioni di metri cubi, per bonificare e irrigare le terre nel nuovo progetto, che copre oltre 2,2 milioni di feddan. Il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha dichiarato a settembre che un massiccio trattamento delle acque reflue sarebbe stato completato nel giugno 2022 nel distretto di Hamam nell’Egitto occidentale per bonificare e irrigare 1,5-2 milioni di feddan nel Nuovo Delta. Si stima che il progetto creerà cinque milioni di posti di lavoro e l’area sarà coltivata con colture strategiche come grano, mais e ortaggi. [TM]
  • Tunisia Free

    Saied annuncia un “dialogo nazionale”

    TUNISIA - Il presidente tunisino Kaïs Saïed ha dichiarato ieri sera che sarà avviato un “dialogo nazionale” con la partecipazione dei giovani e che si concentrerà su vari argomenti, tra cui il regime politico e il sistema elettorale del Paese. Questa dichiarazione è arrivata durante un consiglio dei ministri, presieduto da Saïed al Palazzo di Cartagine, secondo quanto riferisce un comunicato stampa della presidenza tunisina. Il presidente della Repubblica tunisina ha indicato nel suo discorso che “sarà avviato un dialogo nazionale sincero e onesto, al quale i giovani parteciperanno su tutto il territorio tunisino e che sarà totalmente diverso dalle precedenti esperienze”. Il capo dello Stato ha aggiunto che “il dialogo affronterà diversi temi, in particolare il regime politico e il sistema elettorale in Tunisia”. Saïed ha spiegato che il dialogo “si svolgerà secondo un calendario concordato e nel quadro di nuovi meccanismi, formule e percezioni che consentiranno di cristallizzare proposte nell’ambito di una conferenza nazionale”. Il presidente tunisino ha sottolineato che il dialogo “non includerà coloro che hanno rubato i soldi della gente o coloro che hanno venduto le loro anime all’estero”. [ASB]
  • Marocco Free

    Fondazione Brenthurst-Oppenheimer studia l’argan

    MAROCCO - Membri del consiglio di amministrazione della Fondazione Brenthurst-Oppenheimer hanno fatto visita mercoledì alla cooperativa Beni Anta”, nel comune di Ounagha (provincia di Essaouira) in Marocco, per approfondire le dinamiche del settore della coltivazione di argan. Alla delegazione hanno partecipato Jonathan Oppenheimer, l’ex presidente della Nigeria Olusegun Obasanjo, l’ex presidente della Liberia Ellen Johnson-Sirleaf e l’ex presidente della Sierra Leone Ernest Bai Koroma. Ai membri del Consiglio di amministrazione della Fondazione sono state illustrate le diverse fasi di produzione e commercializzazione dell’olio di argan, che vanno dalla raccolta del frutto all’imbottigliamento dell’olio, nonché sulle molteplici virtù dei derivati ​​di questo prodotto, in particolare nella cosmesi. L’accento è stato posto anche sul contributo socio-economico di questo settore, vitale per il Marocco. [ASB]
  • Libia Free

    Da Conferenza di stabilizzazione condanna a intervento...

    LIBIA - La ministra degli Esteri libica, Najla al-Mangoush, ha affermato in una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri kuwaitiano, Ahmed al-Sabah, che la Conferenza di stabilizzazione della Libia di ieri a Tripoli, ha ribadito la sovranità, l’unità e l’indipendenza del Paese, respingendo l’intervento straniero e condannando i tentativi di embargo sulle armi da parte del Consiglio di sicurezza dell’Onu. La dichiarazione finale, ribadisce inoltre al necessità che il Paese tenga le elezioni presidenziali e legilsative il 24 dicembre, come previsto dalla road map sostenuta dall’Onu. Il testo secondo ha sottolineato l’impegno per seguire le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazionu Unite, in particolare, oltre alle conclusioni delle conferenze di Berlino I e II e la tabella di marcia del Forum di dialogo politico libico, ribadendo l’apprezzamento per l’essenziale ruolo delle Nazioni Unite a sostegno della stabilità in Libia, insieme agli sforzi dell’Unione africana, della Lega araba, dell’Unione europea e dei Paesi vicini. La dichiarazione ha salutato il ritorno delle ambasciate straniere a lavorare da Tripoli, esortando il resto degli Stati a riprendere il lavoro dalla capitale. “La costruzione della fiducia”, continua la dichiarazione “è importante per creare l’ambiente necessario per elezioni nazionali eque e trasparenti il ​​24 dicembre”. La dichiarazione afferma che il governo libico sta guidando gli sforzi internazionali per porre fine alla crisi e il lancio dell’Iniziativa per la stabilità della Libia fa parte di tali sforzi, aggiungendo che il governo sostiene il lavoro della Commissione militare congiunta 5+5 per attuare pienamente l’accordo di cessate il fuoco e il piano d’azione approvato l’8 ottobre per il ritiro dei mercenari stranieri. Il co-presidente della conferenza, il ministro degli Esteri kuwaitiano Ahmed al-Sabah, ha dichiarato alla conferenza stampa dopo la fine del summit che l’evento di ieri ha mostrato segni di una nuova fase di pace e stabilità in arrivo in Libia. Al-Sabah ha ribadito il sostegno all’Iniziativa per la stabilità del Paese agli sforzi della Commissione militare congiunta 5+5 e al suo piano d’azione per il ritiro delle forze straniere. Il ministro ha sottolineato anche la necessità di un coordinamento tra l’Unione europea, l’Unione africana, l’Onu e la Lega araba per sostenere la stabilità e la risoluzione della crisi in Libia, sottolineando il sostegno del Kuwait allo svolgimento delle elezioni generali in Libia in tempo il prossimo dicembre. [TM]
  • Egitto Free

    Governo punta ad aumentare capacità di...

    EGITTO - Il governo del Cairo mira a più che quadruplicare la capacità di desalinizzazione concedendo a società private concessioni dal suo fondo sovrano per costruire 17 impianti nei prossimi cinque anni con energia solare sostenibile, scrivono media locali e internazionali. Le nuove concessioni sono pensate per incoraggiare gli investimenti privati ​​e lo sviluppo tecnologico. Secondo l’amministratore delegato del fondo, Ayman Soliman, gli investimenti in nuovi impianti di desalinizzazione verrebbero avviati con la garanzia del governo di acquistare l’acqua e rivenderla ai consumatori domestici e industriali con un forte sconto. I nuovi impianti produrrebbero complessivamente 2,8 milioni di metri cubi al giorno, una quantità che sarebbe raddoppiata a lungo termine. L’Egitto ha ora installato una capacità di desalinizzazione di circa 800.000 metri cubi al giorno e il governo punta a 6,4 milioni di metri cubi entro il 2050, secondo i dati del fondo. [TM]
  • Algeria Free

    Piattaforma digitale per seguire piano riforestazione

    ALGERIA - È stata lanciata una piattaforma digitale dedicata al rimboschimento delle foreste devastate dagli incendi: il lancio ufficiale della piattaforma è avvenuto durante i lavori della terza riunione della Commissione nazionale preposta al coordinamento e al monitoraggio del programma di riabilitazione delle aree devastate dagli incendi, tenutasi presso la sede del Ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo rurale. Secondo l’ispettore centrale responsabile della piattaforma Salim Sahi, “questo strumento fornisce ai visitatori tutti i dati relativi all’operazione di riforestazione”. La piattaforma consentirà anche di seguire l’operazione di rimboschimento che sarà avviata il 25 ottobre e proseguirà fino al 21 marzo 2022; sarà possibile informarsi istantaneamente e rapidamente sul numero di arbusti e superfici piantate durante tutta l’operazione. In virtù di tali accordi, sono state riservate a ciascuna associazione le aree da piantumare, garantendo il monitoraggio della crescita di tali aree. La Giornata Nazionale dell’Albero, la cui celebrazione è prevista in concomitanza con il 25 ottobre, vedrà l’avvio di un’operazione di rimboschimento delle aree forestali devastate dagli incendi boschivi, che interesserà una superficie complessiva di 30.000 ettari su tutto il territorio nazionale. L’operazione terminerà ufficialmente il 21 marzo, data che coincide con l’International Arbor Day. [CC]