Guinea Equatoriale

Malabo costruirà primo impianto LNG in Africa Occidentale

GUINEA EQUATORIALE – La Guinea Equatoriale costruirà il primo impianto di stoccaggio e rigassificazione di gas naturale liquefatto (GNL/LNG) dell’Africa occidentale.

(337 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Gabon Free

    Manganese, atteso aumento di produzione per uno dei...

    GABON – Potrebbe aumentare in maniera significativa e raggiungere 8 milioni di tonnellate la produzione di manganese in Gabon nel 2019. Tale previsione sarà effettiva se saranno raggiunti tutti gli obiettivi di produzione delle varie compagnie estrattive attive nel Paese africano, sottolinea il sito d’informazione Le nouveau Gabon. Dalla Compagnia mineraria dell’Ogooue, Comilog, filiale del gruppo metallurgico francese Eramet, si è registrato un balzo in avanti della produzione del 14% nel primo trimestre. Se tali performance saranno mantenute, per l’azienda si potrebbe arrivare ad una produzione annua di 5 milioni di tonnellate, contro 4,5 milioni l’anno scorso. Eramet aveva annunciato lo scorso giugno un progetto d’investimento per far crescere la produzione fino a 7 milioni nel 2023. Per il concorrente della Comilog Nouvelle Gabon Mining (NoGa Mining), con sede a Franceville, si prevede di far salire ancora il record del 2018, da 1,4 milioni di tonnellate a 2 milioni di tonnellate quest’anno. Sebbene più ridotta, anche la produzione della filiale locale della cinese Commercial Industrial and Mining Company, con sede a Ndjole, nel centro del Gabon, dovrebbe passare da 390.000 tonnellate  500.000 tonnellate. Il Gabon si classifica sul podio dei primi tre produttori di manganese al mondo. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Appuntamento a New York per conferenza sugli...

    RD CONGO – Si terrà il 27 settembre a New York una conferenza internazionale sulla pace e gli investimenti in Repubblica Democratica del Congo  nella regione dei Grandi Laghi.   Organizzata dal Comitato esecutivo del Meccanismo nazionale di monitoraggio dell’Accordo quadro di Addis Abeba, la conferenza mira a sensibilizzate tutti i partner che accompagnano la Repubblica Democratica del Congo nel processo di pace e raccogliere un miliardo di dollari di investimenti.   “L’obiettivo è quello di presentare progetti integrativi e mettere la comunità internazionale di fronte alle sue responsabilità, visto che questa stessa comunità aveva preso l’impegno ad investire un miliardo di dollari negli sforzi per la pace” ha detto Claude Ibalanky, coordinatore, durante riunione preparatoria .   “Oggi abbiamo capito che non c’è pace senza sviluppo  che non c’è sviluppo senza pace. Per avere questo sviluppo, abbiamo bisogno di investimenti e questi investimenti devono portare alla pace” ha aggiunto Ibalanky.   Alla conferenza di New York verranno presentati progetti chiave. [CC]
  • Guinea Equatoriale Free

    Nel 2020 nuovo round di licenze per idrocarburi

    GUINEA EQUATORIALE – Un nuovo round di licenze da attribuire nell’Oil&Gas equato-guineano avrà luogo nel 2020. Lo ha detto il ministro degli Idrocarburi, Gabriel Obiang Lima, in un’intervista a S&P Global Platts. Allorché deve ancora chiudersi, il 27 settembre, il ciclo di attribuzioni attualmente in corso, il figlio del presidente Teorodo Obiang Nguema ha precisato che il round sarà aperto e che se nessuna offerta giungerà a conclusione, il round di licenze verrà ripetuto nel 2021. La Guinea Equatoriale si è fissata l’obiettivo di diventare un importante hub petrolifero e gasiero. Per quanto riguarda il round in corso, il ministro nutre l’auspicio di poter firmare i contratti entro la fine di dicembre. In palio sono 26 licenze, di cui 24 in aree marittime, e di cui due in zone con scoperte accertate. Uno di questi è il blocco gasiero R/Fortuna abbandonato da Ophir Energy per incapacità finanziaria; l’altro è il blocco EG-23 a nord-ovest dal campo di gas/condensato Alba. Il lancio del ciclo si era fatto durante l’edizione 2019 del Congresso Cape VII dell’Organizzazione dei produttori di petrolio africani (Appo) svoltosi a Malabo dal 2 al 5 aprile. [CC]
  • Camerun Free

    Presidente Biya convoca dialogo nazionale sulla crisi...

    CAMERUN – Un “dialogo nazionale” da dedicare alla questione della crisi nelle regioni separatiste è stato annunciato dal presidente della Repubblica Paul Biya  in un discorso alla nazione. La convocazione del dialogo è stata annunciata dopo un lungo discorso riepilogativo della crisi, nata, secondo le parole del presidente, “da rivendicazioni da parte di insegnanti ed avvocati che chiedevano la traduzione in inglese degli Atti uniformi OHADA e la preservazione della specificità del sistema giudiziario  del sistema educativo anglosassone nelle due regioni”. Nella versione del presidente, nonostante sforzi ed aperture, “movimenti radicali, principalmente ispirati dall’estero, hanno usato le rivendicazioni delle corporazioni. Hanno pianificato un progetto secessionista con l’obiettivo della partizione del nostro Paese. A questo scopo hanno costituito e finanziato gruppi armati che hanno causato un grave pregiudizio alla popolazione del Nordovest e del Sudovest. Il dialogo voluto da Biya dovrebbe includere tutte le componenti della società e, “nell’ambito della Costituzione, esaminare le vie ed i mezzi in grado di dare una risposta alle aspirazioni profonde delle popolazioni del Nordovest e del Sudovest, ma anche di tutte le altre componenti della nostra nazione”. Il dialogo sarà convocato alla fine di questo mese e sarà presieduto dal primo ministro Joseph Dion Nguté. Sono invitati politici, parlamentari esponenti delle forze di sicurezza, esponenti delle forze ribelli, rappresentanti delle vittime. Il conflitto nelle aree a maggioranza anglofona dura da oltre due anni e ha causato circa 2000 morti e numerosi sfollati. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Appuntamento con la Cina a Brazzaville per il V Forum ...

    REP CONGO – E’ entrato nel vivo a Brazzaville il V Forum “Investire in Africa” dedicato alle relazioni tra la Cina e il continente africano. Tra le centinaia di partecipanti spiccano diversi presidenti africani, come il ruandese Paul Kagame, il congolese Felix Tshisekedi, l’angolano Joao Lourenço, il centrafricano Faustin Archange Touadera. Protagonisti di questo forum sono anche gli operatori privati, chiamati a ritrovarsi e fare rete attorni al tema “Trarre profitto dai partenariati per promuovere la diversificazione economica e la creazione di posti di lavoro nelle economie africane”. Nella sua presentazione, il presidente congolese Denis Sassou Nguesso, ospite di questo forum, ha chiamato alla costruzione di partenariati “win-win” . “L’Africa e la Cina offrono il panorama di uno spazio di cooperazione ottimista con prospettive che possiamo concretizzare in fretta. Questo futuro è già oggi” ha detto Sassou Nguesso. Ampio spazio è dedicato durante questo appuntamento, alla promozione dei partenariati pubblico-privato, visti come una chiave per accelerare la diversificazione economica. Numerosi cantieri congolesi sono stati realizzati dalla Cina e dai suoi investitori privati, come la zona industriale di Maloukou, l’Università Denis Sassou Nguessom e il progetto di zone economiche speciali. A margine della cerimonia d’apertura di questo forum che si concluderà domani, sono stati firmati diversi accordi di cooperazione in vari settori tra operatori cinesi e soggetti africani. [CC]
  • Ciad Free

    Prorogato stato d’emergenza, ma accuse contro forze...

    CIAD - E’ stato prorogato di quattro mesi lo stato d’emergenza imposto ad agosto per motivi di sicurezza in tre province del paese. La proroga della misura che attribuisce poteri speciali alle forze dell’ordine, è stata votata ieri dall’Assemblea nazionale.   L’opposizione ha criticato l’esito del voto, dicendo che non sarà lo stato d’emergenza a porre fine all’insicurezza. Sono stati anche denunciati episodi di abusi da parte delle forze dell’ordine. Alle voci dell’opposizione si unisce quella della Convenzione ciadiana per i diritti umani, che ha denunciato violazioni, saccheggi, e atti di tortura.   Lo stato d’emergenza interessa le province orientali della Sila e Ouaddai, dopo un’escalation di conflitti tra comunità che aveva provocato decine di morti.     Il governo ha indicato che saranno aperti corridoi frontalieri per consentire alle popolazioni di poter andare in Sudan o in Libia per approvvigionarsi in prodotti di prima necessità. [CC]