Egitto

Popolazione egiziana tocca i 99 mln

EGITTO- L’Agenzia centrale egiziana per le statistiche (CAPMAS) ha dichiarato domenica che la popolazione dell’Egitto ha raggiunto i 99 milioni.

(187 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Mercato del dattero, è crisi

    ALGERIA - È crisi del mercato del dattero. Il deficit per produttori ed esportatori si preannuncia significativo a causa della pandemia di coronavirus che si è aggiunta alla cronica mancanza di organizzazione produttiva, alla mancanza di logistica e all'assenza di un'industria di trasformazione. Se nel 2019 l'export si è attestato sui 40 milioni di dollari, nel 2020 la cifra potrebbe calare drasticamente. I professionisti del settore chiedono misure di emergenza. Il governo sta valutando se sostenere il settore nell'ambito della strategia complessiva di promozione delle esportazioni di prodotti diversi dagli idrocarburi. Attualmente non è però stato varato alcun piano per sostenere l'organizzazione produttiva. Tra l'altro quest'anno la produzione si preannuncia buona. Ciò potrebbe causare una sovrapposizione e un calo dei prezzi, se si considerano gli stock avanzati dal raccolto precedente. Nella sola Biskra, la prima città produttrice di datteri, c'è uno stock di 20.000 tonnellate. “Per questi 20.000 tonnellate, non abbiamo altra scelta che abbassare i prezzi - spiegano i produttori -. Temiamo perdite enormi, anche se è ancora presto per avere cifre precise”. [EC]
  • Marocco Free

    Rabat scommette sulle energie alternative

    MAROCCO - Il governo di Rabat investirà nuovi capitali nelle energie rinnovabili. Secondo quanto dichiarato alla stampa locale dal ministro dell'Energia, Aziz Rabbah, negli ultimi dieci anni sono stati spesi nel settore 52 miliardi di dirham (5,65 miliardi di dollari) e altrettanti ne saranno impegnati nei prossimi dieci anni. “Stiamo facendo grandi investimenti per la produzione di elettricità. Vogliamo che il Marocco non soffra di alcun deficit e che le interruzioni di corrente, come quella del 2009, non si ripetano mai più”, ha detto Rabbah durante la sua visita alla stazione Tensift Source a Marrakech. Il ministro dell'Energia ha riconosciuto che le reti di trasmissione e distribuzione dell'elettricità sono costose e richiedono “investimenti colossali”. Ha detto che la realizzazione di una singola centrale elettrica può costare oltre 120 milioni di dirham (13 milioni di dollari) e un chilometro di cablaggio fino a un milione di dirham (108.729 dollari). Ma, secondo il governo e le autorità tecniche, il Marocco ha il potenziale per produrre il 96% della sua elettricità utilizzando fonti di energia rinnovabile. E, già entro il 2030, il 52% della sua energia dovrà già arrivare da fonti rinnovabili pulite. Un 'obiettivo che, secondo GlobatData, dovrebbe essere facilmente raggiunto. Nel 2019, il Marocco è stato in grado di generare il 34% della sua energia solo attraverso l'energia idroelettrica. [EC]
  • Tunisia Free

    Investimenti esteri in drastico calo, Italia seconda...

    TUNISIA - Gli investimenti internazionali in Tunisia hanno fatto registrare un calo di circa un quarto rispetto allo stesso periodo del 2020. Secondo statistiche rese note dall’Agenzia per la promozione degli investimenti esteri (Fipa) il dato riferito ai primi nove mesi dell’anno è -26,4%. In totale gli investimenti sono ammontati a 473 milioni di euro. Notevole è stato il calo registrato per gli investimenti in Borsa (-68,1%) e così anche per investimenti esteri diretti (-23,2%).   Per quanto riguarda i Paesi partner, la Francia è risultata il primo paese per volume di investimenti esteri diretti con una quota del 41% seguita dal secondo posto dall’Italia e quindi da Lussemburgo e Germania. Nessun settore è stato risparmiato da una bufera collegata alle attuali contingenze internazionali e in particolare agli effetti economici della pandemia. Proprio ieri, il primo ministro Hichem Mechichi ha ordinato a tutti i governatori di imporre il coprifuoco nelle rispettive regioni. [MS]
  • Libia Free

    La Turchia investe in Libia

    LIBIA - La Turchia investirà nella ricostruzione della Libia. Grazie a un nuovo memorandum d'intesa firmato da Tripoli e Ankara, verranno portati a termine progetti imprenditoriali interrotti a causa della guerra e prenderanno il via nuove iniziative commerciali. L'accordo, riferisce la ministra del Commercio di Ankara, Ruhsar Pekcan, permetterà alle aziende turche di riprendere le proprie attività in Nordafrica e le trattative commerciali con le controparti libiche, affrontando anche le controversie pregresse. Si tratta di un'intesa “significativa per gli investimenti delle nostre compagnie impegnate nella ricostruzione della Libia”, aggiunge Pekcan. Lo scorso anno, Ankara e Tripoli avevano già siglato un controverso memorandum sulla sicurezza e la demarcazione dei confini marittimi, che aveva aperto la strada al decisivo sostegno militare turco alle forze del governo riconosciuto dall'Onu di Fayez al-Sarraj contro le milizie del generale Khalifa Haftar. [EC]
  • Egitto Free

    Economia chiuderà 2020 in positivo

    EGITTO - L’economia egiziana sembra andare meglio del previsto. Secondo le ultime stime rese note da Fitch, il pil egiziano farà segnare un più 3,5% nel 2020, un dato in miglioramento rispetto alle stime fatte in precedenza.  Sulla base della stessa fonte, l’inflazione media raggiungerà alla fine del 2020 il 5,9%, in rialzo rispetto al 3,3% che dovrebbe essere registrato a ottobre.  A fronte di queste stime positive, restano le incognite su alcuni settori chiave: il turismo in primo luogo, già segnato negli anni precedenti dall’insicurezza, e ora segnato dagli effetti della pandemia globale. E poi il calo degli investimenti esteri e del flusso di rimesse, in entrambi i casi legati alla congiuntura internazionale. [MS]
  • Libia Free

    Riprendono i voli Tripoli-Bengasi

    LIBIA - Sono ripresi i voli tra Tripoli e Bengasi dopo uno stop di 18 mesi. È uno dei primi effetti del disgelo politico tra il governo della Tripolitania, guidato da Fayez al-Sarraj, e quello della Cirenaica, il cui leader è il vice premier Ahmed Maiteeq. Un aereo Afriqiyah Airways è atterrato venerdì mattina all'aeroporto internazionale di Benina proveniente dall'aeroporto Mitiga di Tripoli. A bordo aveva una delegazione di rappresentanti del vettore libico insieme a funzionari dell'aviazione. Le immagini della televisione locale hanno mostrato l'aereo sulla pista dell'aeroporto di Benina, dopo l'atterraggio. Dopo la morte del raiss Muammar Gheddafi, la Libia è stata sconvolta da un conflitto civile tra le forze armate del governo della Tripolitania (riconosciuto dall'Onu e sostenuto dalla Turchia e dal Qatar) e quelle del governo della Cirenaica (sostenute da Russia, Arabia Saudita ed Emirati arabi uniti). Le speranze di una soluzione alla crisi sono aumentate dopo che le due fazioni, ad agosto, hanno annunciato separatamente che avrebbero cessato le ostilità. La decisione è stata seguita da una serie di colloqui sostenuti dalle Nazioni Unite in Marocco, Egitto e Svizzera, e un'ulteriore sessione di colloqui è prevista per il mese prossimo. I voli commerciali tra Bengasi e Tripoli sono stati sospesi non molto tempo dopo che le milizie della Cirenaica hanno lanciato una campagna militare per conquistare la capitale nell'aprile 2019. [EC]