Africa

Presentazione a Roma della terza edizione di IABW

AFRICA/ITALIA – Sarà presentata mercoledì prossimo 24 luglio alle ore 10.00, presso la sede di CNA NAzionale in piazza Armellini a Roma, la terza edizione dell’Italia Africa Business Week (IABW).

Alla giornata prenderanno parte il presidente esecutivo di IABW Cleophas Adrien Dioma, la direttrice generale di IABW Mehret Tewolde, la vicepresidente nazionale di CNA con delega all’internazionalizzazione Roberta Datteri e il responsabile Ufficio promozione e mercato internazionale di CNA Antonio Franceschini. Saranno inoltre presenti ambasciatori e consiglieri diplomatici del corpo diplomatico Africano in Italia.

Giunto alla sua terza edizione, IABW si terrà quest’anno a Milano presso il MiCo – Milano Convention Center, il 26 e 27 novembre 2019, in collaborazione con Assolombarda e l’Istituto italiano per gli studi di politica internazionale (ISPI).

L’ambizione della terza edizione di IABW è portare nel capoluogo lombardo le eccellenze d’impresa italiane e africane superando i numeri del 2018, quando oltre 200 ospiti provenienti da 36 Paesi nel mondo si sono ritrovati a Roma con l’obiettivo di stabilire relazioni economiche e imprenditoriali.

L’edizione di quest’anno avrà come focus centrale le tematiche della sostenibilità, dell’industria 4.0 e delle start-up innovative offrendo due giorni di incontri mirati e conferenze organizzare per creare partenariati produttivi ad alto valore d’impresa.

Per maggiori informazioni informazioni è possibile visitare il sito www.iabw.eu.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Presidente turco Erdogan in arrivo in Africa per un...

    AFRICA – Torna in Africa il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che a partire dal 26 gennaio sarà in tour in tre o quattro Paesi del continente: Algeria, Senegal, Gambia e forse Marocco. Con il neo presidente algerino Abdelmajid Tebboun, oltre a questioni di cooperazione bilaterale, Erdogan parlerà sicuramente degli sviluppi della crisi in Libia, dove la Turchia ha intensificato le azioni nelle ultime settimane. Anche nel febbraio 2018 Erdogan aveva iniziato il suo tour africano con una tappa in Algeria, allora guidata dal Abdelaziz Bouteflika. Accompagnato da uomini d’affari, il presidente turco aveva assistito alla firma di accordi di partenariato. Anche in Senegal il presidente Erdogan si è recato più volte. Grandi aziende turche, in particolare la compagnia  siderurgica Tosyali Holding, hanno in Senegal progetti e realizzazioni. Negli ultimi 15 anni il volume degli scambi tra la Turchia e l’Africa è stato moltiplicato per sei, per superare i 20 miliardi di dollari,  e l’interesse della Turchia per il continente africano è sempre più evidente. La presenza di aziende turche in Africa si è amplificata con investimenti significativi nei settori delle costruzioni, dell’energia, dei tessili, dei macchinari, dei mobili, delle apparecchiature domestiche e dell’industria mineraria. L’Africa rappresenterebbe circa il 21% del fatturato delle imprese turche. Il terzo Vertice Turchia-Africa si terrà in Turchia alla fine del mese di aprile prossimo. [CC]
  • Africa Free

    Previsto in crescita mercato per meccanizzazione...

    AFRICA - Dovrebbe registrare un tasso medio annuo di crescita del 5,1% nei prossimi cinque anni il valore del mercato dei trattori e delle attrezzature per la meccanizzazione dell’agricoltura in Africa.

    A sostenerlo sono i dati contenuti in un rapporto realizzato dalla società di consulenza ResearchAndMarkets.com, da cui emerge che attualmente il valore complessivo del mercato dei trattori agricoli in Africa è pari a 2,9 miliardi di dollari.

    In media nel continente, ci sono meno di due trattori per ogni 1000 ettari di terreni coltivati, con punte più elevate in Sudafrica e nei Paesi del Nord Africa.

    “Il continente africano ha assistito dall'ultimo decennio a un netto miglioramento dei principali dati macro-economici - si legge nel rapporto - La prosperità economica ha portato quindi a uno spostamento verso una maggiore meccanizzazione in campo agricolo”.

    Nel rapporto viene inoltre evidenziato come, tra i fattori che limitano l'adozione della meccanizzazione agricola nel continente, figurano in particolare l'accesso limitato alle forniture di macchinari e soprattutto dei pezzi di ricambio, centri di assistenza inadeguati e la scarsità di meccanici specializzati per le riparazioni. [MV]

  • Africa Free

    Nuove garanzie fiscali europee per promuovere...

    AFRICA - La Commissione europea ha firmato quattro nuovi accordi di garanzie fiscali per un valore di 216 milioni di euro nell’ambito del Piano di investimenti esterni  per promuovere le rinnovabili, le infrastrutture urbane e la creazione di start-up in Africa.

    A renderlo noto è stata la stessa Commissione, precisando che grazie ai nuovi accordi sarà possibile mobilitare investimenti per un valore complessivo pari a due miliardi di dollari.

    In base a quel che viene reso noto, le nuove garanzie fiscali sono state accordate alla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers), alla Banca europea degli investimenti (Bei), all’istituto per lo sviluppo tedesco Kreditanstalt für Wiederaufbau (KfW) e all’Agenzia spagnola della cooperazione internazionale per lo sviluppo (Aecid).

    In particolare, le nuove garanzie saranno utilizzate per finanziare un progetto di sviluppo di città resilienti (Recide) in Africa promosso dall’Aecid, promuovere gli investimenti nelle rinnovabili da parte della Bers nei Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo e del gruppo KfW in Africa sub-sahariana, nonché sostenere l’accesso al credito per le nuove imprese create da giovani nell’ambito di un progetto della Bei. [MV]

  • Africa Free

    Sovvenzione UE per l’adattamento ai cambiamenti...

    AFRICA – L’Unione Europea ha annunciato una sovvenzione da 1 milione di euro a favore dell’Iniziativa africana per l’adattamento, nata da una richiesta dell’Unione Africana e lanciata a Parigi durante la Conferenza sui cambiamenti climatici, COP 2015. La sovvenzione, che sarà coordinata dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Undp), servirà tra l’altro a migliorare la capacità d’utilizzo delle informazioni sul rischio climatico, alla valutazione e all’attuazione di meccanismi di trasferimento dei rischi, al rafforzamento delle azioni per l’adattamento ai cambiamenti climatici, alla creazione di rapporti sull’adattamento di ogni Paese ai cambiamenti climatici. Le attività saranno svolte con i partner dell’iniziativa, come l’African Risk capacity, la Banca africana per lo sviluppo (AfDB), la Commissione dell’UA, l’Undp e il Programma dell’Onu per l’ambiente. [CC]
  • Africa Free

    Fieragricola: Africa e Green Deal tra i temi della...

    AFRICA - Una Fiera aperta al mercato internazionale, con una particolare attenzione al continente africano, ma che abbia come linea guida le disposizioni del “Green Deal” europeo.

    Sono queste alcune delle novità che caratterizzano la prossima edizione di Fieragricola, giunta alla sua 114a edizione e in programma a Verona dal 29 gennaio al 1 febbraio.

    La rassegna internazionale di agricoltura fa registrare numeri in crescita rispetto all’edizione del 2018: i padiglioni occupati saranno 10, con 900 espositori (+8,2% rispetto a due anni fa); una superficie netta di 67.000 metri quadrati (+18,7%); due aree demo esterne di 9500 metri quadrati dedicate agli special show; oltre 130 convegni e 800 capi di bestiame (+14,3%).

    “Questa è un’edizione di svolta, dal punto di vista fieristico, perché Fieragricola raggiunge una dimensione che da anni non aveva. L’Africa sarà il focus del nostro convegno inaugurale, con approfondimenti sul rapporto fra l’agricoltura italiana e lo sviluppo del continente africano”, ha spiegato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere.

    L’altro grande tema della manifestazione sarà quello del Green Deal europeo: “Conseguire la neutralità climatica entro il 2050 richiede sforzi congiunti su scala mondiale e un impegno netto da parte di tutti gli attori della filiera agricola in termini di lotta ai cambiamenti climatici, biodiversità, agroecologia, sostegno alle energie rinnovabili e all’economia circolare”, ha sottolineato Maurizio Danese, presidente di Veronafiere. [ITALPRESS]

  • Africa Free

    Regno Unito spinge finanziamenti per infrastrutture

    AFRICA - Il Segretario al commercio internazionale britannico, Liz Truss, ha annunciato al Summit degli investimenti Regno Unito-Africa che la UK Export Finance (Ukef) ha fornito finanziamenti per un valore di 620 milioni di sterline per sostenere le esportazioni del Regno Unito in Ghana, Zambia, Gabon e Uganda. Il supporto fornito da Ukef ha sbloccato contratti all’estero per gli esportatori britannici per fornire beni e servizi per sei progetti infrastrutturali di livello in tutta l’Africa. Più in particolare i fondi resi disponibili serviranno a: a) 750 letti di degenza per cure di maternità in Ghana; b) un moderno terminal all’aeroporto di Kumasi, sempre in Ghana; c) 600 letti d'ospedale e 108 centri sanitari rurali alimentati a energia solare in Zambia; d) un parco industriale destinato a creare 200.000 posti di lavoro in Uganda; e) ammodernamento di oltre 80 km di superfici stradali in Gabon; f) fornitura di attrezzature a un progetto stradale ugandese.