Africa Nord

Fondi europei per le Pmi nordafricane

NORD AFRICA – La Banca europea per gli investimenti (Bei) ha sottoscritto un impegno di 15 milioni di dollari con il fondo SPE Africa Industrialization I (AIF I), un fondo di private equity destinato principalmente a investimenti in Pmi e società di medie dimensioni principalmente in Nord Africa, con un focus su Egitto, Marocco e Tunisia.

(218 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Società emiratina finanzia attività della grande...

    EGITTO - Adq, holding che fa capo al governo di Abu Dhabi, ha riferito di aver firmato un accordo con il rivenditore regionale Lulu International per contribuire a finanziare la sua espansione in Egitto con un investimento fino a 1 miliardo di dollari. Adq e Lulu lavoreranno per sviluppare fino a 30 ipermercati e 100 mini-market express, nonché hub logistici e centri di distribuzione per rafforzare l'attività di e-commerce in tutto l'Egitto, ha riferito Adq in una nota. L'amministratore delegato di ADdq Mohamed Hassan al-Suwaidi ha dichiarato che l'accordo con Lulu International riflette il più ampio impegno di Adq a investire in Egitto, a seguito dell'accordo per la creazione della piattaforma di investimento congiunta con il Fondo sovrano egiziano alla fine dell'anno scorso. La piattaforma, del valore di 20 miliardi di dollari, mira a stabilire progetti di investimento congiunto, nonché fondi specializzati e strumenti di investimento in diversi settori chiave come l'alimentazione e l'agricoltura, la sanità, la mobilità e la logistica e le utility. “L'Egitto è un mercato in crescita molto importante per noi e vediamo un grande potenziale per la nostra attività futura”, ha affermato Yusuff Ali, presidente di Lulu. [MS]
  • Tunisia Free

    Aumentano i casi di covid, l’UE adotta restrizioni

    TUNISIA – Non sono più autorizzati a entrare sul territorio dell’Unione Europea i viaggiatori in provenienza dalla Tunisia.   La decisione è stata adottata dai rappresentanti dei 27, a causa dell’aumento significativo dei casi d’infezione al covid-19 segnalato nel Paese del Maghreb.   La decisione, che potrebbe entrare in vigore sin da oggi, avrà pesanti conseguenze sulla ripresa del settore turistico, che vedeva impegnati voli e gruppi a destinazione della Tunisia e vice versa.   Il provvedimento restrittivo non dovrebbe riguardare i residenti permanenti in Europa e i cittadini europei che desiderano tornare.   Gli ultimi dati del ministero della Sanità di Tunisi parlano di  44.450 casi positivi dalla comparsa della pandemia e di 711 decessi. Ci sono attualmente 1.020 ricoverati di cui 166 in terapia intensiva.   Anche la Georgia e il Canada sono stati aggiunti alla lista delle restrizioni d’ingresso, mentre è stato rimosso Singapore. [CC]
  • Libia Free

    Sostegno italiano al dialogo promosso dall'Onu in vista...

    LIBIA - Sostegno pieno dell’Italia al processo di dialogo intra-libico secondo le iniziative promosse dalla Unsmil (la missione in Libia delle Nazioni Unite). E’ quanto sottolineato ieri dal ministri degli Esteri italiano Luigi Di Maio nell’incontro alla Farnesina con il ministro dell’Interno del governo di accordo nazionale libico Fathi Bashagha.  Nel colloquio - riferisce una nota della Farnesina - sono stati approfonditi gli ultimi sviluppi sulla situazione in Libia, a partire dalla ripresa dei colloqui di Ginevra nell’ambito della Commissione Militare Congiunta 5+5 e dalla prossima organizzazione del Dialogo politico intra-libico.  Allo stesso tempo il titolare della Farnesina ha auspicato la rapida conclusione di un cessate il fuoco duraturo e sostenibile, la piena ripresa della produzione petrolifera su tutto il territorio libico e il raggiungimento di un accordo politico complessivo, senza interferenze esterne e nell’interesse del popolo libico. I due Ministri hanno altresì esaminato i principali temi di interesse bilaterale. Essi si sono soffermati in particolare sulla cooperazione in campo migratorio, in un’ottica di contenimento delle partenze e di gestione dei migranti irregolari sul territorio libico nel rispetto dei loro diritti e della loro dignità. Elementi, questi, che dovrebbero guidare la revisione del Memorandum d’Intesa bilaterale del 2017 che, da parte italiana, si auspica possa essere finalizzata al più presto.  Particolare attenzione è stata infine dedicata al rilancio della cooperazione economica, anche in vista dell’organizzazione, a breve, della prima riunione della Commissione economica congiunta italo-libica.
  • Egitto Free

    Egitto piattaforma logistica strategica mondiale

    EGITTO - “Se tracciamo una linea ideale che unisca Port Said, Pireo, Taranto e Trieste abbiamo chiaro come l’Egitto punti, per centralità geografica nell’area e interconnessione con la Silk Road, a diventare una piattaforma logistica strategica mondiale e non solo nel Mediterraneo. Questo elemento, insieme alla Free Zone di Port Said impone alle imprese italiane di considerare l’Egitto sotto una nuova luce e condividere con il Paese una nuova strategia di cooperazione industriale" ha dichiarato Giovanni Ottati, Presidente di Confindustria Assafrica & Mediterraneo intervenendo alla Country Presentation Egitto organizzata ieri da Confindustria nazionale su Confindustria GO! , la sua nuovissima piattaforma digitale per l’internazionalizzazione, in collaborazione con l’Ambasciata d'Egitto e la Federation of Egyptian Industries-FEI. "Venti aereoporti e 15 porti marittimi sono la dotazione infrastrutturale dell’Egitto" ha infatti sottolineato Ahmed Maghawry, Vice Ministro per l’Industria e Commercio. Prima uscita pubblica rispettivamente come Presidente e Vice Presidente di Businessmed, l’organizzazione imprenditoriale che raggruppa 22 "Confindustrie" nord e sudmediterranee, per Barbara Beltrame, Vice Presidente-Confindustria, che ha aperto l’incontro, e per Tarek Tawfik, Vice Presidente della Federation of Egyptian Industries. Circa 200 sono state le imprese italiane ed egiziane partecipanti. “I nostri due paesi sono interdipendenti. Per quanto riguarda i rapporti bilaterali, l’Italia è il primo partner commerciale dell’Egitto. Arredo, farmaceutico, infrastrutture, tessile e pellame sono i settori prioritari” ha ricordato Hisham Badr, Ambasciatore d’Egitto in Italia. [Fonte: Assafrica]
  • Algeria Free

    Il defict pubblico sale a 28 miliardi

    ALGERIA - Il governo e il parlamento di Algeri scendono in campo contro l'enorme disavanzo pubblico salito ormai a 28 miliardi di dollari. I ricavi petroliferi, la principale fonte di entrate pubbliche, nel 2021, si attesteranno intorno ai 23 miliardi di dollari, sui 28,68 miliardi di dollari 2022 e sui 26 miliardi nel 2023. Questo calo dei prezzi del petrolio sarà accompagnato da una svalutazione del dinaro (-5%) che potrebbe avere un forte impatto sul potere d'acquisto degli algerini. Il rischio è che tutto ciò si abbatta sul bilancio nazionale aggravando il debito pubblico. Nel suo ultimo rapporto, il Fondo monetario internazionale parla di un possibile aumento del debito nei Paesi esportatori di petrolio, compresa l'Algeria. Alla fine del 2019, il debito interno dell'Algeria si attestava sui 9.301 miliardi di dinari, ovvero il 46,1% del Pil, nel 2020 ci potrebbe essere un aumento al 61% del Pil. “Il deficit, soprattutto del livello registrato dal Paese, frenano la crescita, favoriscono la disoccupazione e l'aumento della povertà e fanno aumentare il debito pubblico - ha dichiarato l'economista algerino Abdelrahmi Bessaha -. In assenza di riforme di vasta portata, il disavanzo continuerà nel 2020 e negli anni successivi e porterà a uno spreco di risorse già scarse”. [EC]
  • Marocco Free

    Restrizioni su importazioni dalla Turchia

    MAROCCO - Una serie di restrizioni imposte dal Marocco alle merci turche ha modificato in maniera pesante i legami economici tra i due Paesi. Le restrizioni sui prodotti fabbricati in Turchia si sono concretizzate in aumenti fino al 90% delle tasse imposte alle merci all’ingresso nel Paese.  La mossa di Rabat è arrivata un giorno prima che il gabinetto marocchino approvasse una revisione dell’accordo di libero scambio firmato tra il regno maghrebino e la Turchia nel 2004, considerato eccessivamente squilibrato a favore di Ankara.  Il Marocco è stato il più grande mercato di esportazione della Turchia in Nord Africa, con 2,24 miliardi di dollari nel 2019, secondo i dati dell’Assemblea degli esportatori turchi. Ora però il Marocco sta cercando a sua volta di incentivare la produzione industriale interna sia per rispondere alla sua domanda sia mirando ai vicini mercati dell’Africa occidentale, uno dei tradizionali sbocchi per il Marocco insieme all’area mediterranea. [MS]