Nigeria

Memorandum d’intesa con Dubai per un porto nello Stato di Ondo

NIGERIA – La firma di un memorandum d’intesa ha dato il via ad un progetto di costruzione di un porto marittimo nello Stato di Ondo, nel sudovest del Paese, affacciato sul Golfo di Guinea.

(161 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Sierra Leone Free

    Vicepresidente indiano in Sierra Leone, sostegno alla...

    SIERRA LEONE – Il governo indiano ha concesso una linea di credito del valore di 30 milioni di dollari a favore della filiera risicola in Sierra Leone. L’accordo è stato sancito nel corso della visita del vicepresidente indiano Venkaiah Naidu nel Paese africano, svoltasi nei giorni scorsi.     Secondo il giornale Sierra Leone Telegraph, il finanziamento sarà dedicato al progetto per la risicoltura a Torma bum, che mira a sviluppare 110.000 ettari di risaie nell’omonima pianura. L’iniziativa prevede la costruzione di strade d’accesso, l’acquisto di macchinari e attrezzature di produzione, e la creazione di un’unità di moltiplicazione dei semi.     Secondo le previsioni delle autorità locali, grazie a questo progetto la Sierra Leone dovrebbe poter produrre entro il 2023,1,6 milioni di tonnellate di riso, di cui 900.000 tonnellate saranno destinate al consumo domestico.     Il vicepresidente indiano ha incontrato il presidente sierraleonese Julius Madaa Bio, il presidente del Parlamento Abass Chernor Bundu e il ministro degli Esteri,  Nabeela Farida Tunia. Sei documenti di cooperazione bilaterale sono stati firmati, tra cui quello relativo al finanziamento del progetto risicolo.     Nel corso del suo viaggio Venkaiah Naidu ha anche effettuato una visita, la prima, nella Repubblica delle Comore, dove ha incontrato, tra l’altro, il presidente Azali Assoumani ed esponenti della comunità indiana. [CC]
  • Ghana Free

    In costruzione un nuovo ospedale per la sanità...

    GHANA – E’ iniziata la costruzione di un nuovo ospedale pubblico in Ghana, dove l’obiettivo del governo è quello di poter offrire un’assistenza sanitaria universale alla popolazione entro il 2030. La nuova struttura ospedaliera sarà ubicata ad Aburi, nella regione orientale, al posto dell’attuale clinica presbiteriana di Kom. L’impianto avrà una quarantina di letti, vari reparti e una sezione residenziale per il personale. Secondo il ministro della Sanità Kwaku Agyeman-Manu, i lavori di costruzione dureranno 24 mesi. Altri lavori di ristrutturazione riguardano l’ospedale di Tetteh Quarshie, dove si stanno realizzando nuove unità e riabilitando infrastrutture, per arrivare ad offrire tutti i servizi attesi da un moderno ospedale. [CC]
  • Guinea Bissau Free

    Imminente vasta operazione controllo di tutti gli...

    GUINEA BISSAU -  I servizi di migrazione e di frontiera della Guinea-Bissau lanceranno presto un'operazione per il controllo di tutti gli stranieri presenti nel paese. Lo riferisce la stampa locale e internazionale, citando una dichiarazione ufficiale Nella quale si invitato tutti i cittadini stranieri presenti in Guinea Bissau a circolare portando con sé i documenti comprovanti la legalità del loro soggiorno nel paese. Secondo la dichiarazione, i funzionari dei servizi di migrazione, accompagnati da agenti della Guardia Nazionale del Ministero degli Interni, inizieranno presto a identificare i residenti senza documenti legali. Per evitare multe ed espulsioni, a seconda della situazione, tutti i residenti con un permesso di soggiorno scaduto sono invitati a richiedere quanto prima un rinnovo ai servizi di migrazione. Coloro che non hanno ancora regolarizzato la loro residenza, sono invitati a contattare i servizi di migrazione per iniziare il processo di domanda, con tutti i documenti necessari per regolarizzare la loro residenza in Guinea-Bissau, ha concluso la dichiarazione.
  • Mali Free

    Governo estende di un anno Stato di Emergenza

    MALI - Il governo del Mali ha prorogato di un anno, fino alla mezzanotte del 31 ottobre 2020, l'attuale stato di emergenza in Mali. Lo si apprende dai media locali e internazionali che riportano una dichiarazione rilasciata ieri sera dopo una riunione del consiglio dei ministri maliani. Dichiarato sul territorio nazionale nell'aprile 2017, lo stato di emergenza è stato oggetto di tre proroghe di cui la terza proroga scadrà il 31 ottobre 2019 a mezzanotte. Secondo il comunicato, la precedente proroga ha permesso, tra l'altro, di “proseguire il rafforzamento delle misure preventive a livello delle autorità amministrative competenti, di prolungare gli effetti delle cause legali relative allo stato di emergenza, di aumentare le azioni di controllo delle forze armate e sicurezza sul territorio nazionale e il ripristino della sicurezza in determinate località”. "Alla luce della situazione, lo stato di emergenza è esteso per rafforzare le capacità operative delle autorità amministrative e giudiziarie, delle forze armate e delle forze di sicurezza per consentire loro di affrontare meglio situazioni di minacce o aggressioni", ha spiegato il governo. Questa estensione dovrà ora essere ratificata dall'Assemblea nazionale del paese.
  • Nigeria Free

    Chiuse frontiere terrestri a movimentazione merci

    NIGERIA - Il governo nigeriano ha deciso di chiudere le sue frontiere terrestri a tutte le merci. Lo ha riferito il responsabile delle dogane nazionali (Nigeriano Customs Service), Hameed Ali, senza precisare una data di riapertura. Lo stesso ha aggiunto che le frontiere non saranno riaperte se non quando ci sarà pieno controllo dei movimenti delle merci. La misura sembra essere stata presa per far fronte a fenomeni di contrabbando generalizzati e senza effettivo controllo. Secondo diversi osservatori rischia però di avere effetti dirompenti su alcuni Paesi, come il Benin, che esportano in Nigeria diversi prodotti alimentari. Il bando non influisce sul petrolio, principale prodotto di esportazione del Paese, che viene interamente gestito attraverso porti e strutture off-shore. La Nigeria dipende pesantemente dalle importazione per fornire prodotti alimentari a una popolazione in costante crescita. Tutta il governo sta cercando di diversificare la struttura economica e sta riponendo l’accento sull’agricoltura, da tempo trascurata. [MS]
  • Niger Free

    Italia dona ambulanze al governo del Niger

    NIGER - L’Italia ha donato 10 ambulanze e 3 autobotti al governo di Niamey per rafforzare le capacità delle autorità nigerine nel soccorso dei migranti e nel contrasto al traffico di esseri umani.

    A segnalarlo è la Farnesina, precisando che la donazione è stata eseguita dal ministero della Difesa italiano, a cui appartenevano i veicoli.

    In base a quel che è stato reso noto, la donazione è stata resa possibile dalle risorse del Fondo Africa.

    La cerimonia di consegna si è volta a Niamey il 14 ottobre, alla presenza dell’ambasciatore d’Italia a Niamey, Marco Prencipe.

    Secondo quel che viene reso noto dalla Farnesina, i nuovi veicoli consentiranno alle autorità nigerine di ampliare il raggio d’azione delle proprie attività, a beneficio sia delle comunità locali che dei migranti in transito nel Paese.