Africa OrientaleR.D. Congo

Kinshasa domanda adesione a Comunità Africa orientale

REP DEM CONGO – Il presidente congolese Felix Tshisekedi ha confermato che la Repubblica democratica del Congo ha presentato richiesta formale di adesione alla Comunità dell’Africa orientale (EAC).

(213 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Due progetti di irrigazione a Borena e Shinelle

    ETIOPIA - La Ethiopian Construction Design & Supervision Works Corporation si è assicurata un accordo per supervisionare la costruzione di due progetti di dighe sotterranee in due Stati regionali per un costo totale di 18 milioni di Birr. I due progetti si trovano rispettivamente nelle zone di Borena e Shinelle degli stati regionali di Oromia e Somali. La Commissione per lo sviluppo dell'irrigazione (Idc) ha assegnato il contratto scegliendo tra un totale di sette candidati.  Il progetto della diga a Shinelle dovrebbe consentire di irrigare 20.000 ettari di terreno, mentre 10.000 ettari saranno forniti dal progetto della diga sotterranea di Borena. Con mezzo ettaro destinato per agricoltore, si stima che il progetto andrà a beneficio di 40.000 famiglie a Borena e 20.000 famiglie nella zona di Shinelle. L'Etiopia ha 12 bacini fluviali con un grande potenziale di acque sotterranee. Eppure la superficie irrigata totale, secondo stime correnti, è inferiore all'8% dei 15 milioni di ettari di terreno coltivato e solo il 20% circa dei 5,8-7,5 milioni di ettari stimati di terreno irrigabile. [MS]
  • Tanzania Free

    Dopo attacco a villaggio, rivendicazioni islamiste e...

    TANZANIA - Come prospettato fin da subito, quello condotto la scorsa settimana in Tanzania contro il villaggio di Kitaya è stato un attacco terroristico firmato da militanti islamisti legati ai gruppi attivi in questo momento nel nord del Mozambico.  A fornire una ricostruzione in tal senso è stato l’ispettore generale della polizia, Simon Sirro, secondo cui circa 300 uomini armati hanno condotto l’attacco per ritirarsi subito dopo in Mozambico. L’attacco, avvenuto lo scorso 14 ottobre, ha riguardato un villaggio che si trova sulle sponde del Rovuma, il fiume che segna il confine tra Tanzania e Mozambico, ed era stato comunque rivendicato dall’Isis. Da allora la polizia ha arrestato diverse persone sospettate, sia straniere che tanzaniane. [MS] 
  • Seychelles Free

    Alle urne per le elezioni presidenziali e parlamentari

    SEYCHELLES – Sono in corso da ieri, e dureranno fino a sabato sera, le elezioni parlamentari e presidenziali nell’arcipelago delle Seychelles. L’attuale presidente, Danny Faure, del partito di governo United Seychelles, arrivato sulla poltrona presidenziale dopo le dimissioni di James Michel nel 2016, è in lizza contro due avversari: il pastore anglicano Wavel Ramkalawan della Seychelles Democratic Alliance, e l’ex ministro del Turismo Alain St Ange, del partito One Seychelles. L'Assemblea nazionale, con 34 seggi, è l'unica camera del Parlamento Le operazioni principali si svolgeranno sabato nelle tre isole principali,  Mahé, Praslin e La Digue, mentre le giornate di ieri e oggi sono dedicate alle operazioni sulle isole più piccole.   I cittadini si recano alle urne in un clima di grande preoccupazione per l’economia, fortemente colpita dal crollo del turismo dovuto alla pandemia di coronavirus. [CC]
  • Mauritius Free

    Museo intercontinentale della schiavitù, parte l...

    MAURITIUS – È iniziata la realizzazione della prima fase di un Museo intercontinentale della schiavitù a Port-Louis, capitale dell’isola di Mauritius.   Il via ufficiale alla costruzione del museo, battezzato Sit de konsians(luogo di coscienza, in creolo) è stato dato dal primo ministro Pravind Jugnauth. «Abbiamo un dovere di memoria nei confronti dei nostri antenati (…) Farà parte del nostro combattimento contro la discriminazione e contro l’esclusione» ha detto il capo del governo.   Il museo, che intende diventare un luogo custode della storia e di uno dei suoi capitoli più bui, sorgerà nell’edificio dell’ex ospedale militare. Fino al prossimo gennaio, una mostra intitolata “Rompere il silenzio” accompagnerà la prima parte dell’allestimento.   La realizzazione del museo fa parte delle raccomandazioni del rapporto della commissione Giustizia e Verità del 2011. La Commissione era stata istituita per riconoscere i torti causati agli schiavi e ai loro discendenti e riflettere su possibili riparazioni.   Nell’ex «Isola di Francia» la schiavitù fu abolita nel 1835, sotto l’amministrazione inglese. [CC]
  • Sudan Free

    “Fine sanzioni? Vantaggi non immediati”

    SUDAN - Non è detto che la rimozione del Sudan dalla lista dei sostenitori del terrorismo e la fine delle sanzioni possano giovare subito all'economia sudanese: lo ha affermato Heba Mohamed Ali, il ministro dell'Economia di Khartum nel corso di una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri e del governatore della Banca centrale. Secondo Heba, il delisting non solo consentirà al Sudan di beneficiare di sovvenzioni da parte di istituzioni internazionali, ma sarà anche la condizione indispensabile per beneficiare della cancellazione del debito (il Paese potrà in futuro ricevere fino a 1,7 miliardi di dollari l'anno). Ha inoltre sottolineato che l'uscita dalla lista permetterà di acquistare beni di base direttamente dai produttori senza passare da intermediari (con aggravi di costo). Attualmente, il Sudan spende 128 milioni di dollari al mese per acquistare prodotti petroliferi, 48 milioni di dollari al mese per il grano e 30 milioni di dollari al mese per medicinali ma, a causa della mancanza di valuta estera, spesso non riesce a procurarsi il necessario. Heba ha anche affermato che circa il 40% delle forniture di petrolio e grano sovvenzionate dal governo viene contrabbandato fuori dal Paese. Questi vantaggi si faranno però sentire nel tempo. Nei prossimi mesi il Sudan dovrà ancora stringere i denti. [EC]
  • Kenya Free

    Sistema bancario in sofferenza

    KENYA - Redditività debole, rallentamento della crescita del portafoglio prestiti e aumento del volume dei crediti inesigibili: il sistema bancario keniano sta subendo il forte impatto della pandemia di Covid-19. Un impatto che porterà a una sostanziosa riduzione dei dividendi per gli azionisti. Secondo un rapporto dell'agenzia di rating Fitch, le otto maggiori banche (che, insieme, controllano l'83% dei depositi del settore e il 76% delle attività totali) hanno registrato  un peggioramento delle condizioni operative. A soffrire maggiormente gli istituti di credito che hanno sopportato il peso di un'enorme ristrutturazione dei prestiti per proteggere i clienti danneggiati dall'epidemia. La situazione è stata ulteriormente aggravata dall'invasione di locuste nel 2019 che creerà ulteriore pressione sulla qualità degli attivi delle banche per effetto dei prestiti concessi ai piccoli agricoltori e alle comunità agricole. Nel suo rapporto intitolato Coronavirus Impact on Large Kenyan Banks, Fitch segnala che il rapporto medio annualizzato tra reddito netto e patrimonio netto di queste grandi banche è diminuito di 730 punti base nei primi sei mesi di quest'anno. Secondo l'agenzia di rating, gli otto istituti di credito avevano già iniziato il 2020 in difficoltà con un deterioramento della qualità degli attivi e con un rapporto di prestiti deteriorati medio dell'11,2% lo scorso anno rispetto al 9,9% nel 2018. [EC]