AfricaNigeria

Nigeria, e forse l’Africa, a un passo dall’essere “polio-free”

NIGERIA – In Nigeria sono trascorsi tre anni senza che siano stati registrati casi di poliomielite secondo quanto annunciato ieri dalla Organizzazione mondiale della Sanità (Oms). Ciò la pone a un passo dall’esser dichiarata libera dalla malattia.

 

Questo risultato rappresenta un drastico cambiamento rispetto al 2012, quando nel Paese erano stati registrati oltre la metà di tutti i casi di poliomielite di tutto il mondo, come aveva denunciato anche allora la stessa Oms.

 

Il capo della principale agenzia sanitaria nigeriane, il dottor Faisal Shuaib, ha dichiarato che il Paese ha raggiunto un “traguardo storico”. Ma devono trascorrere ancora diversi mesi prima che si possa parlare ufficialmente di “polio-free”. Il primo obiettivo, cioé nessun caso per tre anni, è però stato raggiunto.

 

Ora l’Oms deve assicurarsi che esista un solido sistema di sorveglianza in Nigeria per essere certi che non vi siano ulteriori casi di virus, ha  dichiarato alla BBC, il presidente del comitato per la polio nigeriano, Tunji Funsho.

 

La Nigeria è l’ultimo paese in Africa dove è stato registrato un caso di poliomielite (avvenne nello stato di Borno, nel nord-est). Al di fuori della Nigeria, l’ultimo caso di contagio nel continente si è verificato nella regione del Puntland in Somalia, nel 2014.

 

L’insicurezza nel nord-est della Nigeria aveva ostacolato il programma di vaccinazione contro la poliomielite, ma il successo nella lotta contro il gruppo militante di Boko Haram è stato probabilmente uno dei motivi che hanno reso possibile un maggior controllo della malattia.

Nel mondo nel 2018, ci sono stati in totale 33 casi di polio registrati in soli due paesi: Afghanistan e Pakistan.

 

Il risultato della Nigeria potrebbe essere dunque un successo per l’intero continente. Il neo-nominato capo dell’Oms in Africa, il dott. Matshidiso Moeti, ha affermato che il continente è “sull’orlo di uno straordinario risultato di sanità pubblica, che sarà il nostro retaggio per i nostri figli e i nostri nipoti”.

 

Ma gli esperti di salute chiedono comunque cautela. Devono prima essere sicuri che ogni parte del continente sia stata raggiunta e che nessun caso sia stato tralasciato. “Per porre fine alla poliomielite, almeno il 95% dei bambini deve essere vaccinato, indipendentemente da dove vivano”, afferma alla BBC il responsabile dell’eradicazione dell’OMS Michel Zaffran. [Africa Rivista]

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    A Milano idee e confronti per cinture verdi urbane

    AFRICA - Le esperienze urbane di Dar es Salaam e Addis Abeba, le idee e i progetti legati alla al Great Green Wall of Cities, il progetto della Fao di una muraglia verde che protegga il Sahel dal deserto: sono alcuni degli spunti emersi ieri a Milano in occasione della giornata d apertura del World Forum on Urban Forests. Nel corso di una giornata intensa che ha visto anche la presenza - per inaugurare i lavori - del primo ministro italian Giuseppe Conte e del sindaco di Milano Giuseppe Sala, esperti, architetti, urbanisti provenienti da varie parti del mondo si sono confrontati sulle sfide cui il pianeta deve confrontarsi e sulle possibili soluzioni in grado di mitigare l’innalzamento delle temperature. Deciso l'intervento di Carlo Petrini, presidente di Slow Food,  secondo cui ancr prima della riforestazione si dovrebbe parlare di norme per la tutela dei suoli sempre più a rischio cementificazione. L’iniziativa, promossa fra gli altri da Fao, Stefano Boeri Architetti, Cities4Forests, proeseguira anche oggi è domani negli spazi della Triennale di Milano. [MS]
  • Africa Free

    Programma Comesa per aziende produttrici di cassava

    AFRICA - Un programma per migliorare la competitività delle piccole e medie imprese impegnate nella produzione di cassava è stato avviato dal Mercato comune dell'Africa australe e orientale (Comesa). Il programma fa perno sull’amore possibilità di costruire una maggiore integrazione commerciale a livello regionale. Il programma pilota è in fase di implementazione in dieci Paesi Comesa che producono cassava: Burundi, Repubblica democratica del Congo, Etiopia, Kenya, Malawi, Madagascar, Rwanda, Uganda, Zambia e Zimbabwe. In una nota, con cui conferma la notizia, Comesa sottolinea come benché ci sia una sostenuta produzione di cassava, c’è un’altrettanto sostenuta importazione di prodotti derivati dalla cassava a causa di buchi nella filiera e di ridotte capacità di trasformazione. [MS]
  • Africa Free

    Preparativi per l’African Economic Conference a Sharm...

    AFRICA - Si terrà quest’anno dal 2 al 4 dicembre a Sharm el-Sheikh (Egitto) l’African Economic Conference, un appuntamento organizzato dalla Banca Africana per lo sviluppo, dalla Commissione economica per l’Africa delle Nazioni Unite e dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo. Secondo gli organizzatori di questa XIV edizione, sono attesi 500 partecipanti, stretti attorno a questa piattaforma di dialogo, networking e condivisione sulle questioni pertinenti per lo sviluppo economico dell’Africa. Parteciperanno investitori, operatori economici, politici, esponenti della gioventù, giornalisti, provenienti dall’Africa e dal resto del mondo. Il tema scelto per l’edizione 2019 è “Jobs, Entrepreneurship and Capacity Development for African Youths”, ovvero Lavoro, imprenditoria e capacità di sviluppo per i giovani africani. L’edizione 2018 si era svolta in Rwanda. [CC]
  • Africa Free

    Bond di Banca Mondiale per risorse idriche e marine

    AFRICA - Un bond per lo sviluppo sostenibile dedicato a risorse idriche e marine è stato lanciato dalla  Bank for Reconstruction and Development (Ibrd), una sussidiaria di Banca Mondiale. Il bond, della durata di sette anni, mira a raccogliere 208 miliardi di dollari.  Swedbank ha agito come unico lead manager per la transazione. Le obbligazioni della Banca mondiale sostengono il finanziamento di un portafoglio diversificato di progetti e programmi di sviluppo sostenibile, compresi quelli che proteggono e preservano le risorse di acqua dolce e salata e affrontano l’inquinamento marino come l’innovazione della pesca e dell’acquacoltura in Perù, la pesca sostenibile e la conservazione delle risorse marine nelle Seychelles, e miglioramenti nella gestione dei rifiuti in Indonesia. Heike Reichelt, responsabile delle relazioni con gli investitori e nuovi prodotti della Banca mondiale, ha dichiarato: “Questa transazione ha fornito un’opportunità preziosa per interagire con gli investitori su come la Banca mondiale sta lavorando con i Paesi membri per affrontare una serie di pressanti sfide di sviluppo intorno all’acqua. Ciò include fornire un accesso continuo all’acqua potabile sicura e affrontare il degrado delle aree costiere e le minacce alla pesca e agli oceani che incidono sulle società e sul nostro pianeta”. [MS]
  • Africa Free

    Tutto pronto a Milano per Iabw 2019

    AFRICA - Il ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato del Burkina Faso Harouna Kabore, il ministro degli Esteri e del Commercio dello Zimbabwe Sibusiso Busi Moyo, il ministro dell’Informazione, della Cultura e del Turismo della Somalia Mohamed Abdi Hayir, il presidente del Consiglio economico e sociale del Benin Augustin Tabé Gbian e il direttore generale dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Luca Maestripieri: queste le personalità chiamate ad aprire il 26 novembre la terza edizione di Italia Africa Business Week (Iabw).  I lavori del forum saranno introdotti da Cleophas Adrien Dioma, presidente dell’Associazione Le Réseau che organizza l’evento, e Roberto Randazzo, partner di R&P Legal e console onorario dell’Uganda.  Sul palco si alterneranno successivamente il presidente di Fondazione Fiera Milano Enrico Pazzali, la presidente di Businessmed e della Confederazione Nazionale delle Imprese dell'Algeria Saida Neghza, il presidente di Promos Italia Giovanni Da Pozzo, il partner dello studio BonelliErede avvocato Francesca Secondari, sponsor del Forum, che discuteranno nel panel istituzionale ‘Costruire il Business 4.0 con l’Africa’. “Saranno centinaia le imprese, i professionisti e gli esperti di diversi settori commerciali italiani ed africani presenti in sala - riferiscono in una nota i promotori dell’iniziativa -  oltre ad una nutrita rappresentanza del corpo diplomatico africano (oltre 15 le ambasciate africane in Italia rappresentate a Iabw da ambasciatori, consoli e consiglieri diplomatici) a partecipare alla terza edizione di Iabw: infrastrutture, energie rinnovabili, agricoltura, agribusiness, nuove tecnologie, industria 4.0, biomedicale, tessile, moda, turismo, sicurezza, waste management, questi i settori di intervento su cui si concentrerà l'edizione 2019”.  Il Forum si terrà il 26 e 27 novembre presso il MiCo - Milano Convention Centre.   
  • Africa Free

    Partnership tra Orange e Greenlight Planet per kit...

    AFRICA – La distribuzione di kit per l’elettricità solare nelle aree rurali dell’Africa sub-sahariana sta al centro di una partnership creata tra il gruppo francese delle telecomunicazioni Orange e la Greenlight Planet, un’azienda specializzata in sistemi off-grid, fondata tra gli Stati Uniti e l’India. Con questa alleanza, i due operatori intendono rafforzare le proprie posizioni sul continente africano, con la distribuzione di kit per singole abitazioni. La Greenlight Planet è più nota per la marca dei suoi dispositivi, la “Sun King”, composti da pannelli fotovoltaici, batterie per lo stoccaggio di elettricità e lampadine a Led. Ad aiutare nell’attuazione del sistema nelle zone remote e spesso collegate alle infrastrutture di base sarà il ramo Orange Money, che propone soluzioni di pagamento tramite dispositivo mobile per l’uso e l’acquisto dei kit. Per la fase d’avviamento, il progetto sarà testato in Burkina Faso. Sono citate tra le prossime destinazioni la Sierra Leone, la Repubblica Centrafricana, la Repubblica Democratica del Congo, il Mali e la Liberia. [CC]