Marocco

Opportunità in Marocco (2), Italia partner importante

MAROCCO – (segue) E’ il Marocco stesso a rappresentare una grande opportunità: questa è, in conclusione, la sintesi degli interventi che si sono succeduti nel corso del seminario “Le opportunità di investimento in Marocco e il suo ruolo nel continente africano” tenutosi ieri nell’ambito di Connext, evento nazionale di partenariato industriale organizzato da Confindustria a Milano.

A moderare il seminario è stato il direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, Pier Luigi d’Agata.

Da anni ormai le autorità stanno creando le condizioni più adatte agli investimenti stranieri: hanno riformato il codice commerciale, hanno firmato intese per evitare le doppie imposizioni, hanno creato infrastrutture modernissime (porti, aeroporti, ferrovie, autostrade), hanno creato zone industriali all’avanguardia, hanno garantito un clima di sicurezza. I risultati iniziano a vedersi.

Solo nell’industria sono stati creati 110mila posti di lavoro (ma l’obiettivo è arrivare ad almeno 500mila nei prossimi anni). Un’industria non si è concentrata solo su lavorazioni a basso valore aggiunto, ma vanta eccellenze nei settori automobilistico e dell’aerospazio. Perni di questo sviluppo sono la regione di Casablanca (punto di riferimento per i commerci atlantici) e quella di Tangeri (con il suo porto internazionale).

In questo contesto, l’Italia può diventare un partner importante.

“Le relazioni tra i due Paesi sono antichissime, risalgono al 1889 – ha sottolineato Khalid Benjelloun della Cgem, la Confindustria marocchina – Credo però che possano essere potenziate su basi nuove, sperimentando le potenzialità offerte dalla digitalizzazione. I nostri sistemi produttivi sono simili e si fondano su una rete di piccole e medie aziende. Il know-how italiano è molto apprezzato da noi e non fa alcuna fatica a abbinarsi allo stile imprenditoriale marocchino che, negli ultimi anni, si è conquistato in tutto il mondo una fama di intraprendenza e affidabilità”.

Fama confermata da Emilio Gallocchio della Intrasystem, un consorzio che opera nei settori infrastrutturale, ferroviario, delle energie rinnovabili.

“Il Marocco – ha sottolineato – può vantare una continuità di investimento che è una garanzia per il futuro e per chi vuole lavorare nel Paese. Ma anche una serietà e una competenza molto apprezzate dagli imprenditori europei. Il Marocco poi lavora bene anche sul piano culturale. Le sue università sono piene di studenti africani. Questo garantisce ottime relazioni con i leader politici ed economici del futuro”. [di Enrico Casale]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Sharm e Hurghada, riprende il turismo

    EGITTO - Da quando sono ripresi i voli internazionali (inizio di luglio), almeno 50.000 turisti si sono recati nelle famose mete turistiche egiziane di Sharm El-Sheikh e Hurghada. Lo ha detto il ministro del Turismo Khaled Al-Anany in una nota rilanciata dalla stampa locale. Secondo il membro del governo questi primi dati sono motivo di ottimismo e fanno sperare in una ripresa veloce di un comparto che è fondamentale per l'economia egiziana. I turisti provenivano da Ucraina, Bielorussia, Svizzera, Serbia e Ungheria, ha detto Al-Anany. "Nessuna infezione da coronavirus è stata rilevata tra questi nostri ospiti sia durante la loro permanenza in Egitto sia dopo il ritorno nei loro Paesi", ha detto il ministro. Attualmente, hotel e ristoranti egiziani possono operare solo al 50% della capacità abituale nel rispetto dei protocolli di salute e sicurezza. Il conteggio giornaliero di nuove infezioni da coronavirus e il numero di morti giornaliere in Egitto hanno continuato a diminuire nelle ultime settimane nonostante la recente revoca delle misure di blocco nel Paese. Secondo l'Oms, in Egitto si sono registrati 95.000 casi e cinquemila morti. [EC]
  • Egitto Free

    Accordo su demarcazione frontiera marittima tra il...

    EGITTO - I governi egiziano e greco hanno sottoscritto un accordo sulla demarcazione delle rispettive frontiere marittime.

    A darne i principali media internazionali dopo un incontro al Cairo tra il ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shoukry, e il suo omologo ellenico, Nikos Dendias.

    L'accordo stabilisce i confini tra le zone economiche esclusive dei due Paesi, in modo da massimizzare lo sfruttamento delle risorse minerarie nella regione del Mediterraneo orientale e far fronte al crescente attivismo della Turchia nell’area.

    Shoukry ha anzi apertamente dichiarato che l’intesa con la Grecia Shoukry, “consente di respingere i tentativi di coloro che sostengono il terrorismo e l'estremismo”.

    Immediata la reazione di Ankara con una nota diffusa dal ministero degli Esteri turco, secondo quest'accordo non cambia nulla e che l'area di riferimento rientra nella piattaforma continentale turca. [MV]

  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Egitto e Sudan in disaccordo, sospesi colloqui su diga...

    ETIOPIA/SUDAN/EGITTO - Sono stati sospesi ieri i colloqui relativi alla diga sul fiume Nilo realizzata dall’Etiopia, Great Ethiopian Renaissance Dam (GERD), con Sudan ed Egitto iniziati lunedì scorso con la mediazione dell’Unione Africana.

    Lo riferisce la stampa locale e internazionale, precisando che tanto il Sudan quanto l’Egitto hanno espresso forti riserve sul documento presentato dall’Etiopia relativo alle fasi di riempimento dell’invaso della diga.

    La controversia è legata ai tempi di riempimento: l’Etiopia intende procedere il più rapidamente possibile così da accendere le turbine, produrre energia e venderla per rientrare dell’investimento (quasi 5 miliardi di dollari interamente sborsati dal paese) fatto; Sudan e soprattutto Egitto invece chiedono tempi di riempimento molto più lunghi per non subire ripercussioni nel flusso delle acque a valle dell’impianto idroelettrico.

    Secondo quanto riportato dalla stampa, i colloqui si sono interrotti a causa di un disaccordo sulle nuove linee guida per le future fasi di riempimento presentate dagli etiopi al tavolo.

    Il Ministero del Sudan per l'irrigazione e le risorse idriche ha dichiarato che le linee guida presentate riguardano solo la prima fase di riempimento del GERD e non quelle successive, secondo quanto riferito dall'Agenzia di stampa del Sudan (Suna).

    Secondo l’Egitto, spiega il quotidiano ufficiale egiziano Al-Ahram, le linee guida presentate sono prive di regole per il funzionamento della diga e violano gli accordi passati.

    Adesso toccherà ai mediatori dell’Unione Africana, ma anche di Unione Europea e Stati Uniti anch’essi presenti al tavolo, lavorare sulla distanza delle posizioni e riportare le delegazioni al tavolo.

    Al momento nessuna data è stato fornita per la ripresa dei colloqui.

  • Egitto Free

    Maggiore attenzione su diritti proprietà intellettuale

    EGITTO - Il ministero del Commercio egiziano ha intenzione di riformare la propria unità responsabile per la protezione dei diritti sulla proprietà intellettuale.

    A dirlo è stata la ministra del Commercio, Nevine Gamea, sottolineando come la riforma si proponga di consentire maggiore supervisione e monitoraggio, nonché maggiore cooperazione e condivisione delle informazioni con gli organismi internazionali responsabili delle materie di violazione del copyright e delle controversie in materia di proprietà intellettuale.

    Secondo quel che viene reso noto, la riforma prevede la partecipazione nell’unità responsabile della protezione dei diritti sulla proprietà intellettuale di rappresentanti dei ministeri dell’Istruzione superiore, della Ricerca scientifica, del Commercio, della Cultura, dell’Informatica, dell’Agricoltura, dell’Industria, della Finanza e degli Interni. [MV]

  • Algeria Free

    Banca statale ottiene certificato di conformità a...

    ALGERIA - La Banca nazionale d’Algeria (BNA) è diventato il primo istituto commerciale controllato dallo Stato ad ottenere un certificato di conformità alla sharia.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che l’assegnazione del certificato rientra in un piano delle autorità algerine volto a offrire servizi di finanza islamica per far fronte ai problemi economici causati da un calo delle entrate energetiche.

    Grazie al certificato rilasciato dal Supremo consiglio islamico dell'Algeria, il più alto organismo nel Paese incaricato a esprimere pareri in materia religiosa islamica.

    “Più banche e istituzioni finanziarie riceveranno certificati”, si legge in un comunicato diffuso dallo stesso Supremo consiglio islamico, ricordando che da aprile è responsabile di esaminare i fascicoli che riceve dagli istituti bancari e finanziari che desiderano introdurre prodotti legati alla finanza islamica tra i propri servizi alla clientela. [MV]

  • Algeria Free

    Governo pronto a valorizzare l’estrazione mineraria

    ALGERIA - Il ministero delle Miniere algerino sta lavorando alla preparazione di gare d’appalto per dare in concessione zone ricche in risorse minerarie. Lo ha detto all’agenzia di stampa ufficiale Aps il ministro Mohamed Arkab, dando come scadenza ultima la fine del primo trimestre 2021 per l’avvio di questi progetti tesi ad accrescere il valore dell’industria mineraria nazionale. Il progetto più imminente riguarda lo sfruttamento di giacimenti auriferi nello Hoggar, a Tamanrasset e a Illizi. Nel progetto è previsto un capitolo artigianale, che dovrebbe aiutare i giovani a costituirsi in cooperative o in piccole e medie imprese, a essere formati professionalmente, e ad acquistare il materiale necessario. Un altro progetto mira la valorizzazione del giacimento di ferro di Ghar Djibilet, capace di produrre di 1,6 miliardi di tonnellate. Lo zinco potrebbe diventare redditizio nella zona di Oued Amizour. Il governo ha fatto sapere di essere sul punto di avviare la ricerca di un partner per lanciare le prime strutture del progetto entro il primo trimestre 2021. Ci sarà infine un progetto sui fosfati, nell’Est del Paese, in coordinamento con la Sonatrach e con il ministero dell’Energia. [CC]