Africa

Imprese africane settore agri-food a Macfrut ed Exco

AFRICA – Sono in tutto 26 le imprese del settore orto-frutta provenienti da Etiopia, Mozambico e Uganda che parteciperanno a LAB INNOVA for Africa, un progetto promosso da ICE Agenzia per portare le aziende africane a Rimini alla fiera Macfrut dall’8 al 10 maggio 2019 e a Roma durante la fiera sulla cooperazione EXCO il 15 maggio per incontrare le controparti italiane.

A segnalarlo è stata la stessa ICE Agenzia, precisando che le aziende africane – selezionate tra le oltre 70 partecipanti alla fase formativa del progetto – sono state assistite nella preparazione di una loro business proposal da presentare in Italia, per facilitare la ricerca di controparti italiane.

Le imprese italiane interessate a incontri B2B con le aziende africane partecipanti aderire al Progetto ”Lab Innova for Africa” e partecipare a uno o più degli eventi di partenariato previsti a Rimini durante la Fiera Macfrut (Fruit & Veg Professional Show – Rimini, 8 – 10 Maggio 2019) o a Roma durante la Fiera Exco (15-17 maggio 2019), compilando il modulo disponibile qui.

Per una panoramica completa del progetto ”Lab Innova for Africa”, è possibile consultare la pagina dedicata. Il profilo delle aziende africane partecipanti alla delegazione è disponibile qui.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • AfricaNigeria Free

    Stallo WTO, gli USA contro la candidata nigeriana

    NIGERIA - La candidata nigeriana alla guida dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC/WTO), Ngozi Okonjo-Iweala, ha ottenuto il sostegno della maggior parte dei Paesi membri dell’istituzione internazionale, ma non quello degli Stati Uniti d’America.

    A certificarlo è anche un comunicato ufficiale della stessa OMC attraverso il quale il presidente del Consiglio generale dell’OMC, il neozelandese David Walker, dichiara il sostegno dell’organizzazione all’ex ministra delle Finanze nigeriana raccomandandone la sua nomina alla guida dell’Organizzazione mondiale del commercio (clicca qui per la sua versione originale).

    Tale valutazione, si legge nel comunicato, “è stata contestata dagli Stati Uniti che hanno affermato di voler continuare a sostenere il ministro Yoo e di non poter sostenere la candidatura del dottor Ngozi Okonjo-Iweala”.

    In una nota diffusa dall’Ufficio del Rappresentante degli Stati Uniti per il Commercio (USTR) disponibile qui, viene precisato che l’OMC si trova in un momento di “disperato bisogno di riforme” e che “deve essere essere guidata da qualcuno con una reale esperienza pratica sul campo”, aggiungendo che la ministra del Commercio coreana Yoo Myung-hee “è un'esperta di commercio in buona fede che si è distinta durante una carriera di 25 anni come negoziatore commerciale di successo e responsabile della politica commerciale” e che “ha tutte le competenze necessarie per essere un leader efficace dell'organizzazione”.

    Secondo il portale d’informazione nigeriano Sahara Reporters, Ngozi Okonjo-Iweala avrebbe ottenuto il sostegno di 163 Paesi membri dell’OMC su un totale di 164. Una decisione formale sul processo di selezione del prossimo direttore generale dell’OMC è prevista il prossimo 9 novembre. Dall’anno della sua fondazione nel 1995, tutti i direttori generali dell’organizzazione sono stati nominati per consenso all’unanimità. [MV]

  • AfricaOpinioni Free

    “Che vinca o che perda, Trump è un pericolo per l...

    AFRICA - “Che vinca o che perda, Trump è un pericolo per l’Africa”: è questo il titolo, chiaro e netto, dell’editoriale scritto da Azubuike (‘Azu’) Ishiekwene Direttore responsabile del nigeriano The Interview e storico giornalista nigeriano.

    Nella sua opinione, rilanciata da diversi media africani e non solo, Ishiekwene passa in rassegna i toni della campagna elettorale americana, le accuse, le offese, i proclami. Il giornalista si sofferma anche in una interessante analisi comparativa tra i comportamenti dei politici USA (e soprattutto del presidente uscente) e quello di alcuni politici africani, evidenziandone similitudini, sottolineando i “doppiopesismi” (per dirla con Paolo Mieli) nel giudicarli e intravedendo il rischio di emulazione in terra africana.

    Pubblichiamo l’editoriale nella sua versione originale e integrale riportata dal quotidiano nigeriano ‘Leadership’.

    If Donald J. Trump were president of Wakanda on the eve of an election, that country would have received several warnings from the United States (US) State Department on the need for free and fair polls, and the necessity for all parties to play by the rules.

    But what is playing by the rules if parties will not accept an orderly transfer of power?

    During two recent off-cycle state elections in the south of Nigeria, for example, the US Embassy threatened to invoke visa restrictions on candidates, agents or security officials who impede the electoral process. It was not an empty threat and the junket-obsessed political elite knew it.

    Yet, as this welcome US fore-finger was wagging at Nigerian politicians, four other fingers of the same hand were pointing back at the US, where its own President, Trump, has threatened that he would not accept the result of the November 3 election, if he loses.

    He made the same threat in 2016, saying he would not accept the outcome in the race against Hilary Clinton because the system was “rigged”.  We may never know what would have happened since he won.

    As of the time of writing, Facebook was planning to implement stringent standards to prevent the shambles of 2016 or the likelihood of a repeat of Cambodia 2018 where the prime minister was accused of buying fake fans to boost his electoral chances – a clear indication of how low the US that prides itself on sterling democratic values has fallen.

    By this time next week, the US presidential election would be over. But there are a number of reasons why even days after the election, voters may still not be able to say for sure whether Trump or former Vice President Joe Biden won.

    One reason why is because aspects of the labyrinthine voting and counting process in US elections which gives states and counties considerable latitude in the conduct of elections are being challenged in court. While some states may still be counting mail-in ballots (and they would be significantly more in this COVID-19 year), others, especially Republican states, want mail-in ballot counting to end before or on voting day.

    The main reason why this election is fraught, however, is because Trump has hinted darkly that he would not accept the result, if he loses. He said that he could not guarantee an orderly transfer of power, if the outcome does not favour him. Trump’s base is listening and the violent elements among them are waiting. The US faces a dark winter of post-election chaos.

    Trump’s threat not to accept defeat is the main fuel stoking the flames. Yet, what he is doing and what is being done in his name are much worse. In a number of states across the US, especially in the battleground states, Republican governors are still desperately trying to use the courts to block counting of mail-in votes beyond election day, even where the law allows it.

    The Supreme Court weighed in with a precarious 4-4 ruling but the matter is not settled yet. The inauguration on Monday of the conservative-leaning Judge Amy Coney Barrett to the Supreme Court could tip over the final decision on mail-in votes – a consequential matter in a COVID-19 year and beyond.

    In other states, various voter suppression methods, including stringent voter ID requirements and last-minute gerrymandering have become a part of the kitchen sink.

    It doesn’t end there. Concerns about Trump’s race baiting, suspicion that he may yet again deploy the National Guard as he did after George Floyd’s murder, and the rush to confirm Judge Barrett on the eve of election, all look like ingredients from a dictator’s cookbook.

    But he does not care. Trump has said over and over again that “the system is rigged”, that he suspects serious fraud with mail-in ballots, that China is helping the Democratic Party compromise the system, that he is a victim of an Obama spy ring, all with barely a shred of proof. Yet, he seems determined to use self-help, if the results don’t go his way.

    At first, it was like a joke. But since he makes no distinction between opinions and facts, Trump has taught the world to take him by his jokes. He indulges in fiction, which he invents with a single-minded talent that beggars belief.

    Insisting – up till last week – that he would not accept an orderly transfer of power if he loses the election, is frightening.  He makes Guinea where President Alpha Conde has just foisted a third term on the country look like a beacon of democracy.

    Conde can, at least, argue that the Guinean parliament extended his mandate, even though he obtained the extension by fraud. But for a sitting US president to repudiate the prospects of an orderly transfer of power if he loses, is not just a dangerous precedent for that country, it increases the chances of more Condes rising in Africa and elsewhere. Has anyone noticed that the African Union (AU) has been resoundingly silent about Conde’s travesty?

    If Trump does not believe senior government officials across party lines and even independent think tanks that have insisted that his claim of mail-in fraud or a “rigged system” is false, why should incumbents in Africa or elsewhere not undermine the electoral system in their own countries on the excuse that every ballot must match their testosterone specimen?

    In the last two decades, a significant number of African countries have come under representative governments largely because of external pressure from the West, led by the European Union (EU) and the US. Even though more money has poured in from China – often with few questions or scruples – pressure from the west and improvements in technology have put more governments on the continent on the spot.

    Politicians may not have been altogether pleased with the outcome of the elections, but because they have seen the consequences of chaos elsewhere, because they have seen the US live up to its pledge to punish persons responsible for deadly election violence whether in Kenya, Liberia or Cote d’Ivoire, they have yielded to orderly transfer of power.

    Nigeria provided a spectacular example of orderly transition five years ago, when former President Goodluck Jonathan called Muhammadu Buhari and conceded defeat even before the final results were announced in an election that could have descended into chaos.

    Despite deep misgivings in the ruling People’s Democratic Party (PDP) at the time that Jonathan was being wangled out of office by a conspiracy of the Northern elite, the former president endured his misery and walked away.

    Kenya and Zimbabwe followed suit. When Yahya Jammeh of The Gambia refused to accept the outcome of elections in that country, the regional body, ECOWAS, shooed the yam-head out of office. Until recent events in Mali, Cote d’Ivoire and Guinea threatened to spoil the broth, Africa has been looking like the fireside where the world could at last light its candle.

    A US president threatening to impede an orderly transition of power is a danger not just to his own country but also to politicians elsewhere who might copy his bad example. This year, out of five African countries holding major elections, the presidents of two of them – Alassane Quattara of Cote d’Ivoire and Conde of Guinea – have manoeuvred themselves into positions for a controversial third term.

    Which Trump would stand up to Quattara, Conde or any other political outlaw on the continent? The Trump begging China to help him win election at home or the one hiding his tax records in plain sight? The Trump crying wolf over a “rigged system” even before the first ballot was cast or the one that unleashed the National Guard on unarmed protesters? The Trump who bullies women and indulges in race-baiting or the one who pledged not to accept an orderly transfer of power, if he loses at the poll?

    Which Trump is the world modelling on the eve of November 3?

    After four years of “America First”, the world is learning to find its own path even in matters where the US used to provide leadership and direction. Yet, if this is the new face of American exceptionalism – a US presidential candidate who undermines the electoral system for the heck of it and refuses to accept an orderly transfer of power if he loses, then we must brace up for a bitter winter in global politics.

    Not even in shit-hole countries is it fashionable anymore to insist on victory as precondition for elections. Who needs elections if they must win before the contest, anyway?

    But that is what Trump insists on. It’s apparent that America’s problems are worse than shambolic race relations and COVID-19. Trump-mylitis or the new epidemic of electoral-victory-at-all-costs is also a new contagion the world must guard against.

  • Africa Free

    Covid19: Centro per le malattie africano, “il...

    AFRICA - Il direttore del Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa CDC) John Nkengasong ha invitato ieri i paesi africani a prepararsi per una seconda ondata di infezione da COVID-19.

    Intervenendo in una conferenza stampa online, il direttore ha affermato che il continente deve prepararsi per una seconda ondata di infezione da COVID-19, poiché il numero di nuovi casi in diversi paesi africani sta cominciando a segnare un leggero aumento.

    “E’ questo il momento di prepararsi per una seconda ondata", ha detto Nkengasong.

    "Il continente ha avuto molto successo nel controllare la curva delle infezioni nella prima fase, con i casi di contagio che hanno raggiunto il picco intorno a luglio e poi sono diminuiti costantemente. Ma ora stiamo assistendo a una certa stagnazione nella riduzione e persino, in alcuni paesi africani, un leggero aumento", ha sottolineato il direttore del CDC africano.

    Nkengasong ha invitato i paesi africani a rafforzare i sistemi di sorveglianza, aumentare lo screening, coinvolgere le comunità negli sforzi di risposta e incoraggiare l'uso di mascherine per combattere efficacemente la pandemia.

    "Se facciamo tutto questo insieme, riusciremo a preparare in maniera efficace il continente per la seconda ondata che senza dubbio verrà. Con questo voglio dire che abbiamo visto cosa sta succedendo in Europa. Vogliamo essere sicuri di proteggere il vantaggio comparativo che abbiamo raggiunto negli ultimi 10 mesi ", ha ribadito Nkengasong.

    "Il nostro continente è a un bivio, un momento decisivo nella lotta contro la pandemia COVID-19. Abbiamo ottenuto un successo nel contenere la prima ondata, ma ora è il momento di prepararci davvero per la seconda. Dobbiamo guardare a ciò che sta accadendo con preoccupazione, ma sappiamo cosa  possiamo fare per evitare che lo stesso accada in Africa, ed è il momento per questo", ha detto.

    L'Africa CDC, che è un'agenzia della Commissione dell'Unione Africana dedicata alla salute pubblica, ha rivelato che il numero totale di casi confermati di COVID-19 nel continente africano dal marzo 2020 ad oggi è di 1.748.335 (su una popolazione di 1,3 miliardi di persone sparse in 54 paesi) casi positivi e 42.151 morti a giovedì.

  • Africa Free

    Temperature in aumento e condizioni meteo più estreme

    AFRICA - “L’aumento delle temperature e del livello del mare, il cambiamento dei modelli delle precipitazioni e condizioni meteorologiche più estreme stanno minacciando la salute e la sicurezza umana, la sicurezza alimentare e idrica e lo sviluppo socio-economico in Africa”: così si legge nella nuova edizione del rapporto ‘Stato of the Climate in Africa’

    Realizzato in collaborazione tra diverse agenzie delle Nazioni Unite guidate dall’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo) e dai principali  istituti meteorologici mondiali e africani, il rapporto (la cui versione integrale è disponibile qui - analizza le tendenze climatiche attuali e future e i loro impatti sull’economia e sui settori sensibili come l’agricoltura.

    Ciò che emerge dalle ricerche relative al 2019 è che lo scorso anno è stato tra i tre anni più caldi mai registrati in Africa; una tendenza, questa, che pare essere destinata a proseguire: le ultime previsioni decennali, infatti, che coprono il periodo 2020–2024, mostrano un continuo riscaldamento e una diminuzione delle precipitazioni, soprattutto nell’Africa settentrionale e meridionale, e un aumento delle precipitazioni nel Sahel.

    Numerosi sono stati gli eventi estremi che, legati al cambiamento climatico, hanno interessato l’Africa nel 2019 ma anche nel 2020. Dal ciclone tropicale Idai che ha devastato il Mozambico alle alluvioni che hanno sommerso il Corno d’Africa che usciva dall’opposta condizione di estrema siccità del 2018. Da maggio a ottobre 2019, inoltre, inondazioni hanno colpito anche il Sahel e le aree circostanti.

    Le conseguenze di questi cambiamenti climatici si fanno sentire in ambito economico e, ovviamente, umano. A risentirne in primo luogo è infatti l’agricoltura, spina dorsale dell’economia africana: la maggior parte della popolazione di tutto il continente trae la propria sussistenza dalle colture. Secondo la Fao, “dal 2012, nei Paesi dell’Africa subsahariana inclini alla siccità, il numero di persone denutrite è aumentato del 45,6%”.

    I danni dei cambiamenti climatici investono però anche la salute della popolazione in tutta l’Africa: come precisa il rapporto, infatti, “temperature più calde e precipitazioni più elevate aumentano l’idoneità dell’habitat per gli insetti pungenti e la trasmissione di malattie trasmesse da vettori come la febbre dengue, la malaria e la febbre gialla”. Sembra, inoltre, che, “nuove malattie stanno emergendo in regioni dove prima non erano presenti. Si stima che nel 2017 il 93% dei decessi globali per malaria si sia verificato in Africa. Le epidemie di malaria si verificano spesso dopo periodi di piogge insolitamente abbondanti. Inoltre, il riscaldamento negli altopiani dell’Africa orientale sta consentendo alle zanzare portatrici di malaria di sopravvivere ad altitudini più elevate”.

    Lo State of the Climate in Africa mette in luce anche il fenomeno dell’innalzamento del livello del mare che ha raggiunto i 5 mm all’anno in diverse aree oceaniche e ha superato i 5 mm all’anno nell’Oceano Indiano sud-occidentale, dal Madagascar verso est verso e oltre Mauritius, più dell’innalzamento medio globale del livello del mare di 3-4 mm all’anno. Inoltre richiama l’attenzione anche su un’altra problematica: l’erosione delle coste che si sta verificando soprattutto in Africa occidentale. Circa il 56% delle coste di Benin, Costa d’Avorio, Senegal e Togo si stanno erodendo e si prevede che in futuro la situazione peggiorerà.

    Il rapporto fa anche notare gli sforzi che l’Africa ha compiuto per gestire questa drammatica situazione climatica: “molte nazioni africane, ad esempio, si sono impegnate a passare all’energia verde in un lasso di tempo relativamente breve”, si legge.

    Lo era già, ma grazie a questo documento è ancora più chiaro: è urgente un’azione collettiva per far fronte al cambiamento climatico in Africa e nel mondo intero. [Valentina Giulia Milani \ Africa Rivista]

  • Africa Free

    Migranti, la pandemia ha aggravato le disuguaglianze

    È il covid il convitato di pietra determinante nell’influire sul valore dell’immensa mole di dati offerta dal “Dossier statistico immigrazione 2020” curato e presentato mercoledì 28 ottobre dal Centro studi e ricerche Idos.

    Il Dossier è stato realizzato in partenariato con il Centro studi Confronti, appoggiato da strutture internazionali e nazionali nonché dai fondi “8 per mille” dell’Unione delle Chiese metodiste e valdesi. Il Dossier celebra quest’anno la sua 30° edizione e lo fa in un momento particolarmente delicato per lo scoppio della pandemia che con il suo progressivo diffondersi sta condizionando in maniera sempre più significativa la vita degli stranieri in Italia.

    Nonostante i dati principali di riferimento siano ovviamente risalenti al 2019, ben dieci dei 74 capitoli di cui si compone lo studio sono scritti con particolare attenzione al nuovo fenomeno della pandemia.

    Introdotta da Marco Fornerone, pastore della Chiesa valdese di Roma, la presentazione in videoconferenza streaming del Dossier è stata affidata a Luca Di Sciullo, presidente Idos, affiancato negli interventi di commento da Nandy Porsia, Marco Omizzolo, Igiaba Scego e Giampiero Palmieri sotto il coordinamento di Claudio Paravati e Ginevra Demaio.

    Le schede base del Dossier 2020 raccontano che a fronte di un lievissimo aumento netto annuo di residenti stranieri, che a fine 2019 sono in totale 5.306.500 (appena 47.100 in più rispetto a inizio anno: +0,9%), l’8,8% di tutta la popolazione residente in Italia, i soli non comunitari regolarmente soggiornanti sono diminuiti di ben 101.600 unità (-2,7%), arrivando a poco più 3.615.000 (erano 3.717.000 l’anno precedente). Di riflesso è probabilmente aumentata la presenza di non comunitari irregolari, i quali, stimati in 562.000 a fine 2018 (Ismu) e calcolato che – anche per effetto del Decreto “sicurezza” varato in tale anno – sarebbero cresciuti di ben 120-140.000 unità nei due anni successivi (Ispi), a fine 2019 erano già stimati in oltre 600.000 e a fine 2020 avrebbero plausibilmente sfiorato o raggiunto i 700.000 se, nel frattempo, non fosse intervenuta la regolarizzazione della scorsa estate a farne emergere (almeno temporaneamente) circa 220.500, in stragrande maggioranza dal lavoro in nero domestico e solo in minima parte dal lavoro nero in agricoltura. Del resto, l’ulteriore crollo del numero di migranti forzati sbarcati nel paese (11.471: -50,9% rispetto ai 23.370 del 2018 e -90,4% rispetto ai 119.369 del 2017), non solo ha confermato la fine della cosiddetta “emergenza sbarchi”, ma ha contribuito a svuotare i centri di accoglienza, in cui i migranti sono scesi da circa 183.700 nel 2017 a poco più di 84.400 a fine giugno 2020: quasi 100.000 persone fuoriuscite in appena 2 anni e mezzo, moltissime delle quali si sono disperse sul territorio, andando a ingrossare le fila già assai nutrite degli irregolari.

    La perdurante mancanza, dal 2011, di una programmazione dei flussi in ingresso di lavoratori stranieri ne ha ulteriormente ridotto l’incidenza, non solo nello stock dei soggiornanti (25,7% dei permessi a termine, inclusi gli stagionali, contro il 53,6% dei motivi di famiglia), ma anche tra i 177.000 nuovi permessi di soggiorno rilasciati nel 2019 (6,4% per lavoro, a fronte di ben il 56,9% per famiglia). L’enorme raccolta di dati e commenti su questi flussi e sulle presenze straniere in Italia è corredata da importanti capitoli sul livello di integrazione e pari diritti concessi, srotolati sempre con uno sguardo attento al contesto europeo ed internazionale, per scendere poi in analisi molto dettagliate anche a livello regionale, analisi che occupano una parte rilevante del volume.

    Per approfondire è possibile scaricare l’indice e acquistare una copia cartacea o singoli capitoli in forma digitale cliccando qui. [da Africa Rivista]

  • Africa Free

    Focus logistica: corridoi multimodali per 'liberare' i...

    AFRICA - Sono lontani dai porti e quindi dalle vie commerciali principali, con distanze che a volte possono superare centinaia o migliaia di chilometri. Mancano di infrastrutture fondamentali come ferrovie e strade, le merci possono impiegare settimane o mesi prima di arrivare a destinazione, anche per i ritardi legati alle procedure doganali. Queste le condizioni di partenza dei sedici Paesi africani che non hanno sbocco al mare e che rientrano nella lista dei Landlocked Developing Countries (Lldc) stilata dalla Banca mondiale e che comprende in totale 32 nazioni.  I corridoi pensati a livello continentale mirano a sbloccare i potenziali di questi Paesi che spesso hanno poche alternative a disposizione. Singolare il caso dell’Etiopia, che con una popolazione di oltre cento milioni di abitanti è il secondo più popoloso Paese del continente dopo la Nigeria: una potenza demografica che ha visto la propria economia crescere con costanza negli ultimi venti anni ma che allo stesso tempo risente molto del mancato affaccio sul mare e quindi delle rotte commerciali. Queste sono state garantite finora da Gibuti e sono state beneficiate dal collegamento ferroviario di recente stabilito tra Addis Abeba e il porto di Gibuti. In futuro, nuove vie commerciali dovrebbero essere possibili attraverso l’Eritrea – i due Paesi hanno ritrovato la pace – e attraverso la Somalia: molto dipende dalla stabilità regionale in una zona, quella del Corno d’Africa, che deve ancora trovare un proprio stabile assetto. L’instabilità è anche il fattore caratterizzante di diversi Paesi della fascia saheliana, anch’essi senza sbocco al mare, come Ciad, Niger, Burkina Faso e Mali, e per questi Paesi le questioni di sicurezza si vanno a sommare ad ancora precarie situazioni di ordine economico e sociale.