Camerun

Crisi anglofona, leader separatista e sostenitori condannati all’ergastolo

CAMERUN – Il tribunale militare di Yaoundé ha condannato ieri all’ergastolo uno dei capi della ribellione separatista anglofona, Sisiku Julius Ayuk Tabe, già numero uno del Ambazonia Governing Council, il movimento che combatte per l’indipendenza dell’autoproclamata nazione d’Ambazonia.

(178 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Ciad Free

    Fmi soddisfatto, buone prospettive di crescita...

    CIAD – L’economia ciadiana continua a risollevarsi e le prospettive di crescita rimangono complessivamente positive: lo ha constatato la missione d’osservazione del Fondo monetario internazionale (Fmi)  in visita in Ciad dal 6 al 12  febbraio per una valutazione, nell’ambito del programma di riforme strutturali avviato dalle autorità. Secondo il comunicato di Edward Gemayel, il capo missione, nel 2020 l’economia non petrolifera dovrebbe crescere del 3%, grazie ad un aumento degli investimenti statali, al rimborso di arretrati e alla ripresa nelle filiere del cotone e del bestiame. Il Pil legato al settore petrolifero dovrebbe aumentare del 7,5% grazie alle nuove tecnologie estrattive e alla produzione supplementare di nuovi campi. L’inflazione, che era negativa l’anno scorso, dovrebbe essere inferiore al 3%. La missione d’osservazione si dice pertanto globalmente soddisfatta dell’impatto del programma sostenuto dal Fondo monetario internazionale. Nonostante risultati soddisfacenti dal punto di vista del bilancio, gli analisti mettono in guardia dinanzi alle pressioni sulle spese che cominciano a farsi sentire. L’istituto finanziario richiama a una disciplina buggettaria con l’avvicinarsi delle elezioni parlamentari e presidenziali, per proteggere la stabilità macroeconomica e per mantenete un livello di indebitamento sostenibile. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Accordo con General Electric per sviluppo...

    REP DEM CONGO - Il governo di Kinshasa ha firmato un memorandum d’intesa triennale con la statunitense General Electric per la realizzazione di progetti infrastrutturali volti a migliorare le forniture di energia elettrica e la modernizzazione del settore sanitario.

    A segnalarlo è lo stesso conglomerato statunitense, in cui viene specificato che GE lavorerà con il governo per esplorare soluzioni energetiche che aumenteranno la capacità di trasmissione e distribuzione della rete elettrica nazionale.

    GE lavorerà inoltre con il ministero della Sanità congolese per modernizzare le strutture primarie, secondarie e terziarie del sistema sanitario nazionale, nonché le infrastrutture e le attrezzature per la salute materna e infantile, la cardiologia e l'oncologia.

    Il partenariato in ambito sanitario si concentrerà anche sulla formazione e lo sviluppo delle capacità professionali e tecniche locali per la sostenibilità delle iniziative. [MV]

  • R. Centrafricana Free

    Costituita “COD 20-20”, l'opposizione fa fronte...

    R CENTRAFRICANA  - Si chiama “COD 20-20” la coalizione dell’opposizione politica ufficialmente costituita questa settimana a Bangui, in vista delle elezioni generali di fine anno. In gestazione dallo scorso novembre, la coalizione conta 16 partiti, ra cui partiti tradizionali e formazioni più recenti. A prendere per primo le redini della Coalizione dell’opposizione democratica è Anicet-Georges Dologuele, leader del partito URCA (Unione per il rinnovamento centrafricano) e candidato sconfitto alle ultime presidenziali. L’intenzione della coalizione è ben quella di conquistare il potere, prima attraverso la maggioranza all’Assemblea e poi la Presidenza della Repubblica. Non è esclusa una possibile candidatura unica all’interno della vasta coalizione. Il primo turno delle elezioni parlamentari e presidenziali si terrà il 27 dicembre; un eventuale ballottaggio avrà luogo il 14 febbraio 2021. In palio c’è la poltrona del presidente Faustin Archange Touadera, eletto il 14 febbraio 2016. [CC]
  • Gabon Free

    Gara d’appalto per costruzione e ristrutturazione di...

    GABON – Una gara d’appalto internazionale è in corso in Gabon per la costruzione e la ristrutturazione di scuole nella capitale, Libreville. La procedura passa attraverso l’Agenzia per i lavori e le infrastrutture, e fa seguito a un finanziamento ottenuto dall’Agenzia francese per lo sviluppo (Afd) destinato al Programma d’investimenti nel settore dell’istruzione. Diversi lotti fanno parte del bando: la costruzione di due scuole elementari e la ristrutturazione con espansione di altre tre. Ai costruttori interessati è richiesta la partecipazione a un sopralluogo il 24 e il 25 febbraio, con appuntamento presso la sede dell’Agenzia per i lavori pubblici – in sigla ANGTI – e a una riunione preparatoria il 28  febbraio. Maggiori informazioni possono essere chieste al committente attraverso comunicazione all’attenzione di BOUBALA Dieudonné Jesmin, dboubala@angt.ga ; cnzendon@angt.ga I documenti della gara possono essere consultati gratuitamente presso l’ANGTI  - Agence Nationale des Grands Travaux d’infrastructures (A.N.G.T.I) , Hotel HELICONIA Il (Angondjé) B.P. : 23765, Libreville, Gabon. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    “Grow Congo”, ad Amsterdam un evento per...

    REP CONGO – Opportunità di investimenti nel settore agricolo nella Repubblica del Congo (Brazzaville) saranno in primo piano all’evento intitolato “Grow Congo” in programma ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, il 23 febbraio prossimo. Sarà presente il ministro dell’Agricoltura congolese, Henri Djombo, che lancerà un appello ai partecipanti per un partenariato rafforzato tra il Congo-Brazzaville e l’Olanda nell’agribusiness. Ospite d’onore sarà il primo ministro congolese Clement Mouamba, al quale verrà data la parola per un discorso inaugurale intitolato “Piantare il seme del partenariato”. Dopo la presentazione del Piano per lo sviluppo nazionale da parte della ministra della Pianificazione, Ingrid Eboucka, si terranno panel e workshop sulle opportunità d’affari e il clima degli investimenti. L’evento è promosso dalla Banca africana per lo sviluppo (AfDB) Mondiale e dal Nabc, “Netherland-Africa Business Council”. “Il Congo possiede 10 milioni di terre arabili, di cui solo il 2% sono sfruttate” scrivono gli organizzatori, attirando l’attenzione sul paradosso delle importazioni di cibo che stanno aumentando sia in termini di volume che di valore. “Se non saranno adottati provvedimenti vigorosi, il Congo rimarrà un importatore netto di beni di consumo”. [CC]
  • Guinea Equatoriale Free

    Corte d'appello francese condanna il vicepresidente e...

    GUINEA EQUATORIALE – Il vicepresidente della Guinea Equatoriale, Teodorin Nguema Obiang, è stato condannato in appello dalla giustizia francese a tre anni di carcere con la condizionale e 30 milioni di euro di multa. Il processo che vede imputato il figlio del presidente della Repubblica Teodoro Obiang Nguema riguarda i cosiddetti “biens mal acquis”, espressione francese che si riferisce al patrimonio costituito oltralpe grazie ad una ricchezza illecita. Una ricchezza che per buona parte, secondo l’accusa, sarebbe stata ottenuta grazie all’appropriazione indebita di fondi pubblici. Una sentenza di primo grado era stata pronunciata il 27 ottobre 2017. La Corte d’appello ha aggravato il verdetto, rimuovendo la condizionale allora assegna ai 30 milioni di euro. I magistrati hanno anche confermato il sequestro dei beni in Francia del vicepresidente, tra cui un lussuoso hotel in Viale Foch a Parigi, del valore di 150 milioni di euro, sul quale pende una decisione della Corte internazionale di giustizia. Nonostante 40 anni trascorsi alla guida del piccolo Paese dotato di grandi ricchezze naturali, il clan Obiang Nguema non è particolarmente inviso alla diplomazia internazionale. Fu persino creato nel 2008 un controverso premio dell’Unesco intitolato al presidente Obiang Nguema Mbasogo per la ricerca nelle scienze della vita. [CC]