GibutiKenya

Accordo di massima per cavo sottomarino

KENYA / GIBUTI – Il Kenya ha annunciato l’intenzione di collaborare con Gibuti per costruire il quinto cavo sottomarino del Paese al costo di 59 milioni di dollari.

(146 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Si esporta meno energia elettrica

    UGANDA - Nell'anno fiscale concluso ad agosto, l'Uganda ha guadagnato dall'export di energia elettrica 25,64 milioni di dollari, con una diminuzione del 95% rispetto a quanto guadagnato nello stesso periodo del 2019. Secondo la Bank of Uganda, sono stati esportati 261,077 megawatt, in calo rispetto ai 311,428 megawatt nello stesso periodo dello scorso anno. La flessione, secondo l'Uganda Electricity Transmission Company Limited (Uetcl), è stata causata dalla riduzione della domanda dal Kenya. Kampala esporta infatti gran parte della sua elettricità verso il Kenya, ma anche verso Tanzania, Rd Congo e del Sud Sudan. Pamela Nalwanga Byoruganda, responsabile delle pubbliche relazioni dell'Uetcl, ha dichiarato che il Kenya ha aumentato la propria capacità di produrre corrente elettrica, soprattutto nella parte occidentale del Paese dove, tradizionalmente, viene consumata gran parte dell'elettricità importata dall'Uganda. L'Uganda ha attualmente una capacità installata di 1.242,15 megawatt, di cui 728 megawatt vengono consumati per scopi domestici e per l'esportazione. Nel Paese vengono normalmente consumati 650 megawatt. Durante il periodo di lockdown il consumo interno è però sceso a 500 megawatt per poi riprendere dopo la fine del blocco a giugno. [EC]
  • Sud SudanSudan Free

    Dopo dieci anni Khartoum e Juba riaprono la frontiera

    SUDAN / SUD SUDAN - Il Sudan e il Sud Sudan hanno concordato di aprire i 10 valichi di frontiera lungo il loro confine di 2.000 chilometri. Lo ha riferito il ministro della Difesa sudanese aggiungendo che sarà riaperta anche la navigazione fluviale.  La frontiera era stata chiusa poco dopo l’indipendenza del Sud Sudan da Khartoum (2011): i due Paesi si accusavano reciprocamente di sostenere gruppi ribelli.  Gli ultimi sviluppi sono stati il frutto di un incontro tra il ministro della Difesa sud-sudanese Angelina Teny e quello sudanese Yassin Ibrahim. I due hanno anche presenziato a Kosti (nello Stato del Nilo Bianco) la posa della prima pietra di una futura zona di libero scambio. [MS]
  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Luce verde a nuovi colloqui per diga sul Nilo

    EGITTO / ETIOPIA / SUDAN - Potranno riprendere i negoziati tra Egitto, Etiopia e Sudan a tre mesi dalla loro sospensione. E’ questo il risultato di una prima riunione tenuta dai ministri dell’Irrigazione dei tre Paesi e mediata dall’Unione Africana; alla riunione hanno partecipato anche i rappresentanti di Unione Africana, Unione Europea e Stati Uniti.  “Durante l’incontro, l’Egitto ha ribadito l’importanza di raggiungere un accordo legalmente vincolante sui principi del riempimento del bacino e dell’utilizzo della diga. Il documento proteggerà gli interessi comuni dei tre Stati e soddisferà la loro richiesta di acqua”, si legge in un comunicato del governo egiziano. Le parti hanno convenuto che il Sudan, che presiederà il nuovo ciclo di colloqui, organizzerà consultazioni di una settimana durante le quali le parti si concentreranno sulla revisione dell’accordo finale. La data esatta dei colloqui deve ancora essere annunciata. La diga sul Nilo blu realizzata da Addis Abeba è la più grande d’Africa e nei piani dell’Etiopia dovrà servire a produrre energia per il mercato interno e per l’export. L’Egitto teme che i tempi di riempimento del bacino creato dalla diga e necessario per produrre energia possano avere conseguenze sulla quantità d’acqua a sua disposizione. [MS]
  • Rwanda Free

    Export minerali in calo

    RWANDA - L'esportazione dei principali minerali ruandesi - cassiterite, wolframite e coltan - hanno fruttato 31,6 milioni di dollari nella prima metà del 2020. In calo rispetto ai 56,6 milioni di dollari ricavati nello stesso periodo dell'anno scorso. Gli operatori del settore hanno spiegato la flessione delle entrate con il fatto che gli acquirenti di minerali, in particolare le società elettroniche, hanno interrotto gli ordinativi poiché la produzione è rallentata a causa della pandemia di Covid-19. Il calo delle entrate del settore, come comunicato dalla Banca nazionale del Ruanda, significa anche meno entrate per il governo che ha a lungo puntato sul settore minerario come uno dei principali contributori netti di valuta estera (secondo solo al turismo). Tuttavia, anche prima che la pandemia di coronavirus colpisse, i principali minerali del Rwanda venivano venduti a prezzi ridotti sul mercato internazionale. Il trend è infatti negativo con 99 milioni di dollari nel 2019, rispetto ai 143 milioni nel 2018. “I prezzi per coltan e wolframite, non sono favorevoli. Lo stagno (cassiterite) ha un prezzo relativamente buono, ma non è abbastanza forte per sostenere i costi - ha dichiarato alla stampa locale Jean Malic Kalima, presidente della Rwanda Mining Association -. Oltre alla scarsa domanda dei nostri minerali, le aziende locali non producono quantità sufficienti a causa delle interruzioni continue causate dalla pandemia di coronavirus. Ma siamo ottimisti riguardo al futuro. In questi mesi sono stati fatti investimenti che permetteranno di migliorare le performance del settore”. [EC]
  • Tanzania Free

    Elezioni, voto «poco credibile» secondo panel...

    TANZANIA - È «compromessa» la credibilità del voto per le elezioni generali svoltosi ieri in Tanzania. Lo denuncia il panel Tanzania Elections Watch, un’iniziativa regionale di monitoraggio elettorale guidata da personalità africane, in particolare Frederick Ssempebwa dall’Uganda, Willy Mutunga dal Kenya e Alice Mogwe dal Botswana In un comunicato divulgato oggi, il panel di osservatori fa sapere che Internet è stato sospeso alla vigilia del voto, e che Twitter, in particolare, non ha funzionato. Anche il traffico di sms è stato disturbato. Il panel esprime anche preoccupazione per l’uccisione di civili nelle isole di Pemba e di Unguja, un fatto anche denunciato dall’opposizione, secondo la quale sono state le forze dell’ordine a uccidere cittadini che protestavano contro tentativi di brogli elettorali. Il giorno dell’elezione, sono stati arrestati i candidati Halima Mdee e Upendo Peneza Tanzania Elections Watch ha ricevuto informazioni secondo le quali agenti elettorali dell’opposizione non hanno avuto accesso ad alcuni seggi. Tra le accuse di brogli mosse dai partiti d’opposizione Chadema e ACT-Wazalendo , c’è la scoperta di schede elettorali già pre-complitate a favore del partito di governo uscente. Intanto, secondo il quotidiano Daily News, i primi risultati provvisori delle elezioni parlamentari danno il partito di governo Chama Cha Mapinduzi (Ccm) vincitore in circoscrizioni considerate bastioni dell’opposizione. Il presidente del principale partito antigovernativo Chadema, Freeman Mbowe, ha perso il proprio seggio per la circoscrizione di Hai. I legali del principale avversario del presidente uscente John Magufuli alle presidenziali, Tundu Lissu, stanno procedendo a una contestazione formale delle elezioni presso l’Unione Africana e la Comunità dell’Africa Orientale. [CC]
  • Etiopia Free

    La Dfc sovvenziona il progetto geotermico di Tulu Moye

    ETIOPIA – Il progetto geotermico di Tulu Moye, in Etiopia, ha ottenuto una sovvenzione del valore di 1,55 milioni di dollari da parte della Development Finance Corporation (Dfc), il braccio finanziario della cooperazione statunitense.   Il finanziamento servirà alla realizzazione della centrale a vapore ubicata in Oromia, nel sudovest dell’Etiopia. La Dfc ha detto di voler sostenere il progetto, utile per la crescita economica del Paese, attraverso l’assistenza tecnica.   Per lo studio di fattibilità, il progetto aveva già ottenuto un altro finanziamento dagli Stati Uniti, dall’Agenzia per il commercio e lo sviluppo.   A guidare la realizzazione dell’impianto è la Tulu Moye Geothermal Operations (TMGO), società detenuta da un consorzio composto dalla francese Meridiam e dall’islandese Reykjavík Geothermal.   Anche il Fondo per le tecnologie pulite (Ctf), uno dei fondi internazionali per il finanziamento della lotta al cambiamento climatico, ha approvato un prestito del valore di 10 milioni di dollari.   Il progetto è previsto in due fasi nell’arco di cinque anni. La prima fase vedrà la perforazione di quattro/sei pozzi esplorativi; successivamente si realizzeranno altri quattro/sette pozzi e si realizzerà una centrale elettrica da 50 MW, che dovrebbe diventare operativa nel 2023. La seconda la fase consisterà in una centrale e strutture aggiuntive da 100 MW. Sono già iniziate le perforazioni. [CC]