Egitto

Rinviata al prossimo anno seconda fase privatizzazioni

EGITTO – La seconda fase del programma di privatizzazioni elaborato dal governo del Cairo, che consiste esclusivamente di offerte pubbliche iniziali (IPO), è stata posticipata al prossimo anno invece che svolgersi questo mese di settembre come precedentemente annunciato.

(176 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Dana Gas cede i suoi asset egiziani

    EGITTO - Dana Gas, società degli Emirati Arabi Uniti, ha trovato un accordo per cedere la maggior parte dei suoi asset in Egitto a Ipr Wastani Petroleum. L’accordo è stato chiuso alla cifra di 236 milioni di dollari e consentirà a Dani Gas di concentrarsi sulle operazioni che ha in corso nel Kurdistan iracheno.  Dana Gas sta cedendo il 100% dei suoi interessi a El Manzala, West El Manzala, West El Qantara e North El Salhiya. La vendita è stata approvata dal ministero del Petrolio egiziano e si dovrebbe completare agli inizi del 2021.  “Il completamento del processo di vendita ci consentirà di rafforzare il bilancio e focalizzare la nostra attenzione sullo sviluppo delle risorse di livello mondiale nella regione curda dell’Iraq” ha affermato l’amministratore delegato di Dana Gas, Patrick Allman-Ward. [MS]
  • EgittoEtiopia Free

    Trump ipotizza raid egiziano contro la Gerd, Addis...

    ETIOPIA - Non sono piaciuti all’Etiopia i commenti del presidente statunitense Donald Trump che parlando della normalizzazione dei rapporti tra Sudan e Israele ha poi aggiunto che l’Egitto potrebbe anche decidere di bombardare la diga sul Nilo Blu costruita dall’Etiopia e contestata dal Cairo e in merito alla quale da anni vanno avanti colloqui tra etiopi, egiziani e sudanesi.  Il ministro degli Esteri dell’Etiopia ha convocato l’ambasciatore degli Stati Uniti per chiedere chiarimenti, dicendo che “l’incitamento alla guerra tra l’Etiopia e l’Egitto da un presidente degli Stati Uniti in carica non riflette la partnership di lunga data e l’alleanza strategica tra l’Etiopia e gli Stati Uniti né è accettabile ai sensi del diritto internazionale che regola le relazioni tra Stati. Senza nominare Trump o gli Stati Uniti, l’ufficio del primo ministro Abiy Ahmed ha rilasciato una dichiarazione critica. La Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd) è un’opera infrastrutturale realizzata dall’italiana Salini-Impregilo da 4,6 miliardi di dollari che per l’Etiopia è motivo di orgoglio nazionale ma anche opera strategica per produrre e vendere energia. [MS]
  • Libia Free

    Petrolio, riaperti due porti strategici

    LIBIA - La National Oil Corporation (Noc, la società di idrocarburi) ha annunciato la riapertura dei porti di Sidra e Ras Lanuf, dopo il ritiro delle milizie e dei militari stranieri. Sono infrastrutture fondamentali per la ripresa delle esportazioni del petrolio. Intanto, è sempre la Noc a confermarlo, è ripresa la produzione nei campi di al-Waha e al-Harouj. Entro due settimane, la società prevede di riuscire a estrarre 800.000 barili al giorno e superare un milione entro quattro settimane. I dirigenti hanno anche confermato che tornerà a regime la produzione di gas che alimenta le unità di produzione di energia elettrica a Zweitina e nel nord di Bengasi. La Noc, però, lamenta “il mancato ottenimento di stanziamenti sufficienti per saldare i debiti accumulati nel settore petrolifero e i budget necessari per condurre le operazioni di manutenzione e riparare i danni causati dalle chiusure per tutto l'anno 2020”. Il rischio è che, se non arriveranno fondi sufficienti, non potrà essere mantenuta a lungo la capacità di produzione massima. [EC]
  • Libia Free

    Cessate-il-fuoco permanente, oggi via al Forum di...

    LIBIA - Un cessate-il-fuoco permanente in tutta la Libia è stato raggiunto nel fine settimana a Ginevra al termine dei colloqui della Commissione militare congiunta 5+5. “Un risultato storico” e “un importante punto di svolta verso la pace e la stabilità in Libia”, afferma sulla pagina Facebook la Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia.  Stephanie Williams, rappresentante speciale ad interim del Segretario generale e capo della Unsmil, Stephanie Williams, ha poi annunciato ieri il lancio del Libyan Political Dialogue Forum (Lpdf), che convocherà il suo primo incontro virtuale oggi. Il Forum avrà una sua prima riunione diretta a Tunisia il prossimo 9 novembre.  La ripresa dell’Lpdf giunge in un momento di un travolgente senso di speranza emerso in Libia dopo la firma del cessate-il-fuoco. “Le riunioni consultive dell’Unsmil - si legge in una nota della stessa - condotte con varie circoscrizioni libiche nei mesi scorsi hanno aperto la strada alla ripresa del Forum”. Il cessate-il-fuoco era un punto fondamentale nel processo di pacificazione del Paese nordafricano. In questo modo si dovrebbe porre fine agli scontri che hanno scosso la Libia tra le milizie legate al premier Fayez al-Sarraj, alla guida del governo di Tripoli, e quelle che sostengono l’uomo forte della Cirenaica, Khalifa Haftar.  Una guerra civile che ha avuto risvolti internazionali con il coinvolgimento di Turchia e Qatar a fianco di al-Sarraj e di Arabia Saudita, Egitto, Emirati arabi uniti, e Russia a supporto di Haftar, e con il coinvolgimento non sempre chiaro di nazioni come la Francia e gli Stati Uniti.
  • Egitto Free

    Società emiratina finanzia attività della grande...

    EGITTO - Adq, holding che fa capo al governo di Abu Dhabi, ha riferito di aver firmato un accordo con il rivenditore regionale Lulu International per contribuire a finanziare la sua espansione in Egitto con un investimento fino a 1 miliardo di dollari. Adq e Lulu lavoreranno per sviluppare fino a 30 ipermercati e 100 mini-market express, nonché hub logistici e centri di distribuzione per rafforzare l'attività di e-commerce in tutto l'Egitto, ha riferito Adq in una nota. L'amministratore delegato di ADdq Mohamed Hassan al-Suwaidi ha dichiarato che l'accordo con Lulu International riflette il più ampio impegno di Adq a investire in Egitto, a seguito dell'accordo per la creazione della piattaforma di investimento congiunta con il Fondo sovrano egiziano alla fine dell'anno scorso. La piattaforma, del valore di 20 miliardi di dollari, mira a stabilire progetti di investimento congiunto, nonché fondi specializzati e strumenti di investimento in diversi settori chiave come l'alimentazione e l'agricoltura, la sanità, la mobilità e la logistica e le utility. “L'Egitto è un mercato in crescita molto importante per noi e vediamo un grande potenziale per la nostra attività futura”, ha affermato Yusuff Ali, presidente di Lulu. [MS]
  • Tunisia Free

    Aumentano i casi di covid, l’UE adotta restrizioni

    TUNISIA – Non sono più autorizzati a entrare sul territorio dell’Unione Europea i viaggiatori in provenienza dalla Tunisia. La decisione è stata adottata dai rappresentanti dei 27, a causa dell’aumento significativo dei casi d’infezione al covid-19 segnalato nel Paese del Maghreb. La decisione, che potrebbe entrare in vigore sin da oggi, avrà pesanti conseguenze sulla ripresa del settore turistico, che vedeva impegnati voli e gruppi a destinazione della Tunisia e vice versa. Il provvedimento restrittivo non dovrebbe riguardare i residenti permanenti in Europa e i cittadini europei che desiderano tornare. Gli ultimi dati del ministero della Sanità di Tunisi parlano di  44.450 casi positivi dalla comparsa della pandemia e di 711 decessi. Ci sono attualmente 1.020 ricoverati di cui 166 in terapia intensiva. Anche la Georgia e il Canada sono stati aggiunti alla lista delle restrizioni d’ingresso, mentre è stato rimosso Singapore. [CC]