Uganda

Allo studio nuovo regolamento su coltivazione caffè

UGANDA – Il governo di Kampala intende introdurre, attraverso l’Autorità ugandese per lo sviluppo del caffè (UCDA), un nuovo regolamento riguardante la coltivazione del caffè con l’obiettivo di migliorarne qualità e quantità di produzione.

(162 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • EgittoEtiopia Free

    Trump ipotizza raid egiziano contro la Gerd, Addis...

    ETIOPIA - Non sono piaciuti all’Etiopia i commenti del presidente statunitense Donald Trump che parlando della normalizzazione dei rapporti tra Sudan e Israele ha poi aggiunto che l’Egitto potrebbe anche decidere di bombardare la diga sul Nilo Blu costruita dall’Etiopia e contestata dal Cairo e in merito alla quale da anni vanno avanti colloqui tra etiopi, egiziani e sudanesi.  Il ministro degli Esteri dell’Etiopia ha convocato l’ambasciatore degli Stati Uniti per chiedere chiarimenti, dicendo che “l’incitamento alla guerra tra l’Etiopia e l’Egitto da un presidente degli Stati Uniti in carica non riflette la partnership di lunga data e l’alleanza strategica tra l’Etiopia e gli Stati Uniti né è accettabile ai sensi del diritto internazionale che regola le relazioni tra Stati. Senza nominare Trump o gli Stati Uniti, l’ufficio del primo ministro Abiy Ahmed ha rilasciato una dichiarazione critica. La Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd) è un’opera infrastrutturale realizzata dall’italiana Salini-Impregilo da 4,6 miliardi di dollari che per l’Etiopia è motivo di orgoglio nazionale ma anche opera strategica per produrre e vendere energia. [MS]
  • Uganda Free

    Un hub logistico a Gulu

    UGANDA - Il governo ugandese ha iniziato a costruire un hub logistico nel distretto settentrionale di Gulu per promuovere il commercio regionale. La notizia è stata riferita dallo stesso ufficio di presidenza. Il presidente Yoweri Museveni ha anche avviato la riabilitazione della linea ferroviaria Tororo-Gulu di 375 chilometri, che collegherà l’hub a una linea ferroviaria che collega l’Uganda al porto keniano di Mombasa. “Il trasporto ferroviario è più economico del trasporto su strada” ha sottolineato Museveni “e il collegamento con Mombasa sarà molto più veloce ed economico una volta che la ferrovia a scartamento standard sarà stata costruita”. Entrambi i progetti sono interconnessi e finanziati dal governo e dall’Unione Europea. Il governo ha riferito che una volta completato, l’hub logistico sarà in grado di gestire più di 200.000 container all’anno e andrà a beneficio oltre che dell’Uganda anche di repubblica democratica del Congo e Sud Sudan. [MS]
  • Rwanda Free

    Anche arcivescovo di Kigali nella lista nuovi cardinali

    RWANDA - C’è anche l’arcivescovo di Kigali, monsignor Antoine Kambanda, nella lista dei tredici nuovi cardinali resa nota ieri da Papa Francesco. I nuovi cardinali saranno creati in occasione del Concistoro che si terrà il prossimo 28 novembre.  Nato nel 1958 a Kigali, monsignor Kambanda ha avuto tutti i membri della sua famiglia uccisi durante la guerra del 1994, tranne un fratello, che vive attualmente in Italia. Ha frequentato le scuole primarie in Burundi e in Uganda, completando poi in Kenya le scuole secondarie. È rientrato in Rwanda dopo aver terminato la Filosofia e due anni di Teologia. Ha concluso gli studi teologici nel Seminario Maggiore di Nyakibanda (Diocesi di Butare). È stato ordinato sacerdote l’8 settembre 1990 da San Giovanni Paolo II, in occasione della sua visita pastorale in Rwanda. Il 7 maggio 2013 è stato nominato Vescovo della diocesi di Kibungo fino al 19 novembre 2018 quando il Santo Padre Francesco lo ha nominato Arcivescovo di Kigali.
  • Seychelles Free

    Presidenza all'opposizione, prima volta dall...

    SEYCHELLES - Il candidato dell’opposizione Wavel Ramkalawan ha vinto le elezioni presidenziali nelle Seychelles con il 54,9% delle preferenze, battendo il presidente in carica Danny Faure. A confermare l’esito del voto è stato il presidente della commissione elettorale Danny Lucas. Con il risultato di ieri, l’opposizione ha vinto il suo primo scrutinio presidenziale nei 40 anni da quando le Seychelles hanno ottenuto l’indipendenza dalla Gran Bretagna. Ramkalawan, sacerdote anglicano e leader dell’Alleanza Democratica delle Seychelles, era alla sua sesta candidatura presidenziale e nel 2015 aveva perso per soli 193 voti. “Faure ed io siamo buoni amici. E un’elezione non significa la fine del proprio contributo alla propria nazione”, ha detto Ramkalawan nel suo primo discorso dopo il voto. “In queste elezioni non c'erano perdenti, non c'erano vincitori. Al nostro paese è stata data l'opportunità di essere il vincitore finale”. [MS]
  • Sudan Free

    Verso normalizzazione relazioni con Israele

    SUDAN - Il Sudan normalizzerà le relazioni con Israele. A sostenerlo è il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump confermando le voci che da tempo giravano sul possibile avvicinamento tra Khartoum e Tel Aviv. Questa mossa potrebbe infatti essere un ulteriore passo, dopo che il Sudan ha accettato di pagare un risarcimento alle vittime del terrorismo, per l’uscita del Paese africano dalla lista degli sponsor del terrorismo stilata degli Stati Uniti. Il riconoscimento è una svolta storica perché il Sudan è un nemico storico di Israele, fin dal 1948 quando nacque lo Stato ebraico. La decisione arriva settimane dopo il riavvicinamento a Israele da parte degli Emirati arabi uniti e del Bahrain. I due Stati del Golfo sono stati i primi in Medio Oriente a riconoscere Israele da 26 anni a questa parte. Nel 1994, la Giordania aveva firmato un accordo di pace con Israele preceduta dall’Egitto (1979). La Mauritania, membro della Lega Araba Africana, aveva riconosciuto Israele nel 2009, ma aveva interrotto i legami 10 anni dopo. Questa formalizzazione delle relazioni con Israele è condannata dai palestinesi, che vedono questa mossa come un tradimento della loro causa. Storicamente, i Paesi arabi hanno affiancato i palestinesi nei colloqui di pace con Israele appoggiandoli sul tema dei territori occupati nella guerra del 1967 e sulla creazione di uno Stato palestinese con Gerusalemme Est come capitale. Sulla normalizzazione delle relazioni tra Sudan e Israele non sono poi mancate voci critiche da parte di alcuni osservatori che hanno sottolineato come a questo punto si sia arrivati soprattutto per gli incentivi finanziari messi a disposizione di Khartoum e per le contemporanee pressioni diplomatiche esercitate.
  • Sud Sudan Free

    Crolla il valore del pound sudsudanese

    SUD SUDAN - La sterlina sudsudanese si è drasticamente deprezzata rispetto al dollaro. Il crollo si è registrato dopo l'annuncio da parte del governo di voler introdurre una nuova valuta. Sebbene i dettagli su come verrà lanciata la nuova valuta non sono stati ancora annunciati, si è scatenata una corsa alla vendita del pound che ha ne fatto crollare il valore. Giovedì 15 ottobre, un dollaro veniva scambiato per 700 sterline sudsudanesi sul mercato nero e 165 sterline al tasso della banca centrale. Una settimana prima, un dollaro valeva 500 sterline sudsudanesi sul mercato nero. Ciò ha costretto molti commercianti a Juba, Rumbek e Wau, le principali città del Paese, a chiudere i negozi, perché travolti dal crollo della domanda e incerti sui prezzi da stabilire. Ustaz Deng Makur, capo del dipartimento di Economia dell'Università di Juba, ha affermato che l'attuale fluttuazione del mercato è stata innescata dalla decisione del governo di cambiare la valuta. “L'aumento del valore dollaro si sta verificando perché le persone vogliono conservare i loro risparmi in dollari - ha spiegato -. In economia, se la domanda di qualcosa è troppo alta, può sicuramente facilitare l'aumento del valore”. [EC]