Tanzania

Ad azienda italiana incarico per sviluppare rete ibrida in Tanzania

TANZANIA – La società italiana Renergetica, operante nello sviluppo di progetti a fonti rinnovabili sul mercato internazionale, ha firmato un contratto con la Compagnia per le forniture elettriche della Tanzania (TANESCO) per lo sviluppo di una rete ibrida nell’isola di Mafia, al largo delle coste meridionali del Paese dell’Africa orientale.

A segnalarlo è stata la stessa società che ha sede a Genova, precisando che l’incarico riguarda la consulenza per una rete ibrida solare/eolica/diesel che sia in grado di garantire continuità di fornitura, maggiore indipendenza dal combustibile fossile e minore impatto ambientale.

Renergetica era stata selezionata dalla TANESCO lo scorso aprile, aggiudicandosi un bando internazionale per individuare il miglior sistema di generazione ibrido secondo le esigenze dell’isola.

La società non specifica ulteriormente né il valore economico dell’incarico né la potenza della rete che intende sviluppare.

Secondo le informazioni raccolte dai media locali, tuttavia, TANESCO intende sviluppare sull’isola di Mafia un sistema ibrido capace di generare sette megawatt attraverso fonti solari, eoliche e termiche.

Attualmente l’isola di Mafia – che con una superficie di 394 km² conta una popolazione di circa 40.800 abitanti – può fare affidamento su una fornitura elettrica di circa 3,8 MW. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Somalia Free

    Pechino chiede sostegno internazionale per Mogadiscio

    SOMALIA - Alla Somalia serve il sostegno internazionale per migliorare la sicurezza e la situazione umanitaria: è quanto dichiarato da Dai Bing, vice rappresentante permanente della Cina presso gli Stati Uniti Nazioni, a una settimana dalle elezioni presidenziali somale. “La Cina attende con impazienza la formazione di un nuovo governo somalo e spera sinceramente che la Somalia possa trasformare questa opportunità nell’accelerare la costruzione dello Stato e raggiungere presto stabilità e sicurezza a lungo termine”, ha affermato Dai Bing, secondo quanto riporta il Quotidiano del popolo.. “La pace e la stabilità in Somalia – ha continuato – devono ancora affrontare gravi sfide. La chiave per trasferire le responsabilità di sicurezza alla Somalia è attuare il piano di transizione della Somalia, accelerare la generazione e l’integrazione delle forze armate e di sicurezza”. Secondo il diplomatico, la Cina sostiene il nuovo governo somalo e la Missione di transizione dell’Unione africana in Somalia (Atmis) nel rafforzamento del coordinamento e della comunicazione durante il periodo di transizione alla sicurezza. Pechino è tra i principali contributori e continuerà a fornire un sostegno finanziario alle forze di sicurezza della Somalia e dell’Atmis per garantire l’efficace attuazione dei pertinenti programmi di sicurezza, ha affermato. Oltre alla sicurezza, a preoccupare è anche la situazione umanitaria. Una siccità senza precedenti sta colpendo duramente la vita di milioni di persone, portando in primo piano la questione della sicurezza alimentare. Il piano di risposta umanitaria delle Nazioni Unite è cronicamente sottofinanziato, ostacolando l’effettiva consegna delle operazioni umanitarie di emergenza, ha affermato. “La Cina chiede alla comunità internazionale di non trascurare la questione umanitaria e dello sviluppo in Somalia e gli input rilevanti nell’area, e di continuare ad aiutare la Somalia a rispondere al rischio di carestia e a realizzare più progetti di cooperazione allo sviluppo”, ha concluso Dai. [EC]
  • Kenya Free

    Allo studio una ferrovia per la regione dei laghi

    KENYA - Le contee keniana raggruppate nel Blocco economico della regione dei laghi (Lreb) hanno avviato uno studio di prospettiva per avere una ferrovia che le colleghi alla rete ferroviaria nazionale.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che obiettivo del piano è dotare ciascuna delle 14 contee che costituiscono il blocco economico di una propria linea ferroviaria.

    Al centro dell'iniziativa, secondo le informazioni riportate, è l'imminente investimento nella realizzazione di un parco agro-industriale a Nyamira, in fase di sviluppo da parte dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (Unido). Gli studi di fattibilità sul progetto agro-industriale sono stati validati e sono in attesa di approvazione.

    La linea ferroviaria nazionale attualmente serve Kericho, Kisumu, Nandi e parte di Narok. Ma secondo i funzionari, la futura linea ferroviaria servirà le altre contee. Altre contee del blocco includono Siaya, Nyamira, Kisii, Homa Bay, Migori, Bomet, Nandi, Vihiga, Bungoma, Trans Nzoia e Kakamega.

    Il blocco ha stipulato un memorandum di impegno con l'Indian Railway Corporation (IRC), che sarà l'implementatore chiave del progetto.

    “L'espansione del trasporto ferroviario nella regione dei laghi rafforzerà il commercio. Stiamo parlando di oltre 15 milioni di persone che beneficiano dell'iniziativa", ha sottolineato il governatore della contea di Nyamira, Amos Nyagaya. [MV]

  • KenyaUganda Free

    Marketing congiunto per promuovere le destinazioni...

    KENYA / UGANDA - I governi di Nairobi e Kampala hanno deliberato di cominciare a condurre iniziative congiunte di marketing per promuovere le proprie destinazioni turistiche e attirare turisti stranieri.

    Ad annunciarlo è stato l'amministratore delegato dell'Associazione keniana degli operatori turistici, Fred Kaigua, precisando che la partnership tra le parti interessate del turismo del Kenya e dell'Uganda aiuterà il settore a riprendersi dagli effetti della pandemia di COVID-19.

    "I nostri settori turistici hanno una relazione simbiotica perché abbiamo diverse attrazioni che aumenteranno gli arrivi stranieri nella regione", ha affermato Kaigua durante il lancio di un roadshow dell'Uganda Tourism Board (UTB) per riposizionare l'Uganda come destinazione turistica leader in Africa. [MV]

  • KenyaSomalia Free

    Accordo con le Poste del Somaliland

    KENYA - Postal Corporation of Kenya (Pck) e Somaliland Postal Services, i servizi postali di Kenya e Somaliland, hanno firmato un memorandum d'intesa per esplorare le opportunità di cooperazione nel settore postale. La collaborazione comprenderà l'elaborazione e la consegna della posta internazionale in tutta l'Africa, nonché la condivisione di informazioni e competenze. Il protocollo d'intesa è stato firmato a Nairobi alla presenza di Joe Mucheru, ministro dell'Informazione e delle Tecnologie della Comunicazione del Kenya, e di Sharmake Gele, vice ambasciatore del Somaliland in Kenya. Le due società collaboreranno in settori quali la posta e i pacchi in uscita e transfrontalieri, lo scambio di dati elettronici, lo sviluppo di joint venture, la consegna e il trasporto di pacchi e posta, i programmi di scambio e trasferimento di formazione e l'elaborazione della posta in entrata. Anche i centri di smistamento della posta e dei pacchi sono stati inclusi nel partenariato.  La partnership fa parte dell'ambizione della Postal Corporation of Kenya di estendere la propria portata ad altri Paesi dell'Africa orientale, a fronte di una domanda crescente e dell'emergere dell'e-commerce. A tal fine, l'azienda ha incrementato le partnership strategiche con altre organizzazioni.  "Il Kenya sostiene pienamente l'integrazione dei Paesi della regione dell'Africa orientale, la cui popolazione è oggi più grande di quella europea. Questo protocollo d'intesa contribuirà a consolidare l'integrazione dei servizi postali nella regione", ha dichiarato Mucheru. Gele ha aggiunto che la firma di questo accordo consentirà al Kenya di fornire al Somaliland una solida porta di accesso per la connettività internazionale. [MS]
  • Rwanda Free

    Annunciata costruzione centrale idroelettrica...

    RWANDA - Il governo ruandese ha annunciato la costruzione della centrale idroelettrica Nyabarongo II, situata a 27 km da Kigali, all'incrocio tra le province meridionali e settentrionali. L’investimento previsto è di 214 milioni di dollari, il progetto coprirà un'area di circa 600 ettari nei distretti di Rulindo, Gakenke e Kamonyi e sarà realizzato in tre fasi. L'infrastruttura contribuirà a controllare le inondazioni lungo i fiumi Nyabarongo e Akagera e favorirà gli sforzi del Paese per garantire l'accesso universale all'elettricità entro il 2024. Il contratto per la costruzione dell'infrastruttura è stato assegnato alla società cinese Sinohydro. "Con questo progetto vogliamo trasformare i terreni colpiti dalle inondazioni in terreni coltivabili e aumentare la disponibilità di elettricità, incrementando così il sostentamento della popolazione locale", ha dichiarato Wang Jiaxin, incaricato d'affari presso l'ambasciata cinese in Rwanda. [MS]
  • Sud SudanSudan Free

    Al via colloqui per accordo sul petrolio

    SUDAN / SUD SUDAN - Sono cominciati a Khartoum i colloqui tra Sudan e Sud Sudan con l’obiettivo di sviluppare la cooperazione nel campo del petrolio, discutere di accordi tecnici e finanziari e aumentare la produzione di petrolio tra i due Pesi. La Sudan News Agency  ha riferito che le discussioni esamineranno anche le sfide incontrate nell’attuazione degli accordi precedenti per definire un quadro per il rinnovo delle intese. Una delegazione di alto livello guidata dal sottosegretario sud-sudanese al ministero del Petrolio Awou Daniel Chuang, funzionari del ministero delle finanze e diversi tecnici è arrivata a Khartoum, in Sudan, per i colloqui. Il ministro sudanese dell’Energia e del Petrolio Mohamed Abdullah, ha sottolineato che i colloqui “si concentreranno sul rinnovo degli accordi per il trasporto e la lavorazione del greggio del Sud Sudan scaduti a marzo di quest’anno”. Abdullah ha riconosciuto che i precedenti accordi “erano segnati da sfide tecniche e politiche risolte amichevolmente dalle due nazioni sorelle”, aggiungendo che i colloqui “discuteranno anche della necessità di aumentare la produzione di petrolio in entrambi i Paesi sviluppando infrastrutture petrolifere per il loro interesse comune”. Attualmente, il Sud Sudan produce da 150.000 a 170.000 barili di greggio al giorno esportati attraverso il Sudan. [GT]