Kenya

Incarico a consorzio francese per costruire autostrada

KENYA – Sarà un consorzio guidato del gruppo francese Vinci a costruire l’autostrada tra Nairobi, Nakuru e Mau Summit ottenendo l’incarico sul modello di un partenariato pubblico-privato che prevede la gestione dell’infrastruttura per i prossimi 30 anni.

(163 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Alloggi popolari in tutto il Paese, i piani del governo

    TANZANIA - Le autorità tanzaniane hanno annunciato di aver progettato la costruzione di circa 30.000 case a basso costo in tutto il Paese. William Lukuvi, ministro per lo Sviluppo delle terre, degli alloggi e degli insediamenti umani, ha dichiarato che le case saranno costruite dalla National Housing Corporation (Nhc) , azienda di proprietà statale. “L’intenzione del governo è di fornire alloggi a prezzi accessibili”, ha sottolineato Lukuvi poco dopo aver ispezionato la costruzione di 20 case dell’Mhc nella città costiera di Tanga. Il ministro ha poi detto che la costruzione delle case sarà accompagnata dal miglioramento delle infrastrutture comprese strade, scuole e centri sanitari. [MS]
  • Sudan Free

    L’alleanza anti-Bashir a Parigi per colloqui interni...

    SUDAN - Stanno cercando un forte sostegno delle diplomazie ‘occidentali’ i partiti d’opposizione sudanesi e il fronte anti-Bashir, che da ieri sono riuniti proprio a Parigi, capitale francese, per discutere della situazione, trovare soluzioni concrete e trovare una linea comune su un possibile “post Bashir”. Da sette settimane, quasi quotidianamente manifestazioni di protesta antigovernativa hanno luogo in Sudan. Circa 57 persone sarebbero state uccise durante la protesta e l’opposizione chiede un’inchiesta internazionale per determinare la responsabilità. L’alleanza dell’opposizione, chiamata “Sudan Call”, che raggruppa esponenti politici, dei gruppi armati e della società civile, dice di tenere questo colloquio “nello spirito di sostegno al movimento rivoluzionario, dell’unità del lavoro dell’opposizione, e per l’avvio di un’azione congiunta finché non riusciremo a mettere in sella un nuovo regime che garantisca la libertà e la pace, la giustizia e la democrazia” ha detto Salah Jalal, il portavoce dell’alleanza. I recenti segnali mandati dal presidente Omar Hassan Al Bashir negli ultime settimane, come la rinuncia alla presidenza del suo partito, la nomina di un nuovo governo, la riduzione a sei mesi dello stato d’emergenza, non hanno placato il movimento di protesta. [CC]
  • Kenya Free

    Visita Macron (2), accordi per 3 mld e molte...

    KENYA – (segue) Il presidente francese Emmanuel Macron, che era in Kenya in visita di stato per partecipare al One Planet Summit, ha detto di essere soddisfatto della crescente partnership tra Kenya e Francia e ha promesso di assicurarsi personalmente che il consorzio francese porti a termine il progetto. Macron ha anche detto che la Francia intende approfondire la sua collaborazione con il Kenya in materia di sicurezza, salute e istruzione. Sempre secondo il Daily Nation, durante la visita del capo di Stato francese in Kenya tra i due paesi sono stati firmati accordi per un valore di 3,39 miliardi di dollari. Riguardo alle infrastrutture di trasporto, oltre al collegamento tra la città e l'aeroporto, il governo ha fatto sapere di voler ristrutturare l'intero sistema ferroviario dei pendolari della città. Il governo ha già stanziato 10 miliardi di scellini keniani ($ 100 milioni) per la riabilitazione di quattro linee esistenti utilizzabili sia per traffico passeggeri che cargo. L'investimento prevede inoltre l'acquisto di alcune motrici diesel e la riabilitazione della rete ferroviaria a scartamento metrico e lo sviluppo di nuove stazioni, nonché la costruzione di una rete di trasporto pubblico che si estende da Ruiru al fiume Athi. Nel 2012, la Banca Mondiale ha approvato un prestito di $ 300 milioni per il progetto di miglioramento del trasporto urbano nazionale del Kenya, che ha cercato di sviluppare nuovi sistemi di trasporto rapido di massa per ridurre la congestione del traffico a Nairobi e in altre grandi città. Le componenti principali del progetto includevano l'espansione e il potenziamento delle autostrade, dei servizi e delle strade di accesso da JKIA attraverso Nairobi a Rironi sul sistema di trasporto del corridoio settentrionale. Ha inoltre comportato la costruzione di tangenziali a Kisumu, nel Kenya occidentale e Meru a est, nonché la costruzione e il funzionamento di nuovi sistemi di trasporto rapido su autobus e ferrovia per aumentare il volume e la velocità dei passeggeri.
  • Kenya Free

    Visita Macron, Parigi si propone per ferrovia di...

    KENYA – Una nuova linea ferroviaria per collegare l’aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi e il centro della capitale keniana, oltre anche alla revisione dell’intero sistema di trasporto ferroviario e non metropolitano: sono alcuni dei progetti annunciati ieri dal presidente keniano, Uhuru Kenyatta, e in cui il Kenya potrà godere di un sostegno francese. Lo scrivono oggi i giornali keniani, riferendo della visita effettuata ieri dal governo keniano, guidato dal presidente Kenyatta ma anche dal vice presidente William Ruto, e dal presidente francese Emmanuel Macron, in visita ufficiale. Secondo quanto riferisce il principale quotidiano keniano, Daily Nation, il governo prevede di costruire una linea ferroviaria moderna che collega l'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta e il distretto centrale degli affari entro due anni. A costruire la nuova infrastruttura sarà un non meglio precisato consorzio francese, mentre il presidente Uhuru Kenyatta, scrive ancora il Nation, “ha ordinato ai suoi funzionari di evitare la burocrazia nel firmare gli accordi”. La ferrovia per pendolari, integrata da un sistema di transito rapido per autobus, dovrebbe ridurre notevolmente i tempi di viaggio tra JKIA e il centro città. "Un sistema ferroviario urbano di pendolari correttamente funzionante e il sistema di transito rapido degli autobus nelle nostre città, e in particolare qui a Nairobi, trasformeranno la vita di milioni di abitanti delle città e renderanno Nairobi un'esperienza meravigliosa per turisti e visitatori", ha detto il presidente Kenyatta. "Il nostro obiettivo è avere 500.000 pendolari urbani che si muovono liberamente ogni giorno nei prossimi 12 mesi. Questo numero
  • Kenya Free

    Accordo di codeshare tra Alitalia e Kenya Airways

    KENYA - Alitalia e Kenya Airways, compagnie aeree partner nell’alleanza SkyTeam, hanno raggiunto un accordo di codeshare per collegare le reti delle due compagnie. A renderlo noto è stata Kenya Airways attraverso un comunicato stampa diffuso sulla propria pagina Facebook, in cui viene precisato che i nuovi voli in codeshare sono disponibili per la vendita attraverso i sistemi di prenotazione delle compagnie aeree e nelle agenzie di viaggio dal 14 marzo, per viaggi a partire dal 12 giugno. Secondo quel che viene reso noto, a partire dal 12 giugno prossimo Kenya Airways offrirà infatti un collegamento diretto due giorni a settimana tra l’aeroporto Internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi e il Leonardo da Vinci di Fiumicino a Roma. Grazie all'accordo di codeshare, Alitalia applicherà il suo codice "AZ" su molti servizi operati da Kenya Airways: verso le tre destinazioni keniane di Nairobi, Mombasa e Kisumu, ma anche verso altre 19 destinazioni nel continente tra cui Abidjan in Costa d'Avorio; Accra in Ghana; Addis Abeba in Etiopia; Antananarivo in Madagascar; Brazzaville in Repubblica del Congo; Dar Es Salaam, Kilimanjaro e Zanzibar in Tanzania; Douala in Camerun; Johannesburg in Sudafrica; Kigali in Rwanda; Khartoum in Sudan; Kinshasa e Lubumbashi in Repubblica Democratica del Congo; Lagos in Nigeria; Maputo e Nampula in Mozambico; Moroni-Hahaya nelle Comore; e le Seychelles.
  • Etiopia Free

    Verso nuova legge su settore estrattivo

    ETIOPIA - Il governo di Addis Abeba sta valutando una riforma delle politiche che guidano l’industria mineraria e petrolifera in Etiopia. A darne notizia sono i media locali, precisando che il consiglio degli affari economici del governo etiope sta svolgendo consultazioni con le parti interessate per redigere una nuova normativa destinata a sostituire quella precedente che risale a circa vent’anni fa. In particolare, le parti convocate dal governo hanno sottolineato le carenze delle politiche precedenti in quanto focalizzati solo sui determinati minerali. La decisione di riformare le politiche relative all’industria estrattiva è legata in larga parte al contributo considerato troppo esiguo che il settore fornisce alla formazione del prodotto interno lordo in Etiopia e che sarebbe legato principalmente a scarsità di creazione di valore aggiunto e bassi investimenti minerari.  Obiettivo della nuova politica è cambiare la tendenza, aumentando al tempo stesso gli introiti fiscali, creando nuovi posti di lavoro e attirando più investitori nel settore. [MV]