R.D. Congo

Dichiarata epidemia di morbillo

REP DEM CONGO – Le autorità sanità di Kinshasa hanno dichiarato un’epidemia di morbillo in Repubblica democratica del Congo dopo aver registrato più di 87.000 casi sospetti dall’inizio dell’anno.

(161 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R.D. Congo Free

    Diga di Inga III, l'AfDB conferma il suo sostegno

    RD CONGO – La Banca africana per lo sviluppo (AfDB) accompagnerà la Repubblica Democratica del Congo nella realizzazione della diga idroelettrica di Inga III, un mega progetto che potrebbe aumentare in maniera significativa la produzione energetica del Paese.   Lo ha affermato il presidente dell’AfDB Akinwumi Adesina durante una visita di quattro giorni nel grande Paese africano, visita durante la quale si è recatosul sito di Inga III, a 276 km a sudovest da Kinshasa, nella valle di Buindi.   La Banca ha già finanziato lo studio di fattibilità dello sviluppo di questo progetto con 15 milioni di dollari. Inga III andrebbe a potenziare di gran lunga le capacità di altre due centrali, Inga I e Inga II, installate agli inizi degli anni 80.     “L’AfDB ha deciso di abbracciare il progetto Grande Inga, perché la RDC è una potenza energetica nel cuore dell’Africa e lo sfruttamento massimo delle potenzialità del sito di Inga può favorire l’industrializzazione dell’Africa. Dobbiamo passare all’azione” ha detto il presidente dell’istituzione finanziaria.   Inga III dovrebbe poter produrre oltre 100.000 megawatt di elettricità.   Il progetto è criticato da alcune organizzazioni della società civile, che hanno scritto una lettera ad Adesina in occasione della sua visita. Circa 30.000 persone, comunità di pescatori e di agricoltori la cui sussistenza dipende dal fiume Congo, dovrebbero essere sfollate per lasciare spazio ai lavori. [CC]
  • R. Centrafricana Free

    Fondi europei per assistenza umanitaria

    REP CENTRAFRICANA - L’Unione Europea ha approvato la concessione di fondi per un valore pari a 18,85 milioni di euro per attività di assistenza umanitaria in Repubblica Centrafricana.

    A comunicarlo è stata la Commissione europea attraverso una nota inviata alla stampa, in cui viene ricordato che dal 2014 l’Unione Europea ha mobilitato oltre 135 milioni di euro per attività di assistenza umanitaria in Repubblica Centrafricana.

    “Per l’Unione Europea, la situazione umanitaria nella Repubblica Centrafricana non è una crisi dimenticata - ha detto il Commissario per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi, Christos Stylianides - Continueremo a fornire assistenza per portare soccorsi salvavita alle persone bisognose. Rimaniamo, tuttavia, preoccupati per la violenza rivolta contro i civili e gli operatori umanitari”.

    In base a quel che viene reso noto, i fondi saranno utilizzati in particolare per aiutare le persone colpite dal conflitto la cui sopravvivenza di base dipende dall'assistenza umanitaria, prevenire la violenza e fornire assistenza medica, psicosociale e legale alle vittime di violenze e violazioni dei diritti umani, affrontare la crisi alimentare e nutrizionale e sostenere la fornitura di aiuti alle aree in cui infrastrutture inadeguate e combattimenti in corso rendono difficile l'accesso per gli operatori umanitari.

    La crisi centro-africana ha anche un impatto sull'intera regione del Sahel, dato che 592.000 rifugiati hanno cercato rifugio nei paesi limitrofi ai quali l'UE fornisce anche supporto. [MV]

  • R. Centrafricana Free

    Annunciato il calendario elettorale, alle urne a fine...

    R CENTRAFRICANA – Le elezioni generali in Repubblica Centrafricana si terranno il 27 dicembre 2020.   Il calendario elettorale è stato reso noto ieri dall’Autorità generale per le elezioni, precisando che un eventuale secondo turno si svolgerà il 14 febbraio 2021.   Gli aventi diritto dovranno recarsi alle urne per eleggere il presidente della Repubblica e i parlamentari. Il mandato dell’attuale capo dello Stato, Faustin Archange Touadera, eletto il 14 febbraio 2016, scade il 30 marzo 2021.   L’autorità ha precisato che il budget dedicato a queste elezioni generali è di circa 33 milioni di dollari. [CC]
  • Camerun Free

    Concessione del porto di Kribi ad azienda filippina

    CAMERUN – E’ la società filippina Container Terminal Services l’appaltatore “provvisorio” della concessione di gestione e manutenzione del porto di Kribi, importante scalo petrolifero, che gestisce 1,2 milioni di tonnellate di prodotti all’anno.

     

    La Container Terminal Services ha vinto la gara d’appalto internazionale alla quale hanno partecipato anche i consorzi Coega Development Corporation/Transnet, Marsa Maroc/AIIF3, Medlog/Wide Resources Limited, e Porto d’Anversa/Sinotrans/Comexas Afrique.

     

    L’azienda filippina specializzata nella logistica sostituirà nel 2020 il consorzio d’imprese locali Kribi Polyvalent Multiple Operators (KPMO), che da luglio 2018 aveva sostituito la francese Necotrans

  • Ciad Free

    Glencore mette in vendita le proprie quote in attività...

    CIAD – Sono in vendita le quote di Glencore nei bacini di Mangara e Badila, in Ciad. La compagnia mineraria e di trading svizzera ha preso la decisione di disfarsi delle sue proprietà a causa delle difficoltà finanziarie nelle attività ciadiane.   Le prime riserve acquistate in Ciad da Glencore in Ciad risalgono a luglio 2014. Nel 2018, la società ha prodotto circa 2,8 milioni di barili di olio nel Paese, principalmente da Mangara e Badila. La Glencore ha anche acquistato la  Caracal Energy.   Il calo dei prezzi del petrolio dal 2014 ha tuttavia impedito alla Glencore di trarre profitti da questa attività e si è addirittura deprezzato il valore dei suoi beni. Oggi valutati a 1,22 miliardi di dollari contro 1,7 miliardi in partenza.   L’operazione di vendita sarà gestita da due banche, la  Morgan Stanley e la Natixis. [CC]      
  • R.D. Congo Free

    Sospesa licenza telefonia mobile a gruppo Vodacom

    REP DEM CONGO - Un tribunale della Repubblica democratica del Congo ha confermato la sospensione  della licenza di telecomunicazioni 2G alla sussidiaria locale del gruppo sudafricano Vodacom.

    A renderlo noto attraverso un comunicato inviato alla stampa è stato John Aluku, capo dello staff del ministro delle Telecomunicazioni, ricordando che la sospensione era stata stabilita dal governo di Kinshasa e che ora, con la sentenza emessa dal Consiglio di Stato, non potrà essere impugnata.

    Vodacom Congo ha ora tre mesi di tempo per rinegoziare la sua licenza con il ministero delle Telecomunicazioni prima che la stessa venga rimessa all'asta.  Il costo del rinnovo è stata fissata a 65 milioni di dollari.

    Vodacom Group detiene attualmente una partecipazione del 51 per cento in Vodacom Congo. [MV]