Marocco

Accordo per corridoio logistico tra porti di La Spezia e Casablanca

MAROCCO – L’Autorità di sistema portuale (Adsp) della Liguria orientale e l’Agenzia nazionale dei porti del Marocco hanno firmato un accordo per sviluppare un corridoio logistico tra il Terminal del Golfo del porto di La Spezia, gestito dal gruppo Tarros, e il terminal di Casablanca.

A segnalarlo sono i media specializzati, sottolineando come l’intesa consentirà la semplificazione amministrativa, la digitalizzazione della catena logistica, la velocizzazione delle procedure doganali e il tracciamento delle merci.

In particolare, grazie all’intesa Casablanca e La Spezia potranno scambiarsi informazioni sui metodi e sulle migliori pratiche di lavoro, nonché sulle modalità di trasporto tra Comunità europea e Marocco.

Lo scambio dati tra gli attori coinvolti nel corridoio logistico e l’interoperabilità tra i sistemi informativi dei porti di La Spezia e Casablanca permetterà così di ridurre i tempi e migliorare l’efficienza complessiva degli scambi commerciali tra i due porti, realizzando una best practice a livello di bacino del mediterraneo nel settore portuale/logistico.

“La sottoscrizione di questo protocollo d’intesa e l’avvio della prima fase del progetto pilota rappresenta un altro importante passo nella digitalizzazione del nostro sistema logistico portuale – ha detto la presidente dell’Adsp Liguria orientale, Carla Roncallo – Si tratta di portare avanti un progetto che riteniamo possa essere davvero importante, anche perché pensiamo che, dopo il Marocco, potrà essere replicato per analoghi progetti con altri Paesi nordafricani”. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Libia Free

    Il vicepresidente: “Mettiamo mano alle riforme”

    LIBIA - Ahmed Maiteeq, vicepresidente del Consiglio presidenziale, ha chiesto la ripresa del programma di riforme economiche nazionali insieme alla rapida quotazione del tasso di cambio del dinaro libico. In una dichiarazione rilasciata nei giorni scorsi, Maiteeq ha chiarito che il riavvio del programma di riforme aiuterebbe la ripresa dell'economia e la neutralizzazione del “mercato nero”. Permetterebbe, inoltre, di affrontare la carenza di liquidità nelle banche. Il leader politico, originario di Misurata, si è congratulato per la riapertura di tutti i giacimenti petroliferi, l'ultimo dei quali è stato il campo al-Feel, e la riattivazione dei porti che consente, tra l'altro, la ripresa delle spedizioni di esportazione di petrolio, che sono state interrotte per un lungo periodo. [EC]
  • Libia Free

    Tempesta danneggia il porto di Tripoli

    LIBIA - Una forte tempesta nel porto di Tripoli ha provocato danni a una nave ancorata e la caduta di container nel bacino. Lo ha riferito l'autorità portuale. I contenitori vuoti sono caduti durante le fasi di scarico. Inoltre, sono state tagliate anche le funi di diverse navi ancorate nel porto. La nave portacontainer, Lady Halloum, situata nella zona di ancoraggio, si è staccata e si è scontrata con il frangiflutti. I servizi di emergenza hanno lavorato per salvare le persone a bordo della nave. La tempesta ha portato il porto a sospendere temporaneamente le operazioni dello scalo. In altre parti della città, la tempesta ha divelto numerose palme e diversi danni a infrastrutture e veicoli. [EC]
  • Egitto Free

    Annunciata costruzione centro dati internazionale

    EGITTO - La principale compagnia telefonica nazionale, Telecom Egypt, ha annunciato la costruzione di una struttura che ospiterà il principale centro dati internazionale in Egitto.

    A riportarlo sono i media specializzati, dai quali si apprende che il nuovo data center sarà operativo all’inizio del prossimo prossimo e avrà accesso a tutti i sistemi di cavi sottomarini che arrivano in Egitto.

    Secondo le informazioni rese note, il centro sarà inoltre in primo in Egitto dotato delle tre certificazioni di sicurezza rilasciate dall’autorità internazionale Uptime Institute dopo una rigorosa valutazione di tutti gli aspetti del data center e delle sue operazioni.

    Le capacità della struttura, collegate a tutte le 10 stazioni di arrivo in Egitto dei cavi sottomarini del Mediterraneo e del mar Rosso, vogliono essere la dimostrazione dell’impegno di Telecom Egypt a trasformare l'Egitto in un hub digitale globale.

    Il nuovo data center è situato nello Smart Village nella parte occidentale del Cairo, in cui si trovano molte società multinazionali e locali, enti governativi, autorità finanziarie, istituzioni educative e centri di ricerca e sviluppo. [MV]

  • Algeria Free

    Export idrocarburi, entrate in calo e si pensa alle...

    ALGERIA - Le esportazioni algerine di idrocarburi scenderanno da 34 miliardi di dollari nel 2019 a 23,5 miliardi alla fine del 2020. La stima è stata resa nota dal ministro dell’Energia Abdelmadjid Attar e la previsione è dunque di un calo di 10,5 miliardi.  La stima, come ha detto lo stesso ministro, è stata ricavata sulla base di un prezzo medio del barile a 40 dollari, cioè il prezzo di riferimento fissato nella legge finanziaria 2021 che sarà sottoposta all’adozione del parlamento. La vendita di idrocarburi rappresenta il 96% delle entrate in valuta per l’Algeria. Una quota quindi più che significativa che inciderà sulla capacità di spesa del governo centrale.  Il ministro ha inoltre parlato della necessità di rinnovare le modalità attraverso cui il Paese sta sfruttando le sue risorse studiando formule che consentano un risparmio energetico oltre che il progressivo ricorso alle rinnovabili. [MS]
  • Egitto Free

    Gas naturale, al via produzione offshore di Qattameya

    EGITTO – È cominciata la produzione di gas naturale nel campo offshore di Qattameya, nella licenza di Damiette Nord. Ad operare sulla riserva è il colosso brutannico BP attraverso la Pharaonic Petroleum Company (Phpc). Scoperto nel 2017, il campo di Qattameya dovrebbe produrre fino a 50 milioni di piedi cubici di gas al giorno. La produzione sarà destinata alla rete nazionale egiziana per consolidare l’autosufficienza in gas naturale. BP è anche titolare di una partecipazione del 25% nella zona offshore di Nour Nord Sinai e una partecipazione del 10% nela concessione di Shorouk, che contiene il campo gasiero mediterraneo di Zohr. [CC]
  • Libia Free

    Fondi dall’Italia per assistenza alimentare ai più...

    LIBIA - E’ pari a 3,5 milioni il contributo accordato dal governo italiano per sostenere le operazioni del Programma alimentare mondiale (PAM/WFP) in Libia, che includono assistenza alimentare vitale per oltre 60000 persone vulnerabili.

    A renderlo noto è stata la stessa agenzia delle Nazioni Unite, precisando che si tratta del maggiore contributo che il PAM ha ricevuto per la Libia da quando ha riaperto i suoi uffici nel Paese nel 2014.

    L’agenzia ONU ha inoltre aggiunto che l’Italia ha contribuito ogni anno, a partire dal 2017, alle sue operazioni in Libia.

    “Siamo molto grati per questo tempestivo contributo dell’Italia che ci permetterà di continuare a fornire assistenza alimentare fondamentale - ha detto il direttore e rappresentante del PAM in Libia, Samer Abdeljaber - Tra le varie iniziative, il contributo garantirà la continuazione dei voucher elettronici, vitali nel sostenere l’economia locale. La nostra risposta in Libia deve molto al costante sostegno dell’Italia, questo nuovo impegno segna un passo importante nella partnership e assicura un reale impatto sul campo”.

    Il finanziamento permetterà altresì al PAM di fornire assistenza alimentare attraverso distribuzioni dirette di cibo agli sfollati (inclusi i bambini) e alle comunità ospitanti, oltre a sostenere l’assistenza alimentare dell’agenzia nel meccanismo di risposta rapida d’emergenza inter-agenzia che assicura la consegna di rifornimenti di base ai nuovi sfollati che ne hanno urgente bisogno.

    L’Ambasciatore italiano in Libia, Giuseppe Buccino, ha sottolineato l’importanza di questo contributo nel rispondere alle cause alla base delle sfide umanitarie per le persone più vulnerabili in Libia.

    “Il Governo italiano è impegnato a sostenere il Piano di Risposta Umanitaria ONU 2020 in Libia - ha dichiarato l’Ambasciatore Buccino - Siamo felici di rinnovare ancora una volta la nostra partnership con il WFP nella fornitura di servizi essenziali alle popolazioni locali in tutto il paese, in coordinamento con le autorità libiche”. [MV]