Marocco

Accordo per corridoio logistico tra porti di La Spezia e Casablanca

MAROCCO – L’Autorità di sistema portuale (Adsp) della Liguria orientale e l’Agenzia nazionale dei porti del Marocco hanno firmato un accordo per sviluppare un corridoio logistico tra il Terminal del Golfo del porto di La Spezia, gestito dal gruppo Tarros, e il terminal di Casablanca.

A segnalarlo sono i media specializzati, sottolineando come l’intesa consentirà la semplificazione amministrativa, la digitalizzazione della catena logistica, la velocizzazione delle procedure doganali e il tracciamento delle merci.

In particolare, grazie all’intesa Casablanca e La Spezia potranno scambiarsi informazioni sui metodi e sulle migliori pratiche di lavoro, nonché sulle modalità di trasporto tra Comunità europea e Marocco.

Lo scambio dati tra gli attori coinvolti nel corridoio logistico e l’interoperabilità tra i sistemi informativi dei porti di La Spezia e Casablanca permetterà così di ridurre i tempi e migliorare l’efficienza complessiva degli scambi commerciali tra i due porti, realizzando una best practice a livello di bacino del mediterraneo nel settore portuale/logistico.

“La sottoscrizione di questo protocollo d’intesa e l’avvio della prima fase del progetto pilota rappresenta un altro importante passo nella digitalizzazione del nostro sistema logistico portuale – ha detto la presidente dell’Adsp Liguria orientale, Carla Roncallo – Si tratta di portare avanti un progetto che riteniamo possa essere davvero importante, anche perché pensiamo che, dopo il Marocco, potrà essere replicato per analoghi progetti con altri Paesi nordafricani”. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • EgittoGibuti Free

    Banca egiziana valuta ingresso sul mercato gibutino

    GIBUTI - La seconda maggiore banca statale egiziana, Banque Misr, ha annunciato un piano per cominciare a operare sul mercato di Gibuti nell’ambito di una strategia di internazionalizzazione nel continente africano.

    A dirlo è stato il presidente di Banque Misr, Mohamed Mahmoud Eletreby, precisando che allo studio è attualmente l’opportunità se aprire una propria sussidiaria o solo un ufficio di rappresentanza a Gibuti.

    “La nostra intenzione è servire la strategia governativa per rafforzare le relazioni economiche e commerciali delle aziende egiziane all’estero”, ha dichiarato Eletreby. [MV]

  • Egitto Free

    In aumento investimenti Bers

    EGITTO - La Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) sta pianificando investimenti per un miliardo di euro in Egitto nel corso di quest’anno. L’intenzione della Banca, secondo fonti della stessa istituzione, è quella di partecipare all’acquisizione di quote messe in vendita dal governo della Alexandria Container and Cargo Handling Company. Altro obiettivo dichiarato è di finanziare almeno in parte la linea ferroviaria che collegherà Il Cairo alla nuova capitale amministrativa. La Bers ha avviato le sue attività in Egitto nel 2012 e dallo scorso anno è diventato il primo Paese della Bers per volume di investimenti. [MS]
  • Egitto Free

    Crescita economica egiziana al +5,6%

    EGITTO – Si è chiuso con una crescita economica del +5,6% l'anno fiscale 2018/19. Lo ha detto il ministro delle finanze egiziano in un dichiarazione diffusa ieri nella quale si precisa inoltre che per la prima volta nel bilancio statale si è registrato un surplus. L'anno fiscale del paese inizia agli inizi di luglio e termina a fine giugno. "Questo è il più alto tasso di crescita raggiunto negli ultimi anni e uno dei più alti del mondo", ha detto il ministro dell'Economia delle finanze Mohamed Maait, sottolineando che il paese punta a raggiungere una crescita economica del 6% nell’anno fiscale in corso del 2019/2020. Secondo il ministro, l’Egitto può ora contare, dopo le recenti riforme economiche, su una struttura di crescita economica "sostenibile e diversificata". All'inizio di luglio, il governo egiziano ha applicato l'ultimo round di tagli ai sussidi per i carburanti, aumentando i prezzi tra il 16 e il 30 per cento come misura necessaria in un programma di riforme economiche sostenuto da un prestito di 12 miliardi di dollari del Fondo monetario internazionale (FMI) . Maait ha sottolineato che la rimozione dei sussidi ha liberato maggiori spese governative per il sostegno a programmi di protezione sociale e di sviluppo umano e ha anche aumentato gli investimenti del governo. Nel mese di novembre 2016, l'Egitto ha avviato il programma triennale di riforme economiche austerità sostenuto dall'FMI, che include tagli ai sussidi per l'energia e il carburante, l'introduzione dell'imposta sul valore aggiunto e la svalutazione della valuta locale. Il paese ha ricevuto finora 10 miliardi di dollari del prestito totale del FMI. Più avanti a luglio, l'FMI dovrebbe votare per fornire all'Egitto l'ultima tranche da 2 miliardi di dollari.
  • Egitto Free

    Allo studio nuovi progetti solari nel golfo di Suez

    EGITTO - L’Autorità per le energie nuove e rinnovabili (NREA) sta discutendo con la Compagnia per la trasmissione dell’elettricità egiziana (EETC) piani per costruire nuovi impianti fotovoltaici nei pressi di Zaafarana, nel governatorato del Mar Rosso.

    A riportarlo sono i media locali, secondo i quali le autorità stanno valutando la realizzazione di impianti capaci di generare fino a 200 megawatt di energia.

    Secondo quel che viene reso noto, la NREA sta individuando i terreni dove realizzare gli impianti, mentre l’EETC gestirà il processo di selezione delle aziende e l'acquisto di energia.

    Obiettivo del governo è riuscire a produrre entro il 2022 almeno il 20% dell'energia dell'Egitto da fonti nuove e rinnovabili. In particolare, la NREA punta a incrementare la capacità di generazione di elettricità da fonti rinnovabili fino a circa 10 GW entro il 2022, implementando nuovi progetti in collaborazione con il settore privato. [MV]

  • Marocco Free

    Fondi dalla Cooperazione francese per migliorare...

    MAROCCO - Ha un valore pari a 50 milioni di euro il prestito concesso dall’Agenzia per lo sviluppo francese (AFD) a favore della Compagnia nazionale marocchina per l’elettricità e l’acqua potabile (ONEE) per garantire migliori forniture idriche nelle regioni settentrionali del Marocco.

    A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che il prestito è destinato in particolare a garantire all’acqua potabile per gli abitanti delle zone rurali e urbane delle province di Al Hoceima, Driouch, Nador e Taounate.

    Il progetto migliorerà la qualità del servizio di acqua potabile e contribuirà a ridurre le disparità di accesso ai servizi pubblici, rafforzando nel contempo la resilienza del territorio ai cambiamenti climatici. [MV]

  • Libia Free

    Oltre mille le vittime dalla ripresa del conflitto

    LIBIA - La guerra civile in Libia continua a mietere vittime: è alito a 1093 il numero dei morti, compresi 106 civili, e a 5752 quello dei feriti, tra i quali 294 civili, dall’inizio degli scontri a Tripoli in primavera.

    Lo ha reso noto su Twitter l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in Libia, sottolineando che sono oltre 100mila gli sfollati e che “l’Oms sta addestrando i medici libici a rispondere alle esigenze di salute fisica e mentale dei feriti e degli sfollati”.

    Dopo l’attacco alla capitale e i primi successi dei reparti del generale Khalifa Haftar, uomo forte della Cirenaica, le milizie fedeli al premier Fayez al-Sarraj hanno contrattaccato.

    Il conflitto sta ora vivendo una fase di stallo. Nel Paese continua ad affluire, in modo non ufficiale, materiale bellico.

    Turchia e Qatar hanno inviato mezzi e armi alle milizie della Tripolitania. Haftar invece ha ricevuto aiuti da Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Russia. Recentemente le milizie di al-Sarraj hanno catturato ai soldati di Haftar missili statunitensi arrivati attraverso la Francia.

    Parigi nega ogni sostegno, ma è noto che le forze speciali transalpine operano dietro le linee formando e sostenendo i reparti della Cirenaica. [Africa Rivista]