Benin

Elezioni parlamentari, non si trova consenso sul nodo dell’esclusione dell’opposizione

BENIN – Maggioranza ed opposizione politica non hanno ancora trovato un consenso per uscire dallo stallo che precede le elezioni parlamentari del 28 aprile prossimo.

(293 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Proteste: coprifuoco a Lagos, polizia anti-sommossa su...

    NIGERIA - Il governatore dello Stato di Lagos ha annunciato su Twitter l’istituzione di un coprifuoco di emergenza di 24 ore, a partire dalle 16, per calmare "il mostro nato dalle proteste pacifiche" dei giorni scorsi nella capitale economica della Nigeria. Dopo dieci giorni di manifestazioni contro la violenza della polizia che sono diventate un grande movimento di protesta di giovani contro il potere in tutto il Paese, molti incidenti sono stati registrati nella megalopoli di 20 milioni di abitanti, dove criminali e giovani hanno preso il controllo di quasi tutti i principali assi stradali. La situazione è considerata al limite al punto che le autorità nigeriane hanno deciso di dispiegare poliziotti in tenuta anti-sommossa su tutto il territorio nazionale. Sulla carta questo spiegamento di forze è stato presentato come parte di un'esercitazione annuale ma è parere comune di molti osservatori che si tratti del tentativo di bloccare sul nascere eventuali e ulteriori movimenti di protesta.
  • Ghana Free

    Investimenti per promuovere trasformazione locale cacao

    GHANA - Il Cocoa Marketing Board (Cocobod), l’ente che regola il settore vitale della produzione di cacao in Ghana, ha annunciato l’intenzione di investire fino a 200 milioni di dollari il prossimo anno per sostenere l’industria domestica della trasformazione del cacao.

    Lo riportano i media locali, precisando che i fondi saranno forniti sotto forma di prestito ai trasformatori locali esistenti per aumentare il capitale circolante delle aziende.

    Nelle intenzioni del Cocobod, i fondi consentiranno di aumentare la capacità di trasformazione domestica di circa 50.000 tonnellate di fave di cacao.

    Secondo i dati a disposizione, in Ghana sono presenti 11 aziende impegnate nella trasformazione del cacao che nei primi otto mesi dell’anno hanno lavorato 291.000 tonnellate di fave di cacao. Nel corso dello scorso anno, in 12 mesi, sono state lavorate localmente 327.500 tonnellate.

    Si stima che quest'anno il Ghana produrrà complessivamente 850.000 tonnellate di fave di cacao. [MV]

  • Nigeria Free

    Intesa per costruire alloggi a prezzi accessibili

    NIGERIA - Il governo di Abuja ha firmato un memorandum d’intesa per avviare la prima fase del suo programma nazionale per la costruzione di 300.000 nuovi alloggi a prezzo accessibile in tutto il territorio federale.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che l’intesa riguarda la costruzione di 1000 unità abitative nel distretto di Bwari, all’interno del Territorio della capitale federale Abuja.

    Secondo quel che viene riportato, il memorandum è stato firmato con il Family Homes Funds, un fondo istituito dallo stesso governo federale e che vede la partecipazione del ministero delle Finanze e dell’Autorità per gli investimenti sovrani della Nigeria (NSIA) con il mandato di portare avanti il programma di social housing, consentendo in questo modo di poter lanciare i primi appalti per avviare i lavori di costruzione e definire il quadro normativo relativo alla concessione di mutui e altri servizi finanziari per favorire l’acquisto delle nuove abitazioni da parte dei cittadini nigeriani. [MV]

  • Guinea Free

    Presidenziali: oppositore Dalein si dichiara vincitore,...

    GUINEA – Il candidato dell’opposizione Cellou Dalein Diallo si è autoproclamato vincitore delle elezioni presidenziali svoltesi domenica in Guinea. «Nonostante le gravi anomalie che hanno macchiato il voto del 18 ottobre e considerati i risultati delle urne, mi spetta la vittoria sin dal primo turno» ha affermato il leader dell’Unione delle forze democratiche della Guinea (Ufdg). Le dichiarazioni di Dalein giungono prima di un annuncio ufficiale della Commissione elettorale nazionale indipendente (Ceni) e stanno riaccendendo il clima di tensione. «Condanniamo la dichiarazione irresponsabile e pericolosa del presidente dell’Ufdg» ha reagito l’Rpg-Arcobaleno, il partito del presidente uscente e candidato a un terzo mandato Alpha Condé, che gli avversari politici accusano di manipolare il processo per garantirsi la vittoria a tutti i costi. Ieri, le più alte autorità religiose del Paese, l’imam della grande moschea di Fayçal Mamadou Saliou Camara e l’arcivescovo di Conakry, mons. Vincent Koulibaly, hanno lanciato un appello alla calma e hanno chiesto ai guineani di non cedere alle manipolazioni di alcuni leader politici che incitano alla violenza. All’indomani di un voto nella calma, ieri un giovane sarebbe stato ucciso a colpi d’arma da fuoco a Conakry nell’euforia che ha accompagnato la proclamazione di Dalein. Tensioni sono state registrate a Macenta e Nzerekore, teatri di saccheggi e scaramucce tra i sostenitori degli schieramenti rivali. [CC]
  • Nigeria Free

    Contatori per elettricità, un progetto da oltre un...

    NIGERIA - Un’impresa nigeriana prevede di raccogliere 480 miliardi di naira (equivalenti a circa 1,2 miliardi di dollari) nei prossimi tre anni per acquistare contatori elettrici e aiutare in questo modo i distributori di energia a colmare il gap di entrate che scontano nella nazione più popolosa dell’Africa. Secondo PricewaterhouseCoopers, meno di un decimo dei 41 milioni di famiglie nigeriane ha il proprio consumo di elettricità misurato e la metà di queste ha comunque apparecchi difettosi. Di conseguenza, le società di distribuzione devono stimare le bollette, provocando controversie che ritardano i pagamenti. Meter Assets Finance and Management Co. spera quindi di raccogliere fondi per acquistare e fornire contatori ai consumatori, ha confermato Onion Omonforma, amministratore delegato di New Hampshire Capital. New Hampshire Capital, FBNQuest e Kairos Investments Africa stanno aiutando a impacchettare e strutturare l'impresa, nota come MAPCo, per consentire agli investitori di acquistare azioni o iniettare credito nella società. MAPCo prevede di emettere un'obbligazione da 100 miliardi di naira il prossimo anno, ha detto Omonforma. Sono stati pianificati roadshow negli Stati Uniti e in Europa che includeranno anche investitori istituzionali locali. [MS]
  • Burkina Faso Free

    Riflettori accesi sul Made in Burkina

    BURKINA FASO - Un’etichetta Made in Burkina, con lo scopo di certificare l’origine dei prodotti realizzati in Burkina Faso a partire da materiali locali, è stata presentata ufficialmente pochi giorni fa in occasione del mese dedicato al consumo locale. Instituito un anno fa, il mese intitolato «Consommons local» (consumiamo prodotti locali) è in realità un’iniziativa comune ai Paesi dell’Unione economica e monetaria dell’Africa occidentale (Uemoa), promossa dai rispettivi ministri del Commercio, per valorizzare i prodotti del territorio e incitare al loro consumo nell’ottica del raggiungimento dell’autosufficienza alimentare. In Burkina Faso, il mese del consumo locale è iniziato il 15 ottobre, con un richiamo al defunto presidente Thomas Sankara, vero iniziatore della strategia del consumo di prodotti locali. Proprio in quell’occasione il ministro del Commercio e dell’Artigianato, Harouna Kabore, ha presentato il logo dell’etichetta Made in Burkina, che vuole essere una garanzia di qualità, uno strumento di lotta alla merce contraffatta, alla concorrenza sleale, e vuole incoraggiare i processi produttivi locali, spingendo i fabbricanti a fare sempre meglio. Il fiore all’occhiello dei prodotti burkinabè è il tessuto Faso Dan Fani, riconoscibile sia per la lavorazione del cotone (cotone locale) che per la fantasia, spesso a righe colorate. Dallo scorso luglio è entrato in vigore un processo di certificazione ufficiale del Faso Dan Fani, fatto a mano, da tessitrici burkinabè, con cotone burkinabè. L’attuale governo incoraggia i suoi rappresentanti, alti esponenti politici e della nazione, a indossare il Faso Dan Fani per le cerimonie ufficiali e non solo. In linea generale i rappresentanti dello Stato sono invitati a non importare completi dall’estero da indossare per le occasioni. [CC/Africa Rivista]