Infoafrica

Intesa con l’Armenia per lo sviluppo digitale in Africa

AFRICA – La promozione del concetto di sviluppo  digitale intelligente – identificazione digitale, commercio digitale, economia digitale, innovazione, biometrica, pagamenti online, diritti di proprietà intellettuale e altro ancora – sta al centro di un protocollo d’intesa firmato tra la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa e l’Armenia (Uneca).

(168 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Infoafrica

  • Infoafrica Free

    Aperti gli stati generali dell’istruzione

    COSTA D'AVORIO - Il primo ministro ivoriano, Patrick Achi, ha inaugurato ad Abidjan gli stati generali dell’istruzione nazionale e dell’alfabetizzazione. Cerimonia tenutasi ieri alla presenza del vicedirettore generale dell’Unesco incaricato dell’istruzione Stefania Giannini. “Di fronte alle realtà che trasforma la nostra umanità a un ritmo vertiginoso, è imperativo prendersi una pausa per valutare i progressi compiuti e apportare le modifiche necessarie”, ha affermato Patrick Achi in un discorso. Secondo la stampa nazionale, lo Stato ivoriano nel 2019 ha destinato al settore dell’istruzione il 5% del Pil e il 18% del bilancio statale. Dal 2011, il governo ivoriano ha costruito 36.665 classi primarie e secondarie, ha reclutato 76.430 insegnanti e in più ha assunto 4.800 persone che si sono dedicate alla supervisione affinché ogni bambino abbia diritto all’istruzione. Il vicedirettore generale dell’Unesco, Stefania Giannini, si è detta “molto felice” di prendere parte a questo incontro, definendolo un “momento decisivo volto a mettere l’istruzione al centro dell’agenda politica per ripensare l’educazione ivoriana”.
  • Infoafrica Free

    HUAWEI punta ad entrare nel mercato delle rinnovabili...

    AFRICA - Nell’ambito degli sforzi per aumentare la penetrazione dell'elettricità, Huawei ha annunciato l'intenzione di sfruttare le fonti di energia rinnovabile per illuminare alcune comunità rurali in Nigeria, prima tappa di un progetto che mira ad espandersi in tutta l'Africa subsahariana.

    Lo riferiscono i media nigeriani, precisando che il “piano di espansione rinnovabile per l'Africa sub-sahariana” è stato divulgato dal Senior Expert di Huawei Digital Power, Mahesh Krishnarao Choudhary, durante un tour virtuale del Huawei Digital Power Innovation and Experience Center nel fine settimana.

    L'esperto di Huawel ha assicurato che l'azienda si sta posizionando come fornitore OEM (Original Equipment Manufacturer) e collaborerà con tutte le altre parti interessate, inclusi regolatori e società di servizi energetici per colmare il divario energetico nelle aree rurali.

    Choudhary ha spiegato che la sostenibilità energetica è una sfida scoraggiante che dobbiamo affrontare tutti, specialmente nell'Africa sub-sahariana, aggiungendo che c'è un forte e urgente bisogno di accelerare la crescita delle energie rinnovabili in tutta la regione per garantire un approvvigionamento energetico sufficiente, conveniente e affidabile per privati, aziende e comunità.

    Ha sostenuto che, non c'è dubbio che l'Africa deve affrontare una sfida energetica enorme mentre, allo stesso tempo, il continente è ampiamente dotato di fonti di energia rinnovabile.

  • Infoafrica Free

    *** Avviso agli utenti ***

    Oggi 29 giugno la redazione di InfoAfrica osserverà un giorno di riposo per la festività dei Santi Pietro e Paolo, patroni della città di Roma. L’attività riprenderà regolarmente da domani mercoledì 30 giugno.

  • Infoafrica Free

    Arriva Yah Click, più Internet tramite dispositivo...

    COSTA D’AVORIO – Arriva “Yah Click”, il  dispositivo satellitare che permette di avere una connessione Internet ad alta velocità in Costa d’Avorio, dove finora solo il 18% della popolazione urbana, e il 2% della popolazione rurale hanno accesso alla rete. Yah Click propone di mettere in rete aziende, istituzioni, privati cittadini, colmando il vuoto lasciato dalla scarsa diffusioni di altri mezzi di connessione, come la fibra ottica. Il sistema prevede l’installazione di un’antenna satellitare individuale per avere accesso ad Internet grazie alla tecnologia High Throughput Satellite (HTS). Yah Click è sviluppato dalla Yahsat, operatore basato negli Emirati Arabi Uniti, che sta moltiplicando gli investimenti in Africa. Nelle scorse settimane il sistema è stato lanciato anche in Burundi, in Ghana e in Repubblica Democratica del Congo, e sta per partire in Camerun. Per la Costa d’Avorio, la Yahsat ha creato una partnership con una società del Ghana, la CEE-NET. Il primo ingresso di Yah Click in Africa risale al 2012: sei anni fa Yahsat fu il primo operatore ad introdurre la tecnologia HTS Ka-Band sul continente, attraverso il satellite Al Yah 2. [CC]
  • InfoafricaSudafrica Free

    Ridotto il consumo d'acqua giornaliero, ma la crisi è...

    SUDAFRICA - Il vice-sindaco di Città del Capo, Ian Neilson, ha comunicato che il consumo d'acqua giornaliero è sceso a 500 milioni di litri d'acqua grazie agli interventi straordinari messi in atto dal Comune e dallo sforzo dei residenti a ridurre il consumo. "Dobbiamo tenere in considerazione variabili imprevedibili come le piogge, per questo è necessario che si arrivi a ridurre i consumi a 450 milioni di litri d'acqua al giorno" ha detto Neilson. Il Dipartimento idrico nazionale ha imposto a Città del Capo una riduzione del 45% dell'uso d'acqua per tutto il 2018. Il livello delle dighe si è ridotto di un ulteriore 0,4%, arrivando a 24%. "Non siamo in grado di valutare se riusciremo ad evitare il Day O, che rimane il 9 luglio, nonostante abbiamo ridotto il quantitativo d'acqua distribuito alle zone agricole" ha detto il vice-sindaco di Città del Capo. Nelle prossime settimane ulteriori 180 milioni di litri d'acqua dovrebbero entrare nel circuito idrico grazie agli impianti provvisori di desalinizzazione ed alla apertura di nuove falde acquifere. [LS]