Tunisia

UNIDO promuove seminario tecnico in Tunisia su tecnologie sostenibili in agricoltura

TUNISIA – Avrà luogo a Tunisi il 10 e l’11 aprile prossimi un seminario tecnico sulle tecnologie sostenibili in agricoltura rivolto ad aziende italiane interessate a opportunità di partenariato in sei Paesi del Mediterraneo, tra cui la Tunisia.

A organizzare il seminario è l’Ufficio italiano per la promozione tecnologica e degli investimenti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO ITPO Italy) in collaborazione con il ministero dell’Ambiente italiano.

In base a quel che viene reso noto, il seminario – la cui partecipazione è totalmente gratuita – è dedicato alle aziende italiane impiegate nei settori delle energie rinnovabili in agricoltura, nel nesso acqua-cibo-energia e nell’agro-industria sostenibile.

Durante l’evento, ogni azienda avrà modo di presentare la propria tecnologia, nonché partecipare a una sessione di BtoB meeting con le aziende tunisine che interverranno.

Per maggiori informazioni è possibile contattare via mail UNIDO ITPO Italy all’indirizzo itpo.rome@unido.org.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Inflazione core oltre il 15 per cento a luglio

    EGITTO - La Banca Centrale d’Egitto ha annunciato che il tasso annuo di inflazione core è salito al 15,6% nel mese di luglio, rispetto al 14,6% del mese precedente. Per quanto riguarda la media mensile, l’indice dei prezzi al consumo core ha segnato un tasso dell’1,5% a luglio 2022, rispetto allo 0,6% registrato nello stesso mese del 2021 e all’1,2% dello scorso giugno. La Banca Centrale ha inoltre indicato che il tasso di inflazione generale annuo è salito al 13,6% a luglio 2022, rispetto al 13,2% del mese precedente, mentre l’indice generale dei prezzi al consumo urbani ha raggiunto l’1,3%, rispetto a una media dello 0,9% per lo stesso mese dell’anno precedente e un tasso mensile negativo dello 0,1% a giugno 2022. L’Agenzia Centrale per la Mobilitazione Pubblica e la Statistica del governo in Egitto ha attribuito l’aumento dell’inflazione “all’aumento dei prezzi del dipartimento alimentare e delle bevande del 23,8%, del pane del 45,9%, del pesce del 34,2%, degli oli del 31,6 %, latticini, formaggio e uova del 27,2%, zucchero del 24,3%, carne del 23,9% e frutta dell’11,6%. Invece i prezzi degli alloggi, dell’elettricità e del gas sono aumentati del 5,8%, i prezzi dei trasporti e delle comunicazioni del 15,4%, dell’assistenza sanitaria del 6,4%, dell’istruzione del 13,9% e dell’intrattenimento del 27%. L’Egitto ha dovuto far fronte a crescenti pressioni finanziarie dall’inizio della guerra russa in Ucraina, poiché le riserve di valuta estera hanno continuato a diminuire per il terzo mese consecutivo alla fine di luglio. Secondo i dati emessi dalla Banca centrale, le riserve sono diminuite durante i primi sette mesi di quest’anno di circa 7,8 miliardi di dollari, per raggiungere 33,14 miliardi di dollari alla fine del mese scorso, rispetto ai 40,93 miliardi di fine dicembre 2021, con una diminuzione di 19 miliardi di dollari.  [CN]
  • Algeria Free

    Fichi secchi, prevista produzione catastrofica

    ALGERIA - In Algeria i produttori di fichi secchi di Beni Maouche prevedono una produzione “catastrofica” per quest’anno a causa delle condizioni meteorologiche avverse. Secondo le stime dell’Associazione dei coltivatori di fichi del comune di Beni Maouche, il calo della produzione potrebbe raggiungere l’80%. ”Prevediamo un calo di circa l’80%”, indica il presidente dell’associazione Youcef Meziane in un dichiarazione raccolta da Maghreb Emergent. La siccità e altri rischi climatici sono la causa di questa situazione “preoccupante”. ”Il terreno è asciutto e le falde freatiche stanno cadendo. Condizioni che minacciano seriamente la filiale del fico”, avverte Youcef Meziane. ”Le precipitazioni sono in calo da 5 anni. I fichi non si possono più produrre in queste condizioni”. Il calo della produzione potrebbe indurre gli organizzatori dell’associazione e le autorità locali a cancellare la festa dei fichi secchi di Beni Maouche che dovrebbe svolgersi in autunno. ”Sarà difficile organizzare la festa dei fichi secchi di Beni Maouche in queste condizioni. I visitatori abituali dell’evento potrebbero non trovare il loro frutto preferito”, ha sottolineato Meziane.  [GT]
  • AfricaTunisia Free

    Evento AfDb su energia verde a margine della Ticad8

    AFRICA - Accelerare l’accesso all’energia pulita con i finanziamenti per il clima: questo sarà il tema dell’evento che organizzeranno il prossimo 22 agosto la Banca africana di sviluppo (AfDb) e l’International Finance Corporation per discutere le sfide relative all’accelerazione della transizione verso l’energia pulita, le opportunità di investimento per il settore privato e il modo in cui le istituzioni di finanziamento dello sviluppo stanno aumentando il loro sostegno per raggiungere questi obiettivi. L’evento, che si svolgerà virtualmente a margine dell’ottava Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano (Ticad8) prevista il 27 e 28 agosto 2022 a Tunisi, riunirà esperti del settore pubblico e privato in Asia e Africa, nonché istituzioni di finanziamento dello sviluppo con l’obiettivo di dibattere della necessaria transizione equa e giusta verso l’energia pulita che attende il continente africano. La Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano mira a promuovere la cooperazione e il partenariato tra Giappone e Africa a sostegno dello sviluppo sostenibile del continente. Per informazioni sull'agenda e sulle modalità di partecipazione, cliccare qui. [CN]
  • Libia Free

    Riavviati impianti della compagnia di fertilizzanti

    LIBIA - La Libyan Fertilizer Company (Lifeco) ha annunciato di aver riavviato le operazioni del suo secondo impianto di ammoniaca e del suo secondo impianto di urea con una capacità produttiva dell’80% per ogni impianto. La ripresa delle attività arriva dopo uno stop di due mesi causato dall’embargo sulla produzione e l’esportazione di petrolio. La società riprenderà le operazioni dei due stabilimenti nei prossimi giorni, ha affermato in una nota la National Oil Corporation (Noc), precisando che la ripresa della produzione rientra nel quadro dei suoi sforzi per ristabilire la produzione petrolchimica, in particolare l’urea, per la sua importanza nel campo dell’agricoltura, soprattutto con l’inizio della stagione dell’aratura nel più vasto ambito degli obiettivi da raggiungere per la Libia nel campo della sicurezza alimentare. Secondo la Noc, prima dell’embargo, la produzione giornaliera di urea era di circa 1.400 tonnellate e quella di ammoniaca di circa 800 tonnellate al giorno. [CN]
  • Egitto Free

    Austerità elettrica, si parte con illuminazione...

    EGITTO - Il primo ministro Mostafa Madbouly ha tenuto una riunione per dare seguito alle decisioni dello Stato in merito all’attivazione di procedure di razionamento dell’energia elettrica e allo sfruttamento del gas naturale per l’esportazione anziché per il consumo interno, in presenza dei ministri dell’elettricità Mohamed Shaker e del petrolio Tariq al-Mulla, dello sviluppo locale Mahmoud Shaarawy, della gioventù e dello sport Ashraf Sobhi, dell’edilizia abitativa e dei servizi pubblici Assem Al-Jazzar e funzionari delle autorità competenti. Secondo una dichiarazione rilasciata dal Consiglio dei Ministri, Madbouly ha dichiarato: “Il governo stesso ha avviato l’attuazione del piano di razionalizzazione e ci sono decisioni che saranno inviate a tutti i ministeri nell’ambito dell’attuazione di questo piano, compreso lo spegnimento completo della corrente elettrica dopo la fine dell’orario di lavoro ufficiale, ad eccezione degli edifici di servizio, e la mancanza di illuminazione esterna degli edifici governativi e la chiusura di stadi, sale coperte e stadi nonché centri commerciali a un’ora specifica durante i periodi notturni”, così come verrà ridotta l’illuminazione di piazze, strade e assi principali per ridurre il consumo di elettricità, già iniziata in piazza Tahrir, nel centro della capitale. Il Primo ministro egiziano ha inoltre aggiunto che è stata presa la decisione di riportare avanti l’ora legale. Il Primo ministro ha spiegato che “lo Stato egiziano sta attualmente lavorando per investire la risorsa più importante che possiede attualmente, che è il gas naturale, a cui sono stati diretti ingenti investimenti nell’ultimo periodo, e quindi cerca di fornirne la maggior quantità per l’esportazione all’estero, per ottenere valuta estera, soprattutto alla luce della crisi globale che stanno attraversando Paesi di tutto il mondo”. In una conferenza stampa dopo l’incontro, Madbouly ha affermato che “il piano del governo per razionalizzare il consumo di elettricità negli edifici governativi inizierà dalla prossima settimana”. [CN]
  • AfricaMarocco Free

    A ottobre in Marocco un forum sulla resilienza...

    AFRICA - Dal 26 al 28 ottobre, la città di Ifrane, nel Marocco occidentale, ospiterà il quinto Vertice africano sul commercio e gli investimenti, con la resilienza del continente agli effetti del cambiamento climatico al centro delle discussioni, sotto il tema “Cambiamenti climatici: l’Africa si fa carico del suo destino”. “L’Africa è responsabile di meno del 4% delle emissioni globali di gas serra. Tenuto alla vigilia della Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico (Cop27) delle Nazioni Unite, l’Ifrane Forum 2022 metterà in evidenza le iniziative del settore privato e le soluzioni innovative sviluppate per fornire risposte adeguate all’emergenza climatica in Africa”, afferma Khadija Idrissi Janati, presidente dell’associazione I-Afrika, che organizza l’incontro. Ifrane Forum 2022 riunirà quasi 200 partecipanti provenienti da 30 paesi africani, inclusi operatori economici, decisori politici, organizzazioni non governative, ricercatori, sindacati professionali e start-up. Durante i tre giorni dell’evento, i partecipanti discuteranno di finanza e imprenditorialità verde, diplomazia climatica, genere e clima, industrie non inquinanti, ma anche dell’impatto sull’occupazione e del coinvolgimento del settore privato. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [CN]