Africa

A ottobre a Istanbul appuntamento di Africa Logistics Network

AFRICA – Avrà luogo dal 13 al 16 ottobre prossimi a Istanbul in Turchia la quinta riunione annuale di Africa Logistics Network, rete di spedizionieri internazionali che copre l’intero continente.

A ricordare le date dell’incontro sono stati gli stessi organizzatori dell’evento, precisando che sono già 110 le aziende che hanno confermato la propria presenza.

In base a quel che è stato reso noto, l’incontro sarà sponsorizzato dalla compagnia marittima Ignazio Messina & C. e da CargoWise One, piattaforma prodotta da WiseTech Global per gestire ogni aspetto dell’attività di spedizioni internazionali.

“Abbiamo scelto Istanbul per molte ragioni, città al confine tra due continenti che per alcuni giorni lo sarà di tre continenti: Europa, Asia e Africa”, ha detto Marcello Saponaro, presidente di Africa Logistics Network.

“Il network, il primo nel mondo focalizzato sull’Africa, è stato fondato perché siamo convinti che l’Africa e il suo sviluppo siano il futuro della nostra professione – ha aggiunto Alessandro Saponaro, fondatore e presidente onorario di ALN – Noi crediamo che lo sviluppo dell’Africa crescerà di pari passo con il livello di educazione, professionalità, infrastrutture ma anche con la crescita di fiducia tra partner. E nel network siamo riusciti a costruire una grande fiducia tra i 240 membri nel mondo”.

La parte principale del meeting sarà dedicata agli incontri “one-to-one” tra tutte le aziende presenti ma non mancheranno molte opportunità per socializzare e rafforzare l’amicizia e così anche le relazioni di business.

Per maggiori informazioni scrivere a: info@africalogisticsnetwork.com.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • AfricaCosta Avorio Free

    Achi a Davos, libero scambio e trasformazione

    AFRICA - Un panel sull’area di libero scambio continentale africana (AfCfta) si è tenuto ieri al Forum economico mondiale di Davos. È stato il primo ministro ivoriano, Patrick Achi, a guidare questo incontro, davanti a un pubblico di personalità tra cui i presidenti Paul Kagame (Rwanda) ed Emerson Mnangagwa (Zimbabwe), Patrice Mostepe della Confederazone africana di calcio e Gianni Infantino, presidente della Fifa. L’area di libero scambio continentale africana “è un’opportunità per tutta l’Africa. È un mercato considerevole con un potenziale enorme e un’enorme ricchezza”, ha affermato Patrick Achi. Stimolerà il commercio intra-africano e aumenterà sicuramente la crescita nel continente, l’Africa guadagnerà quindi in Ma affinché il libero scambio vada a vantaggio dell’Africa, dovrà produrre in quantità e trasformare tutto sul posto. Produrre in quantità significa meccanizzazione dell’agricoltura, uso di fertilizzanti e selezione delle sementi. Poi si passa alla lavorazione, al prodotto finito. “Al momento il continente sta garantendo posti di lavoro, creando ricchezza e dandosi le entrate per investire nei settori sensibili della salute, dell’istruzione e delle infrastrutture”, ha precisato Achi. L’ivoriano ha presentato il caso del cacao ivoriano che, non trasformato, fa perdere soldi alle casse statali e anche ai contadini che lottano per garantire l’istruzione dei propri figli. Dei 105 miliardi di dollari (portati dalla catena del valore dei prodotti agricoli, chi lavora la terra e il loro Paese guadagna solo 5 miliardi di dollari. “I giovani africani sono dinamici e coraggiosi. Hanno energie che vuole mettere a beneficio dello sviluppo del continente. Troviamo un lavoro per lei e sarà sia soddisfatta che utile. Se non affrontiamo questa sfida, sarà un problema per l’Africa”, ha sottolineato, facendo capire che trasformare le materie prime è quindi la vera sfida per l’Africa. Il Forum economico mondiale (World Economic Forum, Wef) si è aperto a Davos, in Svizzera, in un contesto per molti aspetti particolare. In 50 anni di storia, il Wef non ha mai affrontato sfide come nel 2022: il mondo si sta riprendendo da una pandemia globale, lottando per contenere l’impatto devastante della crisi climatica e navigando in una tempesta geopolitica dovuta alla crisi russo-ucraina. [CC]
  • AfricaGhanaMalawiRwandaSenegalUganda Free

    Pfizer lancia accordo per fornire medicinali e vaccini

    AFRICA - Rwanda, Ghana, Malawi, Senegal e Uganda sono i primi cinque Paesi che si sono impegnati ad aderire all'accordo lanciato dalla multinazionale farmaceutica Pfizer per fornire tutti i suoi medicinali e i vaccini brevettati e di alta qualità disponibili negli Stati Uniti o nell'Unione Europea senza fini di lucro a prezzo di costo a 1,2 miliardi di persone in 45 Paesi a basso reddito.

    Ad annunciarlo è stata la stessa Pfizer, precisando che l'accordo mira a ridurre notevolmente le disuguaglianze sanitarie esistenti tra molti Paesi a basso reddito e il resto del mondo.

    In base alle informazioni rese note, Pfizer lavorerà con i funzionari sanitari in Rwanda, Ghana, Malawi, Senegal e Uganda per identificare le prime informazioni e opportunità per garantire che tutti i medicinali e i vaccini possano raggiungere chi ne ha bisogno. Ciò includerà competenze a supporto della diagnosi, istruzione e formazione professionale sanitaria insieme alla gestione della catena di approvvigionamento e altri miglioramenti delle infrastrutture. Gli insegnamenti di questi cinque Paesi verranno applicati per supportare il lancio per i restanti quaranta Paesi.

    Secondo quanto stabilito all'accordo, Pfizer si è impegnata a fornire almeno 23 medicinali e vaccini che curano malattie infettive, alcuni tipi di cancro e malattie rare e infiammatorie.

    L'accordo mira anche a stabilire un accesso più rapido alla futura pipeline di medicinali e vaccini di Pfizer senza fini di lucro ai 45 Paesi, in particolare quelli che curano malattie che hanno un impatto sproporzionato sulla salute globale.

    "L'accesso rapido e conveniente ai farmaci e ai vaccini più avanzati è la pietra angolare dell'equità sanitaria globale", ha affermato il presidente ruandese Paul Kagame, sottolineando come l'accordo sia "un passo importante verso la sicurezza sanitaria sostenibile per i paesi a tutti i livelli di reddito”. [MV]

  • Africa Free

    AfDB intende aumentare fondi per adattamento climatico

    AFRICA - La Banca africana di sviluppo (AfDB) mobiliterà almeno 25 miliardi di dollari  per sostenere i programmi di adattamento climatico nel continente.

    A dirlo è stato il presidente dell'AfDB, Akinwumi Adesina, durante una conferenza stampa in occasione degli incontri annuali dell'istituto finanziario panafricano in corso ad Accra in Ghana.

    "Il cambiamento climatico sta uccidendo le economie africane - ha ricordato Adesina -. Ogni anno, l'Africa perde tra 7 e 15 miliardi di dollari a causa del cambiamento climatico e si prevede che questa cifra salirà a 50 miliardi di dollari all'anno entro il 2040".

    Perciò, ha sottolineato Adesina, l'AfDB ha deciso di raddoppiare i propri finanziamenti per il clima a 25 miliardi di dollari entro il 2025.

    Per garantire l'approvvigionamento alimentare dell'Africa di fronte al cambiamento climatico, Adesina ha affermato che il programma di punta della banca "Tecnologie per la trasformazione agricola africana (TAAT)" ha fornito sementi intelligenti per il clima a 12 milioni di agricoltori in 27 paesi in soli due anni.

    "TAAT ha fornito mais efficiente dal punto di vista idrico a 5,6 milioni di famiglie nell'Africa orientale, un'area colpita da una grave siccità tre anni fa", ha aggiunto.

    Adesina ha inoltre osservato che la banca sta ora implementando l'iniziativa Desert-to-Power da 20 miliardi di dollari nella regione del Sahel, il cui obiettivo è fornire elettricità generata dall'energia solare a 250 milioni di persone. [MV]

  • AfricaEtiopia Free

    Tedros Adhanom Ghebreyesus rieletto capo dell’Oms

    ETIOPIA - L’etiope Tedros Adhanom Ghebreyesus è stato rieletto a capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per un secondo mandato di cinque anni. Lo si apprende da un comunicato dell’Oms di ieri pomeriggio. Il risultato del voto segreto era una formalità poiché era l’unico candidato. Aprendo la 75esima Assemblea mondiale della sanità a Ginevra Ghebreyesus, che ha guidato la risposta globale alla pandemia di Covid, ha detto che il coronavirus ha sconvolto il mondo, lasciando molti che ancora soffrono. Nel suo discorso ha ricordato la sua esperienza della guerra in Etiopia, Paese che sta nuovamente vivendo un conflitto civile nella regione del Tigray settentrionale, di cui è originario. Il 57enne è stato di recente in contrasto con il governo etiope che lo ha accusato di sostenere le forze del Tigray, un’accusa che ha sempre negato. Prima di essere eletto per la prima volta alla guida dell’Oms, nel 2017, Ghebreyesus è stato ministro della Salute dell’Etiopia, ricevendo elogi per i suoi sforzi nel controllo di malattie come la malaria e l’Hiv/Aids, e ministro degli Esteri. [ASB]
  • Africa Free

    Fare sistema e non interferire, la Turchia in Africa

    AFRICA - Vantaggi reciproci e “Africa agli africani”: l’approccio della Turchia alla cooperazione con il continente africano è stato così riassunto da Nur Sagman, direttrice generale Africa occidentale e centrale del ministero degli Affari esteri turco, intervistata dall’agenzia Anadolu in occasione della Giornata dell’Africa 2022. Sagman ha ricordato di quando, nel 2002, la Turchia contava appena 12 ambasciate in tutta l’Africa: “Oggi ce ne sono 43” ha detto, ricordando il “potenziale incredibile” dell’Africa “sia in termini di popolazione che di terreno agricolo utilizzabile” e annunciando che “presto” il numero delle ambasciate salirà a 44, con l’apertura di un’ambasciata in Togo. Dopo aver sottolineato l’importanza di una narrativa più efficace sul continente, volta a distruggere stereotipi e “idee sbagliate”, Sagman ha detto che l’errore di fondo nell’approccio all’Africa è che “continuiamo a qualificare l’Africa in relazione ai problemi ereditati dal passato”. “Anche l’Africa mostra lo stesso interesse per la Turchia: attualmente, 37 Paesi del continente africano hanno ambasciate in Turchia. Questo numero salirà presto a 38” ha detto Sagman, ricordando come funziona il sistema turco in Africa: Ankara è presente con molte istituzioni e organizzazioni come Tika (Agenzia turca di cooperazione e coordinamento), Maarif educational foundation, la Mezzaluna rossa turca, l’Agenzia anadolu e la Turkish airlines. “Oltre a buone relazioni bilaterali, la Turchia ha anche un’importante cooperazione strutturale con i paesi africani. Non molto tempo fa abbiamo organizzato l’Africa partnership summit. Nonostante la pandemia, il vertice ha raccolto un’affluenza molto forte, all’evento di Istanbul hanno partecipato 16 capi di stato e di governo, 100 ministri e 25 ministri degli Esteri”. Relativamente alla tipologia di approccio all’Africa, Sagman ha detto che “la Turchia non interviene mai negli affari interni dei paesi africani, si mette sempre al fianco della gente. In alcuni paesi vengono orchestrati colpi di stato e imposte sanzioni ma la Turchia cerca di stare con i popoli, senza interferire negli affari interni” ha detto. Negli ultimi 14 anni sono stati erogati aiuti per un valore di 2,2 miliardi di dollari e il volume del commercio turco-africano è elevato, 25,4 miliardi di dollari nel 2021 con l’obiettivo di raggiungere i 50 miliardi di dollari entro i prossimi anni. [ASB]
  • Africa Free

    Dieci anni di RES4Africa, rinnovabili priorità per il...

    AFRICA - Riuniti a Roma per celebrare i dieci anni della Fondazione RES4Africa, diversi esponenti del settore energetico hanno auspicato e chiesto una maggiore collaborazione internazionale per aumentare gli investimenti nelle energie rinnovabili come priorità per il futuro. A Roma, nella splendida cornice di uno storico palazzo di via Tomacelli, oltre 140 partecipanti e 30 relatori provenienti da tutto il mondo si sono riuniti in occasione di quella che è stata a tutti gli effetti una conferenza politica di alto livello per stabilire le priorità per accelerare la transizione dell’Africa verso l’energia pulita.  Il mondo si sta muovendo verso la decarbonizzazione entro il 2050 e i futuri percorsi energetici dell'Africa devono inserirsi in questa tendenza. “L’energia prodotta dalle tecnologie rinnovabili è accessibile, competitiva, veloce e scalabile, genera posti di lavoro, fornisce indipendenza energetica ed è sostenibile. Questo è ciò che è stato stabilito nell'ultimo decennio come opportunità per il prossimo decennio”, come ha sottolineato Francesco Starace in qualità di presidente di SEforALL e amministratore delegato di Enel. Per raggiungere un punto di svolta, sarà fondamentale consentire il finanziamento anticipato e ridurre i rischi per gli investimenti nelle energie rinnovabili. Mentre i Paesi africani definiscono i loro futuri percorsi energetici, sarà anche fondamentale creare quadri di riferimento per gli attori del settore privato per realizzare questi investimenti sul campo. “Il mondo è cambiato radicalmente negli ultimi mesi e l’Africa ne sta pagando un prezzo elevato. La crisi energetica è stata dura per i consumatori: i trasporti, l’agricoltura e altre attività hanno risentito dell'aumento dei prezzi di gas e carburante. Per tutti questi motivi, ora più che mai, è importante investire nelle energie rinnovabili e diversificare”, ha dichiarato a sua volta la vice ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Marina Sereni. In occasione di questo evento di alto livello, RES4Africa ha pubblicato la sua quinta pubblicazione di riferimento, Sustainable Electricity for a Prosperous Africa (Elettricità sostenibile per un'Africa prospera), che raccoglie i risultati di un decennio di impegno e azione. Il rapporto identifica le principali sfide della transizione energetica pulita in Africa e propone priorità condivise per le parti interessate, sulla base di una visione orientata al futuro di una possibile transizione basata sulle energie rinnovabili per l'Africa. “La Fondazione RES4Africa, i suoi membri e i suoi partner sono convinti che la futura prosperità del continente dipenda dalla capacità di sfruttare il suo immenso potenziale di energia rinnovabile”, ha aggiunto Salvatore Bernabei, presidente della Fondazione RES4Africa e amministratore delegato di Enel Green Power and Thermal Generation. “Con questo importante anniversario, la Fondazione rinnova il suo impegno a collaborare con il settore delle energie rinnovabili, i partner internazionali per lo sviluppo, le autorità nazionali e locali e tutti gli stakeholder, per riuscire a fare di questo secolo quello della prosperità sostenibile dell'Africa”. [MS]