Niger

Orange Niger passa all’uomo d’affari nigerino Rhissa

NIGER – Sarà l’uomo d’affari nigerino Mohamed Rhissa, presidente della compagnia di trasporti Rimbo e sostenitore del partito di governo, a comprare la filiale locale di Orange Niger, abbandonata dall’operatore francese per una troppo elevata “pressione fiscale”.

(174 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • BeninNiger Free

    A fine anno i lavori per nuovo oleodotto dal Niger

    BENIN/NIGER - I lavori di costruzione del nuovo oleodotto petrolifero che collegherà il Niger con il Benin inizieranno tra dicembre 2019 e gennaio 2020 e dureranno due anni.

    Lo ha annunciato, con una dichiarazione, il Ministero dell'Acqua e delle miniere del Benin.

    Con una lunghezza totale di 2.085 km di cui 687 in Benin, la costruzione di questa infrastruttura costerà 600 miliardi di franchi CFA per la sezione Benin, ovvero circa 1,3 miliardi di dollari USA e sarà interamente finanziata dalla società cinese China National Oil e Gas Exploration and Development Company LTD, attraverso una partnership siglata con le autorità beninesi.

    "Questo progetto è il più grande investimento diretto privato in Benin dall'indipendenza del Paese e genererà oltre 3.000 posti di lavoro durante la fase di costruzione e da 300 a 500 posti di lavoro permanenti in fase operativa", afferma la stessa fonte, rilanciata dall’agenzia di stampa cinese Xinhua.

    In termini economici, ha affermato la fonte, il completamento di questo gasdotto rafforzerà il tessuto economico e lo sviluppo di determinati settori e nuove attività commerciali.

    "Il Benin dovrà raccogliere oltre 300 miliardi di FCFA come imposta di transito e entrate fiscali per i primi 20 anni del periodo operativo di questo gasdotto", ha affermato la fonte.

    Lo stesso comunicato ricorda che Benin e Niger hanno firmato a gennaio 2019 l'accordo bilaterale sulla costruzione e l'esercizio di un sistema di trasporto di petrolio mediante oleodotto.

    Una volta giunto in Niger, il petrolio nigerino potrà poi essere facilmente esportato verso i mercati internazionali dai porti del Benin già utilizzati per l’esportazione del greggio nigeriano.

  • Capo Verde Free

    Un progetto agro-industriale nell'isola di Santo Antão

    CAPO VERDE - La società Aquasun Energia e Água ha pianificato un investimento da 22 milioni di euro in un progetto agro-industriale da condurre a Santo Antão, una delle isole dell’arcipelago di Capo Verde.  Secondo fonti della stessa società, lo stanziamento sarà per lo più di fondi propri, prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico, la realizzazione di infrastrutture tra cui un impianto di desalinizzazione e di un centro agro-industriale.  “L’obiettivo è quello di creare risorse per lo sviluppo sostenibile e di dare un contributo all’ottimizzazione del settore agro-industriale” ha detto il ministro alla presidenza del Consiglio dei ministri, Fernando Elisio Freire confermando la notizia. [MS]
  • Africa Occidentale Free

    Sahel: un miliardo di dollari per combattere il...

    AFRICA OCCIDENTALE/SAHEL -  I capi di stato e di governo della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS) e quelli del G5 Sahel si sono impegnati a raccogliere fino a 1 miliardo di dollari per contrastare il diffondersi del terrorismo transfrontaliero nella regione.

    La decisione è stata presa al termine del vertice straordinario del’ECOWAS tenutosi sabato a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, dove i leader dei paesi partecipanti hanno annunciato una serie di misure volte a combattere il terrorismo, che dalla zona saheliana va diffondendosi anche verso i paesi del Golfo di Guinea e l’Africa Occidentale.

    "La conferenza ha adottato un piano d'azione e di mobilitazione delle risorse da circa un miliardo di dollari per la lotta al terrorismo", ha affermato il presidente nigerino Mahamadou Issoufou, che detiene l'attuale presidenza dell'ECOWAS.

    I fondi saranno utilizzati per equipaggiare le forze di difesa nazionali e multinazionali e per rafforzare l'intelligence.

    "Dobbiamo fissare come obiettivi politici la salvaguardia dell'integrità territoriale dei nostri Stati, delle nostre istituzioni democratiche repubblicane e la sicurezza di tutti i cittadini, nonché la protezione dei loro beni", ha indicato.

    Da parte sua, il presidente del Burkinabè Roch Marc Christian Kaboré, il cui paese detiene la presidenza in carica del G5 Sahel, ha sottolineato la necessità di una “crociata” contro il terrorismo.

    "Data la gravità e la complessità della situazione, la cooperazione tra Stati non è più in termini di dovere di solidarietà, ma piuttosto come un imperativo di interesse comune", ha affermato il presidente del Burkina Faso.

    Il vertice straordinario dell'ECOWAS, esteso alla Mauritania, al Ciad e al Camerun, arriva mentre il Sahel rimane in preda a ricorrenti attacchi, il presidente della commissione del blocco Jean-Claude Brou ha riportato 11.500 morti e milioni di sfollati interni in circa 2.200 attacchi nella regione negli ultimi quattro anni.

  • Costa Avorio Free

    Governo spinge su trasformazione locale degli anacardi

    COSTA D’AVORIO - La Costa d'Avorio, il più grande produttore di anacardi del mondo con 761.000 tonnellate nel 2018, aumenterà la sua capacità locale di trasformare la propria produzione dopo la firma di numerosi accordi tra il governo centrali, le amministrazioni locali e il settore industriale.

    Lo riferiscono i media locali, precisando che nei giorni scorsi è stato firmato un accordo da Kobenan Kouassi Adjoumani, Souleymane Diarrassouba e Adama Coulibaly, rispettivamente Ministro dell'agricoltura, del commercio, dell'economia e delle finanze e dai leader di quattro aziende locali FMA Industry, Kiyo Côte d'Ivoire, Ivory Cashew Nuts e Nord Cajou.

    Questa cerimonia segue quella del 5 agosto che ha visto la firma di otto accordi tra lo Stato della Costa d'Avorio e l'industria per aumentare significativamente la trasformazione degli anacardi in Costa d'Avorio.

    Con i nuovi accordi sale da 8 a 12 il numero di imprese industriali che lavorano anacardi e gli impegni per aumentare la quantità di noci trasformate passano da 107.000 tonnellate a circa 170.000 tonnellate in un periodo di quattro anni.

    "Questi impegni raggiungeranno un tasso di trasformazione della produzione nazionale di anacardi di almeno il 52% entro il 2022 contro meno del 10% attuale”, ha affermato il Ministro del Commercio e dell'Industria, Souleymane Diarrassouba.

    L'ambizione della Costa d'Avorio è quella di trasformare localmente metà della sua produzione e ciò richiede un rafforzamento della competitività al fine di aumentare gli investimenti nel settore.

    In tale contesto, a luglio il governo ha istituito incentivi fiscali per gli investimenti nel settore della trasformazione agricola tra i quali l'esenzione dal dazio doganale e dall'IVA (imposta sul valore aggiunto) sui lotti di pezzi di ricambio, in base alla zona di investimento.

    Dal 2014, il governo ivoriano ha adottato una serie di misure per promuovere la competitività della catena del valore dell’anacardio.

    A gennaio, la Banca mondiale ha fornito un sostegno finanziario di 107 miliardi di CFAF (185 milioni di dollari) alla Costa d'Avorio per un progetto volto a migliorare la competitività della catena del valore degli anacardi.

    Il progetto prevede la costruzione di quattro unità industriali per la lavorazione locale e dovrebbe consentire lo sviluppo di infrastrutture adeguate, il rafforzamento di nuove capacità di stoccaggio attraverso il ripristino di magazzini e depositi, il rafforzamento della tracciabilità e il sistema di controllo della qualità per creare buone condizioni di marketing.

    Secondo le stime, la produzione ivoriana dovrebbe raggiungere nel 2019 circa 800.000 tonnellate contro 760.000 tonnellate nel 2018.

    La maggior parte della produzione ivoriana oggi viene esportata sotto forma di noci crude in Vietnam, India e Brasile ed è prodotta da piccoli produttori, circa 250.000, raggruppati in una ventina di cooperative.

  • Senegal Free

    “Opportunità Senegal”, una conferenza a Roma il 1...

    SENEGAL - Sarà dedicata ad evidenziare opportunità e difficoltà del fare affari in e col Senegal la conferenza “Opportunità Senegal” che si terrà a Roma il 1 Ottobre prossimo.

    L’incontro, organizzato dal mensile economico Africa e Affari, in collaborazione con lo Studio Legale internazionale Curtis, Mallet-Prevost, Colt e Mosle e Brussels Airlines, si terrà dalle 9:30 alle 13:00 presso lo Studio Curtis, Tower Floor di Palazzo Generali in Piazza Venezia 11.

    “Il Senegal - scrivono gli organizzatori - è uno dei Paesi africani spesso presi come esempio di stabilità nel continente. Una stabilità che ha immediati riflessi anche sulla crescita economica, che è stata costante e che nel medio termine dovrebbe risentire anche in maniera positiva della prossima messa a frutto dei primi giacimenti petroliferi”.

    Finora lo sviluppo economico senegalese si è poggiato soprattutto sull’agricoltura e sui settori a essa collegati, sull’industria mineraria e sulle costruzioni.

    In termini percentuali, la crescita del Pil si è assestata intorno al 7% sia nel 2017 che nel 2018 e le previsioni delle principali istituzioni finanziarie internazionali confermano questo trend anche per il 2019 e il 2020.

    Questo momento di crescita generale del Paese, coinciso con la presidenza di Macky Sall (ora al suo secondo mandato), sta andando avanti dal 2015 e poggia su una serie di investimenti pubblici delineati all’interno del Piano Senegal Emergente.

    Come parte del Piano, le autorità senegalesi hanno attuato alcune riforme migliorando il clima degli affari. Nel settore agricolo, le riforme si sono concentrate sulla semplificazione delle procedure fiscali e sulla sospensione o l’esenzione di alcune imposte.

    Nel settore dell’energia, varie misure e investimenti hanno raddoppiato la capacità installata in sei anni, arrivata a 1.250 MW nel 2018. Il piano di mix energetico ha aumentato la produzione e abbassato il prezzo dell’elettricità del 10%. L’operatività delle zone economiche e dei progetti industriali ha fornito alle aziende strutture conformi agli standard internazionali.

    All’interno della regione, è indubbio inoltre che il Senegal occupi un posto di rilievo. E sono stati fatti sforzi per migliorare il sistema dei collegamenti con i Paesi vicini.

    Energia, agroalimentare, salute e turismo sono alcuni tra i principali ambiti di possibili collaborazioni tra il sistema industriale italiano e il Senegal - spiegano gli organizzatori della Conferenza - Accanto a questi, occorre poi citare il campo delle infrastrutture e delle costruzioni, oltre che le opportunità commerciali che possono far leva anche sulla presenza in Italia di una forte comunità senegalese con diverse esperienze di imprenditoria di ritorno e casi di proficua cooperazione tra cittadini dei due Paesi”.

    Durante la mattinata di lavoro verranno presentati dal team di Africa e Affari tutti gli ultimi dati economici relativi al paese, mentre esperti professionisti forniranno preziose informazioni sul Quadro Legale, su quello Finanziario e su quello Commerciale del paese. Una testimonianza di business di successo italiano in Senegal e un rappresentante istituzionale senegalese completeranno il quadro dei relatori. 

    Per iscriversi alla Conferenza comunicare la propria adesione a eventi@internationalia.org
  • Africa OccidentaleGhana Free

    Appuntamento ad Accra per le energie rinnovabili

    AFR OCCIDENTALE - Avrà luogo ad Accra in Ghana tra il 22 e il 24 ottobre prossimi il Forum sull’energia sostenibile nella Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS).

    A promuovere l’appuntamento, giunto quest’anno alla sua terza edizione, è il Centro dell’ECOWAS per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica (ECREEE).

    L’evento sarà organizzato in collaborazione con l’Alleanza per l’elettrificazione rurale (ARE) e con il programma europeo GET.invest per promuovere gli investimenti del settore privato nell’installazione di soluzioni off-grid e legate alle fonti rinnovabili.

    Per maggiori informazioni sull’evento e sulle modalità di partecipazione è possibile visitare il sito internet dedicato.