Marocco

Opportunità in Marocco (2), Italia partner importante

MAROCCO – (segue) E’ il Marocco stesso a rappresentare una grande opportunità: questa è, in conclusione, la sintesi degli interventi che si sono succeduti nel corso del seminario “Le opportunità di investimento in Marocco e il suo ruolo nel continente africano” tenutosi ieri nell’ambito di Connext, evento nazionale di partenariato industriale organizzato da Confindustria a Milano.

A moderare il seminario è stato il direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, Pier Luigi d’Agata.

Da anni ormai le autorità stanno creando le condizioni più adatte agli investimenti stranieri: hanno riformato il codice commerciale, hanno firmato intese per evitare le doppie imposizioni, hanno creato infrastrutture modernissime (porti, aeroporti, ferrovie, autostrade), hanno creato zone industriali all’avanguardia, hanno garantito un clima di sicurezza. I risultati iniziano a vedersi.

Solo nell’industria sono stati creati 110mila posti di lavoro (ma l’obiettivo è arrivare ad almeno 500mila nei prossimi anni). Un’industria non si è concentrata solo su lavorazioni a basso valore aggiunto, ma vanta eccellenze nei settori automobilistico e dell’aerospazio. Perni di questo sviluppo sono la regione di Casablanca (punto di riferimento per i commerci atlantici) e quella di Tangeri (con il suo porto internazionale).

In questo contesto, l’Italia può diventare un partner importante.

“Le relazioni tra i due Paesi sono antichissime, risalgono al 1889 – ha sottolineato Khalid Benjelloun della Cgem, la Confindustria marocchina – Credo però che possano essere potenziate su basi nuove, sperimentando le potenzialità offerte dalla digitalizzazione. I nostri sistemi produttivi sono simili e si fondano su una rete di piccole e medie aziende. Il know-how italiano è molto apprezzato da noi e non fa alcuna fatica a abbinarsi allo stile imprenditoriale marocchino che, negli ultimi anni, si è conquistato in tutto il mondo una fama di intraprendenza e affidabilità”.

Fama confermata da Emilio Gallocchio della Intrasystem, un consorzio che opera nei settori infrastrutturale, ferroviario, delle energie rinnovabili.

“Il Marocco – ha sottolineato – può vantare una continuità di investimento che è una garanzia per il futuro e per chi vuole lavorare nel Paese. Ma anche una serietà e una competenza molto apprezzate dagli imprenditori europei. Il Marocco poi lavora bene anche sul piano culturale. Le sue università sono piene di studenti africani. Questo garantisce ottime relazioni con i leader politici ed economici del futuro”. [di Enrico Casale]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Agricoltura, inaugurata nuova banca genomica

    MAROCCO - In Marocco la nuova banca genomica del Centro internazionale per la ricerca agricola nelle zone aride è stata inaugurata dal ministro dell’Agricoltura e della Pesca Mohammed Sadiki. All’inaugurazione hanno partecipato il direttore generale del Centro per la ricerca agricola Aly AbouSabaa e diversi funzionari della Fao, oltre a rappresentanti delle ambasciate, università e istituti di ricerca. Secondo quanto recita un comunicato rilanciato dai media marocchini, la banca genetica è istituita per raccogliere, conservare e sviluppare risorse genetiche vitali per proteggere la biodiversità agricola nelle zone aride. Un progetto che fa parte degli sforzi per preservare le risorse genetiche e affrontare le sfide della sicurezza alimentare e le minacce legate ai cambiamenti climatici. Mohammed Sadiki ha sottolineato che “le risorse genetiche sono un patrimonio preziosissimo che va salvaguardato e preservato. Le accessioni e i parenti selvatici sono vitali per lo sviluppo di nuove colture riproducendo tratti in grado di far fronte a condizioni sempre più difficili dovute al cambiamento climatico”. Il ministro ha elogiato la qualità della collaborazione tra Marocco e il Centro internazionale per la ricerca agricola nelle zone aride, iniziata nel 1977 su programmi di ricerca che riguardano settori quali la selezione di cereali e legumi alimentari, sistemi integrati di colture e allevamento, gestione delle risorse idriche e il rafforzamento delle capacità. [GT]
  • Egitto Free

    Contro inflazione maxi aumento tassi interesse

    EGITTO - Nel tentativo di frenare l’inflazione l’Egitto ha deciso ieri un significativo aumento dei tassi di interesse. La Banca centrale ha aumentato i tassi di deposito e di prestito di 200 punti base ciascuno, portandoli rispettivamente all'11,25% e al 12,25%. La notizia è stata riferita dal Comitato di politica monetaria. Importatore di generi alimentari, l'Egitto sta facendo i conti con i prezzi record dei cereali, alimentati dal conflitto in Europa. In precedenza, la nazione araba più popolosa acquistava la maggior parte del grano dall'Ucraina e dalla Russia. Quest'ultima è stata anche una delle principali fonti di visitatori per la sua industria turistica. [MS]
  • Marocco Free

    Più cooperazione economica con la Germania

    MAROCCO - Con l’obiettivo di rafforzare la cooperazione marocchino-tedesca, Younes Sekkouri, ministro marocchino per l’Integrazione economica, le piccole imprese, l’occupazione e le competenze, ha incontrato Barbel Kofler, segretario di Stato parlamentare presso il ministero federale tedesco per la cooperazione e lo sviluppo economico. I due responsabili si sono incontrati durante un incontro a margine della 5a Conferenza ministeriale dell’Unione per il Mediterraneo (UpM) sull’occupazione e il lavoro, che si è tenuta a Marrakech. Hanno riaffermato il loro impegno a lavorare per una trasformazione socio-ecologica dell’industria e dell’economia in generale, nonché di come la Germania potrebbe stare al passo con questi cambiamenti. Dopo che il Marocco ha richiamato il suo ambasciatore a Berlino Zohour Alaoui, nel maggio 2021 per discussioni tra le crescenti tensioni diplomatiche tra Berlino e Rabat, il Paese ha da allora confermato il suo ritorno nel febbraio 2022. Il nuovo governo tedesco è apparso quindi desideroso di ristabilire relazioni regolari tra i due paesi, considerando il Piano di autonomia marocchino del Sahara Occidentale come un contributo essenziale per la risoluzione della controversia sul territorio conteso. Durante la sua visita, Kofler ha anche incontrato la ministro dell’Economia e delle Finanze Nadia Fattah Alaoui lunedì a Rabat, per discutere i modi per rafforzare la collaborazione bilaterale in una varietà di discipline. [CC]
  • Egitto Free

    Governo verso privatizzazione diversi settori

    EGITTO - Il governo del Cairo ha identificato le attività dalle quali si ritirerà o nelle quali ridurrà la sua presenza nei prossimi tre anni, nell’ambito di un piano per espandere il settore privato. Lo rivela una bozza di documento governativo in merito, diffusa dai media locali. L’economia egiziana è stata scossa dall’impatto della guerra in Ucraina ed è in trattative per un nuovo programma di prestiti con il Fondo monetario internazionale: il governo sostiene di voler offrire risorse agli investitori privati, al fine di attirare 40 miliardi di dollari nei prossimi quattro anni e aumentare gli investimenti nel settore privato, ma i precedenti piani di privatizzazione sono stati più volte rinviati, in parte a causa di turbolenze di mercato e ostacoli legali e burocratici. Secondo il documento citato dai media egiziani, le aree in cui il governo intende ridurre la propria partecipazione entro i prossimi tre anni includono il settore dei cereali (ad eccezione del grano), la costruzione di porti, la produzione di fertilizzanti e gli impianti di desalinizzazione dell’acqua. Altre aree in cui potrebbe ridurre la sua presenza riguardano la produzione di energia, l’istruzione prescolare, la produzione tessile, la gestione, la manutenzione e il funzionamento delle linee della metropolitana, l’estrazione mineraria e petrolifera. Le aree in cui lo Stato egiziano intende aumentare la propria presenza includono invece la realizzazione di ferrovie e linee della metropolitana, la gestione del Canale di Suez e le attività di intermediazione finanziaria e assicurativa, ambiti nei quali il governo intende collaborare il più possibile con il settore privato. Il documento afferma che il governo prevede di ridurre le sue partecipazioni nell’industria tessile del 90%, nell’industria mineraria del 40%, nell’industria chimica del 75% e nell’industria della trasformazione alimentare del 73%. Tuttavia, il governatore della Banca centrale Tarek Amer ha dichiarato che non è stato raggiunto alcun accordo definitivo sull’entità dell’accordo con il Fmi. [ASB]
  • Tunisia Free

    Fosfati, obiettivo recuperare mercati Asia ed Europa

    TUNISIA - La Compagnia dei produttori di fosfati della Tunisia punterà, nel restante periodo del 2022, a recuperare i suoi clienti tradizionali sul mercato globale, grazie a una strategia di vendita verso diversi clienti in Asia ed Europa. Dopo oltre 10 anni di sospensione delle esportazioni tunisine di fosfato verso questi mercati, la priorità è rilanciare le esportazioni tunisine di fosfato commerciale, nell’ambito di un piano che copre il resto del 2022, attraverso il transito di 300.000 tonnellate di fosfati verso i mercati mondiali. Secondo quanto si legge in una nota “la Compagnia dei produttori si prepara ad esportare entro la fine di maggio quasi 50.000 tonnellate verso clienti di Francia, Brasile e Turchia, gli stessi clienti tradizionali che la Tunisia ha perso negli ultimi anni a causa del crollo della produzione nazionale, caduta a circa 4 milioni di tonnellate contro quasi 8 milioni di tonnellate nel 2010”. Inoltre la Compagnia ha ribadito le “crescenti richieste che la Tunisia sta attualmente ricevendo, in particolare da Francia, Brasile, Turchia, Indonesia e Pakistan, a causa della qualità superiore del fosfato tunisino negli usi agricoli, un importante vantaggio che contribuirà al recupero dei clienti tradizionali e di conseguenza al rilancio delle esportazioni tunisine di fosfati”. [GT]
  • Libia Free

    Apre a Tripoli filiale di associazione turca di...

    LIBIA - L’Associazione turca degli industriali e dei commercianti indipendenti (Musiad) ha aperto una propria filiale a Tripoli, in Libia. Presenti alla cerimonia di inaugurazione il ministro dell’Economia e del Commercio, Mohamed Hwej, che ha auspicato un rafforzamento dell’interscambio “con nuovi progetti e investimenti”. “La nostra priorità sono le infrastrutture e i progetti sostenibili. Il primo di questi riguarda l’aeroporto. E abbiamo bisogno di sostegno”, ha precisato il ministro, citato dal Libya Herald. Hwej ha presentato la Libia come porta d’accesso al continente africano, rimarcando le carenze infrastrutturali del Paese: “Ad esempio, nel sud del Paese abbiamo bisogno di investimenti in pannelli solari e grano. Con il crescente volume degli scambi della Turchia, ci aspettiamo che la Libia diventi un partner commerciale di primo livello”. Da parte sua, il presidente di Musiad, Mahmut Asmali, ha espresso l’auspicio di poter firmare accordi di cooperazione per migliorare i rapporti economici tra i due paesi. All’inaugurazione della sede erano presenti anche il direttore della Camera di commercio, dell’industria e dell’agricoltura, l’ambasciatore turco in Libia, il sindaco di Tripoli, una delegazione di 50 imprenditori turchi e un gruppo di imprenditori libici. [SS]