Egitto

Eni annuncia una nuova scoperta di gas nel Mediterraneo al largo delle coste in Egitto

EGITTO – Eni ha annunciato una nuova scoperta di gas naturale in corso di valutazione nel prospetto esplorativo Nour, situato nella concessione di Nour North Sinai, nel Mar Mediterraneo a circa 50 chilometri a nord della penisola del Sinai in Egitto.

Secondo quel che viene reso noto dalla stessa Eni, il pozzo esplorativo Nour-1, attraverso il quale è stata realizzata la scoperta, è stato perforato dall’impianto Scarabeo-9 ad una profondità d’acqua di 295 metri e ha raggiunto una profondità totale di 5.914 metri.

Nour-1 ha trovato 33 metri di arenaria con buone proprietà petrofisiche e una colonna di gas stimata di 90 metri nella formazione Tineh dell’età oligocenica. Il pozzo non è stato testato, tuttavia è stata effettuata un’intensa e accurata acquisizione di dati.

Nella concessione, che è in partecipazione con Egyptian Natural Gas Holding Company (EGAS), Eni è operatore con una quota del 40%, BP ha una quota del 25%, Mubadala Petroleum del 20% mentre Tharwa Petroleum Company del restante 15%.

Eni avvierà gli studi di fattibilità con lo scopo di accelerare lo sfruttamento di queste nuove risorse, attraverso le sinergie con le strutture e le infrastrutture esistenti, non appena concluse le operazioni di valutazione della scoperta.

Eni opera in Egitto dal 1954 attraverso la controllata IEOC. La società è attualmente il maggior produttore nel paese con una produzione equity di oltre 340.000 barili di olio equivalente al giorno. La produzione crescerà ulteriormente nel corso del 2019 con il raggiungimento del plateau del giacimento di Zohr.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Agricoltura, vertice con Ifad per espandere...

    EGITTO - Il ministro egiziano della Cooperazione Internazionale Rania Al-Mashat ha incontrato Dina Saleh, direttore regionale per il Vicino Oriente, il Nord Africa e l'Europa presso il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (Ifad) delle Nazioni Unite, per discutere di progetti in espansione e delineare future aree di cooperazione per migliorare la sicurezza alimentare e nutrizionale e sostenere mezzi di sussistenza resilienti. Il ministro ha osservato che i progetti si allineeranno ai principi della diplomazia economica del ministero per rafforzare i “partenariati globali per uno sviluppo efficace”. I progetti mirano principalmente a rafforzare la capacità degli agricoltori egiziani e migliorare il loro accesso alla conoscenza, alla finanza e ai mercati, nonché a sostenere le microimprese e le moderne pratiche agricole sensibili al fattore climatico, ha affermato Al-Mashat. La stessa ha aggiunto che l’inclusione di donne e giovani è prioritaria per garantire la sostenibilità delle comunità. Il ministro ha osservato che l'Egitto sta implementando una serie di progetti importanti, tra cui la trasformazione sostenibile per la resilienza agricola nell'Alto Egitto (Star), che dovrebbe andare a beneficio di circa 1,2 milioni di persone rafforzando le istituzioni rurali, sostenendo le microimprese di proprietà delle donne e l'accesso degli agricoltori ai mercati. Da parte sua, Dina Saleh ha affermato la disponibilità dell’Ifad a fornire supporto al governo egiziano per mitigare l’impatto negativo della pandemia nel settore agricolo. [MS]
  • Libia Free

    In corso colloqui diretti a Ginevra tra delegazioni...

    LIBIA - Stanno andando avanti a Ginevra e si concluderanno sabato colloqui diretti tra le delegazioni libiche che si contendono il controllo del Paese. I colloqui sono mediati dalle Nazioni unite.  Diversi osservatori ritengono complessa l’attuazione delle risoluzioni relative a sicurezza ed esercito anche a causa della presenza di milizie e mercenari.  Tuttavia si parte dai passi avanti delle ultime settimane con le dichiarazioni di entrambe le parti e cessate-il-fuoco unilaterali che però sembrano resistere agli eventi.  Sullo sfondo oltre alla presenza dei mercenari stranieri, restano le continue interferenze di Paesi stranieri. [MS]
  • Marocco Free

    Gruppo PSA pensa a un auto elettrica per consegnare la...

    MAROCCO - Il gruppo automobilistico francese PSA ha stretto un accordo con la società Poste Maroc (Barid al-Maghrib in arabo), responsabile dei servizi postali marocchini, per sviluppare un’auto elettrica da destinare specificatamente al recapito della corrispondenza.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che l’intesa prevede di adattare la citycar Citroen Ami, un’auto al 100% elettrica, alle esigenze di Poste Maroc.

    Secondo quel che ha dichiarato il ministro dell’Industria marocchino, Moulay Hafid Elalamy, che ha presenziato alla firma dell’accordo tra il gruppo PSA e il gruppo Poste Maroc, l’auto elettrica sarà utilizzata specificamente per la rete di distribuzione di pacchi postali in tutto il Marocco e il suo sviluppo rappresenta primo passo per l'industria della mobilità elettrica urbana nazionale.

    "Questo accordo riflette la politica del nostro governo, rendendo gli appalti pubblici una leva per lo sviluppo degli ecosistemi industriali, creando nuovi posti di lavoro e sviluppando le esportazioni”, ha aggiunto Elalamy sottolineando come l’intesa contribuirà a creare un’industria ad alto valore aggiunto guidata dai principi dello sviluppo sostenibile. [MV]

  • Algeria Free

    Mercato del dattero, è crisi

    ALGERIA - È crisi del mercato del dattero. Il deficit per produttori ed esportatori si preannuncia significativo a causa della pandemia di coronavirus che si è aggiunta alla cronica mancanza di organizzazione produttiva, alla mancanza di logistica e all'assenza di un'industria di trasformazione. Se nel 2019 l'export si è attestato sui 40 milioni di dollari, nel 2020 la cifra potrebbe calare drasticamente. I professionisti del settore chiedono misure di emergenza. Il governo sta valutando se sostenere il settore nell'ambito della strategia complessiva di promozione delle esportazioni di prodotti diversi dagli idrocarburi. Attualmente non è però stato varato alcun piano per sostenere l'organizzazione produttiva. Tra l'altro quest'anno la produzione si preannuncia buona. Ciò potrebbe causare una sovrapposizione e un calo dei prezzi, se si considerano gli stock avanzati dal raccolto precedente. Nella sola Biskra, la prima città produttrice di datteri, c'è uno stock di 20.000 tonnellate. “Per questi 20.000 tonnellate, non abbiamo altra scelta che abbassare i prezzi - spiegano i produttori -. Temiamo perdite enormi, anche se è ancora presto per avere cifre precise”. [EC]
  • Marocco Free

    Rabat scommette sulle energie alternative

    MAROCCO - Il governo di Rabat investirà nuovi capitali nelle energie rinnovabili. Secondo quanto dichiarato alla stampa locale dal ministro dell'Energia, Aziz Rabbah, negli ultimi dieci anni sono stati spesi nel settore 52 miliardi di dirham (5,65 miliardi di dollari) e altrettanti ne saranno impegnati nei prossimi dieci anni. “Stiamo facendo grandi investimenti per la produzione di elettricità. Vogliamo che il Marocco non soffra di alcun deficit e che le interruzioni di corrente, come quella del 2009, non si ripetano mai più”, ha detto Rabbah durante la sua visita alla stazione Tensift Source a Marrakech. Il ministro dell'Energia ha riconosciuto che le reti di trasmissione e distribuzione dell'elettricità sono costose e richiedono “investimenti colossali”. Ha detto che la realizzazione di una singola centrale elettrica può costare oltre 120 milioni di dirham (13 milioni di dollari) e un chilometro di cablaggio fino a un milione di dirham (108.729 dollari). Ma, secondo il governo e le autorità tecniche, il Marocco ha il potenziale per produrre il 96% della sua elettricità utilizzando fonti di energia rinnovabile. E, già entro il 2030, il 52% della sua energia dovrà già arrivare da fonti rinnovabili pulite. Un 'obiettivo che, secondo GlobatData, dovrebbe essere facilmente raggiunto. Nel 2019, il Marocco è stato in grado di generare il 34% della sua energia solo attraverso l'energia idroelettrica. [EC]
  • Tunisia Free

    Investimenti esteri in drastico calo, Italia seconda...

    TUNISIA - Gli investimenti internazionali in Tunisia hanno fatto registrare un calo di circa un quarto rispetto allo stesso periodo del 2020. Secondo statistiche rese note dall’Agenzia per la promozione degli investimenti esteri (Fipa) il dato riferito ai primi nove mesi dell’anno è -26,4%. In totale gli investimenti sono ammontati a 473 milioni di euro. Notevole è stato il calo registrato per gli investimenti in Borsa (-68,1%) e così anche per investimenti esteri diretti (-23,2%).   Per quanto riguarda i Paesi partner, la Francia è risultata il primo paese per volume di investimenti esteri diretti con una quota del 41% seguita dal secondo posto dall’Italia e quindi da Lussemburgo e Germania. Nessun settore è stato risparmiato da una bufera collegata alle attuali contingenze internazionali e in particolare agli effetti economici della pandemia. Proprio ieri, il primo ministro Hichem Mechichi ha ordinato a tutti i governatori di imporre il coprifuoco nelle rispettive regioni. [MS]