R.D. Congo

Una donna del Pprd eletta presidente dell’Assemblea nazionale

RD Congo – Per la prima volta dalla Costituzione del 2006 una donna è stata eletta presidente dell’Assemblea Nazionale congolese. La nuova numero uno della camera bassa del Parlamento è Jeannine Mabunda Lioko Mudiayi, esponente del Pprd, il partito politico dell’ex capo di Stato Joseph Kabila, che domina ancora tutte le istituzioni tranne la Presidenza.

(166 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Gabon Free

    Entro fine anno, al via costruzione diga idroelettrica

    GABON  - Il governo gabonese e la joint-venture Asonha Energie hanno raggiunto un accordo per la costruzione della diga idroelettrica di Kinguele Aval entro la fine dell’anno. La centrale idroelettrica sarà in grado di produrre 35 megawatt di energia, a partire dalla sua inaugurazione, prevista nel 2023. L’Ashona Energie è una joint-venture tra il Fondo gabonese per gli investimenti strategici, e la private equity francese Meridiam. Il costo stimato del cantiere è di 122 milioni di euro e secondo i promotori del progetto, saranno creati 700 posti di lavoro nella costruzione. L’impianto sarà edificato nella regione della Mbei, a valle delle centrali di Tchimbele e di Kinguele, a 90 chilometri da Brazzaville. La realizzazione dei lavori è stata affidata al costruttore cinese Synohydro. [CC]
  • R. Centrafricana Free

    Sempre più strette le relazioni militari con Mosca,...

    R. CENTRAFRICANA - Una ventina di veicoli militari sono stati offerti dalla Russia alla Repubblica Centrafricana, che ha celebrato l’avvenimento con una parata e manifesti di elogio per l’aiuto di Mosca. Veicoli da ricognizione –veicoli di seconda mano secondo Corbeaunews – sono stati esibiti sul viale dei Martiri in segno di «amicizia», ma dietro questa discutibile donazione, c’è una cooperazione militare ben più attiva, che passa dall’apertura a Bangui di un ufficio del ministero della Difesa russa.   Un’apertura imminente, annunciata ai primi di ottobre dall’ambasciatore Vladmir Titorenko. Il timing dell’arrivo di consiglieri e generali russi a Bangui coincide con il periodo pre-elettorale che vede il presidente uscente Faustin-Archange Touadera concorrere per un secondo mandato consecutivo. L’alleanza tra Touadera e Putin è vista da alcuni come un tentativo di far pressione per vincere a tutti i costi queste elezioni, mettendo allo stesso tempo in luce capacità militari per contrastare le violenze, o, secondo i più scettici, di poter mettere a tacere l’opposizione. Il sito centrafricano Corbeaunews cita la presenza in Centrafrica di gruppi mercenari russi  - in particolare il gruppo Wagner - e la presenza di reti della mafia russa nel Paese africano. Secondo un articolo di Cornelia I. Toelgyes su Africa Express, «soldati russi, ma soprattutto mercenari del gruppo Wagner sono impegnati in diversi settori: addestramento militare; assistenza e sostegno delle truppe delle Forze Armate Centrafricane (FACA) durante i loro spostamenti e interventi; controllo, sorveglianza dei siti minerari; protezione personale del presidente. Il consigliere per la sicurezza di Touadera è il russo Valery Zakharov e da marzo 2018 quaranta uomini delle forze speciali di Mosca fanno parte della sua guardia personale.» Secondo la stessa fonte, «fonti ufficiali hanno rivelato che attualmente sono presenti oltre mille russi nel Paese, per lo più mercenari, il cui boss è un umo molto vicino a Putin. Si tratta di Dimitriy Valeryevich Utkin, nato in Ucraina nel 1970 ed ex colonnello delle forze speciali russe». [CC]  
  • Camerun Free

    Nominato nuovo ambasciatore del Camerun in Italia

    CAMERUN - Sébastien Foumane è il nuovo Ambasciatore del Camerun in Italia: a dare la notizia della sua nomina sono i media camerunesi citando un decreto del presidente Paul Biya.

    Diplomatico di formazione, Foumane ha ricoperto tra il 2007 e il 2010 l’incarico di segretario generale del ministero delle Relazioni esterne (Minrex) del Camerun e in precedenza è stato anche presidente della commissione per gli appalti presso l’ex ministero dell’Amministrazione e del decentramento del territorio.

    Secondo le informazioni a disposizione, Foumane era attualmente in pensione e va a sostituire Dominique Awono Essama, che ricopriva l’incarico di Ambasciatore del Camerun a Roma dal 2008. [MV]

  • Camerun Free

    Bolloré vince l’appalto del Pam sulla gestione...

    CAMERUN - La società Bolloré Transport et Logistics Cameroun  (Btl Logistics), filiale del gruppo francese Bolloré, ha vinto l’appalto del Programma alimentare mondiale (Pam) per la gestione logistica dei carichi dell’organizzazione dell’Onu nel Golfo di Guinea. Per conto del Pam, Bolloré Transport et Logistics Cameroun si occuperà delle operazioni di sdoganamento, di manutenzione, di deposito, e di consegna nei Paesi dell’area, in particolare Camerun, Ciad, Congo, Nigeria e Repubblica Centrafricana. Commentando la notizia, la responsabile dei progetti per Btl Camrun Nadia Omikounlé Youmbi ha vantato una grande esperienza nella catena logistica e il migliore rapporto qualità-prezzo. [CC]
  • Camerun Free

    Gli imprenditori: “Abbassate le tasse”

    CAMERUN - Imprenditori e commercianti hanno chiesto al governo di ridurre le imposte sulle imprese per rilanciare un'economia prostrata dalla pandemia di coronavirus. L'appello è stato lanciato giovedì 22 ottobre nel corso dell'11a sessione del Cameroon Business Forum che si è svolta a Yaoundé. La pandemia ha avuto effetti devastanti su molte attività e, secondo i rappresentanti delle imprese, l'attuale politica fiscale non sta facilitando una rapida ripresa. “La crisi ha colpito le nostre aziende e molti di noi sono stati costretti a licenziare i lavoratori ”, ha detto un imprenditore. “Ho dovuto chiudere tutto e ciò ha reso la mia vita e quella della mia famiglia molto difficile”, ha aggiunto un collega. “Ogni giorno, i miei venditori tornano a casa senza niente, il mio business si è sbriciolato”, ha affermato un terzo. Da qui la richiesta di ridurre le imposte, come stimolo per rilanciare le loro attività commerciali. [EC]
  • Camerun Free

    Energie rinnovabili, formazione all'università di...

    CAMERUN - Un centro d’eccellenza dedicato alla formazione sulle energie rinnovabili potrebbe presto vedere la luce all’università pubblica di Yaoundé. Il progetto nasce da un partenariato con l’azienda tedesca Lucas-Nülle GmbH, che si occuperà di fornitura di attrezzature didattiche, ma si occuperà anche del finanziamento. Sarà la facoltà di scienze a dare spazio alla formazione degli studenti in materia di energie rinnovabili, a cominciare dal fotovoltaico. A breve termine, l’università di Yaoundé spera di poter creare moduli di formazione professionale e di specializzazione, in un momento in cui è sempre più grande il bisogno di energia elettrica e che il peso delle rinnovabili è sempre più significativo. Il laboratorio avrà a disposizione materiali per la pratica e la formazione tecnica, forniti dal partner tedesco, mentre l’università si occuperà del programma pedagogico. Un’iniziativa simile è già stata sviluppata dalla Lucas-Nülle GmbH in Repubblica Democratica del Congo. [CC]